Home > Altro > Italia dei Diritti invita l’attore Gabriel Garko a diventare protagonista nel movimento

Italia dei Diritti invita l’attore Gabriel Garko a diventare protagonista nel movimento

scritto da: Carlospinelli | segnala un abuso

Italia dei Diritti invita l’attore Gabriel Garko a diventare protagonista nel movimento

Attraverso il responsabile per la politica interna Carlo Spinelli il movimento fondato e presieduto dal giornalista Antonello De Pierro invita l’attore torinese ad aderire a Italia dei Diritti per combattere insieme qualsiasi forma di discriminazione


Roma 11 ottobre 2020: Da sempre in prima linea contro le discriminazioni in qualsiasi forma esse si manifestino, il movimento Italia dei Diritti fondato e presieduto dal giornalista romano Antonello  De Pierro prendendo spunto dal coming out del noto attore Gabriel Garko costretto da sempre a tenere nascosto il proprio orientamento sessuale temendo che potesse influenzare negativamente la propria carriera artistica, torna a trattare l’argomento attraverso il responsabile della politica interna Carlo Spinelli:” Purtroppo ci troviamo di nuovo a parlare di discriminazioni, e lo facciamo dopo la bomba scoppiata al GF vip e continuata poi su tutti i settimanali di gossip, sui social e sulle reti Mediaset relativamente all’ orientamento sessuale del noto attore Gabriel Garko, personaggio molto amato dal pubblico femminile costretto dal sistema, come lui stesso ha affermato, a tenerlo nascosto per poter continuare la sua carriera artistica basata soprattutto su ruoli che sarebbero diventati poco credibili una volta emersa la propria omosessualità; si sarebbero soprattutto infranti i sogni di moltissime sue fans che lo considerano un icona della bellezza maschile. Mi sento – continua Spinelli  - innanzitutto di solidarizzare a livello personale con l’attore perché essere costretto a non poter vivere liberamente la propria sessualità, a nascondersi per poter continuare a svolgere il proprio mestiere e assolutamente assurdo, in una società civile queste cose non dovrebbero verificarsi eppure stiamo ancora qui a parlarne. Quando si parla di discriminazione pensiamo spesso a quella razziale, molti sono gli episodi che si verificano nel nostro Paese e che vedono protagoniste soprattutto le persone di etnia diversa e che si manifestano con episodi di violenza come le cronache degli ultimi giorni testimoniano o attraverso le opinioni di chi vorrebbe relegare chi parla una lingua diversa dalla nostra agli ultimi posti nelle graduatorie del diritto ad una casa o ad un lavoro. Discriminazione – va avanti ancora Carlo Spinelli -  e anche far lavorare  gli extracomunitari nei campi a due euro l’ora, in questo caso fanno comodo e anzi, scalano le gerarchie e vengono anteposti agli italiani che pretendono, a ragione, un salario più alto cosa che purtroppo chi viene da un altro paese non può permettersi di fare e  così, per vivere con un salario così basso, li troviamo in più persone ammassati dentro piccole case o a volte dentro locali magazzino che diventano appartamenti improvvisati. Discriminazione significa anche bloccare le carriere lavorative nei luoghi di lavoro alle donne anche se questi fenomeni vanno diradandosi sempre più, ma ancora ci sono situazioni dove purtroppo essere donna significa non essere all’altezza del lavoratore maschio. Ci sono poi casi – continua Spinelli – dove se una donna   vuol far carriera deve concedersi al proprio capo ufficio o titolare dell’azienda e questi episodi non si verificano solo nell’ambiente artistico come molti pensano ma sono frequenti in tutti gli ambiti lavorativi; donne che vengono poi vessate se non addirittura mobbizzate una volta che rifiutano le avances dei propri superiori o datori di lavoro. Quelle donne che non sono libere di girare in minigonna o pantalone stretto perché, secondo qualcuno, diventano provocatrici e giustificano poi possibili violenze sessuali come se le menti malate sono quelle delle donne e non di coloro che si macchiano di questi reati. Ma tornando a parlare del caso dal quale abbiamo preso spunto per parlare di discriminazione e cioè la vicenda Gabriel Garko, emerge come ancora oggi essere diverso ( ma chi sono i diversi? ) significa avere difficoltà ad affermarsi nella nostra società e come in certi ambiti lavorativi, e non soltanto quelli artistici, manifestare le proprie tendenze sessuali ma anche la propria religione o le proprie idee politiche sia ostativo per la propria carriera lavorativa. Finalmente adesso – prosegue ancora Carlo Spinelli – Garko sarà libero di manifestare il proprio sentimento verso la persona amata in maniera libera, cosa che fino ad ora gli è stata preclusa da un sistema bigotto e antiquato anche se nessuno potrà ridare all’attore quello che in questi anni ha perso e cioè il diritto di amare in maniera spensierata. Noi del movimento Italia dei Diritti continueremo a combattere le discriminazioni che invece altre forze politiche o personaggi che appartengono ad esse tendono più che altro a fomentare, come la consigliera leghista di un comune veneto che augurava all’allora ministro Cecile Kyenge di essere stuprata e sempre a proposito della Kyenge quando ricevette l’investitura di ministro il leghista Borghezio definì l’esecutivo di allora il governo del bunga bunga  o come quando il senatur Bossi definì come dei bingo bongo le persone di colore oppure quando l’ex sindaco di Treviso Gentilini  durante il suo mandato affermò che gli extracomunitari bisognerebbe vestirli da leprotti  per fare pim pim pim col fucil, tutte uscite di quei fenomeni della lega che continuano a fomentare l’ odio razziale che porta poi a gravi episodi di violenza. Noi come detto questi episodi li condanniamo e siamo da sempre contro ogni forma di discriminazione che porta a violare i diritti umani e civili  e invitiamo Gabriel Garko ad aderire al nostro movimento e a combattere insieme a noi ogni forma di discriminazione per evitare che altri si ritrovino a vivere la sua stessa situazione e vedersi precluso il diritti di amare. Quindi dico a Garko – conclude Spinelli – forza Gabriel vieni con noi, diventa protagonista con Italia dei Diritti, insieme combatteremo per la tutela degli stessi”.

Ufficio stampa politica interna Italia dei Diritti

E mail idd.polinterna@gmail.com

Gabriel Garko | discriminazione | Spinelli | De Pierro | politica | sesso | coming out | Italia dei Diritti | lega |



Commenta l'articolo

 

Potrebbe anche interessarti

SABATO 13 OTTOBRE, A SCHIO (VI), UNA GIORNATA TUTTA DEDICATA A PETER GABRIEL


Husband secretly divorced wife after wedding ‘to protect assets


Edizioni Leucotea in collaborazione con la collana Project annuncia l’uscita del romanzo di Pietro Bazzoli “Quei profondi occhi scuri”


Dal Suspension Training di Belén alla passione per la corsa di Morandi: ecco come si allenano le star italiane


Impostazioni email telecamere Foscam: Scopri come ricevere le notifiche


La Chiesa di Scientology per l’educazione sui Diritti Umani


 

Se ritieni meritevole il nostro lavoro fai una donazione


Recenti

Stesso autore

DL ospedali favorisce il contagio? La furia di Spinelli (IDD)

DL ospedali favorisce il contagio? La furia di Spinelli (IDD)
Un articolo del DL 14/2020 permette ai medici ed agli infermieri di lavorare anche se entrati in contatto diretto fuori dalla propria attività lavorativa con persone positive al Covid-19 e questo fa infuriare il responsabile per la politica interna del movimento Italia dei Diritti Carlo Spinelli perché potrebbe mettere a serio rischio la salute dei colleghi e dei pazienti ricoverati negli ospedali italiani 16 novembre 2020: Il periodo di quarantena per le persone entrate in contatto con soggetti positivi al Covid-19 è passato da 14 a 10 giorni trascorsi i quali in assenza di sintomi si è autorizzati a lasciare l’isolamento domiciliare e riprendere la vita di tutti i giorni ma non tutti sanno che per gli operatori sanitari questa quarantena è solo part-time. Il responsabile per la politica inte (continua)

Cena al ristorante Spinelli (IDD) si scaglia contro Sgarbi

Cena al ristorante Spinelli (IDD) si scaglia contro Sgarbi
Il responsabile per la politica interna del movimento Italia dei Diritti Carlo Spinelli condanna l’episodio che ha visto Vittorio Sgarbi protagonista di una cena in un ristorante di Fano violando così le norme per il contenimento del Covid-19 e invita il Senatore di fare mea culpa Roma 06 novembre 2020: Sta scatenando polemiche l’episodio che ha visto il Senatore Vittorio Sgarbi protagonista di una cena in un noto ristorante di Fano per protestare contro il DPCM del Premier Conte che vede le chiusure dei ristoranti dopo le ore 18 consentendo loro solo il servizio da asporto e consegna a domicilio. Il movimento Italia dei Diritti fondato e presieduto dal giornalista An (continua)

Carlo Spinelli (IDD) critica aspramente le affermazioni di Claudio Borghi in Parlamento

Carlo Spinelli (IDD) critica aspramente le affermazioni di Claudio Borghi in Parlamento
Il responsabile per la politica interna del movimento Italia dei Diritti trova inaccettabile quanto dichiarato dall’on. Borghi sul diritto alla salute e attacca rispondendo che la Costituzione italiana non è una classifica Roma 03 novembre 2020: In queste ultime ore alcuni esponenti del centrodestra italiano si stanno rendendo protagonisti di uscite a dir poco infelici; prima Giovanni Toti con la frase sugli anziani, adesso Claudio Borghi che intervenendo in parlamento in risposta alle dichiarazioni del Premier Giuseppe Conte sulle nuove misure da attuare per arginare la diffusione del Covid-19 afferma come il (continua)

Carlo Spinelli ( IDD ) chiede le dimissioni di Giovanni Totti

Carlo Spinelli ( IDD ) chiede le dimissioni di Giovanni Totti
La folle uscita del presidente della Regione Liguria sui social sta scatenando numerose polemiche ed anche il movimento Italia dei Diritti prende posizione contro le dichiarazioni di Toti e ne chiede le immediate dimissioni Roma 01 novembre 2020: L’uscita a dir poco infelice di Giovanni Toti sui social riguardo alle persone anziane colpite dal Covid-19 sta scatenando numerose polemiche tra gli internauti e prese di posizione nel mondo politico italiano. Anche Carlo Spinelli responsabile per la politica interna del movimento Italia dei Diritti è critico su quanto dichiarato dal governatore ligure:” Mi lasciano s (continua)

Carlo Spinelli (IDD) scrive al Premier Conte chiedendo spiegazioni sul nuovo DPCM

Carlo Spinelli (IDD) scrive al Premier Conte chiedendo spiegazioni sul nuovo DPCM
Il responsabile per la politica interna del movimento Italia dei Diritti con una mail indirizzata al Primo Ministro chiede su quali basi si fonda la possibilità che una cena al ristorante o una serata al cinema o a teatro siano grande veicolo di contagio del Covid-19 e chiede che vengano al momento eliminate le ZTL per favorire l’uso del mezzo privato a scapito del trasporto pubblico Roma 30 ottobre 2020: Il nuovo DPCM del Presidente del Consiglio Giuseppe Conte è in vigore già da qualche giorno e sta scatenando reazioni che in alcuni casi si sono trasformate anche in atti di violenza commessi da parte di chi, strumentalizzando la situazione già molto drammatica, ne approfitta per attaccare lo stato e portare destabilizzazione nel Paese. Sicuramente gli italiani, soprat (continua)