Home > Libri > AN15 presenta il romanzo “Underdog”

AN15 presenta il romanzo “Underdog”

scritto da: IlTaccuino | segnala un abuso

AN15 presenta il romanzo “Underdog”

“Underdog” è un duro viaggio nel radicalismo e nei compromessi, nella ribellione e nell’omologazione, nella resistenza e nella lenta accettazione che può diventare, a volte, rassegnazione.


Il Taccuino Ufficio Stampa

Presenta

 

Underdog di AN15

La scrittrice e artista AN15 presenta “Underdog”, un romanzo duro e realista che va dalla fine degli anni Ottanta al Duemila, con il fulcro nei disorientanti anni Novanta. È un’amara e sincera riflessione su cosa significhi davvero essere perdenti - o meglio, se alla fine abbia senso parlare di perdenti e di vincitori - e sull’eventualità che la selezione della specie, dove i deboli devono auto sopprimersi per lasciare spazio ai più forti, non sia troppo ingiusta, spesso “innaturale”, forse un semplice errore di valutazione.

 

Titolo: Underdog

Autore: AN15

Genere: Narrativa contemporanea

Casa Editrice: Algra Editore

Pagine: 264

Prezzo: 16,00€

Codice ISBN: 978-88-934-14-012

 

«Maledice le sue posizioni quando il non voler omologarsi allo stile di vita comune corrisponde a subire la solitudine […] Incorporarsi alla comunità civile è da considerarsi una strada chiusa. Non condivide quasi nulla col grande insieme, non i principi fondamentali, il modo di ragionare, di valutare, di pensare, il modo di presentarsi, di vestirsi, la quantità del sonno e la qualità della veglia. Non condivide l’interesse per l’astrologia e per il meteo. Non mangia neppure come loro, ormai. Se si è autoesclusa oppure è stata respinta non conta molto, ora è fuori».

 

Underdog di AN15 è un romanzo lirico e ruvido allo stesso tempo; è una riflessione profonda sull’essere umano, sul suo modo a volte distruttivo e a volte conciliante di stare al mondo. La storia di Hansel e degli amici che le gravitano attorno offre un punto di vista sull’uomo in quanto animale sociale, sull’adattamento alla vita che non sempre fa rima con la sopravvivenza, sulle tante sfumature che i nostri occhi scorgono quando osservano la realtà. Con un’ironia amara e a volte cinica, con la concretezza di un animo realista che non disdegna però un tocco di poesia, l’autrice narra una vicenda che potrebbe essere quella di tanti figli degli anni Ottanta, condita con quel pizzico di pepe che cerca di trascendere il racconto di una banale quotidianità. Nell’intensa introduzione “La mia guerra n.1” si mettono le carte in tavola: «Sono il non adatto. Sono il non inserito. Sono il non riuscito»; allo stesso tempo con originalità si esprime il proprio manifesto programmatico: «Vivrò per la contro evoluzione» e si presenta la protagonista Hansel. A partire dall’infanzia segnata dal collegio estivo dove «Hansel impara a distinguere con vividezza uno stato particolare, sentendosi inadeguata, in difetto», passando poi per la sua adolescenza nell’hinterland milanese, si fa una carrellata della squadra dei ribelli che l’accompagnerà, chi per poco tempo chi per molto di più, lungo il cammino della vita. Alternando sentimenti di estraneità e di amarezza, provando un forte quanto incomprensibile senso di colpa primigenio che la schiaccia a terra, Hansel si muove sulla pericolosa strada a senso unico dell’esistenza sbagliando svolte, impantanandosi in ingorghi, superando il limite di velocità, schiantandosi anche. I creativi “ragazzi dello zoo di Brera” comprendono presto che non è la loro strada, non l’arte sia chiaro, ma la scatola in cui è costretta. Hansel va a lavorare in fabbrica, nonostante il suo spirito rivoluzionario; ormai ha preso dimestichezza con la non-speranza e comincia a dubitare dell’onestà della sua guerra personale. Ma chi nasce tondo non muore quadrato. C’è nel personaggio di Hansel un’urgenza, un’attitudine al viaggio, alla scoperta, così come al dolore e alla malinconia, che la rende materia sempre viva. L’autrice la plasma, la rende sempre più umana, sempre più tridimensionale. Con uno stile ritmato e musicale – perché la musica è sempre presente e perché le stesse parole sono sonore e arrivano forti alle orecchie del lettore – l’autrice ci accompagna nella storia e ci fa immergere completamente, dandoci la sensazione di non volerne più uscire. La poesia delle frasi che vengono lasciate sull’ultima panchina in fondo alla stazione diventano ponti immaginari che legano gli avvenimenti, che danno loro senso e sostanza. Il principe dei reietti diventa grande comunicatore, il negativo si carica di negativo e non è affatto un male, e il dolore assume un significato profondo, catartico: «Per loro, guardare bene in faccia la sofferenza, il disagio e i fallimenti è l’unica cosa che sembra restituirgli una certa dignità, la propria fortitudine; forse è la forza della disperazione». E La musica, quella degli anni Ottanta e Novanta, diventa parte della catarsi, ricordando a tutti i lettori la propria gioventù e quei momenti particolari in cui, dopo un concerto, ci si sente per un attimo parte del tutto, completi, uniti. Underdog è un duro viaggio nel radicalismo e nei compromessi, nella ribellione e nell’omologazione, nella resistenza e nella lenta accettazione che può diventare, a volte, rassegnazione.

 

TRAMA. Antonio lascia la banlieu milanese per cercare successo a New York senza sapere l'inglese e con dieci euro in tasca, Hansel fa la tour manager assecondando i deliri di una rockstar, Gina seppellisce il suo compagno perdendo sé stessa e ritrovandosi tra i tasti del suo pianoforte. Insieme da quando i genitori li spediscono ancora bambini in un collegio estivo dall’aria carceraria, i protagonisti attraversano il mondo dell'arte e quello delle catene di montaggio, i sogni di successo e una vita fatta di stenti, le stragi del sabato sera, la droga e il vegetarianismo nella Milano da vomitare post moderna.

 

L’AUTRICE È DISPONIBILE A RILASCIARE INTERVISTE

Per richiedere e/o prenotare intervista

iltaccuinoufficiostampa@gmail.com

 

BIOGRAFIA.AN15 nasce negli anni del post-punk nell’Area Metropolitana di Milano. Frequenta il Liceo Artistico e abbandona l’Accademia delle Belle Arti di Brera per fondare il collettivo artistico Box Position (Milano art collective - music - writing - contemporary underground) insieme a produttori musicali, musicisti, artisti, dj’s. Attualmente si dedica all’organizzazione di eventi musicali nella scena underground. Nel 2017 Habanero/Erga Edizioni pubblicano il suo primo romanzo “Gatti nei Sacchi di Plastica”. La sua ultima opera è “Underdog” (Algra Editore, 2020).

 

 

Contatti

https://www.instagram.com/a.n.1.5/?hl=it

https://www.facebook.com/boxposition

http://www.algraeditore.it/

 

Link di vendita

https://www.amazon.it/Underdog-An15/dp/8893414015

https://www.ibs.it/underdog-libro-an15/e/9788893414012

 

 

 

IL TACCUINO UFFICIO STAMPA

Via Silvagni 29 - 401387 Bologna - Phone: +393396038451

Sito: https://iltaccuinoufficiostampa.com/

Mail: iltaccuinoufficiostampa@gmail.com

 

 

 

 

Underdog | AN15 | romanzo | Algra Editore | scrittrice | libri | Milano | cultura underground | musica | amicizia | perdenti | anni Novanta | ribellione | omologazione | Il Taccuino ufficio stampa | ufficio stampa |



Commenta l'articolo

 

Potrebbe anche interessarti

La scrittrice e artista AN15 presenta il romanzo “Underdog”


Intervista di Alessia Mocci a Francesco S. Mangone: vi presentiamo “La spazzola dell’ingegnere”


Intervista di Alessia Mocci a Marco Incardona ed al suo Domande al silenzio


Intervista di Alessia Mocci a Giancorrado Barozzi: vi presentiamo “Utopia Selvaggia”


“La particella di Dio. Un segreto mai rivelato”, il nuovo romanzo di Matteo Stefani


Intervista di Alessia Mocci a Sara Albanese, autrice del romanzo All’ombra della Luna Nuova


 

Se ritieni meritevole il nostro lavoro fai una donazione


Recenti

Stesso autore

Domenico Scialla presenta il romanzo “Camminando verso l’oceano”

Domenico Scialla presenta il romanzo “Camminando verso l’oceano”
Il romanzo è disponibile anche in audiolibro, prodotto da Il Narratore Audiolibri, narrato dalla voce di Massimo D’Onofrio e presente anche nelle piattaforme streaming Audible e Storytel, ed è inoltre stato tradotto in inglese, spagnolo, francese e russo. Il Taccuino Ufficio Stampa Presenta Camminando verso l’oceano di Domenico SciallaDomenico Scialla presenta “Camminando verso l’oceano”, un emozionante romanzo, distribuito da StreetLib, che si muove abilmente sul sottile confine tra realtà e illusione, e in cui si chiede al lettore di partecipare ai suoi misteri e di trovare la propria verità. L’autore ci accompagna nelle vite di due (continua)

Franco Corti ed Enrico Cirone presentano “Predatori della banca perduta. Autopsia del sistema finanziario italiano e globale”

Franco Corti ed Enrico Cirone presentano “Predatori della banca perduta. Autopsia del sistema finanziario italiano e globale”
Corti, supportato dalla penna puntuale di Enrico Cirone, ci apre lo sguardo su un universo che per troppo tempo è stato considerato ricolmo di solide certezze ma che, invece, è pieno di crude, spiacevoli sorprese. Una brutta storia vera, raccontata seguendo il sentiero tracciato dai fatti, unico percorso che porta alla verità, con un finale ancora del tutto aperto. Il Taccuino Ufficio Stampa Presenta Predatori della banca perduta. Autopsia del sistema finanziario italiano e globale di Franco Corti ed Enrico Cirone Gli autori Franco Corti ed Enrico Cirone presentano l’opera “Predatori della banca perduta. Autopsia del sistema finanziario italiano e globale”, una storia vera che racconta la fame di giustizia che l’ha animata, e che ha permesso l’a (continua)

Maurizio Falghera presenta l’opera “Verso un vicolo cieco evolutivo. Gregory Bateson l’aveva capito”

Maurizio Falghera presenta l’opera “Verso un vicolo cieco evolutivo. Gregory Bateson l’aveva capito”
L’autore ci offre un testo di ampio respiro in cui cerca di rendere più intellegibili le parole del suo mentore e di approfondire la sua disarmante visione della specie Homo sapiens. Partendo dal fenomeno della coscienza e della finalità cosciente, riflette sulla spinta dell’essere umano verso il perseguimento di fini esclusivi, che col trascorrere del tempo ha compromesso il rapporto dell’uomo con la Natura Il Taccuino Ufficio Stampa Presenta Audiolibro: “Verso un vicolo cieco evolutivo. Gregory Bateson l’aveva capito” di Maurizio Falghera Il Narratore audiolibri presenta “Verso un vicolo cieco evolutivo. Gregory Bateson l’aveva capito” dello scrittore, editore e sociologo Maurizio Falghera. Un racconto attraverso la complessità dell’epistemologia batesoniana alla luce delle scienze (continua)

De Medecis presenta l’opera “Piove sempre quando sei felice”

De Medecis presenta l’opera “Piove sempre quando sei felice”
De Medecis cerca di suscitare emozioni nel lettore, andando a scavare nel significato più profondo dell’esistenza; invita quindi a imparare a gestire i propri sentimenti, per migliorare la propria vita, e ad allineare mente, cuore e pancia. Il Taccuino Ufficio Stampa Presenta Piove sempre quando sei felice di De MedecisLo scrittore di origini ivoriane De Medecis presenta “Piove sempre quando sei felice”, una raccolta eterogenea di pensieri, sentimenti e sensazioni che l’autore ha voluto trasmettere ai suoi lettori, consapevole di avere molto da dire e tanto da condividere. L’opera è dedicata alla cantautrice di morn (continua)

L’attivista e scrittore Matteo Mainardi presenta “IO COLTIVO - diario di una disobbedienza”

L’attivista e scrittore Matteo Mainardi presenta “IO COLTIVO - diario di una disobbedienza”
Questo diario di disobbedienza civile è anche un interessante manuale pratico di coltivazione, in cui Matteo Mainardi illustra le particolarità della pianta della cannabis, e in cui descrive tutti gli step ed elargisce consigli preziosi su come coltivarla. Il Taccuino Ufficio Stampa Presenta IO COLTIVO - diario di una disobbedienza di Matteo MainardiL’attivista e scrittore Matteo Mainardi presenta la sua opera “IO COLTIVO - diario di una disobbedienza”, in cui ripercorre, settimana dopo settimana, le tappe principali della più importante iniziativa politica antiproibizionista degli ultimi tempi, e in cui racconta del suo lecito e do (continua)