Home > Primo Piano > È iniziato oggi il processo per il caso Vito Vona

È iniziato oggi il processo per il caso Vito Vona

scritto da: ComitatoVitoVona | segnala un abuso

È iniziato oggi il processo per il caso Vito Vona

Subì l'asportazione prima parziale e poi totale dello stomaco, senza che vi fosse una patologia così importante da richiedere un intervento demolitivo


Crotone, 11 ottobre 2020

Si è aperto a Crotone il processo per le lesioni gravissime e irreversibili subite da Vito Vona, giovane crotonese, padre di famiglia, la cui vita è stata fortemente danneggiata dagli interventi chirurgici cui è stato sottoposto nel 2016 e nel 2017 (ne sono poi seguiti altri, per un totale di quattro, con la conseguente asportazione totale dello stomaco, milza, colecisti e metri di intestino). Imputati: l’ex primario del reparto di chirurgia dell’ospedale di San Giovanni di Dio di Crotone, Giuseppe Brisinda, proveniente dal Policlinico Gemelli di Roma, e i medici di chirurgia, Maria Michela Chiariello e Giuseppina Peta.

Al giovane fu asportato lo stomaco, prima in parte e poi totalmente, senza che le sue condizioni cliniche fossero tali da rendere necessario un intervento così radicale che, tra le altre conseguenze, gli ha causato la perdita di 44 kg. Non aveva infatti un tumore Vito Vona, e neppure una malattia importante che giustificasse la resezione gastrica, i cui effetti anche a lungo termine, sono stati devastanti per il paziente. Sindrome di malnutrizione, osteoporosi, malassorbimento tale da richiedere continuo supporto dell'alimentazione per via artificiale (nutrizione parenterale) che costringe il Vona a rimanere attaccato a una pompa a infusione per lunghi periodi nel corso dell'anno, con infusioni che vanno dalle 15 alle 24 ore al giorno, per limitare la sua forte e inarrestabile perdita di peso.

Un vero calvario, che a oggi non ha ancora avuto fine. Vito Vona non potrà essere nemmeno presente alla prima udienza, a causa di un ricovero ospedaliero da imputare alle sue condizioni di salute fragilissime dopo i quattro interventi subiti. Sarà rappresentato dal suo Avvocato difensore dott. Francesco Manica.

Vona ha raccontato la sua esperienza in un ebook disponibile gratuitamente in rete, nel quale si legge:

Con la mia testardaggine insieme a mia moglie dopo 10 lunghi anni ero riuscito a realizzare il sogno più grande di avere un bambino, la voglia di fare mi scorreva nelle vene, mi sentivo sistemato in tutto, mi allenavo in palestra ed ero soddisfatto”. Poi l’incontro con un destino avverso, e l’inizio di un’odissea senza fine, un ergastolo senza averne nessuna colpa, che lo ha portato anche a perdere il lavoro.

Ora sarà il Tribunale di Crotone a dare risposte alle tante domande su questa drammatica vicenda, nel primo grado di giudizio. La seconda udienza è stata fissata per il 7 dicembre.


Fonte notizia: https://www.facebook.com/IOSTOCONILPAZIENTE/


salute | crotone | calabria | malasanità | asportazione stomaco | resezione gastrica | gastrectomia | splenectomia |



Commenta l'articolo

 

Potrebbe anche interessarti

Strade al grafene: Iterchimica, presieduta da Vito Gamberale, annuncia Gipave


Iterchimica, presieduta da Vito Gamberale, sperimenta il Gipave sulle strade milanesi


Vito Gamberale: asfalto al grafene per strade più sicure a Milano grazie ad Iterchimica


Revoca Autostrade, Vito Gamberale: “Punire sommariamente i Benetton penalizza gli azionisti”


Stamina, un paziente: "Vannoni mi chiese 27mila euro"


“Il Foglio”, intervista a Vito Gamberale: il manager come “trofeo di caccia” dei PM


 

Se ritieni meritevole il nostro lavoro fai una donazione


Recenti

Stesso autore