Home > Primo Piano > DESIGN GREEN, A BASSANO I GURU DELLA PROGETTAZIONE DI E-BIKE E SCOOTER ELETTRICI

DESIGN GREEN, A BASSANO I GURU DELLA PROGETTAZIONE DI E-BIKE E SCOOTER ELETTRICI

scritto da: COMUNICAZIONELIVE | segnala un abuso

DESIGN GREEN, A BASSANO I GURU DELLA PROGETTAZIONE DI E-BIKE E SCOOTER ELETTRICI

Lo studio Zetaproject.net si specializza nella scelta di materiali ecologici e nelle forme “naturali” grazie alla progettazione avanzata in 3D. I titolari: “Richieste di mezzi green, boom dopo il Covid”


L’ecosostenibilità e il rispetto dell’ambiente sono ormai prioritari in tutti i settori. Anche nel mondo della progettazione meccanica, ormai, la sensibilità green è premiante. E a Bassano del Grappa, nel Vicentino, è nato uno studio di progettazione che si sta distinguendo a livello nazionale per i propri progetti di green design collegati alla mobilità sostenibile. A fondare la società due creativi della progettazione, Mirko Zen e Andrea Costi che hanno fuso le loro competenze dopo 25 anni di carriera professionale, li unisce la passione e l’esperienza nella progettazione e grafica 3D.

Più di tre anni fa hanno deciso di aprire lo studio Zetaproject.neta Bassano del Grappa, che ha come fiore all’occhiello il design green. Tra le progettazioni realizzate, da citare uno scooter elettrico attualmente in commercio e un monopattino, ma anche biciclette elettriche tra le più innovative: le aziende che lavorano nel settore della mobilità sostenibile ormai li considerano dei guru del settore.

“Siamo tra i pochi studi che hanno un know how decennale nella progettazione 3D e una specifica sensibilità per il green nel design”, spiegano Zen e Costi. “Proponiamo materiali ecologici, come delle innovative plastiche eco-sostenibili. E sappiamo fondere e unire il metallo con le plastiche in forme armoniose, che si ispirano al mondo naturale per la raffinatezza dello stile. Chi si muove su e-bike o su monopattino vuole l’eccellenza nel proprio prodott.o, che è uno stile di vita. E noi sappiamo darglielo grazie alla modellazione avanzata in tre dimensioni”.

Il modello di business e creatività che hanno messo in piedi funziona, complici anche le richieste in aumento dopo il Covid e con la rinnovata voglia di vita all’aria aperta. In alcuni casi lo studio consegna “chiavi in mano” il prodotto grazie alla collaborazione con partner terzi capaci di dar forma concreta ai loro progetti.

E se questo è il settore dove nel futuro Zetaproject.netvuole crescere maggiormente, va detto che nel curriculum di Zen e Costi ci sono progettazioni meccaniche in quasi tutti i settori: dai forni per ceramica alle macchine fusorie per metalli preziosi in pressione controllata, attrezzature e macchine per l'asservimento presse, presse multitesta interfacciate alle macchine anche con l'ausilio di robot antropomorfi, macchine surgelatrici di grandi dimensioni, macchine automatiche e pick and place, dosatrici per il packaging, lavatrici industriali ad ultrasuoni, purificatori d'aria, distributori automatici, macchine ad uso alimentare e per la marcatura laser, attrezzature per l'assemblaggio in produzione di piccolissime, medie e grandi dimensioni lavorando in piena sicurezza rispettando in pieno i dettami della lean production. 



Commenta l'articolo

 

Potrebbe anche interessarti

Cos'è una Fat Bike?


RC Familiare: ecco quanto si può risparmiare con la nuova norma


RC Scooter: a Napoli costa più del doppio della media italiana


"Una manetta sul mare": I Trilli e i Buio Pesto in concerto per la Onlus Gigi Ghirotti


ASPARAGI & VESPAIOLO: L'ABBINAMENTO CHE FA PRIMAVERA


Antonio Valente Anas gallerie stradali ingegnere Biografica completa di tutti lavoro


 

Se ritieni meritevole il nostro lavoro fai una donazione


Recenti

Stesso autore

FORMAZIONE NELL’ERA COVID. PARTNERSHIP TRA FÒREMA E H-FARM PER UN’UNICA PIATTAFORMA DI E-LEARNING

FORMAZIONE NELL’ERA COVID. PARTNERSHIP TRA FÒREMA E H-FARM PER UN’UNICA PIATTAFORMA DI E-LEARNING
Maize.Plus sarà il punto di riferimento per il corporate e-learning proposto da Fòrema- IlCuborosso e la piattaforma di innovazione H-FARM. Ad oggi, Maize.Plus ha già attivi 45 corsi in cinque lingue, più di 80 mila gli utenti in tutto il mondo. Matteo Sinigaglia, direttore generale di Fòrema: “Servizio fondamentale per la formazione in smart working”. Mauro Iannizzi di H-FARM: “Saranno aggiunti nuovi contenuti ogni mese” Una delle più grandi sfide delle aziende è quella di stimolare i dipendenti ad un continuo up-skilling e re-skilling, mantenendoli coinvolti e spronandoli a migliorare, in particolare su temi come l’innovazione, il digitale, i nuovi modelli di business e le soft skill. “Un’esigenza che adesso è necessario portare avanti in smart working”, spiega Matteo Sinigaglia, direttore generale di Fòrema (continua)

SCUOLE, OSPEDALI E COMUNI: BOOM DI RICHIESTE PER LE COLONNINE ANTI-COVID DI BORINATO SECURITY

SCUOLE, OSPEDALI E COMUNI: BOOM DI RICHIESTE PER LE COLONNINE ANTI-COVID DI BORINATO SECURITY
Dall’ospedale di Vicenza al comune di Gambellara, passando per gli istituti superiori di Chiampo. Circa diecimila installazioni in tutta Italia, l’azienda di Val Liona sta garantendo la sicurezza per gli enti pubblici. Moltissime richieste da parte di scuole: per le materne il dispositivo si trasforma in un orsetto, per le elementari in un boy scout e diventa elegante colonnina per le superiori. Il titolare, Leonardo Borinato: “Controllano la temperatura e disinfettano le mani dei bambini come fosse un gioco, nelle scuole siamo in prima linea nella lotta alla pandemia” L’emergenza Covid ha stravolto la vita quotidiana, ha ristretto gli spazi d’azione e ci ha costretti a rituali prima impensabili: uso della mascherina, distanziamento sociale, disinfezione di ambienti e mani, controllo della temperatura prima di entrare in negozi o stazioni. Per questo Borinato Security (azienda di di Val Liona, nel Vicentino) ha deciso di brevettare una innovativa colonnina (continua)

WEBINAR DI FÒREMA SU LAVORO IBRIDO E DIGITALE, ECCO LE NUOVE PROFESSIONI IN EPOCA DI PANDEMIA

WEBINAR DI FÒREMA SU LAVORO IBRIDO E DIGITALE, ECCO LE NUOVE PROFESSIONI IN EPOCA DI PANDEMIA
Meeting digitale martedì 3 novembre col professor Paolo Gubitta, si parlerà dell’evoluzione delle competenze lavorative alla luce dell’emergenza Covid. Il direttore generale di Fòrema, Matteo Sinigaglia: “Fondamentale imparare a relazionarsi online coi clienti” Si intitola “Le competenze digitali nella vendita e nella gestione delle merci” l’evento on line organizzato per martedì 3 novembre da Fòrema, ente di formazione padovano. Un webinar di due ore, incentrato sul tema del lavoro ibrido. Tra i relatori il professor Paolo Gubitta, ordinario di Organizzazione aziendale e presidente del corso di laurea in Economia dell’università di Padova, che si (continua)

CORTE DELLA PELLE, BOOM DI RICHIESTE PER LE SCARPE DA UOMO PERSONALIZZATE

CORTE DELLA PELLE, BOOM DI RICHIESTE PER LE SCARPE DA UOMO PERSONALIZZATE
In periodo di Covid aumentano le richieste per le calzature su misura. La “Franco Ballin” è l’unico calzaturificio a proporsi con un flagship di fama internazionale sulla Riviera del Brenta. Il titolare lancia le nuove linee per il 2021: “Tradizione decennale nelle scarpe da donna, l’eccellenza sartoriale è in quelle maschili” La storia della “Franco Ballin” inizia nel 1972 sulla Riviera del Brenta, il distretto della calzatura del Veneziano. Franco Ballin, che al tempo lavorava per il calzaturificio del cognato, decise di fondare una società famigliare per la produzione di scarpe da donna: la lavorazione a sacchetto è l’idea vincente che in quegli anni lanciò l’attività. Nei primi anni Ottanta la crescita industri (continua)

LA PIZZA E’ MEGLIO DELLA CAMORRA, CIRO APRE IL SUO LOCALE A BRESCIA

LA PIZZA E’ MEGLIO DELLA CAMORRA, CIRO APRE IL SUO LOCALE A BRESCIA
Storia di un trentenne che ha scelto di portare in Lombardia le migliori pizze napoletane. Il segreto della pasta, i prodotti Dop e un successo imprevisto (anche grazie alla “pizza con le orecchie”). “Sono partito con 350 euro in tasca, ora i calciatori del Brescia vengono a cena da me” Frattamaggiore è un comune del Napoletano di cui si occupa più la cronaca giudiziaria che non quella enogastronomica. Trentamila abitanti, povertà diffusa e la Camorra come unica via per arrivare a fine mese. Nel 1990 è qui che nasce Ciro Di Maio. Mamma casalinga, papà che oscilla tra lavoretti senza futuro e le sirene della malavita, sorelle che si portano a casa il lavoro da calzolaie per p (continua)