Home > Primo Piano > Parla Mastella: "Il Covid è peggio del terrorismo, almeno allora tutti si unirono per sconfiggerlo"

Parla Mastella: "Il Covid è peggio del terrorismo, almeno allora tutti si unirono per sconfiggerlo"

scritto da: D.L. | segnala un abuso

Parla Mastella:

“Oggi si litiga e si fa politica. E il virus ringrazia. I soldi del Mes avrebbero potuto cambiare la faccia a tanti ospedali fatiscenti. E piuttosto che rinunciarci, era meglio far cadere il Governo”


Clemente Mastella, non bastavano le Regioni. Ora ci si mettono anche i Comuni a contestare il Governo?

Volevano fare i furbi. Fortunatamente sembra che ci abbiano ripensato. Volevano interpretare la parte dei belli e buoni, riservando a noi quella dei brutti e cattivi. Per noi, facevano capire, può restare tutto aperto fino alle 24, ma voi, mi raccomando, a partire dalle 21, perlustrate piazze e piazzette e, laddove c’è movimento, chiudete bar, ristoranti, chioschi e chioschetti ed emettete il triplice fischio. La partita è finita. Tutti con la mascherina a casa. L’Anci ha protestato e ha fatto bene. La parola sindaco è sparita e il gravoso compito spetterà ai prefetti e alle forze di polizia. Come è giusto e naturale che sia. Quanto alle chiusure e ai divieti, mi faccia dire che qualcuno pensi anche a ristorare i ristoratori, perché settori, già in crisi di per sé, ora rischiano di chiudere, se ogni giorno si riducono la qualità e le possibilità dell’offerta. Fino a mezzanotte, tavoli distanziati, un massimo di 6 persone per ogni tavolo, la mascherina fino a quando la bocca è chiusa. Tutto giusto, ma la gente recepisce che c’è da aver paura e resta a casa. Anche io ho ridotto drasticamente i miei pranzi e le mie cene al ristorante. Quindi, ristoriamo questi poveri ristoratori con aiuti economici e fiscali.

I Comuni abbandonano, quindi, il fronte di guerra. Le Regioni, invece, restano in trincea e sembra che non gli stia bene niente?

Me lo faccia dire, faccio politica da una vita e ricordo perfettamente che di fronte alla minaccia del terrorismo non ci furono destra e sinistra, Dc e Pci. Seppero tutti far fronte comune e il terrorismo fu debellato. Il coronavirus è molto peggio del terrorismo. Ha fatto un’infinità di morti più di quelle imputabili al terrorismo. Oggi purtroppo non c’è quella unità d intenti. Oggi, se non la penso come te sul resto, non posso pensarla come te sulle misure da adottare contro il Covid. E così le Regioni attaccano il Governo spesso solo per motivi politici. Litighiamo, ci dividiamo, facciamo gli Orazi e i Curiazi, ma qui non ci sono Roma e Albalonga, ma un virus terribile, che approfitta delle divisioni del nemico per continuare a spadroneggiare.

Su che cosa non d’accordo con il Presidente del Consiglio?

Ho sentiti ieri la bocciatura del Mes, che definirei barocca per gli orpelli e gli elzeviri utilizzati. Accontenta i Cinquestelle, compiace la Destra, ma con quei soldi sa quante attrezzature si potevano fornire agli ospedali, magari a quelli fatiscenti di molte zone del Sud d’Italia. Mi dirà che su questo il Governo rischierebbe di cadere. Se è su questo, che cada pure. Non è tempo di proclami politici. La guerra contro il Covid non li consente. E non può attendere.

Antonello Sette



Commenta l'articolo

 

Potrebbe anche interessarti

IL GROTTESCO TRA ARTE E DESIGN


ATLETICANOTIZIE:Risultati Fidenza Memorial Pratizzoli, in evidenza Desola Oki che batte il record di Veronica Borsi negli 80 ostacoli


Spoleto e Benevento si confrontano sulla storia e sull’attualità della Cultura


GO un libro per l'innovazione


Valentina Gullace – La mia stanza segreta: fuori il disco d’esordio della cantautrice e musical performer


 

Se ritieni meritevole il nostro lavoro fai una donazione


Recenti

Stesso autore

Giustizia, Fabrizio (ReL) a Il Tempo: "Questo è il risultato delle faide interne"

Giustizia, Fabrizio (ReL) a Il Tempo:
Dichiarazione al quotidiano “Il Tempo” di Fabrizio Cicchitto, Presidente Riformismo e Libertà Caro direttore,arrivati a questo punto vale la pena di collocare in un quadro generale gli episodi incresciosi che si stanno succedendo uno dopo l’altro nell’ambi- to della magistratura. È inutile nascondersi dietro a un dito, dal 1992 ad oggi la magistratura ha sostanzialmente conquistato il potere nel nostro paese, con l’annichili- mento dei vecchi partiti e la riduzione ai minimi termini di que (continua)

Nasce Mood Italia Radio, la web radio in Creative Commons

Nasce Mood Italia Radio, la web radio in Creative Commons
Presentazione in conferenza stampa Venerdì 7 maggio alle ore 16:30 Mood Italia Radio, la web radio nata da un gruppo di appassionati ed esperti della comunicazione, inizia in questi giorni la sua avventura. “Segui il tuo mood”: questo il claim ufficiale della Radio che prende il via ufficiale dopo due mesi di sperimentazione e aggiustamenti tecnici per entrare in sintonia con gli ascoltatori. Mood Italia Radio è già seguita da tanti appassionati grazie alla sua p (continua)

“Una vita al Max: l’abbandono in un collegio, 4 donne, 4 figli e i podi più alti della vita” - Intervista a Max Rendina

“Una vita al Max: l’abbandono in un collegio, 4 donne, 4 figli e i podi più alti della vita”  - Intervista a Max Rendina
Intervista a Max Rendina Max Rendina, lei ha raccontato la sua vita in un libro, pubblicato dalla Male Edizioni di Monica Macchioni. “La storia di un campione di periferia” è il sottotitolo. C’è tanta periferia nella sua esistenza e anche tanto dolore?La mia periferia viene dopo un abbandono. A tre anni i miei genitori m hanno rinchiuso in un collegio. Un luogo senza tempo e senza spazio. Ci sono rimasto fino a dodici ann (continua)

Laboccetta (Polo Sud): “Una Commissione d’inchiesta sulla giustizia è una scelta di civiltà. Né di destra né di sinistra”

Laboccetta (Polo Sud): “Una Commissione d’inchiesta sulla giustizia è una scelta di civiltà. Né di destra né di sinistra”
Intervista con l'ex-deputato, oggi presidente di Polo Sud Amedeo Laboccetta, lei si è imbattuto personalmente nella malagiustizia dei Pubblici Ministeri, quella di cui parla Luca Palamara nel libro intervista di Alessandro Sallusti. Una malagiustizia che ti vorrebbe condannato sic et stantibus, a prescindere dall’esito di un eventuale processo…Io credo che tutti gli italiani siano vittime del Sistema descritto da Palamara. Perché tutti direttamente o ind (continua)

Caos Procure, Palamara: "Riformiamo la giustizia perché la legge sia uguale per tutti"

Caos Procure, Palamara:
"La favoletta della fuga di notizie che è colpa solo degli avvocati non regge più. Dobbiamo riformare la giustizia perché se la legge deve essere uguale per tutti deve avere lo stesso impatto sia il fascicolo che coinvolge la persona nota o la persona ricca che la persona non nota."  Lo dichiara Luca Palamara durante la presentazione del suo libro a Lagonegro. "E' il momento di fare una (continua)