Home > Arte e restauro > Il naturalismo estemporaneo pittorico di Davide Romanò

Il naturalismo estemporaneo pittorico di Davide Romanò

scritto da: Elenagolliniartblogger | segnala un abuso

Il naturalismo estemporaneo pittorico di Davide Romanò


Nel variegato e versatile discorso degli artisti sull'arte attraverso un linguaggio formale-estetico e sostanziale, il Novecento ha rappresentato un secolo nel quale si è privilegiato l'uomo e la sua raffigurazione e interpretazione, mentre la natura è riaffiorata come tema dominante soltanto in seguito e successivamente. Nelle tradizioni veristiche, naturalistiche e figurative, dietro la ricerca artistica e l'elaborazione dei linguaggi non poteva non esserci il tentativo di dare forma all'alterità che è in noi e che si riflette e si rispecchia nella natura intesa anche come habitat e contesto circostante in cui viviamo e abitiamo. Definire la posizione dell'uomo e dei suoi artifici è del resto un modo per collocarla anche nella natura, ossia nella dimensione del reale e della realtà. “La natura è parti senza un tutto” dichiarava lo scrittore portoghese Pessoa. Sulla scia di queste riflessioni si può analizzare l'arte pittorica di Davide Romanò, anche partendo dalla sua inedita e inconsueta visione naturalistica estemporanea, che fuoriesce e si distacca dalle concezioni più tradizionaliste e si spinge verso un territorio autonomo composto e costituito da un progetto, che prevede la ridefinizione dello spazio e della prospettiva spaziale attraverso e partendo proprio dalla sua stessa fisicità, dal suo essere nel qui e ora del gesto e dell'atto creativo e proiettando dentro alle immagini una propria peculiare visione, che determina la formulazione di una nuova e innovativa mitologia naturalistica, frutto e derivazione della reinvenzione del rapporto tra l'immaginario personale e una possibilità di registrazione, di documentazione e di comunicazione oggettivante. Questo processo così strutturato risulta molto qualificante e contraddistingue l'azione vibrante ed energica di Romanò. In questa proiezione l'opera si stacca dalla dimensione seriale e standardizzata, diventa affrancata e indipendente, si distacca dai cliché imposti e forzati, acquista una natura genetica connotativa e inizia la sua avventura esistenziale, proponendosi come eternamente contemporanea, pronta anche allo scorrere degli anni e al trascorrere del tempo. L'opera non si fossilizza e non si cristallizza, ma è destinata a una concatenazione evolutiva sempre aperta. Grazia Marchianò ha scritto saggiamente e con lungimiranza di pensiero “Non è l'uomo misura del Creato e culmine della scala dei viventi, ma è la Natura nel complesso a essere misura a se stessa, modello di un risveglio che per l'uomo invece è conquistato a fatica”. Ecco come Romanò nella sua pittura cerca proprio di recuperare e di rivalutare una propria dimensione naturalistica e di compiere quei passaggi per arrivare ad un risveglio pieno e completo, che corrisponde ad un progresso e ad un avanzamento mentale effettivo e a un'evoluzione esistenziale autentica.


Fonte notizia: http://www.elenagolliniartblogger.com/davide-romano/


Davide romanò | romanò | artista | artisti | italiano | italia | pittore | pittura | quadri | arte | quadro | opera | opere | cantù | como | lombardia | elena gollini | gollini | art | artist | blog | art blog | news | news arte | artworks |



Commenta l'articolo

 

Potrebbe anche interessarti

19 ottobre esce l'ultimo album di Danilo Amerio


Esce il nuovo video di Davide Di Rosolini


DAVIDE BUZZI “NON ASCOLTARE IN CASO D'INCENDIO” È IL PRIMO EPISODIO DELLA TRILOGIA DISCOGRAFICA DEL CANTAUTORE SVIZZERO ITALIANO


Il punto di vista di Davide Serra sulla situazione economica in Cina


L’Avvocato Davide Apollo, fondatore dello Studio Legale Apollo & Associati, segue la prima transazione italiana di KKR nel Real Estate


Intervista a Davide Serra, CEO del Fondo Algebris e speaker all’evento FinTechStage di Milano


 

Se ritieni meritevole il nostro lavoro fai una donazione


Recenti

Stesso autore

Paola Moscatelli: cromatismo vitale e dinamico

Paola Moscatelli: cromatismo vitale e dinamico
 “È un figurativo di grande proiezione intima e introspettiva, che accoglie in sé una radice esistenziale ed esistenzialista molto profonda, quello che avvalora e rende davvero qualificante lo stile pittorico di Paola Moscatelli artista di indiscusso calibro e spessore umano, oltre che di spiccata sensibilità comunicativa e innato talento artistico”. La Dott.ssa Elena Gollini pone l'acc (continua)

Stefano Berardino: arte ed ecologia in stretta sinergia

Stefano Berardino: arte ed ecologia in stretta sinergia
 “Sono molto compiaciuta nel vedere con quanto slancio e trasporto Stefano Berardino approda ad un passaggio, che funge da simbolico spartiacque nella sua variegata produzione pittorica, introducendo un gruppo di opere dedicate in toto all'innovativa concezione delle auto elettriche, un mercato davvero incalzante e in continua progressione, che rappresenta senza dubbio l'idea futura e f (continua)

Il messaggio ecologico sotteso nella pittura di Davide Quaglietta

Il messaggio ecologico sotteso nella pittura di Davide Quaglietta
La poetica espressiva della pittura di Davide Quaglietta nella sua dinamica fruizione interattiva di notevole spessore comunicativo, si completa attraverso l'inserimento sempre ben calibrato di messaggi, che afferiscono alla sfera sociale e collettiva e che vanno ben oltre la semplice resa di impatto estetico-formale e l'immediata percezione recettiva a livello ottico e visivo. A tal propo (continua)

Daniel Mannini: il potere subliminale dell'astrazione

Daniel Mannini: il potere subliminale dell'astrazione
 “L'estro creativo versatile e camaleontico, che è insito nell'indole artistica di Daniel Mannini gli consente e gli permette di imprimere un potere subliminale molto permeante alla componente dell'astrazione pittorica e di riuscire ad enfatizzare al meglio e appieno le molteplici e multiformi componenti narrative e sceniche, che appartengono alla costruzione e alla sintassi compositiva (continua)

La pittura di Roberto Re celebra ed esalta l'amore per la musica

La pittura di Roberto Re celebra ed esalta l'amore per la musica
Le sei opere si intitolano emblematicamente: Chitarra, Corde gialle, Fagotto, Il Corno, Sound Sax, Squillo di tromba. Attualmente, le opere pittoriche di Re possono essere acquistate anche tramite vendita online, utilizzando questi quattro canali di riferimento: singulart.com, wikiarte.com, topcontemporaryart.com, pitturiamo.com.  Un inizio anno davvero spumeggiante per Roberto Re, artista contemporaneo di volitivo talento e incalzante estro creativo, che ha deciso di cimentarsi nell'accostamento mirato ad hoc di Arte e Musica. In particolare, ha selezionato un gruppo di strumenti, che sono diventati i soggetti protagonisti delle sue poliedriche formulazioni espressive e sono stati collocati e posizionati dentro (continua)