Home > Arte e restauro > Pieno, vuoto. Divergenze consonanti

Pieno, vuoto. Divergenze consonanti

scritto da: CSArt | segnala un abuso

Pieno, vuoto. Divergenze consonanti

In esposizione alla Galleria d'Arte 2000 & Novecento le opere di tre artisti che offrono un importante contributo alla contemporaneità espressiva: Marco Gastini, Giorgio Griffa, Nunzio


La Galleria d’Arte 2000 & NOVECENTO di Reggio Emilia (Via Sessi 1/F) presenta, dal 24 ottobre 2020 al 24 gennaio 2021,la mostra “Pieno, vuoto. Divergenze consonanti” con opere di Marco Gastini, Giorgio Griffa e Nunzio. Tre artisti che offrono un importante contributo alla contemporaneità espressiva ed artistica, testimonianze di segni diversi, che ripercorrono la ricerca e la storia della produzione artistica italiana.

Nella sua ricerca plastica Nunzio (Cagnano Amiterno, L’Aquila, 1954) cerca di eliminare tutto ciò che vi è di superfluo, ciò che non serve. Una forma, uno spazio, un pensiero, diventa qualcosa di esemplare e questo spesso lo fa togliendo e mai aggiungendo. Così facendo ha ridefinito il concetto stesso di apparenza, attraverso splendidi lavori architettonici che uniscono sostanza, corpo e vuoto in uno straordinario equilibrio ritmato. Un’azione combattiva tra peso e leggerezza, una forte tensione tra i due poli, così che la materia stessa risulta come contrastata al suo interno.

Per Giorgio Griffa (Torino, 1936), parafrasando Milan Kundera, si potrebbe affermare che nel contrasto tra i valori guida della nostra esistenza, la pesantezza e la leggerezza, l’artista torinese si pronuncia a favore di quest'ultimo termine, optando per il fascino discreto, la carica elusiva e inafferrabile della leggerezza. Al pieno, all'incombente, all'ingombro fisicamente concreto dei materiali, l'artista torinese oppone la fragile inconsistenza delle sue tele non trattate; lasciate fluttuare sulla parete, libere dalla schiavitù della cornice e del telaio, mentre il colore, scartate le tinte pure e le squillanti accensioni timbriche, è smorzato su una gamma di mezzi toni e ricondotto al tracciato elementare della linea. Emerge una poetica del vuoto, del non finito, assunto come norma programmatica di un processo operativo lasciato intenzionalmente aperto e non concluso. Per Griffa, la rappresentazione dello spazio si realizza tracciando sulla superficie della tela una sequenza di segni, senza necessariamente obbedire alle regole tradizionali della composizione. I segni primari, nella loro semplicità, sono disposti a formare una successione ritmica che, a un certo punto, s’interrompe, lasciando spazio a quel vuoto che diventa sinonimo d’incompletezza ma anche allusione di infinita potenzialità.

Marco Gastini (Torino, 1938-2018) è presente con tre opere databili a metà degli anni 2000, periodo in cui l’artista torna a focalizzarsi sullo spazio della singola grande tela, lavorando sulle contrapposizioni tra pieno e vuoto, tra estremamente leggero ed estremamente pesante. Si apre così un nuovo mondo plastico pittorico, una diversa dimensione spazio-temporale, dove ogni elemento (pieno-vuoto, luce-ombra, materia-colore) risulta come sospeso nella solitudine del proprio apparire puro e semplice, all'interno di una libera, complessa, ed anche contraddittoria, fenomenologia visiva che scatta come fatto estetico unitario attraverso l'effetto catalizzatore dell'azione dell'artista, attraverso cui prende forma l'energia della pittura.

La mostra sarà visitabile fino al 24 gennaio 2021 nei seguenti orari: lunedì, martedì, mercoledì, venerdì, sabato ore 10.00-12.30 e 16.00-19.30; giovedì e domenica solo su appuntamento. Ingresso libero. L’accesso agli spazi della Galleria sarà contingentato nel rispetto delle disposizioni previste dal Governo e sarà obbligatorio l’uso della mascherina. Per informazioni: tel. 0522 580143, info@duemilanovecento.it, www.duemilanovecento.it, www.facebook.com/duemilanovecento, www.instagram.com/duemilanovecento.


Fonte notizia: https://www.duemilanovecento.it/


arte | cultura | mostra | galleria | nunzio | marco gastini | giorgio griffa | 2000 Novecenti |



Commenta l'articolo

 

Potrebbe anche interessarti

Il vuoto Busch che preserva gli alimenti


Sicurezza su lavoro: il ruolo del coordinatore nei cantieri temporanei


Omaggio alla poesia. Dieci poeti contemporanei nel primo numero "Sussurri" della raccolta "I Canti"


In libreria “Cento Farfalle e… più”: la raccolta poetica di Massimo Pinto pubblicata da Bastogi Libri


Il codice fiscale inverso


Programma radiofonico automobilisti: Cosa più accadere nel tempo di un pieno?


 

Se ritieni meritevole il nostro lavoro fai una donazione


Recenti

Stesso autore

Eleonora Roaro. FIAT 633 NM

Eleonora Roaro. FIAT 633 NM
Nuovo allestimento per la Project Room del CAMeC Centro Arte Moderna e Contemporanea della Spezia con la video installazione "FIAT 633NM" di Eleonora Roaro, progetto vincitore dell'avviso pubblico "Cantica21. Italian Contemporary Art Everywhere". Nuovo allestimento per la Project Room del CAMeC Centro Arte Moderna e Contemporanea della Spezia che, dall’11 dicembre 2021 al 1 maggio 2022, ospiterà la video installazione “FIAT 633NM” di Eleonora Roaro, progetto vincitore dell’avviso pubblico “Cantica21. Italian Contemporary Art Everywhere” promosso dalla Direzione Generale per la Promozione del Sistema Paese del Ministero degli Affari E (continua)

Antonella De Sarno. Artificialia

Antonella De Sarno. Artificialia
Mostra personale di Antonella De Sarno a Correggio in occasione della Giornata internazionale delle persone con disabilità Nella Sala dei Putti del Palazzo dei Principi di Correggio (RE) sarà allestita, dal 4 dicembre 2021 al 2 gennaio 2022, “Artificialia”, mostra personale dell’attrice-performer ed artista visiva Antonella De Sarno, nata in provincia di Modena ma da anni residente in Francia. Curata da Francesca Baboni e Stefano Taddei, l’esposizione sarà inaugurata sabato 4 dicembre alle ore 16.30. Saranno pre (continua)

Ligabue, la figura ritrovata: oltre 3.600 visitatori, 22 visite guidate, percorsi riservati ai ragazzi, plauso della Giunta regionale

Ligabue, la figura ritrovata: oltre 3.600 visitatori, 22 visite guidate, percorsi riservati ai ragazzi, plauso della Giunta regionale
Con 3.639 visitatori totali ed una media giornaliera di 64 accessi, si è conclusa con successo la mostra “Ligabue, la figura ritrovata. 11 artisti contemporanei a confronto”, promossa dal Comune di Gualtieri e dalla Fondazione Museo Antonio Ligabue negli spazi museali di Palazzo Bentivoglio. riservati ai ragazzi, plauso della Giunta regionale   Con 3.639 visitatori totali ed una media giornaliera di 64 accessi, si è conclusa con successo la mostra “Ligabue, la figura ritrovata. 11 artisti contemporanei a confronto”, promossa dal Comune di Gualtieri e dalla Fondazione Museo Antonio Ligabue negli spazi museali diPalazzo Bentivoglio. Nell’ambito dell’esposizione, curata da (continua)

Gino Di Frenna. I giardini di Canopo

Gino Di Frenna. I giardini di Canopo
Mostra dell'artista Gino di Frenna presso la Galleria 1.1_ZENONEcontemporanea di Reggio Emilia La Galleria 1.1_ZENONEcontemporanea di Reggio Emilia (Via San Zenone, 11) presenta, dal 20 novembre all’11 dicembre 2021, “I giardini di Canopo”, mostra personale di Gino Di Frenna, artista e presidente dell’Associazione culturale 8,75 Artecontemporanea, che tanto ha fatto per i giovani e l’arte a Reggio Emilia. «È questa la settantesima mostra di 1.1._ZENONEcontemporanea – scrive il cura (continua)

Transiti Second Step: 21.000 Euro raccolti per AMMP Onlus

Transiti Second Step: 21.000 Euro raccolti per AMMP Onlus
Oltre 20.000 Euro raccolti per AMMP Onlus in occasione della seconda tappa di “Transiti”, progetto benefico ideato e curato da Raffaella A. Caruso. Oltre 20.000 Euro raccolti per AMMP Onlus in occasione della seconda tappa di “Transiti”, progetto benefico ideato e curato da Raffaella A. Caruso. Dopo la mostra inaugurale all’interno di Palazzo Lascaris a Torino nel 2019, promossa dal Consiglio regionale del Piemonte e dall’Associazione Maria Madre della Provvidenza Onlus, “Transiti Second Step” è giunto a Santo Stefano Belbo (CN), osp (continua)