Home > Cultura > Cosa spinge le persone a fare sport?

Cosa spinge le persone a fare sport?

scritto da: Matteo Simone | segnala un abuso

Cosa spinge le persone a fare sport?

Tra le risposte più gettonata e frequenti vi è il senso di libertà, in effetti lo sport permette di evadere dalle incombenze e preoccupazioni quotidiane, prendendosi un tempo proprio da soli o con amici per dedicarsi a sé stessi curando corpo e mente, di seguito alcune risposte.


Matteo SIMONE

http://www.psicologiadellosport.net

 

Tra le risposte più gettonata e frequenti vi è il senso di libertà, in effetti lo sport permette di evadere dalle incombenze e preoccupazioni quotidiane, prendendosi un tempo proprio da soli o con amici per dedicarsi a sé stessi curando corpo e mente, di seguito alcune risposte.

Nunzio Improta: “Il senso di libertà”.

Giampiera Farre Chanel: “La sensazione di libertà che si ha durante l’attività 😍”.

Veronica Bellenna Mattioli: “Liberare la mente stressata e ritagliare quel spazio solo per te! Ecco perché mi avventuro a correre nel bosco”.

Natascia Panzavolta: “L' attività sportiva nasce e si esprime come senso di libertà nell' essere umano…io lo vivo così il mio sport…mi sento libera...libera di esprimere ciò che sono!”.

Giada Paolillo: “La voglia di vivere”.

Jana Brafči: “Libertà, la vita migliore senza i pensieri inutili e benessere assoluto durante e dopo ☺️❤️”.

Chiara Lorenza Velocci: “Il senso di Libertà”.

 

Altra risposta frequente è il senso di benessere che deriva dalla pratica dello sport da soli o in compagnia, uno stare bene che motiva le persone a fare sport, di seguito alcune risposte.

Franco Piccioni: “...di stare bene... Per prima cosa”.

Margherita Fraternali: “Il benessere”.

Mimma Caramia: “Il senso di benessere e appagamento”.

Lo Cascio Dorotea: “Benessere a 360 gradi!”.

Patrizia Melchior: “Endorfine”.

Matilde Staffa: “Il senso di benessere che si prova dopo aver corso per almeno un'ora e la soddisfazione dopo due ore di palestra! Lo sport cura corpo mente e spirito. È una fonte inesauribile di felicità. Bacio dott.”.

 

Per tanti attraverso lo sport si conosce gente, si fa gruppo, ci si confronta, è un’occasione per ridere, sorridere, divertirsi.

Francesco Di Pierro: “Noia, stress, crisi di mezza età, abitudine, edonismo, voglia di conosce gente. Siamo tutti diversi, non credo ci sia un motivo comune”.

Mauro Ippoliti: “Vedere gente sorridente”.

Marco Maria Mongiardini‎: “Mi spinge il fatto di star bene, conoscere gente speciale, migliorare il proprio stile di vita e crescere a livello mentale”.

 

Quindi, le motivazioni a fare sport sono le più disparate, performance, benessere, non ingrassare, dimagrire, conoscere gente, fuggire da casa e dai problemi,

Italo Merolli: “Matteo a prescindere dalle funzioni che ha lo sport e sono tante, ciò che spinge le persone a praticarlo va sicuramente ricercato nell'aspetto motivazionale. E le motivazioni possono essere le più disparate”.

Carlo Spairani: “Il motivo opposto a quello che spinge le persone a stare sul divano...visioni diverse della vita”.

 

Per tanti c’è la voglia di provvedere alla propria salute, prevenire, promuovere sani abitudini, avere un salutare stile di vita, non ingrassare, tenersi in forma.

Francesca Ruffa: “Il cibo”.

Luciano Ciurleo: “La voglia di volersi bene, la voglia di evadere dalla propria routine”.

Armando Quadrani: “Il rinfresco”.

Matteo Stelluti: “La bilancia”.

Paolo Giorgetta: “La panza …”.

 

Uno dei motivi è anche sviluppare la resilienza, praticando sport ci si accorge di poter fare qualcosa di importante, di raggiungere mete e obiettivi sfidanti, superare crisi e difficoltà.

Luca Parisi: “Le persone come te che danno valore alle persone che essi realizzino grandi oppure piccoli traguardi 💚”.

Massimo Castellano: “E proprio grazie al grande motivatore triatleta e psicologo dello sport il dott. Matteo Simone che spinge aggregando tutti noi atleti leggendo i suoi libri a praticare e affrontando con resilienza qualsiasi fatica al traguardo💪😃”.

 

Ringrazio Massimo Castellano per le sue parole e per la sua poesia:

Grande Dott. Matteo Simone! Una poesia per le sue imprese: Forza Matteo che con tè abbiamo sempre un pensiero! La tua amicizia rende gioiosa ogni volta che esci senza alcuna pigrizia, spesso con una volontà che solo chi a resilienza vince ad ogni partenza questa è la realtà! Sei un amico di tutti e questo ci rende sempre più orgogliosi della tua bontà senza malizia perché il tuo modo di essere e vivere in piena amicizia. Donare per te un semplice sorriso e come praticare uno sport all'improvviso. Condividi emozioni vivendo i momenti più preziosi con tutti gli amici alcuni campioni altri tapascioni! La tua personalità non è fatta di apparenza, vivi per i valori, è questa la vera sostanza, il resto non ha importanza. Sei per tutti un grande esempio, come un maestro dai sempre il consiglio giusto. L'amica salita è il tuo motto, in ogni momento ci aiuti a non mollare per non piangerci addosso, sai come vincere ogni avversità con coraggio, con parole da saggio augurandoci di arrivare vittoriosi al nostro traguardo! 😃🖐🏻❤️”.

 

Per tanti è vero che lo sport aiuta a tenersi in forma come fisico e come mente sviluppando il fisico, consapevolezza, fiducia, resilienza e poi da grandi attraverso lo sport si ha a disposizione un piano B per evadere dai problemi quotidiani lavorativi e familiari ma poi quando si torna sia a casa, sia al lavoro sia dalle mogli si è più efficaci e produttivi.

Aldo Siragusa: “Alcuni lo praticano per un po' lontano dal coniuge”.

Franco Varesio: “Da ragazzi per conquistare le fidanzate, da adulti per scappare dalle mogli 😁”.

 

Per tanti lo sport diventa una medicina, una terapia naturale meglio di tanti altri farmaci a volte anche considerato meglio dello psicologo.

Chicca Falvo: “Tengo a bada il mio diabete tipo 1 e le complicanze”.

Michele D'adamo: “È la medicina n1”.

Domenico Manzella: “Le scarpe da running costano meno dello psicologo”.

Gianluca Achille: “La corsa è terapia (per ne). Per dirla alla Ernesto Calindri: ‘contro il logorio della vita quotidiana’.

Descrizione dell’opera “Cosa spinge persone a fare sport?” Aracne editrice.

https://www.libreriauniversitaria.it/cosa-spinge-persone-fare-sport/libro/9788825528275

Ho approfondito gli aspetti che riguardano la motivazione a fare sport per il benessere e per raggiungere obiettivi nello sport e nella vita e riporto nel testo alcune interviste ad atleti di diverse discipline sportive individuali o di squadra.

Non solo la performance ma anche la voglia di mettersi in gioco, di mantenersi in forma, di rincorrere il benessere psicofisico, emotivo e relazionale. Una spinta motivazionale dettata da cuore, testa e corpo per provare a non mollare, per condividere momenti di pre-gara fatti di viaggi e incontri, per superarsi.

È importante lavorare su obiettivi, sul superare errori e sconfitte, si impara da tutto ciò che succede e si può fare meglio in futuro come individui e come squadra conoscendosi meglio. Si impara sempre dall'esperienza, solo mettendosi in gioco e facendo esperienza ci possono essere i presupposti per far meglio e conoscersi meglio.

Questo è lo sport che vogliamo che incrementa consapevolezza, autoefficacia, resilienza e spirito di squadra e appartenenza. Chiamateli pure masochisti o incoscienti, ma in realtà quello che emerge dalle varie storie e testimonianze è che si tratta di un mondo fantastico e sorprendente, affascinante e protettivo.

Ringrazio la casa editrice “Aracne” e i suoi collaboratori per la fiducia e per il grande lavoro che richiede la pubblicazione e la distribuzione del libro.

Ringrazio tutti gli atleti che hanno avuto la cortesia, la gentilezza e la disponibilità a raccontare le loro esperienze legate allo sport.

Ringrazio le amiche e colleghe Rita Tancredi e Francesca Vannucchi per la loro cortesia, generosità, gentilezza, disponibilità nel contribuire alle correzioni della bozza.

Ringrazio Isa Magli per la sua gradita Premessa:

Il lavoro è ammaliante e, per questo, invitante alla lettura e alla elucubrazione.

A guisa di una spiaggia si presenta la gamma degli sport (calcio, triathlon, running, pallavolo, ultra maratona, rugby, boxe etc.), distesa davanti ad un mare, a volte, blu, inneggiante alla tranquillità, alla prosperità corporale ed alla pace dei sensi; altre volte, melmoso, burrascoso a prima vista, ma poi accogliente panacea ai problemi esistenziali quotidiani.

Emerge la piena dimostrazione della personale presenza dell’autore: infatti lo sport appare come il cardine del suo vivere e, la perfetta sintomatologia dei fonemi riportati, è un riverbero dello sport nella persona umana come invito dell’attività psico-somatica per la rivalorizzazione intellegibile e per la risoluzione spicciola dei dilemmi giornalieri.

La trattazione è sotto forma di quesito a personaggi che hanno vissuto e vivono, e hanno praticato e praticano attività sportiva con conseguenti responsi epistolari o tecnologici.

Invita i ragazzi con i familiari a prendere il treno dello Sport per salire per strade, monti e parchi: insomma tutto ciò che la natura comprende.

Sport uguale solidarietà, sviluppo sensoriale, autoefficacia, ed incremento della Resilienza.

Sport uguale solidarietà, integrazione, consapevolezza del corpo entro i limiti ossia essere ardimentosi ma non strafare, sperimentare, ma non affaticarsi.

Fa riferimento ad uno acronimo C.A.R. (Consapevolezza, Autoefficacia, Resilienza) per evidenziare la conquista del benessere e il successo.

E’ da mettere in conto il valore che attribuisce alle donne, ponendole sullo stesso livello di quelli dell’altro sesso come ad esempio: Maria Chiara Parigi (ultratrailer); Lara La Pera (campionessa di pallavolo e corsa); la schermidora Silvia Tombolini (campionessa con disabilità ipovedente), la quale incita alla tenacia, alla lealtà e anche se con rischi e fatiche di non mollare mai neppure dopo una sconfitta, perché perdere, dopo aver analizzato gli errori, si rafforza la resilienza, che consente di riprendersi e di riportare risultati accettabili.

Seguono consigli per una retta alimentazione che rappresenta un punto fondamentale per le varie esercitazioni e per un buon risultato finale.

Tutti gli intervistati sono favorevoli alla figura dello psicologo che risulta indispensabile non solo per la salute del corpo del singolo, ma ancor più, del gruppo-squadra, affinché non sia demotivato e subisca crisi, difficoltà, sconfitte.

Con O.R.A. (Obiettivi, Risorse, Autoefficacia) si migliora la capacità di organizzazione e di concentrazione, per cui i giovani dovrebbero prendere come massima: “Vinci nello Studio – Vinci nello Sport” per crescere e maturare. Bando al DOPING perché arreca sviluppo negativo al fair-play”.

 

Pagine scelte per te

http://www.aracneeditrice.it/pdf/9788825528275.pdf

Modulo Richiesta Saggio Docente

http://www.aracneeditrice.it/aracneweb/index.php/modulo-richiesta-saggio.html?isbn=9788825528275&dest=docente

Modulo Richiesta Saggio Giornalista

http://www.aracneeditrice.it/aracneweb/index.php/modulo-richiesta-saggio.html?isbn=9788825528275&dest=giornalista

Modulo Richiesta Saggio Biblioteca

http://www.aracneeditrice.it/aracneweb/index.php/modulo-richiesta-saggio.html?isbn=9788825528275&dest=biblioteca

 

Dott. Matteo SIMONE380-4337230 - 21163@tiscali.it

Psicologo, Psicoterapeuta, Terapeuta EMDR

Sito web: www.psicologiadellosport.net

Blog: http://ilsentieroalternativo.blogspot.it/

Libri: http://www.ibs.it/libri/simone+matteo/libri+di+matteo+simone.html


Fonte notizia: http://www.psicologiadellosport.net




Commenta l'articolo

 

Potrebbe anche interessarti

Presentazione del libro “Lo sport delle donne" edito da Prospettiva Editrice


Dario Santoro, Campione Italiano Maratona: purtroppo lo sport non mi dà da vivere


Cosa spinge le persone a fare sport? La voglia di uscire dalla zona di comfort


Peter Van Der Zon, ultratrail: Le gare che vado a podio mi danno davvero fiducia


Rollo Aloisio: la gara della mia vita il derby tra Manfredonia e Foggia


 

Se ritieni meritevole il nostro lavoro fai una donazione


Recenti

Stesso autore

Franco Cannito, ultrarunner: Sai che le crisi vanno e vengono

Franco Cannito, ultrarunner: Sai che le crisi vanno e vengono
Francesco Cannito (Happy Runner Altamura) ha portato a termine, dal 19 al 23 novembre 2021, la “6th Authentic Phidippides Run Athens-Sparta-Athens", 490km di corsa su strada in 96h21’05”, poco più di 4 giorni. La mia mente è concentrata per l’obbiettivo che sto preparandoMatteo SIMONE Francesco Cannito (Happy Runner Altamura) ha portato a termine, dal 19 al 23 novembre 2021, la “6th Authentic Phidippides Run Athens-Sparta-Athens", 490km di corsa su strada in 96h21’05”, poco più di 4 giorni.Si sono classificati 19 atleti, di cui 18 uomini e una donna, e la vittoria è andata al polacco Lukasz (continua)

Nico Leonelli: L'obiettivo che si persegue è ciò che ci spinge a impegnarci

Nico Leonelli: L'obiettivo che si persegue è ciò che ci spinge a impegnarci
Nico Leonelli (M.C. Manoppello Sogeda) vanta 4 presenze nella nazionale italiana in gare di 24h di corsa su strada: Campionati Mondiali di 24 ore ad Albi (Francia) il 26-27 ottobre 2019, precedentemente ai Campionati Mondiali di 24 ore a Belfast l’1-2 luglio 2017; Campionati Europei di 24 ore a Timisoara (Romania) il 26-27 maggio 2018; Campionati Europei di 24 ore ad Albi il 22 ottobre 2016. . Di seguito approfondia Dietro un’Ultramaratona c'è semplicemente la voglia di andare oltre  Matteo SIMONE  3804337230- 21163@tiscali.it  Nico Leonelli (M.C. Manoppello Sogeda) vanta 4 presenze nella nazionale italiana in gare di 24h di corsa su strada: Campionati Mondiali di 24 ore ad Albi (Francia) il 26-27 ottobre 2019, precedentemente ai Campionati Mondiali di 24 (continua)

Chi era Vito Melito? Ultramaratoneta, Campione Mondiale 100km nel 1981

Chi era Vito Melito? Ultramaratoneta, Campione Mondiale 100km nel 1981
Tante le glorie, tanti gli aneddoti relativi agli ultramaratoneti e soprattutto a Vito Melito che nel suo periodo di massimo splendore incontrava nelle sue gare i gemelli Elvino, Loris e l’altro fratello più giovane Pietro Gennari ma non riuscivano ad averla vinta su di lui. E’ stato anche Primatista Italiano dei 50 Km in 2h 59’44” Matteo SIMONE  Tante le glorie, tanti gli aneddoti relativi agli ultramaratoneti e soprattutto a Vito Melito che nel suo periodo di massimo splendore incontrava nelle sue gare i gemelli Elvino, Loris e l’altro fratello più giovane Pietro Gennari ma non riuscivano ad averla vinta su di lui. Anche nel 1977, alla (continua)

Ivan Cudin, ultrarunner: Ho semplicemente imparato a credere di più in me stesso

Ivan Cudin, ultrarunner: Ho semplicemente imparato a credere di più in me stesso
Ivan Cudin detiene il record italiano di 24h in 266,702 km, ottenuto il 7 e l’8 dicembre 2013 alla 24 ore di Soochow University di Taipei (Taiwan), poco più di 3km in più di Marco Visintini che il 23.10.2021 ha totalizzato 263.284 km a Brugg (SUI). È stato Campione Europeo della 24h nel 2010 con 263 km, in occasione dei Mondiali di 24h di corsa su strada a Brive-la-Gaillarde (FRA), dove ha conquistato il bronzo ai mondiali, preceduto dall'americano Scott Jurek 266 km e dal giapponese Shingo Inoue 273 km. Il titolo femminile mondiale ed europeo è andato alla francese Anne Cecile Fontaine con 239 km che ha preceduto Monica Casiraghi231 km e la tedesca Julia Alter 230 km. Nella classifica per nazioni la squadra maschile dell'Italia vince il titolo Europeo ed è seconda al mondo dietro al Giappone e davanti agli Stati Uniti, mentre la squadra femminile è seconda al Mondo e all'Europa dietro alla Francia. Di seguito approfondiamo la conoscenza di Ivan attraverso risposte ad alcune mie domande di qualche anno fa. Record italiano di 24h in 266,702 km ottenuto nel 2013 Matteo SIMONE  Ivan Cudin detiene il record italiano di 24h in 266,702 km, ottenuto il 7 e l’8 dicembre 2013 alla 24 ore di Soochow University di Taipei (Taiwan), poco più di 3km in più di Marco Visintini che il 23.10.2021 ha totalizzato 263.284 km a Brugg (SUI).  È stato Campione Europeo della 24h (continua)

Strumenti mentali per la performance: consapevolezza, autoefficacia, resilienza

Strumenti mentali per la performance: consapevolezza, autoefficacia, resilienza
O.R.A.: Obiettivi, Risorse, Autoefficacia Decidere obiettivo: Cosa? Quando? Immaginare di aver raggiunto obiettivo: Come ho fatto, quale percorso, difficoltà, chi mi ha aiutato, quanto ero motivato? Quali risorse mi permettono di raggiungere l'obiettivo, le ho? Cosa devo potenziare? Come? Cosa devo acquisire e come? Quanto è importante ogni risorsa?  Sviluppare autoefficacia: Cosa ho fatto di importante nel passato e come? Come replicarlo? Di fondamentale importanza risulta essere l’autoefficacia, la fiducia in sé, che si costruisce fin da piccoli a partire dalla propria famiglia di appartenenza, con l’aiuto di familiari e care giver, e negli ambienti scolastici e sportivi, con l’aiuto di insegnanti ed educatori che diventano modelli di riferimento. Matteo Simone, psicologo psicoterapeuta     O.R.A.: Obiettivi, Risorse, Autoefficacia Decidere obiettivo: Cosa? Quando? Immaginare di aver raggiunto obiettivo: Come ho fatto, quale percorso, difficoltà, chi mi ha aiutato, quanto ero motivato? Quali risorse mi permettono di raggiungere l'obiettivo, le ho? Cosa devo potenziar (continua)