Home > Economia e Finanza > Riva Acciaio, pronto il nuovo piano che porterà 100 MV allo stabilimento di Lesegno

Riva Acciaio, pronto il nuovo piano che porterà 100 MV allo stabilimento di Lesegno

scritto da: Articolinews | segnala un abuso


Riva Acciaio è la controllata di Gruppo Riva che gestisce gli stabilimenti italiani del leader europeo del settore siderurgico.

Riva acciaio

Riva Acciaio: le caratteristiche del progetto

È in fase di completamento il progetto per il nuovo elettrodotto aereo a 132 kV T.731, che sarà realizzato tra Lesegno, Ceva e San Michele Mondovì. L'opera, progettata da Terna e autorizzata con Decreto N.239/EL-364/291/2019 del 3 luglio 2019, influirà positivamente sulle attività produttive di Riva Acciaio. Nello stabilimento di proprietà dell'azienda siderurgica, ubicato a Lesegno, nascerà infatti una nuova stazione elettrica che verrà collegata direttamente al tratto finale della nuova rete. Grazie alla nuova connessione elettrica, l'impianto potrà raggiungere fino a 100 MW di potenza. L'elettrodotto sarà lungo 6,5 km, prevedendo l'installazione di 19 tralicci: passerà attraverso la regione Piana, il tratto autostradale Torino-Savona e infine il torrente Mongia, ed affiancherà la ferrovia nella Piana della Gatta. I lavori, ritardati a causa del Covid-19, dovrebbero terminare nel breve periodo. Previsto anche il rimboschimento dei terreni adiacenti alla nuova sottostazione elettrica con l'obiettivo di ridimensionare l'impatto paesaggistico della nuova opera.

Riva Acciaio: la centralità dell'impianto di Lesegno

Lo stabilimento situato nella provincia di Cuneo non è solo uno dei siti produttivi di Riva Acciaio presenti sul territorio italiano. A Lesegno infatti è attivo un vero e proprio Centro di Ricerca e Sviluppo, cuore pulsante delle nuove tecnologie implementate negli anni dall'azienda. Un laboratorio nato circa trent'anni fa con l'obiettivo di mettere in pratica l'attenzione alle innovazioni da sempre adottata dal Gruppo. È da sottolineare, infatti, la presenza di apparecchiature sofisticate, come ad esempio il Gleeble 3800, simulatore termomeccanico unico nel suo genere, o il forno fusorio sperimentale, il Centro di Riva Acciaio si è distinto negli anni per le collaborazioni fruttuose avvenute con i più importanti istituti universitari italiani. Studenti e professori della Scuola Superiore Sant'Anna di Pisa, del Politecnico di Milano, del Politecnico di Torino e infine delle Università di Pisa, Genova e Brescia hanno infatti potuto contribuire a numerosi progetti, anche di livello europeo, grazie ad attività di ricerca, dottorati e tesi di laurea.


Fonte notizia: https://www.originalcontents.eu/riva-acciaio-parte-il-progetto-per-lelettrodotto-lesegno-ceva/


Riva Acciaio |



Commenta l'articolo

 

Potrebbe anche interessarti

Riva Acciaio: le peculiarità del “Gleeble 3800”, esclusiva dello stabilimento di Lesegno


Siderurgia e made in Italy: la realtà produttiva di Riva Acciaio


Settore siderurgico: focus su Riva Acciaio, azienda leader in Italia


Riva Acciaio: qualità e innovazione pilastri del successo


Gruppo Riva: la strategia dedicata alle fermate estive


 

Se ritieni meritevole il nostro lavoro fai una donazione


Recenti

Stesso autore

Crisi di Governo, Lorenzo Mattioli (Confindustria Servizi HCFS): “C'è bisogno di stabilità”

Crisi di Governo, Lorenzo Mattioli (Confindustria Servizi HCFS): “C'è bisogno di stabilità”
Confindustria Servizi HCFS: instabilità politica e crisi economica, i temi al centro dell’intervista al Presidente Lorenzo Mattioli “Questa crisi di Governo non aiuta: crea ulteriore incertezza. Questo è un momento davvero complicato e difficile che non si può gestire in un clima politico precario”: così Lorenzo Mattioli, Presidente di Confindustria Servizi HCFS.Lorenzo Mattioli: cruciale dare risposte urgenti, non più derogabiliL’instabilità dell’attuale scenario politico sta mettendo a dura prova le imprese in Italia, g (continua)

Superbonus 110%: la proposta di Gruppo Green Power per l’efficientamento energetico

Superbonus 110%: la proposta di Gruppo Green Power per l’efficientamento energetico
Casa Efficiente di Gruppo Green Power permette a famiglie e aziende di risparmiare sui costi dell’energia e diminuire le emissioni approfittando del Superbonus Fondato nel 2010, Gruppo Green Power è uno dei maggiori operatori nazionali nell'ambito dell'efficientamento energetico.Gruppo Green Power: Superbonus, un iter semplificatoRisparmiare sui costi dell'energia e allo stesso tempo contribuire al miglioramento della qualità dell'aria: con Gruppo Green Power è possibile. Grazie al servizio dedicato al Superbonus 110%, tutti coloro ch (continua)

Benessere nei luoghi di lavoro: Riva Acciaio e il successo del progetto WHP

Benessere nei luoghi di lavoro: Riva Acciaio e il successo del progetto WHP
Lo scorso 1° marzo le buone pratiche adottate da Riva Acciaio a beneficio dei lavoratori di Caronno Pertusella sono state premiate dai promotori del progetto WHP Riva Acciaio aveva aderito lo scorso agosto al network grazie all’ATS Insubria.Riva Acciaio: le attività a sostegno della salute dei lavoratoriIl progetto “WHP - Workplace Health Promotion”, sostenuto dall’Unione degli Industriali della Provincia di Varese, ATS Insubria e Cgil-Cisl-Uil, è stato lanciato per promuovere attività a beneficio del benessere dei dipendenti. L’iniziativa, rivolta a (continua)

Italia e dossier industriali, Vito Gamberale: “Non serve nazionalizzare le autostrade”

Italia e dossier industriali, Vito Gamberale: “Non serve nazionalizzare le autostrade”
Alitalia, Ilva e banda larga alcuni dei temi cruciali per il Paese: in un intervento su “Il Foglio”, Vito Gamberale analizza l’attuale situazione dei dossier industriali in Italia “Non penso che questo governo abbia bisogno di compiere una mossa demagogica. Sembrerebbe quasi distonico. Salvo che non sia un’iniziativa autonoma di CDP, magari in coincidenza di prossime scadenze”: affidate alle pagine de “Il Foglio”, le considerazioni di Vito Gamberale su alcuni importanti fascicoli industriali in Italia.Vito Gamberale: un passo indietro sul dossier ASPI da parte del Governo“S (continua)

La ricetta di Serenissima Ristorazione per il contenimento delle perdite a causa della pandemia

La ricetta di Serenissima Ristorazione per il contenimento delle perdite a causa della pandemia
Tommaso Putin, CFO di Serenissima Ristorazione, racconta le strategie adottate per affrontare i cambiamenti causati dal Covid-19 nella ristorazione collettiva Tommaso Putin, CFO di Serenissima Ristorazione, ha parlato in un’intervista della situazione attuale dell’azienda dopo un 2020 influenzato dallo scoppio della pandemia e delle strategie adottate per fronteggiarla.Serenissima Ristorazione: differenziazione di portafoglio e consegna soluzioni vincenti nel contrasto al Covid-19Il 2020 nella ristorazione collettiva ha comportato una flessione generale (continua)