Home > Ambiente e salute > Visiera protettiva: come funziona e per chi è utile?

Visiera protettiva: come funziona e per chi è utile?

scritto da: Bestrank | segnala un abuso


Sempre più spesso vediamo persone che utilizzano le visiere protettive, realizzate in plastica e dotate di una fascia elastica nella parte posteriore, come sistema di sicurezza, al posto della classica mascherina chirurgica o in stoffa. Quante volte ti sarà capitato di chiederti: ma sono veramente efficaci e per chi servono?

Visiere protettive: chi le usa?

Di questi tempi, le visiere protettive sono utilizzate sempre da più persone, ma specialmente datutti coloro che devono stare strettamente a contatto con gli altri, come, per esempio, iparrucchieri, le estetiste, i dentisti e i commessi. Infatti, è risaputo che la trasmissione del virus avviene principalmente per via orale, per questo sarebbe meglio tenere una distanza di almeno un metro da chi ci sta intorno. Tuttavia, non sempre questo è possibile, ma dipende dalle situazioni: alcuni mestieri, come quelli citati sopra, non garantiscono il mantenimento della distanza, e per questo è utile essere dotati di vari sistemi di protezione individuale, non solo per noi ma anche per gli altri.

Il vantaggio principale è che sono facilmente ripulitili, e per questo hanno una durata maggiore rispetto alle semplici mascherine. Se si vuole incrementare il loro effetto protettivo sarà necessario utilizzarle insieme ad altri sistemi di protezione. Inoltre, permettono una comunicazione migliore rispetto alle semplici mascherine chirurgiche che coprono la bocca.

Tuttavia, la loro efficacia in confronto a quella delle mascherine non è stata ancora dimostrata.

Visiere protettive: la differenza con le mascherine

La principale differenza sta nel fatto che la mascherina chirurgica deve essere utilizzata solo una volta, in quanto disinfettarla può risultare molto difficile. Lo stesso vale per la mascherina in stoffa, che deve essere lavata e disinfettata dopo poche ore. Invece, per pulire e disinfettare una visiera protettiva basterà avere un po' di alcol o del sapone semplice con acqua calda, e potranno essere utilizzate fino alla loro rottura.

Inoltre, a livello facciale, le visiere protettive difendono molto di più rispetto a una mascherina, poiché coprono meglio tutto il viso e non solo naso e bocca. Le visiere protettive sono anche più facilmente utilizzabili e non danno quella fastidiosa sensazione, però necessaria per essere difesi, di soffocamento e mancanza d'aria (un problema non indifferente per tutti coloro che soffrono di asma).

Non causano neanche fastidi a contatto con la pelle, o irritazioni e pruriti, poiché non entrano direttamente in contatto con l'epidermide. Infine, la visiera protettiva offre protezione anche a chi la indossa, non solo agli altri come invece accade con le mascherine.

Visiere protettive: i limiti

Le visiere protettive, quindi, sembrano essere la soluzione ideale per difenderci dall'avanzata del virus. Tuttavia, anche questo tipo di sistema di sicurezza presenta dei limiti: quali sono? Per prima cosa, devono essere tolte, così come per le mascherina, mentre si mangia o si beve, e la loro efficacia contro il virus non è confermata da diversi studi. Inoltre, la visiera protettiva non difende la parte di dietro del nostro viso, che quindi è più facilmente esposta rispetto a quanto accade quando si indossa la mascherina.

Secondo studi recenti, tuttavia, la visiera protettiva ridurrebbe del 96% l'esposizione entro un minuto (quindi a breve termine) alle particelle infettive che potrebbero farci ammalare.

Visiere protettive: chi le può usare

Le visiere protettive sono adatte a tutti, anche ai bambini. Soprattutto in Giappone e in America questa tipologia di protezione è ampiamente utilizzata dai bambini dell'asilo nido e della scuola elementare.

In generale, le visiere protettive sono di facile produzione, per questo non è difficile trovarle in commercio anche in Italia o online su siti come visieraprotettiva.net e impediscono di toccare la faccia con le mani sporche, uno dei mezzi principali di trasmissione del virus.



Commenta l'articolo

 

Potrebbe anche interessarti

Thomson presenta la nuova gamma di Campanelli Wireless: design compatto e funzionalità esclusive


Ecco Miss Humanroot con "Go (Denge)"


Indicatori e tappi di sfiato: la gamma di accessori per sistemi oleodinamici Elesa


I Vantaggi dei Caschi Integrali Rispetto ai Caschi Aperti


Trasferire file di grande dimensione velocemente


 

Se ritieni meritevole il nostro lavoro fai una donazione


Recenti

Stesso autore

Assistenti vocali per la casa: guida ai migliori prodotti

Da qualche anno gli assistenti vocali stanno diventando una componente sempre più comune, importante e utile nelle nostre case.  Dal punto di vista tecnico questi dispositivi si possono identificare come software di altissima generazione in grado di riconoscere e rispondere alla voce umana.Cosa puoi fare con il tuo assistente vocale? Il suo obbiettivo è quello di coccolarti e aiutarti nel (continua)

Guanti da lavoro: cosa cambia tra lattice e nitrile?

Quando si scelgono dei buoni guanti da lavoro non si può proprio fare a meno di prestare una particolare attenzione al materiale. Quest'ultimo, difatti, influirà non solo sul fattore della sicurezza, ma anche sulla qualità del lavoro. Principalmente, nella realizzazione dei guanti da lavoro vengono usati due materiali in particolare: il nitrile e il lattice. Entrambi hanno dei loro lati posi (continua)

Termometri senza contatto: quanto sono affidabili?

I termometri senza contatto sono dei termometri utilizzabili in qualsiasi situazione e che hanno un funzionamento differente rispetto a quelli normalmente presenti nelle nostre case. In commercio esistono diversi termometri che agiscono a seconda delle varie zone di misurazione, come ed esempio quella orale, rettale o ascellare. Grazie al termometro a infrarossi è possibile misurare la tem (continua)

Shampoo solido: come funziona?

Benessere e cura per l'ambiente Se è vero che spesso e volentieri la sola apparenza è potenzialmente in grado di trarre in inganno, è altrettanto vero che, nel caso particolare dello shampoo solido, tale dicitura è ampiamente confermata. Malgrado un aspetto nulla affatto dissimile da quello che caratterizza la tradizionale e giornalmente utilizzata saponetta, si tratta in realtà di un p (continua)

Le cose da sapere prima di acquistare una piscina fuori terra

Quando arriva la bella stagione, il caldo e le giornate afose un pensiero ricorrente è quello di poter trascorrere il nostro tempo libero in acqua insieme alla nostra famiglia o ai nostri amici in armonia e divertimento. Se disponi dello spazio necessario e stai pensando di regalarti e regalare ai tuoi cari una piscina fuori terra comequelle che puoi trovare sul sito www.piscinegonfiabili.ne (continua)