Home > News > Covid-19 e nuovo Dpcm, Mauriello (Meritocrazia Italia): "Si può e si deve evitare la crisi sociale"

Covid-19 e nuovo Dpcm, Mauriello (Meritocrazia Italia): "Si può e si deve evitare la crisi sociale"

scritto da: Mimmo.Media84 | segnala un abuso

Covid-19 e nuovo Dpcm, Mauriello (Meritocrazia Italia):


"L’ulteriore richiesta di sacrificio ad una popolazione spaventata e disorientata, provata dalla crisi economica e sociale in corso, accresce il disagio e procura un’insoddisfazione che ha già trovato espressione in aggressive rimostranze di piazza".

Ne è convinto Walter Mauriello, presidente di Meritocrazia Italia, commentando le chiusure commerciali imposte dall'ultimo Dpcm. "La fiducia che alleviava i timori durante il lockdown d’inizio anno - spiega Mauriello - è stata assorbita dagli affanni economici di chi, prima ancora di riuscire ad ammortizzare le perdite subite tra febbraio e giugno e le spese sostenute per l’adeguamento a misure di contenimento imposte e ormai superate, è costretto ad un nuovo arresto". 

"A ciò - continua - si aggiunga l’incomprensibilità di scelte che penalizzano interi settori, senza spiegarne le ragioni a fronte di condotte esattamente specchiate in altri comparti che invece sono rimasti non attinti dai divieti del DPCM. Il tutto condito da una classificazione di non essenzialità finanche della cultura, proprio in un Paese come l’italia. La politica assistenzialista, fatta di promesse di sostegno finanziario e non accompagnata da un fattivo impegno nella prevenzione e nel recupero sanitario e da seria programmazione, non fa più presa e non basta a contenere ansia e frustrazione". 

Meritocrazia Italia torna a ribadire l’importanza di scongiurare un nuovo indiscriminato lockdown, "purtroppo nei fatti già avviato" secondo l'associazione, ed insiste nel sostenere che, al fine di garantire a un tempo la sicurezza sanitaria pubblica e la tenuta economica del Paese, sia fondamentale muovere nell’opposta direzione della estensione degli orari di apertura di esercizi commerciali, centri sportivi e luoghi di cultura e aggregazione, sia pure assicurando maggior rigore nel rispetto dei protocolli di sicurezza. 

"Per altro verso - conclude - è certo che l’aggravarsi della situazione pandemica, nella seconda ondata di contagi, imponga nuovi interventi ed è per questo che Meritocrazia riafferma l’opportunità di dare attuazione alle tante proposte già avanzate in questi mesi e, nella ferma convinzione che l’equilibrio sociale passi per la parità di attenzione riservata a tutte le categorie in debolezza senza ingenue distinzioni tra attività ‘essenziali’ e ‘non essenziali’".


Commenta l'articolo

 

Potrebbe anche interessarti

COVID e Cuore: nuovo portale web per supportare gli specialisti


Carlo Malinconico interviene come relatore a una tavola rotonda sul tema mal di merito e mal di concorrenza


Covid-19, Meritocrazia chiede il rinvio delle prove di abilitazione professionale: "Regole del gioco falsate"


COVID-19 e rischio coagulazione, nasce il primo registro italiano dei pazienti a cura degli scienziati della Fondazione Arianna Anticoagulazione


Emergenza Coronavirus e le difficili condizioni di noi medici lavoratori: la lettera aperta delle RSA ANMIRS


 

Se ritieni meritevole il nostro lavoro fai una donazione


Recenti

Stesso autore

Covid e welfare, l'appello di Meritocrazia Italia: "Le misure di contenimento tengano conto delle persone disabili"

Covid e welfare, l'appello di Meritocrazia Italia:
La terribile comparsa della pandemia da Coronavirus per milioni di cittadini italiani con disabilità ha rappresentato un ulteriore colpo alla qualità di vita di questo esercito “invisibile”. Ne é convinta Meritocrazia Italia, che descrive questo "esercito" come "invisibile alle priorità della politica che ha relegato la condizione della disabilità nell’adulto ad un assegno di invalidità e nel (continua)

Un appello per la verità su Mario Paciolla: il XII Festival del Cinema dei Diritti Umani di Napoli dedicato alla memoria del cooperante morto in Colombia

Un appello per la verità su Mario Paciolla: il XII Festival del Cinema dei Diritti Umani di Napoli dedicato alla memoria del cooperante morto in Colombia
La XII edizione del Festival sarà presentata in streaming con la partecipazione della famiglia Paciolla, del consulente legale Alessandra Ballerini e del presidente FNSI, Giuseppe Giulietti. Il saluto del Sindaco de Magistris e dell’assessore De Majo. NAPOLI - Sarà dedicata a Mario Paciolla, il cooperante napoletano 33enne morto in Colombia per circostanze tutte (continua)

Palestra in casa e trainer virtuali: McFIT rilancia la app Cyberobics con 70 classi live e 100 videocorsi on demand

Palestra in casa e trainer virtuali: McFIT rilancia la app Cyberobics con 70 classi live e 100 videocorsi on demand
Milano, 5.11.2020 – McFIT, in seguito alle restrizioni imposte dal recente DPCM, che ha chiuso di nuovo le palestre in Italia, ha deciso di potenziare ulteriormente l’offerta dell’app Cyberobics che, già nella scorsa primavera, aveva permesso a circa 2 milioni di persone nel mondo di allenarsi e tenersi in forma da casa.  L’Italia peraltro era risultata al secondo posto do (continua)

TREEFOLK’S PUBLIC HOUSE

TREEFOLK’S PUBLIC HOUSE
Apre in Viale di Trastevere uno dei più grandi Whisky e Cask Bar con ristorante gourmet a Roma. Nel quartiere Trastevere, il 2 ottobre ha aperto  il Treefolk’s Public House, uno dei più grandi whisky e Cask bar a Roma con una collezione di 60 etichette di whisky vintage fuori produzione, 500 etichette in mescita e una selezione di 12 birre a pompa e 8 spine.Il Treefolk’s Public Hous (continua)

Su Red Bull TV arriva “Brad Binder: Becoming 33”, il film sul primo e unico pilota sudafricano a vincere una gara in MotoGP

Su Red Bull TV arriva “Brad Binder: Becoming 33”, il film sul primo e unico pilota sudafricano a vincere una gara in MotoGP
Milano, 05.11.20 - La stagione di MotoGP si prepara a volgere al termine con le ultime tre gare del campionato. Ad impreziosire questo finale ci sarà anche, in esclusiva su Red Bull TV, il film ‘Brad Binder: Becoming 33’, che racconta l’eccezionale storia del giovane pilota, divenuto il primo e unico vincitore di una gara in top class sia per la sua nazione, il Sudafrica, sia per il team RedBull K (continua)