Home > Eventi e Fiere > Progetto ‘Oncorete Sharing and Innovation System’: “Indispensabile una Rete oncologica in ogni Regione italiana”

Progetto ‘Oncorete Sharing and Innovation System’: “Indispensabile una Rete oncologica in ogni Regione italiana”

scritto da: Motore sanita | segnala un abuso

Progetto ‘Oncorete Sharing and Innovation System’: “Indispensabile una Rete oncologica in ogni Regione italiana”

Roma, 26 ottobre 2020 - Supportare un modello di governance innovativo ed efficiente che porti indubbi vantaggi ai pazienti. Il Progetto ‘Oncorete Sharing and Innovation System’, serie di appuntamenti regionali, organizzati da Motore Sanità, con il contributo incondizionato di Bristol-Myers Squibb, oggi fa tappa nel Lazio per tirare le somme con tutti gli esperti a livello nazionale.


Le best practices a livello regionale sono fondamentali per migliorare le reti oncologiche e centri oncologici che progressivamente si stanno formando. Allo stesso modo è importante comunicare ai cittadini i risultati raggiunti dalle reti oncologiche al fine di aggiornarli sui progressi medici raggiunti. Le reti oncologiche regionali rappresentano il modello organizzativo ottimale per implementare, innovare e completare la prevenzione, diagnosi, cura e riabilitazione fisica e psicologica dei pazienti colpiti da tumore. Le Reti regionali per assicurare sostenibilità del sistema e capillarità necessitano di aumentare il livello di comunicazione tra operatori, pazienti ed istituzioni all’interno della rete, utilizzando la continua evoluzione tecnologica, come l’appropriatezza dei farmaci ad alto valore.

“Il modello a Rete si conferma per l'oncologia come quello in grado di meglio rispondere alla complessità del percorso del paziente oncologico. La Rete garantisce equità di accesso, valutazione multidisciplinare, omogeneità delle prestazioni, utilizzo governato dell'innovazione, distribuzione delle funzioni secondo volumi e complessità della casistica. La pandemia COVID ha dato una forte accelerazione a processi di reale integrazione tra ospedale e territorio nell'ottica di definire nuovi setting assistenziali quali: il domicilio, le cure intermedie e più in generale le attività del Cronich care model che appaiono più rispondenti ad alcune esigenze del paziente oncologico. La Rete, intesa come "squadra" di competenze diverse ma tra loro coerenti, ha l'opportunità di definire nuovi paradigmi assistenziali nell'ambito di una regia unitaria e fortemente supportata da infrastrutture telematiche efficienti. Ad oggi in Italia esistono reti strutturate in Piemonte e Valle d'Aosta, Liguria, Veneto, Toscana, Umbria, Campania e Puglia, mentre in altre Regioni siamo ancora in una fase propedeutica che deve però essere sostenuta e facilitata. Occorre in questa fase rafforzare e supportare le azioni del Ministero della Salute e di Agenas per una più ampia diffusione di questo modello organizzativo in grado di colmare anche differenze oggi presenti nel paese”, ha spiegato Gianni Amunni, Direttore Generale Istituto per lo Studio, la Prevenzione e la Rete Oncologica (ISPRO) Regione Toscana 

Il progetto ha visto il coordinamento nelle varie tappe regionali da parte di:

CAMPANIA - Sandro Pignata, Coordinatore Scientifico Rete Oncologica Campana, Direttore Oncologia Uro-Ginecologica, Istituto Nazionale Tumori IRCCS Fondazione “G. Pascale” Napoli, Presidente Comitato Tecnico-Scientifico ACTO Campania 

EMILIA-ROMAGNA – Carmine Pinto, Direttore Dipartimento Oncologico e Tecnologie Avanzate, IRCSS Istituto in Tecnologie Avanzate e Modelli Assistenziali in Oncologia, Reggio Emilia 

LIGURIA – Paolo Pronzato, Coordinatore DIAR Oncoematologia Regione Liguria 

MARCHE – Rossana Berardi, Direttore Clinica Oncologica UNIVPM-AOU Ospedali Riuniti di Ancona 

PIEMONTE – Oscar Bertetto, Direttore Rete Oncologica Piemonte e Valle d’Aosta 

PUGLIA - Giammarco Surico, Coordinatore Regionale Rete Oncologica Regione Puglia 

TOSCANA – Gianni Amunni, Direttore Generale Istituto per lo Studio, la Prevenzione e la Rete Oncologica (ISPRO) Regione Toscana 

VENETO – Pierfranco Conte, Direttore SC Oncologia Medica 2 IRCCS Istituto Oncologico Veneto, Padova - Direttore della Scuola di Specializzazione in Oncologia Medica Dipartimento di Scienze Chirurgiche Oncologiche e Gastroenterologiche, Università di Padova, Coordinatore Rete Oncologica Veneta

Ufficio stampa Motore Sanità 

comunicazione@motoresanita.it 

Francesca Romanin - Cell. 328 8257693 

Marco Biondi - Cell. 327 8920962


Fonte notizia: https://www.motoresanita.it/


webinar | oncorete | oncologia | motore sanità |



Commenta l'articolo

 

Potrebbe anche interessarti

La nuova stagione di Villa Pagoda, tra risate, cucina innovativa e musica dal vivo


Prossimi appuntamenti con i Trilli: dal ricordo di Pippo dei Trilli al gemellaggio con Calasetta


Villa Pagoda, i Soggetti Smarriti protagonisti del terzo appuntamento con "Kitchen&Comedy Lab"


Villa Pagoda, Balbontin protagonista del secondo appuntamento con Kitchen&Comedy Lab


Porti liguri, l'innovazione dei trasporti nella conferenza "L'evoluzione energetica nei trasporti"


this speech collected Zi Zi students usually written down


 

Se ritieni meritevole il nostro lavoro fai una donazione


Recenti

Stesso autore

Telemedicine R-Evolution: Telemedicina e gestione del paziente cronico nell'era Covid-19. Come è evoluta la situazione in questi 6 mesi e cosa ci attende’

Lunedì 23 novembre dalle ore 17 alle 19, si terrà il webinar: ‘TELEMEDICINE R-EVOLUTION: TELEMEDICINA E GESTIONE DEL PAZIENTE CRONICO NELL'ERA COVID-19. COME È EVOLUTA LA SITUAZIONE IN QUESTI 6 MESI E COSA CI ATTENDE’, organizzato da Mondosanità. Lunedì 23 novembre dalle ore 17 alle 19, si terrà il webinar: ‘TELEMEDICINE R-EVOLUTION: TELEMEDICINA E GESTIONE DEL PAZIENTECRONICO NELL'ERA COVID-19. COME È EVOLUTA LA SITUAZIONE IN QUESTI 6 MESI E COSA CI ATTENDE’, organizzato da Mondosanità. Da lungo tempo si parla nel nostro Paese di digitalizzazione e di telemedicina. L’emergenza do (continua)

'Vivere la cronicità al tempo del Covid. Il percorso del paziente’

Lunedì 23 novembre dalle ore 10:30 alle 13:30, si terrà il webinar: ‘VIVERE LA CRONICITÀ AL TEMPO DEL COVID. IL PERCORSO DEL PAZIENTE’, organizzato da MOTORE SANITÀ. Lunedì 23 novembre dalle ore 10:30 alle 13:30, si terrà il webinar: ‘VIVERE LA CRONICITÀ AL TEMPO DEL COVID. IL PERCORSO DEL PAZIENTE’, organizzato da  MOTORE SANITÀ. La gestione delle malattie croniche autoimmuni, allergiche e infiammatorie come tutte le altre malattie croniche si è rilevata inquesto periodo di pandemia molto c (continua)

'Terapia e presa in carico domiciliare del paziente affetto da Covid-19’ - 20 Novembre 2020

Venerdì 20 novembre dalle ore 11 alle 13:30, si terrà il webinar: ‘TERAPIA E PRESA IN CARICO DOMICILIARE DEL PAZIENTE AFFETTO DA COVID-19’, organizzato da MOTORE SANITÀ. Venerdì 20 novembre dalle ore 11 alle 13:30, si terrà il webinar: ‘TERAPIA E PRESA IN CARICO DOMICILIARE DEL PAZIENTE AFFETTO DA COVID-19’,organizzato da  MOTORE SANITÀ. La terapia domiciliare e la presa in carico del paziente affetto da coronavirus è un tema di estrema attualità, molto sentito dall’opinione pubblica. Attualmente gli (continua)

'Focus Puglia. La realtà italiana della cirrosi epatica in epoca Covid-19 tra terapie e impatto socio-economico’ - 19 Novembre

domani 19 novembre dalle ore 11 alle 13, si terrà il webinar: ‘FOCUS PUGLIA. LA REALTÀ ITALIANA DELLA CIRROSI EPATICA IN EPOCA COVID-19 TRA TERAPIE E IMPATTO SOCIO-ECONOMICO’, organizzato da MOTORE SANITÀ. domani 19 novembre dalle ore 11 alle 13, si terrà il webinar: ‘FOCUS PUGLIA. LA REALTÀ ITALIANA DELLA CIRROSI EPATICA IN EPOCA COVID-19TRA TERAPIE E IMPATTO SOCIO-ECONOMICO’, organizzato da  MOTORE SANITÀ. I deceduti per cirrosi epatica in Italia sono oggi circa 15.000 all’anno. Le nuove terapie per l’Epatite C ed i successi dei trapianti di fegato (continua)

ONCOLOGIA e ONCOEMATOLOGIA: “Collaborazione e comunicazione per garantire innovazione e sostenibilità al servizio del paziente”

7 novembre 2020 – L’attuale pandemia Covid-19 ha fatto comprendere come il sistema salute negli ultimi anni sia stato continuamente depauperato di mezzi e risorse, volendo mantenere il paziente al centro del sistema, tutto deve essere volto per garantirgli un beneficio in termini di salute e di vita. 17 novembre 2020 – L’attuale pandemia Covid-19 ha fatto comprendere come il sistema salute negli ultimi anni sia statocontinuamente depauperato di mezzi e risorse, volendo mantenere il paziente al centro del sistema, tutto deve esserevolto per garantirgli un beneficio in termini di salute e di vita. Tra le innumerevoli innovazioni terapeutiche in oncologia eoncoematologia si è arriv (continua)