Home > Eventi e Fiere > 'I test sierologici per la diagnosi di Covid-19. Esperti a confronto' - 28 Ottobre 2020 - ORE 15

'I test sierologici per la diagnosi di Covid-19. Esperti a confronto' - 28 Ottobre 2020 - ORE 15

scritto da: Motore sanita | segnala un abuso

'I test sierologici per la diagnosi di Covid-19. Esperti a confronto' - 28 Ottobre 2020 - ORE 15

Il prossimo mercoledì 28 ottobre dalle ore 15 alle 17, si terrà il webinar ‘I TEST SIEROLOGICI PER LA DIAGNOSI DI COVID-19. ESPERTI A CONFRONTO’, organizzato da Mondosanità.


I test sierologici sono utili per scopi di ricerca epidemiologica su campioni di popolazioni o sul singolo paziente per studiarne per esempio l’andamento anticorpale nel tempo, sono utili anche per identificare i potenziali donatori di siero terapeutico e come esame complementare al test molecolare. Nel futuro potranno servire per studiare, nelle popolazioni vaccinate, per quanto tempo queste sono protette da un eventuale nuovo contatto da Sars Cov2 e se sarà eventualmente necessario somministrare nuove dosi di vaccino per garantire la protezione immunitaria.  I test sierologici, così come riportato da diversi studiosi, forniscono il "film" della malattia e non un'istantanea, ci consentono di sapere quante persone hanno realmente incontrato il virus e sono utili per l’identificazione dell’infezione da Sars Cov2 in individui asintomatici o con sintomatologia lieve o moderata che si presentino tardi alla osservazione clinica. Ciò è importante soprattutto alla luce del fatto che molti soggetti con Covid-19 hanno avuto sintomi blandi o addirittura sono risultati asintomatici. Grazie a ai test sierologici è possibile definire il tasso di letalità della malattia, la diffusione geografica e la diffusione nelle diverse fasce di età, indicazioni utili per pianificare quando, come e quanto allentare le misure restrittive o invece imporre misure nuove. I test molecolari e sierologici che nei prossimi mesi saranno disponibili sul mercato garantiranno al personale sanitario e alla popolazione risposte sempre più rapide rispetto al passato e saranno sempre più importanti utilizzarli per contenere la diffusione del virus e assicurare una tempestività di intervento clinico/terapeutico sul soggetto contagiato garantendo anche che le attività produttive diano un nuovo slancio alla ripresa economica del nostro Paese,nella speranza che al più presto venga reso disponibile un vaccino sicuro ed efficace capace di eradicare definitivamente questo virus dal genere umano. 

TRA GLI ALTRI, PARTECIPANO: 

- Graziella Calugi, Chief Medical Officer Life Brain 

- Antonio Cascio, Direttore Unità Operativa Malattie Infettive Policlinico "P. Giaccone", Palermo 

- Pierangelo Clerici, Presidente dell'Associazione Microbiologi Clinici Italiani (AMCLI) 

- Francesco Equitani, Direttore Dipartimento Servizi ASL Latin

- Tiziana Lazzarotto, Direttore Scuola di Specializzazione Microbiologia e Virologia Università Bologna 

- Rossana Pulselli, Dirigente Biologo UOC Patologia Clinica, Azienda USL Frosinone 

MODERANO: 

- Antonio Giordano, Professore Dipartimento Biotecnologie Mediche Università di Siena e Direttore Sbarro Institute for Cancer Research and Molecular Medicine Temple University Philadelphia Pennsylvania USA 

- Giulia Gioda, Giornalista 

- Georges Paizis, Direzione Scientifica Motore Sanità

 

Per partecipare al webinar del 28 ottobre, iscriviti al seguente link: https://bit.ly/31EvulW

Ufficio stampa Mondosanità 

comunicazione@mondosanità.it 

Francesca Romanin - Cell. 328 8257693 

Marco Biondi - Cell. 327 8920962

webinar | mondosanità | test sierologici | covid19 |



Commenta l'articolo

 
 

Se ritieni meritevole il nostro lavoro fai una donazione


Recenti

Stesso autore

Cancro e Covid: come uscire dall’emergenza?

Il dramma della pandemia: diminuzione di circa il 30% dell’attività di screening e degli interventi chirurgici per tumore, che varia dal 20% al 24% al 30%. Impatto significativo sul numero di nuove diagnosi e trattamenti, oltre che sulle richieste di visite specialistiche ed esami. Gli oncologi visitano 25-30 pazienti in meno la settimana. Il dramma della pandemia: diminuzione di circa il 30% dell’attività di screeninge degli interventi chirurgici per tumore, che varia dal 20% al 24% al 30%.Impatto significativo sul numero di nuove diagnosi e trattamenti, oltre chesulle richieste di visite specialistiche ed esami. Gli oncologi visitano 25-30pazienti in meno la settimana. 17 Aprile 2021 - Secondo una recente analisi delle attivi (continua)

Cancro e Covid: il grido d’allarme dei pazienti e delle loro Associazioni Contro l’emergenza oncologica serve subito un nuovo Piano Nazionale

L’appello di FAVO al Governo: «Bisogna garantire la sicurezza ai malati oncologici, tra le persone più fragili, l’immediato ricorso alla vaccinazione e percorsi differenziati negli ospedali. Le associazioni dei malati chiedono il diritto ad un Piano di emergenza per abbattere le liste di attesa in chirurgia oncologica». L’appello di FAVO al Governo: «Bisogna garantire la sicurezza ai malati oncologici,tra le persone più fragili, l’immediato ricorso alla vaccinazione e percorsidifferenziati negli ospedali. Le associazioni dei malati chiedono il diritto ad unPiano di emergenza per abbattere le liste di attesa in chirurgia oncologica». «L’Italia resterà fanalino di coda se non si attiverà un piano che preveda i (continua)

Ancora troppo bassi i livelli di aderenza terapeutica. Le conseguenze sono drammatiche: decessi e costi altissimi per il SSN

Cittadinanzattiva: «Serve più tempo da dedicare ai pazienti, formazione a personale sanitario, caregiver familiare e professionale e attuare il Piano della Cronicità su tutto il territorio». Cittadinanzattiva: «Serve più tempo da dedicare ai pazienti, formazione apersonale sanitario, caregiver familiare e professionale e attuare il Pianodella Cronicità su tutto il territorio». Il 50% dei pazienti in trattamento con antidepressivi sospende i farmacientro 3 mesi, oltre il 70% entro 6 mesi; solo il 13,4% dei pazienti è risultatoaderente ai trattamenti con i farmaci pe (continua)

Scarsa o mancata aderenza terapeutica: “Quali conseguenze cliniche e economiche per il SSN? La situazione della Regione Toscana e Emilia-Romagna”

14 aprile 2021 - 7 milioni di persone in Italia sono colpite da malattie croniche, si stima però che solo la metà assuma i farmaci in modo corretto e fra gli anziani le percentuali superano il 70%. Le cause di mancata o scarsa aderenza ai trattamenti sono molteplici: complessità del trattamento, inconsapevolezza della malattia, follow-up inadeguato, timore di reazioni avverse, decadimento cognitivo e depressione. 14 aprile 2021 - 7 milioni di persone in Italia sono colpite da malattie croniche, sistima però che solo la metà assuma i farmaci in modo corretto e fra gli anziani lepercentuali superano il 70%. Le cause di mancata o scarsa aderenza ai trattamentisono molteplici: complessità del trattamento, inconsapevolezza della malattia,follow-up inadeguato, timore di reazioni avverse, decadimento cognitivo ed (continua)

Cancro e Covid L’emergenza nell'emergenza. L’oncologia nell'era intra e post pandemica - 16 Aprile 2021, ORE 11

il prossimo venerdì 16 Aprile dalle ore 11 alle 13, si terrà l'incontro: ‘CANCRO E COVID L’EMERGENZA NELL’EMERGENZA. L’ONCOLOGIA NELL’ERA INTRA E POST PANDEMICA’, organizzato da Motore Sanità, in collaborazione con FAVO - Federazione Italiana delle Associazioni di Volontariato in oncologia. il prossimo venerdì 16 Aprile dalle ore 11 alle 13, si terrà l'incontro: ‘CANCRO E COVID L’EMERGENZA NELL’EMERGENZA. L’ONCOLOGIA NELL’ERA INTRA E POST PANDEMICA’, organizzato da Motore Sanità, incollaborazione con FAVO - Federazione Italiana delle Associazioni di Volontariato in oncologia.L’emergenza oncologica è una realtà preoccupa (continua)