Home > Pubblica amministrazione > CORTE DI APPELLO DI PALERMO, GRIDO D’ALLARME DELLA UILPA SICILIA : “TRE CENTRALINISTI AFFETTI DA CECITÀ E IPOVISIONE ANCORA A LAVORO IN UFFICIO MALGRADO IL PARERE DEL MEDICO COMPETENTE”

CORTE DI APPELLO DI PALERMO, GRIDO D’ALLARME DELLA UILPA SICILIA : “TRE CENTRALINISTI AFFETTI DA CECITÀ E IPOVISIONE ANCORA A LAVORO IN UFFICIO MALGRADO IL PARERE DEL MEDICO COMPETENTE”

scritto da: Marianna La Barbera | segnala un abuso

CORTE DI APPELLO DI PALERMO, GRIDO D’ALLARME DELLA UILPA SICILIA : “TRE CENTRALINISTI AFFETTI DA CECITÀ E IPOVISIONE ANCORA A LAVORO IN UFFICIO MALGRADO IL PARERE DEL MEDICO COMPETENTE”

Il segretario generale Alfonso Farruggia sottolinea l'urgenza dello smart working per i lavoratori fragili


Una nuova situazione problematica all’interno del Tribunale di Palermo al centro dell’attenzione della UILPA Sicilia che, ormai da mesi, denuncia “comportamenti socio – sanitari deficitari da parte dell’amministrazione giudiziaria” in relazione alla complessa gestione dell’emergenza sanitaria in atto.
 Nello specifico, a preoccupare il segretario generale Alfonso Farruggia è la vicenda di alcuni centralinisti – ciechi e ipovedenti – che prestano servizio presso la Corte di Appello di Palermo.
 “Si tratta – spiega l’esponente sindacale – di tre unità che, malgrado l’ evidente fragilità, continuano a operare in presenza anche se, nel loro caso, dovrebbe già essere stata pienamente attivata l’organizzazione del lavoro in smart working”.
Come spiega il segretario, infatti, la mansione di centralinista può conciliarsi con la pratica del lavoro da remoto, attraverso l’utilizzo della tecnologia, che consente di deviare le chiamate a qualsiasi postazione telefonica, anche dalla propria abitazione.
 “Davvero non si comprende – aggiunge  – come, a fronte di una procedura così semplice che non necessita di particolari interventi, l’amministrazione non abbia già provveduto a mettere in regime di sicurezza il personale”.
Sul caso specifico, inoltre, si registra il parere del medico competente incaricato dall’amministrazione che, in una relazione da egli stesso stilata, certifica in maniera chiara, nei confronti di una centralinista – assunta peraltro nel bacino delle categorie protette -  come la lavoratrice risulti maggiormente  esposta al rischio di contrarre il Covid 19 per le sue particolari condizioni, che renderebbero necessaria la permanenza a casa sino alla fine dell’emergenza.
Sul versante dei lavoratori fragili, intanto, la UILPA Sicilia invita le pubbliche amministrazioni ad attenersi scrupolosamente agli accertamenti dei medici competenti , nel caso di prescrizione ad operare in remoto dal proprio domicilio.
“Una battaglia di civiltà – precisa il segretario generale della Uil Pubblica Amministrazione Sicilia – sulla quale non faremo alcuno sconto per il bene della salute dei dipendenti e della collettività, e denunceremo tutti i casi di mancato rispetto delle indicazioni del medico competente e di obbligo, per il personale interessato,  a svolgere in presenza l’attività lavorativa”.
Più in generale, sul fronte dello smart working, Farruggia sottolinea i contenuti del Decreto del Ministero della Funzione pubblica dello scorso 19 ottobre, con il quale si precisa che le pubbliche amministrazioni, in considerazione dell’evoluzione della situazione epidemiologica, debbano assicurare le più elevate percentuali possibili di lavoro agile.
“Tutte le esigenze, ormai – conclude Farruggia – devono essere riprogrammate in funzione della salute pubblica, pertanto non basta più applicare la percentuale minima di lavoro da remoto per stare a posto con la coscienza: occorre individuare semmai la percentuale più alta, al netto delle funzioni imprescindibili che rendono necessario operare in  presenza”.                                                                                                 

Palermo | Tribunale | Corte d Appello | smart working | UILPA Sicilia | Alfonso Farruggia |



Commenta l'articolo

 

Potrebbe anche interessarti

Cecità Corticale, I Metodi Di Comunicazione E Gli Aiuti


Telecamera Hybrid LKM Security: L'allarme perfetto per la Casa Intelligente


LA TECNOLOGIA AL SERVIZIO DELL’IPOVISIONE


TRIBUNALE DI PALERMO, ALTRI DUE AVVOCATI POSITIVI. AL VIA LE GRADUATORIE PER LO SMART WORKING A SEGUITO DELLE SOLLECITAZIONI DELLA UILPA SICILIA


PLAUSO DELLA UILPA SICILIA ALL’AMMINISTRAZIONE GIUDIZIARIA DI PALERMO: “EFFETTUATI I TEST AL PERSONALE, SOLTANTO QUATTRO CASI DI POSITIVITÀ”


 

Se ritieni meritevole il nostro lavoro fai una donazione


Recenti

Stesso autore

PLAUSO DELLA UILPA SICILIA ALL’AMMINISTRAZIONE GIUDIZIARIA DI PALERMO: “EFFETTUATI I TEST AL PERSONALE, SOLTANTO QUATTRO CASI DI POSITIVITÀ”

PLAUSO DELLA UILPA SICILIA ALL’AMMINISTRAZIONE GIUDIZIARIA DI PALERMO: “EFFETTUATI I TEST AL PERSONALE, SOLTANTO QUATTRO CASI DI POSITIVITÀ”
Il tema cruciale da affrontare, per l’organizzazione sindacale, è ora la piena applicazione della direttiva sulla tutela dei dipendenti in condizioni di particolare fragilità Apprezzamento e soddisfazione da parte della UILPA Sicilia in merito alle misure adottate dall’amministrazione giudiziaria a tutela della salute dei dipendenti che prestano servizio presso gli uffici del Tribunale di Palermo. A manifestarli è il segretario generale Alfonso Farruggia, in una lettera trasmessa, tra gli altri,  al procuratore generale della Repubblica Roberto Scarpinato e a (continua)

CHIAREZZA SULLO SVERSAMENTO DI GASOLIO A FAVIGNANA, LA CENTRALE ELETTRICA RIBADISCE: “NESSUNA INERZIA, ABBIAMO FATTO PERSINO PIÙ DI QUANTO RICHIESTO DALLA LEGGE”

CHIAREZZA SULLO SVERSAMENTO DI GASOLIO A FAVIGNANA, LA CENTRALE ELETTRICA RIBADISCE: “NESSUNA INERZIA, ABBIAMO FATTO PERSINO PIÙ DI QUANTO RICHIESTO DALLA LEGGE”
La Società Elettrica torna sulla vicenda dello sversamento di gasolio nell’area protetta, un incidente verificatosi negli anni ottanta, che vede rinviati a giudizio la S.p.A. e l'amministratore delegato Filippo Accardi  “La SEA, Società Elettrica di Favignana, non è mai stata inerte di fronte all’accaduto, in nessuna occasione negato dall’amministratore delegato, anzi riconosciuto e comunicato agli enti competenti così come previsto dalla legge”:  con queste parole del professore Filippo Accardi, la Società Elettrica di Favignana torna sulla vicenda dello sversamento di gasolio nell’area protetta, u (continua)

INGRESSI AL TRIBUNALE DI PALERMO, LA UILPA SICILIA: “NESSUNA REGOLAMENTAZIONE ANTI – COVID 19, OCCORRE RISOLVERE IL NODO CRUCIALE DELLE UDIENZE IN PRESENZA”

INGRESSI AL TRIBUNALE DI PALERMO,  LA UILPA SICILIA: “NESSUNA REGOLAMENTAZIONE ANTI – COVID 19, OCCORRE RISOLVERE IL NODO CRUCIALE DELLE UDIENZE IN PRESENZA”
In merito al lavoro agile, inoltre, il sindacato si dichiara “deluso dalle percentuali applicate ad oggi” “La cittadella giudiziaria di Palermo ha progressivamente assunto le caratteristiche di un vero e proprio focolaio, come testimoniano i contagi e il trend crescente di positività al Coronavirus, tra dipendenti, avvocati e magistrati: malgrado ciò, ad oggi, non si registra alcuna presa di posizione seria e concreta da parte dell’amministrazione giudiziaria, al netto di alcuni provvedimenti di (continua)

COVID 19 E AUMENTO DEI PREZZI, LA CIDEC SICILIA CHIEDE ALL’ASSESSORE REGIONALE GIROLAMO TURANO UN’AZIONE DI MONITORAGGIO : “NO A SPECULAZIONI SULLA PELLE DEI CITTADINI E DEI COMMERCIANTI IN DIFFICOLTÀ”

COVID 19 E AUMENTO DEI PREZZI, LA CIDEC SICILIA CHIEDE ALL’ASSESSORE REGIONALE GIROLAMO TURANO UN’AZIONE DI MONITORAGGIO : “NO A SPECULAZIONI SULLA PELLE DEI CITTADINI E DEI COMMERCIANTI IN DIFFICOLTÀ”
Il presidente regionale dell'associazione di categoria Salvatore Bivona ha scritto una lettera al titolare delle Attività produttive del governo Musumeci chiedendo interventi urgenti Un appello rivolto all’assessore regionale alle Attività produttive Girolamo Turano affinché in Sicilia si eviti il lockdown e si riconsideri l’orario delle chiusure dei pubblici esercizi.A formularlo è la Confederazione Italiana Esercenti Commercianti Sicilia attraverso il presidente Salvatore Bivona che, in una lettera trasmessa all’esponente del governo Musumeci, chiede interventi urgenti a sos (continua)

ASSESSORATI REGIONALI ALLA FAMIGLIA E ALLA SALUTE, I PENSIONATI SICILIANI CHIEDONO INTERVENTI URGENTI SULLA MEDICINA DEL TERRITORIO E SUI SERVIZI SOCIALI

ASSESSORATI REGIONALI ALLA FAMIGLIA E ALLA SALUTE, I PENSIONATI SICILIANI CHIEDONO INTERVENTI URGENTI SULLA MEDICINA DEL TERRITORIO E SUI SERVIZI SOCIALI
I segretari generali di Spi Cgil, Fnp Cisl e Uilp Uil Sicilia Maurizio Calà, Alfio Giulio e Antonino Toscano incontreranno l'assessore regionale alla Famiglia Antonio Scavone il prossimo 10 novembre Primi impegni assunti dagli assessorati regionali alla Famiglia e alla Salute a seguito degli incontri svoltisi a Palermo con le organizzazioni sindacali Spi Cgil, Fnp Cisl e Uilp Uil Sicilia, che hanno visto al centro dell’attenzione l’attuale emergenza sanitaria ma anche le problematiche riguardanti gli anziani e i soggetti non autosufficienti, già in cima all’agenda delle tre sigle prima (continua)