Home > Internet > Quasi la metà dei consumatori nel mondo teme una violazione dei dati sensibili

Quasi la metà dei consumatori nel mondo teme una violazione dei dati sensibili

scritto da: Shin | segnala un abuso

Quasi la metà dei consumatori nel mondo teme una violazione dei dati sensibili

A seguito del COVID-19 i consumatori conducono gran parte della loro vita online, i Brand devono essere più proattivi con soluzioni che siano in grado di minimizzare i data breach.


Quasi la metà (48%) dei consumatori nel mondo teme di essere esposta a una potenziale violazione dei dati sensibili, mentre il 30% ne è già stata vittima. Secondo la nuova ricerca di OpSec Security nel 2020 si è registrato un aumento del 7% delle violazioni di questo tipo rispetto al 2019.

L’annuale Consumer Barometer Report di OpSec, che ha coinvolto 2.600 intervistati, ha rilevato inoltre che il 46% delle vittime di violazioni dei dati sensibili (data breach) è stato contattato dai Brand da due a cinque volte in merito alla compromissione dei propri dati, mentre il 9% è stato contattato più di cinque volte. Questa situazione ha portato oltre la metà (55%) dei consumatori a convincersi che le aziende non stiano facendo abbastanza per proteggere i loro dati personali.

Bill Birnie, Senior Vice President e General Manager della divisione Online di OpSec Security, ha commentato: "Molti consumatori assistono con impotenza alla frequenza con cui si verificano violazioni relative ai dati sensibili. La nostra ricerca rivela infatti che il 30% di coloro che sono stati vittime di data breach quando ne è venuto a conoscenza non ne è rimasto sorpreso. Tuttavia, questa rassegnazione è spesso accompagnata dall'aspettativa, da parte dei clienti, che i Brand dispongano degli strumenti necessari per salvaguardare i dati personali e delle carte di credito dei propri clienti. Inoltre, per far fronte ad eventuali perdite economiche derivanti da un data breach, i consumatori si aspettano un rimborso da parte del Brand. Nonostante ciò, le violazioni dei dati sensibili su larga scala continuano a danneggiare i Brand, poiché il 64% delle vittime ha perso la fiducia nell'azienda o nel marchio, ritenendoli responsabili di non aver protetto adeguatamente i loro dati.”


Bill Birnie
“A seguito dell'impatto del COVID-19 molti consumatori conducono ormai gran parte della loro vita online, i Brand devono essere più proattivi che mai in materia di sicurezza informatica e di protezione dei consumatori, con soluzioni che siano in grado di minimizzare questi rischi. Non farlo può essere estremamente costoso, non solo in termini di conformità in merito alle normative sulla gestione dei dati, ma anche di perdita dei clienti. Il 28% dei consumatori che ha perso la fiducia in un Brand a causa di un data breach, dichiara che non effettuerà più acquisti da quel marchio". La ricerca di OpSec Security evidenzia inoltre che del 40% dei consumatori che ha subito una violazione dei propri dati personali, solo il 9% ha ricevuto un rimborso in denaro. Poiché l'e-commerce è diventato il mezzo preferito per acquistare beni e prodotti, ulteriormente spinto dalle circostanze imposte dal COVID-19, è probabile che i consumatori siano maggiormente preoccupati nell’usare i dati della propria carta di credito. Dalla ricerca è emerso che quasi la metà (47%) dei consumatori ha molti timori nell’utilizzarla per effettuare un acquisto online, esprimendo una seria preoccupazione sulla possibilità che si verifichi un furto di dati da parte di hacker (62%), furto di denaro da parte di truffatori (58%) o un furto di identità (57%). Bill Birnie ha aggiunto: "Proteggere i consumatori comprende una serie di azioni, che vanno dalla protezione dei dati personali e della carta di credito, alla protezione da chi vende prodotti contraffatti. I brand devono essere proattivi e prestare la massima attenzione alla sicurezza dei consumatori, il modo migliore per raggiungere questo obiettivo è di avvalersi della collaborazione di specialisti, come OpSec Security, per garantire di poter disporre di strumenti e processi che consentano di individuare rapidamente ogni possibile minaccia e di intraprendere le azioni necessarie per prevenire eventuali attacchi". Per un approfondimento dei risultati della ricerca di OpSec Security e su come è possibile proteggere meglio i Brand e i clienti, il report completo è disponibile

Informazioni su OpSec Security

OpSec assicura una relazione affidabile tra il brand e i clienti, garantendo al tempo stesso l'autenticità dei prodotti e dei servizi del marchio. La mission di OpSec è di affrontare le complesse sfide a livello globale della Brand Protection con soluzioni semplici e innovative che le aziende di qualsiasi dimensione possono applicare per autenticare i loro prodotti. OpSec Security combina le tecnologie di autenticazione leader del settore con i servizi di protezione del brand online proprietari acquisiti da MarkMonitor, una società di Clarivate nel gennaio 2020.

Fonte notizia: https://www.opsecsecurity.com/resource/whitepaper/consumer-barometer-report-2020


OpSec | data breach | furto | dati | personale | e-commerce | truffa | online | brand | protezione |



Commenta l'articolo

 

Potrebbe anche interessarti

Cassa di Previdenza e Assistenza Forense


Recupero Foto Cancellate da Cellulari e Smartphone a Roma


Recupero Dati a Roma ? Scegli il servizio di Newtechsystem Recupero Dati


Recupero Dati Cellulare Roma


I consumatori chiedono alle aziende comunicazioni più mirate e personalizzate


 

Se ritieni meritevole il nostro lavoro fai una donazione


Recenti

Stesso autore

Il Futuro Sostenibile di Analog Devices a electronica 2020

Il Futuro Sostenibile di Analog Devices a electronica 2020
Analog Devices presenterà a electronica 2020 tecnologie Building Automation e soluzioni per comunicazioni più semplici e robuste nella Factory Automation. Analog Devices sarà tra i protagonisti di electronica 2020, nella sua veste virtuale. Il fil rouge delle dimostrazioni e presentazioni di ADI sarà 'Engineering a Sustainable Future', al centro dell’attenzione le tecnologie che contribuiscono ad apportare benefici ambientali e al miglioramento della qualità della vita, in settori come mobilità, connettività 5G, machine learning e automazio (continua)

NEC e Analog Devices per il 5G di Rakuten Mobile

NEC e Analog Devices per il 5G di Rakuten Mobile
Analog Devices e NEC collaborano insieme per la progettazione di unità radio O-RAN e tecnologia Massive MIMO per il 5G NEC Corporation (NEC; TSE: 6701) e Analog Devices, Inc. (Nasdaq: ADI) hanno annunciato oggi la loro collaborazione per la progettazione di un'unità radio per reti 5G con antenne con tecnologia Massive MIMO *1) per Rakuten Mobile. L'unità radio adotta i transceiver RF a banda larga di ADI di quarta generazione per ottenere un Massive MIMO ad alta precisione ed è dotata di un'interfaccia open v (continua)

Analog Devices annuncia un ADC Alias-Free

Analog Devices annuncia un ADC Alias-Free
Nuovo converter AD Alias-Free: maggiori funzionalità, prestazioni e facilità d'uso. Progettazione front-end semplice e rapido time-to-market Analog Devices (ADI) introduce il convertitore analogico-digitale (ADC) alias-free AD7134 che semplifica notevolmente la progettazione del front-end e accelera il time-to-market per applicazioni di precisione DC-350kHz. La tradizionale progettazione della catena del segnale per l’acquisizione di precisione di dati è un'attività che richiede molto tempo, poiché i progettisti devono bilanciare (continua)

Secsolutionforum 2020: la sicurezza viaggia in digitale

Secsolutionforum 2020: la sicurezza viaggia in digitale
Grande riscontro di pubblico per l’edizione 2020 di secsolutionforum in formato digitale, i due giorni di convegni dedicati a nuove tecnologie e formazione nel campo della sicurezza. La prima edizione digitale di secsolutionforum ha raccolto numerosi partecipanti, ben oltre alle aspettative, per i due giorni di formazione e workshop.L’evento, creato e sviluppato per rispondere alla forte necessità di aggiornamento dei professionisti italiani, tra cui impiantisti, system integrator, installatori specializzati ma anche Pubblica Amministrazione,&nbs (continua)

Analog Devices e Microsoft insieme per l’imaging 3D

Analog Devices e Microsoft insieme per l’imaging 3D
ADI e Microsoft collaborano per la realizzazione di prodotti e soluzioni all’avanguardia nel settore dell’imaging 3D Analog Devices, Inc. (Nasdaq: ADI) annuncia oggi una collaborazione strategica con Microsoft Corp. per valorizzare la tecnologia dei sensori per il Time of Flight 3D (ToF) di Microsoft, consentendo ai clienti di creare facilmente applicazioni 3D ad alte prestazioni con un maggiore grado di precisione e che lavorino indipendentemente dalle condizioni ambientali del contesto. La competenza tec (continua)