Home > Pubblica amministrazione > Marcato: E’ un Governo pavido e guardone. Non ha idee, ma solo due fisse: una mascherina da non abbassare mai noi del Veneto, invece, siamo i più bravi del mondo!

Marcato: E’ un Governo pavido e guardone. Non ha idee, ma solo due fisse: una mascherina da non abbassare mai noi del Veneto, invece, siamo i più bravi del mondo!

scritto da: D.L. | segnala un abuso

Marcato: E’ un Governo pavido e guardone. Non ha idee, ma solo due fisse: una mascherina da non abbassare mai noi del Veneto, invece, siamo i più bravi del mondo!

Intervistato da Spray News, l'Assessore allo sviluppo economico della regione Veneto si sfoga


Assessore Marcato, si chiude tutto. Si ritorna a marzo?

E’ questo il punto. La strategia del Governo per debellare il Covid si ispira alla stessa filosofia della scorsa primavera, quando del virus, a differenza di oggi,  si sapeva poco o nulla. Chiudere tutto quello che si può chiudere. Non si è studiato niente di diverso e alternativo. Durante i mesi di tregua concessi dal virus, si sono solo buttati soldi e ci si è trastullati con il grande dibattito sull’utilità di monopattini e banchi con le rotelle. Poi, al dunque, tutto come prima. Di lì non ci scosta. Chiudere, chiudere, chiudere fortissimamente volli.  Ora e sempre. 

E invece?

Le Regioni, nell’incontro con il Governo di agosto, avevano presentato un piano, che metteva al primo posto la questione fondamentale, quella dei trasporti. Che erano, e restano, e anzi ora lo sono ancora di più, il primo dei problemi e la fragilità più evidente. Quello, che abbiamo proposto e detto, è tutto scritto, documentato, messo verbale. Ci avevano detto di stare tranquilli: treni, autobus e metropolitane avrebbero viaggiato utilizzando l’ottanta per cento dei posti a sedere. E tutti a scuola, appassionatamente. Quindi, andate in pace. E’ tutto sotto controllo. Stiamo vedendo come è finita.

Vi avevano spiegato quell’ottanta percento chi l’avrebbe controllato? 

Ma figuriamoci…lasciamo perdere che è meglio.

In molti dicono, per esempio il Presidente della Sinistra Europea Paolo Ferrero che, a dare retta alla destra, si rischierebbe un ecatombe, come negli Stati uniti di Trump. Colpito e affondato o risponde?

Sono dichiarazione neppure commentabili. Ricordo a questo signore e a tutti quelli come lui, che non hanno notoriamente mai governato neppure il proprio condominio, che noi abbiamo ottenuto l’ottanta per cento del consenso regionale, un record assoluto a livello europeo e che, per come abbiamo saputo affrontato l’emergenza, siamo considerati a livello mondiale come un modello da seguire. 

Se fosse lei il Presidente del Consiglio, che cosa farebbe? 

Comincerei dalle cose più semplici. Venerdì scorso sono andato alla Fenice di Venezia, un teatro con una capienza di mille posti. La direzione ha ridotto il numero degli spettatori a un massimo di 350. Tutti con la mascherina, tutti distanziatissimi. Mi sono sentito nel luogo più sicuro del mondo. Il Dpcm lo ha chiuso, due giorni dopo. Una mossa strategica per vincere la guerra contro il Covid! Roba da matti. Come è da matti chiudere i ristoranti alle 18, l’ora in cui, notoriamente, il virus esce dal letargo, avverte i morsi della fame e si precipiterebbe, se non ci fosse Conte, a rifocillarsi al ristorante. Ammesso e non concesso che, se il virus fosse pazzo come chi ha stabilito l’ora x, non sarebbero sufficienti tavoli distanziati, mascherine per tutto il percorso fino al posto prenotato e alla cassa, litri di disinfettante per il prima, il dopo ed anche il durante. Non parliamo poi, delle piscine e delle palestre. Il Governo vede quello che nessuno vede. Immagina e sospetta con una morbosità guardona baci e abbracci fra chi nuota nella stessa corsia o avanza affannato, ma evidentemente accoppiato, su un tapirulan, oppure solleva un bilanciere, senza curarsi del rischio di scaricarlo addosso a chi lo affianca sulla pedana, pensando sia wrestling e non sollevamento pesi. Magari, hanno ragione Conte e Speranza e il pazzo sono io, che vedo le persone nuotare e fare esercizi per conto proprio, senza il minimo contatto con nessuno, felici di trovarsi in un ambiente protetto e sanificato ad ogni piè sospinto. Sia sincero, mi aiuti a capire. Conosce, per caso, qualcuno che al ristorante è corso in cucina ad abbracciare il cuoco, o la cuoca, che già capirei?

E qualcuno per restare aperto ha speso soldi ed energie per la messa a norma antivirus? 

E lo trovo scandaloso. Come si fa a costringere i titolari di ristoranti, palestre e piscine, e via pazziando, a mettersi in regola, abbattendo muri, ristrutturando impianti e decuplicando le spese di consumo, per poi ritrovarsi semichiusi o chiusi, esattamente come quelli che non hanno adempiuto a nessuna prescrizione e speso zero. Chi i è stato diligente e si è adeguato, ha unito il danno alla beffa. 

Cornuti e mazziati?

Dalle mie parti si dice bechi e bastonai, ma il concetto è quello. Vede, posso accettare tutto, ma non di essere preso in giro da questo Governo pavido e senza idee. Con due sole fisse: la mascherina sempre e a prescindere. E chiudere tutto. E tutti noi.



Commenta l'articolo

 

Potrebbe anche interessarti

Affrontare l’epidemia Centro risorse per la prevenzione


La durata della mascherina


Mascherina Protettiva, Un Elemento Unico Per La Protezione


COME PROTEGGERE SE STESSI & GLI ALTRI CON MASCHERINE E GUANTI


Mascherina lavabile: cos'è e a cosa serve


 

Se ritieni meritevole il nostro lavoro fai una donazione


Recenti

Stesso autore

Giustizia, Fabrizio (ReL) a Il Tempo: "Questo è il risultato delle faide interne"

Giustizia, Fabrizio (ReL) a Il Tempo:
Dichiarazione al quotidiano “Il Tempo” di Fabrizio Cicchitto, Presidente Riformismo e Libertà Caro direttore,arrivati a questo punto vale la pena di collocare in un quadro generale gli episodi incresciosi che si stanno succedendo uno dopo l’altro nell’ambi- to della magistratura. È inutile nascondersi dietro a un dito, dal 1992 ad oggi la magistratura ha sostanzialmente conquistato il potere nel nostro paese, con l’annichili- mento dei vecchi partiti e la riduzione ai minimi termini di que (continua)

Nasce Mood Italia Radio, la web radio in Creative Commons

Nasce Mood Italia Radio, la web radio in Creative Commons
Presentazione in conferenza stampa Venerdì 7 maggio alle ore 16:30 Mood Italia Radio, la web radio nata da un gruppo di appassionati ed esperti della comunicazione, inizia in questi giorni la sua avventura. “Segui il tuo mood”: questo il claim ufficiale della Radio che prende il via ufficiale dopo due mesi di sperimentazione e aggiustamenti tecnici per entrare in sintonia con gli ascoltatori. Mood Italia Radio è già seguita da tanti appassionati grazie alla sua p (continua)

“Una vita al Max: l’abbandono in un collegio, 4 donne, 4 figli e i podi più alti della vita” - Intervista a Max Rendina

“Una vita al Max: l’abbandono in un collegio, 4 donne, 4 figli e i podi più alti della vita”  - Intervista a Max Rendina
Intervista a Max Rendina Max Rendina, lei ha raccontato la sua vita in un libro, pubblicato dalla Male Edizioni di Monica Macchioni. “La storia di un campione di periferia” è il sottotitolo. C’è tanta periferia nella sua esistenza e anche tanto dolore?La mia periferia viene dopo un abbandono. A tre anni i miei genitori m hanno rinchiuso in un collegio. Un luogo senza tempo e senza spazio. Ci sono rimasto fino a dodici ann (continua)

Laboccetta (Polo Sud): “Una Commissione d’inchiesta sulla giustizia è una scelta di civiltà. Né di destra né di sinistra”

Laboccetta (Polo Sud): “Una Commissione d’inchiesta sulla giustizia è una scelta di civiltà. Né di destra né di sinistra”
Intervista con l'ex-deputato, oggi presidente di Polo Sud Amedeo Laboccetta, lei si è imbattuto personalmente nella malagiustizia dei Pubblici Ministeri, quella di cui parla Luca Palamara nel libro intervista di Alessandro Sallusti. Una malagiustizia che ti vorrebbe condannato sic et stantibus, a prescindere dall’esito di un eventuale processo…Io credo che tutti gli italiani siano vittime del Sistema descritto da Palamara. Perché tutti direttamente o ind (continua)

Caos Procure, Palamara: "Riformiamo la giustizia perché la legge sia uguale per tutti"

Caos Procure, Palamara:
"La favoletta della fuga di notizie che è colpa solo degli avvocati non regge più. Dobbiamo riformare la giustizia perché se la legge deve essere uguale per tutti deve avere lo stesso impatto sia il fascicolo che coinvolge la persona nota o la persona ricca che la persona non nota."  Lo dichiara Luca Palamara durante la presentazione del suo libro a Lagonegro. "E' il momento di fare una (continua)