Home > Cultura > La campagna per legalizzare le droghe pesanti è cominciata

La campagna per legalizzare le droghe pesanti è cominciata

scritto da: Gtrambusti | segnala un abuso

La campagna per legalizzare le droghe pesanti è cominciata

Raggiunto in parte l’obbiettivo di legalizzare le “droghe leggere”, è già attiva e pressante la campagna per legalizzare gran parte delle “droghe pesanti”


I furti esisteranno sempre, la lotta al furto è fallita, legalizziamo il furto. Chi mai sarebbe d’accordo con un’affermazione del genere? Eppure è ciò che viene da molti detto e propagandato per quanto riguarda la droga.

Ecco, ad esempio, le affermazioni dell’analista politico Steve Rolles che scrive un articolo dal titolo “Un piano per legalizzare Cocaina, Ecstasy e Amfetamine” su politics.co.uk: “Le droghe ci sono e ci saranno sempre, che ci piaccia o no. I responsabili politici hanno la responsabilità di affrontare pragmaticamente questa realtà, non continuare a inseguire la fantasia di un ‘mondo libero dalla droga’”.

Capito? Cocaina legale, Ecstasy legale, Amfetamine legali, questo è l’obbiettivo politico. Dopo che la cannabis e i suoi derivati (marijuana, ecc.) sono ormai legali o depenalizzati in varie parti del mondo, con effetti disastrosi, eccoci alla fase due: legalizzare le droghe pesanti.

L’articolo mostra la foto di una confezione di “medicinali” con pastiglie di MDMA, ovvero Ecstasy. Ve la immaginate quella confezione nell’armadietto farmaceutico di famiglia? Ve li immaginate teenager o giovani adulti in discoteca che tirano fuori l’Ecstasy dalla tasca, acquistata dai genitori, e ne ingoiano una pasticca come se fosse un’aspirina? Ve la immaginate una di quella pasticche ingoiata per errore da un bambino? Questo è “il piano” e l’aspettativa di chi spinge per Cocaina legale, Ecstasy legale, Amfetamine legali.

Per quanto “un mondo libero dai furti” sia un’utopia, qualsiasi cittadino onesto combatte per andare in quella direzione, che l’obbiettivo sia raggiungibile o meno! Così, per quanto la meta finale di ottenere “un mondo libero dalla droga” possa sembra lontano e irraggiungibile, è buon senso combattere per andare n quella direzione! E invece opinionisti, giornalisti, attivisti e politici remano in direzione del tutto opposta: combattere la droga è inutile, liberalizziamo la droga.

Ma c’è che ritiene che “un mondo libero dalla droga” non sia un’utopia, facendo dell’utopia stessa il nome della propria associazione.

“Un Mondo Libero dalla Droga” è un’associazione internazionale che si batte per ottenere una società nel quale la droga e l’alcool non costituiscano più una piaga sociale. I volontari dell’associazione credono che un giovane informato sui pericoli degli stupefacenti possa decidere, pensando con la propria testa, di stare alla larga da qualsiasi ambiente dove si faccia uso di droga o se ne promuova l’uso. Un giovane informato si rifiuterà anche di assumere gli psicofarmaci, in quanto sarà al corrente che si tratta di droghe, altrettanto dannose come quelle spacciate in strada.

Le attività di “Un Mondo Libero dalla Droga” consistono nell’andare nelle scuole e raccontare ai ragazzi la verità sulla droga: lezioni di due ore che includono video, dati scientifici, dati statistici e testimonianze. Un ragazzo informato sulla droga molto difficilmente ne diverrà schiavo. Anche da adulto, si rifiuterà di diventare un tossicodipendente di sostanze legali o illegali.

La Chiesa di Scientology sostiene la campagna di “Un Mondo libero dalla Droga” fin dalla sua fondazione: la lotta all’abuso di sostanze stupefacenti è una delle principali campagne sociali della Chiesa. Il fondatore di Scientology, L. Ron Hubbard, ha affermato: “L'arma più efficace nella guerra contro la droga è l'educazione.”

Scientology | Droga | Un mondo libero dalla droga | L Ron Hubbard | droghe pesanti | legalizzazione delle droghe pesanti | cocaina | cannabis | marijuana | ecstasy | amfetamine |



Commenta l'articolo

 

Potrebbe anche interessarti

Gli Stati Uniti legalizzeranno sempre più droga nei prossimi anni


Stralciato dalla manovra l’emendamento sulla Cannabis Light


Ai cittadini e turisti di Porto Torres l’informazione sugli effetti, quelli veri, della marijuana


Negli stati USA dove la marijuana è legale, aumentano gli incidenti stradali


Ancora prevenzione alle droghe nella zona portuale di Porto Torres


 

Se ritieni meritevole il nostro lavoro fai una donazione


Recenti

Stesso autore

La marijuana in gravidanza procura gravi danni al feto

La marijuana in gravidanza procura gravi danni al feto
Sempre più donne fumano spinelli in gravidanza: la propaganda le sta convincendo che la marijuana è innocua. L’uso di marijuana si sta diffondendo in tutto il mondo, spinto dalla martellante propaganda mediatica che la classifica ormai come “droga leggera” o addirittura “non droga”. Per non parlare del cattivo esempio fornito da molte nazioni, inclusi vari stati del USA, che hanno depenalizzato la marijuana: se è legale non può essere dannosa. Non c’è da stupirsi quindi se molte donne in gravidanz (continua)

L’Oregon ha depenalizzato tutte le droghe, anche quelle pesanti, anche per i minorenni

L’Oregon ha depenalizzato tutte le droghe, anche quelle pesanti, anche per i minorenni
Scientology, Droga, Un mondo libero dalla droga, L. Ron Hubbard, Oregon, depenalizzazione droghe, eroina, cocaina, amfetamine, fentanyl L’Oregon ha dichiarato la sua resa totale e incondizionata alla lotta contro la droga: tramite referendum, con il 59% dei consensi, è stato depenalizzato il possesso di piccole quantità e l’uso personale di qualsiasi tipo di droga. Inclusi i minorenni!!! Dal prossimo febbraio, chiunque venga trovato in possesso di “piccole quantità” di qualsiasi tipo di droga, non subirà nessuna conseguenza. (continua)

Cannabis e incidenti stradali

Cannabis e incidenti stradali
C’è una relazione tra uso di cannabis e incidenti stradali? Molteplici evidenze dicono di sì. A giugno 2020 un 14enne fu investito e ucciso mentre attraversava la strada sulle strisce pedonali, da un 22 enne che poi si è rivelato positivo alla cannabis. Il giovane è stato ovviamente arrestato per omicidio stradale: drogarsi e poi mettersi alla guida non è in tutta evidenza un reato penale, dato che mette a rischio la vita delle altre persone. La propaganda onnipresente su giornali, (continua)

I finti riders della Camorra

I finti riders della Camorra
La criminalità organizzata non ha problemi a rifornire di droga i tossicodipendenti: gli spacciatori si camuffano da “riders” che consegnano pizza e altro cibo. All’inizio del primo lockdown si pensava che la Camorra e le altre mafie si sarebbero trovate in difficoltà a proseguire nel traffico illecito di sostanze stupefacenti, che costituisce ormai da tempo una delle loro principali fonti di guadagno. Lo scorso Marzo 2020, passati i primi giorni di incertezza nei quali i tossicodipendenti si avventuravano per le strade in cerca di spacciatori che e (continua)

Ciò che non conosci potrebbe ucciderti: le nuove droghe sintetiche

Ciò che non conosci potrebbe ucciderti: le nuove droghe sintetiche
In molti casi la sostanza che causa l’overdose risulta “imprecisata”, sintomo del fatto che circolano sostanze non ben conosciute. In Italia nel 2019 sono morte 373 persone per overdose di droga, più di una al giorno. Il dato è in aumento rispetto agli anni precedenti, si tratta del 26% in più rispetto al 2017. Analizziamo la causa delle morti, ovvero cerchiamo di capire quali siano le sostanze che hanno avvelenato il corpo fino a farlo morire. Le sostanze più comuni che causano overdose sono com’è noto sono l’eroina ( (continua)