Home > Cultura > Negli stati USA dove la marijuana è legale, aumentano gli incidenti stradali

Negli stati USA dove la marijuana è legale, aumentano gli incidenti stradali

scritto da: Gtrambusti | segnala un abuso

Negli stati USA dove la marijuana è legale, aumentano gli incidenti stradali

Non è una sorpresa, si trattava solo di avere pazienza e attendere le statistiche: negli Stati Uniti, dove la marijuana è ormai legale, c’è più sangue sulle strade.


Gli incidenti sono aumentati fino al 6% in Colorado, Nevada, Oregon e Washington, rispetto agli stati confinanti che non hanno legalizzato la marijuana per uso ricreativo. È il risultato di una nuova ricerca di “Insurance Institute for Highway Safety” (IIHS) e “Highway Loss Data Institute” ( HLDI).

Colorado, Washington, Oregon e Nevada hanno approvato l’uso ricreativo della marijuana ricreativa tra il 2012 e il 2017, e gli effetti letali di queste decisioni irresponsabili si sono già fatti sentire. In particolare questo studio ha comparato le statistiche di questi stati con quelle degli stati confinanti: Idaho, Montana, Utah e Wyoming. Il risultato è stato un incremento del 6% degli incidenti dove la marijuana è legale.

"La nuova ricerca IIHS-HLDI sulla marijuana e gli incidenti indica che legalizzare la marijuana per tutti gli usi sta avendo un impatto negativo sulla sicurezza delle nostre strade", afferma il presidente dell'IIHS-HLDI David Harkey. "Gli Stati che sperimentano la legalizzazione della marijuana dovrebbero considerare questo effetto sulla sicurezza stradale".

Ma gli stati che hanno legalizzato sono per lo più felici di averlo fatto perché lucrano sull’aumentato gettito fiscale… chi penserebbe mai di legalizzare i furti per rimpinguare le casse dello stato?

Ci si dimentica troppo spesso che il problema della droga sono le sue conseguenze: l’obiettivo è ridurne l’uso, e non renderla legale e quindi più accessibile.

“Un Mondo Libero dalla Droga” è un’associazione internazionale che si batte per ottenere una società nel quale la droga non costituisce più una piaga sociale. Le attività di “Un Mondo Libero dalla Droga” consistono nell’andare nelle scuole e raccontare ai ragazzi la verità sulla droga: lezioni di due ore che includono video, dati scientifici, dati statistici e testimonianze. Un ragazzo informato sulla droga molto difficilmente ne diverrà schiavo. Un ragazzo informato, che pensa con la sua testa, pretenderà che gli sia dato un aiuto sincero, reale e naturale, senza ricorrere a droghe e farmaci dannosi. Anche da adulto, si rifiuterà di diventare un tossicodipendente di sostanze legali o illegali.

La Chiesa di Scientology sostiene la campagna di “Un Mondo libero dalla Droga” fin dalla sua fondazione: la lotta all’abuso di sostanze stupefacenti è una delle principali campagne sociali della Chiesa. Il fondatore di Scientology, L. Ron Hubbard, ha affermato: “L'arma più efficace nella guerra contro la droga è l'educazione.”


Fonte notizia: https://www.noalladroga.it/


Scientology | Droga | Un mondo libero dalla droga | L Ron Hubbard | legalizzazione | USA | Colorado | marijuana | cannabis | incidenti stradali |



Commenta l'articolo

 

Potrebbe anche interessarti

Non tutta la marijuana fa male: prova la nuova cannabis legale


Dati statistici sugli incidenti stradali, dove avvengono, in quale periodo dell'anno, chi sono i soggetti più colpiti


Colpi di sonno sulle strade: ogni anno 17.360 incidenti stradali in Italia sono provocati da autisti affetti da OSAS


Gli incidenti mancati e la gestione della sicurezza nelle aziende


Ing. Antonio Valente – Vice Direttore Direzione Centrale Progettazione - ANAS


RIMINI: INFORMARE I GIOVANI SUGLI DEVASTANTI EFFETTI DELLA MARIJUANA


 

Se ritieni meritevole il nostro lavoro fai una donazione


Recenti

Stesso autore

Un rapper che non si droga!

Un rapper che non si droga!
Il Tre è il nome di un giovane rapper controcorrente: nelle sue canzoni non parla di droga, violenza o sesso e conduce lui stesso una vita sobria. Sembra incredibile, una contraddizione in termini, ma si sta facendo strada nel panorama della musica Rap un ragazzo, Guido Senia detto “Il Tre”, che si propone “pulito”. Non fa uso di droghe, non fuma, non canta solo di sesso e armi da fuoco. Gli artisti famosi vengono presi ad esempio dai loro ammiratori, e la responsabilità del mondo rap nei confronti della nostra società non è trascura (continua)

Non tutti sono d’accordo con la legalizzazione di tutte le droghe in Oregon

Non tutti sono d’accordo con la legalizzazione di tutte le droghe in Oregon
L’Oregon ha depenalizzato tutte le droghe, anche per i minorenni. Alcune voci responsabili delle società americana non sono d’accordo. In Oregon, in seguito a un referendum popolare, un adulto o un minorenne trovato in possesso di 38 dosi di LSD, oppure 4 pasticche di Ecstasy, o di poco meno di 1 grammo di eroina, non commette più alcun reato. Verrà semplicemente informato di un possibile percorso, facoltativo, di disintossicazione. La nuova legge è denominata “Misura 110”. Se non fosse sufficientemente chiaro, la Misura 1 (continua)

La grande bugia degli psicofarmaci

La grande bugia degli psicofarmaci
Gli psicofarmaci sono droghe a tutti gli effetti, chi li assume deve essere consapevole di stare iniziando un percorso di tossicodipendenza. Psicofarmaci: droghe o medicine? Lungi dal dare una risposta esaustiva, ecco alcuni spunti di riflessione. Gli psicofarmaci sono sostanze TOSSICHE, dato che alterano l’equilibrio chimico del corpo. Gli psicofarmaci causano ASSUEFAZIONE, dato che di norma è necessario aumentare la dose per mantenere gli effetti). Gli psicofarmaci danno DIPENDENZA, se si smette di assumerli causano v (continua)

La droga disgrega le famiglie

La droga disgrega le famiglie
L’effetto delle crisi di astinenza è così devastante che un tossicodipendente può arrivare ad avere atteggiamenti assai violenti anche nei confronti dei propri cari. Le droghe vengono assunte per “stare bene” ma quello che è certo è che, terminato l’effetto della sostanza tossica, il corpo e la mente possono cominciare a stare molto, molto male. Si tratta delle famose crisi di astinenza: condizioni psicofisiche insopportabili per sfuggire alle quali alcuni tossicodipendenti diventano letteralmente disposti a tutto. La cronaca di questi giorni riporta il (continua)

La marijuana in gravidanza procura gravi danni al feto

La marijuana in gravidanza procura gravi danni al feto
Sempre più donne fumano spinelli in gravidanza: la propaganda le sta convincendo che la marijuana è innocua. L’uso di marijuana si sta diffondendo in tutto il mondo, spinto dalla martellante propaganda mediatica che la classifica ormai come “droga leggera” o addirittura “non droga”. Per non parlare del cattivo esempio fornito da molte nazioni, inclusi vari stati del USA, che hanno depenalizzato la marijuana: se è legale non può essere dannosa. Non c’è da stupirsi quindi se molte donne in gravidanz (continua)