Home > News > Covid-19, Meritocrazia chiede il rinvio delle prove di abilitazione professionale: "Regole del gioco falsate"

Covid-19, Meritocrazia chiede il rinvio delle prove di abilitazione professionale: "Regole del gioco falsate"

scritto da: Mimmo.Media84 | segnala un abuso

Covid-19, Meritocrazia chiede il rinvio delle prove di abilitazione professionale:


"Ogni anno, in questo periodo, migliaia di giovani speranze vengono riposte nelle impegnative prove di conseguimento del titolo abilitativo all’esercizio della professione. Il 2020, però, riserva all’appuntamento complicazioni inedite. La delicatezza del momento rende impossibile immaginare un regolare espletamento, almeno secondo i tempi programmati e le modalità ordinarie". Ne è convinto Walter Mauriello, presidente di Meritocrazia Italia. È fondamentale, secondo l'associazione, che un momento di crescita personale e una preziosa opportunità di dar positiva risposta agli affanni della preparazione "non si trasformino in ulteriore occasione di rischio per l’incolumità dei tanti che, nonostante timori e preoccupazioni, non rinuncerebbero a partecipare, mossi dal desiderio di non perdere una corsa decisiva". 

"Tra tutti - ricorda Mauriello - l’esame d’avvocato che, per come tradizionalmente pensato, prevede lunghe permanenze in ambienti ristretti e affollati. L’esperienza consegna organizzazione e logistiche non sempre ottimali neppure in epoca di ‘normalità’. Mettere a punto una macchina perfetta, che crei una bolla di sicurezza attorno ai candidati, sembra impresa di difficile realizzazione, per l’elevato numero di aspiranti e per l’ormai noto disagio dovuto alla carenza infrastrutturale. Vorrebbe dire riuscire a isolare i partecipanti, eseguire test quotidiani, garantire il giusto distanziamento ed escludere contatti esterni. La situazione attuale consegna altra realtà e altre suggestioni. Nessun piano strategico risulta allo stato ancora avviato, non è traccia di nuova regolazione chiara e uniforme e la percezione comune è quella del profondo disorientamento".

"Di più - aggiunge - nessuna organizzazione potrebbe evitare il pregiudizio per la serenità dello svolgimento delle prove. È indubbio che la paura per il contagio si aggiungerebbe al fisiologico stress emotivo dei candidati".

Meritocrazia Italia sottolinea l’opportunità di rinviare le prove scritte calendarizzate a breve, sia al fine di scongiurare nuove occasioni di diffusione del virus, sia per evitare inaccettabili discriminazioni tra candidati in relazione alla particolare situazione della regione di appartenenza. "Diversamente - sottolineano - lo svolgimento della sessione concorsuale sarebbe affidato a fattori estranei al controllo dei singoli e del centro organizzativo, con irragionevole amplificazione dell’aleatorietà degli esiti e falsamento delle regole del gioco".




Commenta l'articolo

 

Potrebbe anche interessarti

Carlo Malinconico interviene come relatore a una tavola rotonda sul tema mal di merito e mal di concorrenza


Emergenza Coronavirus e le difficili condizioni di noi medici lavoratori: la lettera aperta delle RSA ANMIRS


COVID-19 e rischio coagulazione, nasce il primo registro italiano dei pazienti a cura degli scienziati della Fondazione Arianna Anticoagulazione


Meritocrazia Italia, l'appello al Governo: “MES e Recovery Fund condizionati alla modifica del trattato di Maastricht”


Attrezzature di lavoro: la formazione per le “grandi escluse”


FIGC Gravina. Malagò chiede il rinvio


 

Se ritieni meritevole il nostro lavoro fai una donazione


Recenti

Stesso autore

MI, ARRIVA IL NUOVO PROGETTO ITALIA. DOCUMENTO RESO PUBBLICO IN QUESTE ORE

MI, ARRIVA IL NUOVO PROGETTO ITALIA. DOCUMENTO RESO PUBBLICO IN QUESTE ORE
Trentasei pagine di idee, suggestioni, proposte: alcune basate sul buon senso, altre coraggiose e audaci. È il nuovo “Progetto per l’Italia” dell’associazione Meritocrazia Italia, inviato a partiti e istituzioni nelle scorse ore. Il documento, che sarà visionabile a partire dal 2 dicembre su tutti i canali web ufficiali dell’associazione, segue idealmente il “Manifesto di Sorrento”, stilato a (continua)

Covid e welfare, l'appello di Meritocrazia Italia: "Le misure di contenimento tengano conto delle persone disabili"

Covid e welfare, l'appello di Meritocrazia Italia:
La terribile comparsa della pandemia da Coronavirus per milioni di cittadini italiani con disabilità ha rappresentato un ulteriore colpo alla qualità di vita di questo esercito “invisibile”. Ne é convinta Meritocrazia Italia, che descrive questo "esercito" come "invisibile alle priorità della politica che ha relegato la condizione della disabilità nell’adulto ad un assegno di invalidità e nel (continua)

Un appello per la verità su Mario Paciolla: il XII Festival del Cinema dei Diritti Umani di Napoli dedicato alla memoria del cooperante morto in Colombia

Un appello per la verità su Mario Paciolla: il XII Festival del Cinema dei Diritti Umani di Napoli dedicato alla memoria del cooperante morto in Colombia
La XII edizione del Festival sarà presentata in streaming con la partecipazione della famiglia Paciolla, del consulente legale Alessandra Ballerini e del presidente FNSI, Giuseppe Giulietti. Il saluto del Sindaco de Magistris e dell’assessore De Majo. NAPOLI - Sarà dedicata a Mario Paciolla, il cooperante napoletano 33enne morto in Colombia per circostanze tutte (continua)

Palestra in casa e trainer virtuali: McFIT rilancia la app Cyberobics con 70 classi live e 100 videocorsi on demand

Palestra in casa e trainer virtuali: McFIT rilancia la app Cyberobics con 70 classi live e 100 videocorsi on demand
Milano, 5.11.2020 – McFIT, in seguito alle restrizioni imposte dal recente DPCM, che ha chiuso di nuovo le palestre in Italia, ha deciso di potenziare ulteriormente l’offerta dell’app Cyberobics che, già nella scorsa primavera, aveva permesso a circa 2 milioni di persone nel mondo di allenarsi e tenersi in forma da casa.  L’Italia peraltro era risultata al secondo posto do (continua)

TREEFOLK’S PUBLIC HOUSE

TREEFOLK’S PUBLIC HOUSE
Apre in Viale di Trastevere uno dei più grandi Whisky e Cask Bar con ristorante gourmet a Roma. Nel quartiere Trastevere, il 2 ottobre ha aperto  il Treefolk’s Public House, uno dei più grandi whisky e Cask bar a Roma con una collezione di 60 etichette di whisky vintage fuori produzione, 500 etichette in mescita e una selezione di 12 birre a pompa e 8 spine.Il Treefolk’s Public Hous (continua)