Home > Musica > Gregorio Mucci “Non è un problema” è l’Ep d’esordio del cantautore toscano

Gregorio Mucci “Non è un problema” è l’Ep d’esordio del cantautore toscano

scritto da: Laltoparlante3 | segnala un abuso

Gregorio Mucci “Non è un problema” è l’Ep d’esordio del cantautore toscano


La personalità camaleontica e lo stile intenso e irriverente dell’artista, sono marchio di fabbrica del primo progetto discografico in uscita il 30 ottobre 2020.  

"Non è un problema" è il primo EP di Gregorio Mucci. Il lavoro è stato prodotto da Agnus Records e contiene 5 brani, scritti e interpretati dallo stesso cantautore toscano. 

L’artista sceglie di raccogliere i pezzi che più rappresentano il suo sound, la sua personalità, e che danno voce alla sua varietà stilistica e testuale. Oltre ai due singoli lanciati e già presenti su tutte le piattaforme digitali (“Meglio morire” e “Il Jaguaro”), l'Ep conterrà altri tre inediti: “Bambola gonfiabile”, “E aspetto te” e “Non è un problema”, che dà il nome alla raccolta. Il titolo è stato scelto per trasmettere un messaggio a cui il cantautore dà molta importanza: «se c'è un problema c'è anche una soluzione. E se la soluzione non c'è si va avanti lo stesso, con le proprie responsabilità sulle spalle, cercando di vivere con leggerezza e dando il giusto peso agli eventi, senza mai dimenticare che "a quanto pare vale la pena”. Sempre». 

L'Ep uscirà il 30 ottobre 2020 e sarà disponibile su tutte le piattaforme digitali. 

 

TRACK BY TRACK

 

Il Jaguaro

Un brano che attinge al rock e al funk, per esprimere a pieno l’animo cinico e ironico dell’artista.  

Non è un problema

Il pezzo parla di un amore scavato da un pensiero fisso. L'artista riflette sul pericolo delle ossessioni e sul danno che possono arrecare a un rapporto, con l'intensa leggerezza che contraddistingue ogni suo brano. 

Meglio morire

Un synth-funk contaminato da un frizzante pop anno '80 unito ad un rock 'n roll italiano, caratterizza il brano che trasforma la rabbia dell’artista in un’invettiva ironica e sfrontata nei confronti di tutte quelle abitudini scomode che rendono la vita ordinaria.

E aspetto te

È una canzone d'amore a tutti gli effetti. Una ballata pop che racconta, con la giusta dose di tenerezza e di ingenuità, la nascita di un nuovo amore. Un amore egoista e non dichiarato, mentre in sottofondo risuona la struggente melodia che accompagna l'intero brano.

Bambola gonfiabile

Qui l’artista affronta l'ansia di diventare grandi, di crescere e dover fare i conti con ciò che tutti si aspettano che tu diventi e con quello che sperano che tu faccia o smetta di fare. 

 

Pubblicazione Ep: 30 ottobre 2020

Etichetta: Agnus Records

 

BIO

Gregorio Mucci nasce in Toscana, il 14 Giugno 1989.

Fin da bambino prende lezioni di piano finché, all'età di 11 anni, grazie agli insegnamenti del suo maestro Maurizio Ferretti, Gregorio comincia a buttar giù parole (quasi tutte in lingua inglese) ed immagini, dando loro un ritmo e un sound. All'età di vent'anni si trasferisce a Los Angeles, ad Hollywood in particolare, che diventa casa sua per due anni. Qui arriva una nuova consapevolezza: la volontà di scrivere testi in lingua italiana. 

Tornato in Italia, nel 2013, l’artista partecipa al celebre Festival di Castrocaro, dove arriva in semifinale. Tra i giudici scrutinatori c'è il grande musicista, compositore e produttore Claudio Fabi, che nota subito l'artista pistoiese e propone al ragazzo di entrare a far parte del Campus della Musica, della quale Fabi è direttore artistico. I brani scritti da Gregorio Mucci, “Tu mi porti giù” e “Ovunque ma non lì”, vengono inseriti in due compilation del Campus della Musica, seguite da tour nazionali ai quali l'artista ha partecipato. Nel 2019 termina la sua avventura con il Campus. All'inizio del 2020, Gregorio entra in contatto con Agnus Records, una nuova etichetta discografica indipendente toscana. L'artista si avventura verso un progetto entusiasmante, fresco e dal carattere innovativo. Con Agnus Records, Gregorio lancia il primo singolo “Meglio morire”, uscito il 15 maggio. Ad arrangiare i suoi pezzi e ad accompagnarlo sul palco e in studio, ci sono Alessio “Il Secco’’ Burberi (batteria), Filippo Ciampi (chitarra), Federico Morittu (basso) e Jacopo Perra (tastiere e synth bass). Il 2 ottobre 2020 arriva il nuovo singolo “Il jaguaro” ad anticipare l’Ep in uscita il 30 ottobre 2020.

 

Contatti e social

FACEBOOK

www.facebook.com/GregorioMucci/

INSTAGRAM

www.instagram.com/gregoriomucci/

YOUTUBE

www.youtube.com/channel/UCi3aBt-MTwQF-de0ux6ysMA

SPOTIFY

https://open.spotify.com/artist/0CFBtSo42BvvRTN5aChdYg

gregorio mucci | ep |



Commenta l'articolo

 

Potrebbe anche interessarti

Workshop Ambrosetti, Gregorio Fogliani, Presidente di Qui! Group, intervistato da ”Il Sole 24 Ore Tv”


Gregorio Fogliani è il fondatore dell’iniziativa di solidarietà Pasto Buono


Formazione e esperienze professionali di Gregorio Fogliani nel suo profilo LinkedIn


“Pasto Buono”, oltre 200mila i pasti donati dall’iniziativa promossa da Gregorio Fogliani


Gregorio Fogliani, Presidente di Qui! Group, tra i vincitori del Premio “Città di Assisi Aziende Family Friendly Valter Baldaccini”


Aumento del valore esentasse dei buoni pasto, l’opinione del Presidente della società Qui! Group, Gregorio Fogliani


 

Se ritieni meritevole il nostro lavoro fai una donazione


Recenti

Stesso autore

Guadalupe “Dueña de mi” è il singolo d’esordio dell’esplosiva cantautrice dominicana, milanese d’adozione

Guadalupe “Dueña de mi” è il singolo d’esordio dell’esplosiva cantautrice dominicana, milanese d’adozione
L’artista urban latin debutta con un brano reggaeton autobiografico, registrato ai Massive Arts Studios di Milano. Il singolo “Dueña de mi” nasce in un giorno d’estate quando Guadalupe, in un momento di sconforto dovuto al ricordo di una relazione finita male, decide di non lasciarsi abbattere dai dispiaceri ma di reagire: «solo noi siamo i padroni di noi stessi, non è mai tardi per cambiare (continua)

Boavista “Lì dove ci sono le stelle” è il terzo singolo della rock band bolognese estratto dall’omonimo album pubblicato il 30 ottobre 2020

Boavista “Lì dove ci sono le stelle” è il terzo singolo della rock band bolognese estratto dall’omonimo album pubblicato il 30 ottobre 2020
L’evasione da una realtà omologata e apatica è al centro del brano scritto con la collaborazione degli autori Emiliano Cecere e Oscar Angiuli.“Lì dove ci sono le stelle” parla di un viaggio, della voglia di evadere dalla routine di una vita artefatta che appiattisce l’immaginazione e omologa i sentimenti. Scritta con Emiliano Cecere e Oscar Angiuli.Il singolo è il terzo estratto da “Lì dove ci son (continua)

Baschira “Il biondo” è il singolo tratto dall’album d’esordio “Zdasdat” del cantautore di origini bolognesi

Baschira “Il biondo” è il singolo tratto dall’album d’esordio “Zdasdat” del cantautore di origini bolognesi
Nelle vesti di un “brigante” che invita alla resistenza nei confronti del potere economico e politico, l’artista propone un brano cantautorale anticipando il disco in uscita nella primavera 2021.“Il Biondo” è il singolo del cantautore Baschira che anticipa l’uscita dell’album “Zdasdat”, sunto di una commistione di generi fatta di folk, gypsy jazz e cantautorato.«”Il Biondo” non è biondo, non (continua)

Rejecto “Lockdown, odio casa mia!” è il brano d’esordio dell’artista senza volto che anticipa l'album in uscita nel 2021

Rejecto “Lockdown, odio casa mia!” è il brano d’esordio dell’artista senza volto che anticipa l'album in uscita nel 2021
L’eclettico cantautore che produce la propria arte in completo anonimato racconta senza filtri il proprio punto di vista sulla pandemia mondiale.“Lockdown, odio casa mia!” di Rejecto inquadra la pandemia che ci ha colpiti come causa scatenante di una condizione che per molti è vissuta come la fine della carriera, della propria attività, della vita. Il singolo è estratto da “Prima, durante e.. (continua)

Boavista “Lì dove ci sono le stelle” fuori il disco d’esordio della band pop-rock bolognese

Boavista “Lì dove ci sono le stelle” fuori il disco d’esordio della band pop-rock bolognese
Anticipato dai singoli “Ruggine” e “Il mondo che vorrei”, arriva il debutto discografico dei 5 ragazzi che sintetizzano influenze anglosassoni e canzone d’autore italiana in una commistione musicale che non si arrende alle convenzioni.    Si intitola “Lì dove ci sono le stelle” il primo disco dei Boavista. Un album composto da otto brani che spaziano tra il pop-rock anglosasson (continua)