Home > Ambiente e salute > INVITO STAMPA - 'La gestione del paziente con pregresso evento cardiovascolare’ - 2 Novembre 2020 - ORE 10:30

INVITO STAMPA - 'La gestione del paziente con pregresso evento cardiovascolare’ - 2 Novembre 2020 - ORE 10:30

scritto da: Motore sanita | segnala un abuso

il prossimo lunedì 2 novembre dalle ore 10:30 alle 13, si terrà il webinar ‘LA GESTIONE DEL PAZIENTE CON PREGRESSO EVENTO CARDIOVASCOLARE’, organizzato da MOTORE SANITÀ. La gestione delle cronicità in epoca post-covid-19 ha messo in evidenza la necessità di ampliare i servizi sanitari a scenari diversi, adattandosi ad una nuova realtà organizzativa. Una realtà nella quale devono essere valorizzate tutte le tecnologie (farmaci e dispositivi) che facilitino la presa in carico territoriale del paziente con patologie croniche.


Gentile collega, 

il prossimo lunedì 2 novembre dalle ore 10:30 alle 13, si terrà il webinar ‘LA GESTIONE DEL PAZIENTE CON PREGRESSO EVENTO CARDIOVASCOLARE’, organizzato da MOTORE SANITÀ

La gestione delle cronicità in epoca post-covid-19 ha messo in evidenza la necessità di ampliare i servizi sanitari a scenari diversi, adattandosi ad una nuova realtà organizzativa.

Una realtà nella quale devono essere valorizzate tutte le tecnologie (farmaci e dispositivi) che facilitino la presa in carico territoriale del paziente con patologie croniche.

Perché si realizzi questo, si dovrà passare da un approccio focalizzato a ridurre sempre di più i costi ad un approccio dove la buona salute e i mezzi per ottenerla, siano considerati un investimento

che crea valore. Dovendo convivere con il momento Covid-19, la ripresa delle attività normali, sarà ancora più ardua in quanto tutte le strutture dei servizi sanitari ospedalieri e territoriali, dovranno

fare i conti sia con la domanda attuale che con quella arretrata, appropriata o meno che sia. Per far fronte a questa nuova fase, tenendo conto delle complicazioni createsi e allo scopo di non far

affollare le strutture, si dovrà cogliere questa occasione per rivedere molti processi assistenziali. Questo dovrà avvenire con un approccio che tenga conto di appropriatezza e priorità delle attività

ospedaliere e territoriali, ma come parte di un unico percorso. Sarà da considerare ad alto valore aggiunto per il nostro SSN tutto quello che, dimostrando esiti clinici misurabili e positivi, verrà messo

in campo per semplificare e migliorare, in particolare, l’assistenza ai pazienti cronici. Questi grazie anche alle migliorate condizioni di vita legate ad una più efficiente prevenzione e a migliori cure, in

questi ultimi decenni hanno ottenuto un aumento importante dell'aspettativa di vita. Ovviamente in questo nuovo scenario vi è stato aumento esponenziale di pazienti anziani con patologie croniche

(prevalentemente a carico del sistema cardiovascolare) associate a comorbilità che necessitano di cure e trattamenti farmacologici cronici. 

Per quanta riguarda i molteplici fattori che possono migliorare la qualità di vita e l’outcome del paziente, la poli-terapia cronica è uno dei fattori più importanti e critici nella gestione dell'anziano, in

quanto le malattie da cui è affetto e i farmaci che assume se da una parte sono essenziali per trattare le patologie possono interagire tra loro causando eventi avversi seri e peggioramento dello

stato di salute. Un altro dei problemi seri è la mancanza di aderenza alle terapie o addirittura l’abbandono di parte di queste quando il paziente deve assumere diverse pillole al giorno e in tempi

diversi. Per queste ragioni è importante che questo paziente sia attentamente seguito da medici che conoscano molto bene la storia clinica dei loro pazienti e che sappiano informare ed educare

sull'importanza dell'assunzione dei farmaci prescritti, sui dosaggi/tempi di assunzione, sulle caratteristiche terapeutiche e sui possibili rischi dei farmaci che assumono. È un compito non facile

né per il medico né per il paziente. Infatti i dati epidemiologici nazionali ci dicono che le terapie croniche vengono abbandonate nell'arco del primo anno da circa il 50% dei pazienti anziani. 

TRA GLI ALTRI, PARTECIPANO: 

Davide Croce, Direttore Centro Economia e Management in Sanità e nel Sociale, LIUC Business School Castellanza (Varese) 

Davide Lauri, Presidente C.M.M.C.Cooperativa Medici Milano 

Gabriella Levato, MMG Milano 

Olivia Leoni, Struttura Epidemiologia e Valutazione della Performance 

Aldo P. Maggioni, Direttore Centro Studi ANMCO 

Paolo Mazzola, Professore Associato Medicina e Chirurgia Dipartimento di Geriatria Università Bicocca, Milano 

Emanuele Monti, Presidente III Commissione Sanità 

Roberto Pedretti, Direttore UO Cardiologia, IRCCS MultiMedica, Sesto San Giovanni (MI) 

- Leonardo Pantoni, Direttore Neurologia Ospedale Luigi Sacco Milano 

Annarosa Racca, Presidente Federfarma Lombardia 

Claudio Zanon, Direttore Scientifico Motore Sanità 

 

MODERANO: 

Giulia Gioda, Giornalista 

Aldo P. Maggioni, Direttore Centro Studi ANMCO 

 

 

Per partecipare al webinar del 2 novembre, iscriviti al seguente link: https://bit.ly/

2HNs9Kp

 

Nella speranza tu possa partecipare, in allegato trovi il programma. 

Grato di un cenno di conferma della tua partecipazione 

Un cordiale saluto e buon lavoro

paziente | cardiovascolare | evento |



Commenta l'articolo

 
 

Se ritieni meritevole il nostro lavoro fai una donazione


Recenti

Stesso autore

L’HIV in Italia: “Ancora troppa disomogeneità in sorveglianza, presa in carico e prevenzione, fondamentale che Società scientifiche, Governo e Regioni rimettano al centro il paziente”

Purtroppo, la pandemia COVID-19 ha rallentato questo processo e per fare il punto su prevenzione, diagnosi e cura dell’HIV, Motore Sanità ha organizzato il webinar ‘FOCUS TOSCANA - HIV: UNA PANDEMIA SILENZIOSA. COME LIMITARNE LA DIFFUSIONE’, realizzato grazie al contributo incondizionato di GILEAD. 13 ottobre 2021 – Il Piano Nazionale PNAIDS (HIV e AIDS - Legge 135/90) prevede interventi di prevenzione, informazione, ricerca, assistenza, cura, sostegno all’attività di volontariato, lotta alla stigmatizzazione, formazione di personale dedicato e azioni volte a far emergere il sommerso, favorire accesso al test, diagnosi precoce e migliorare qualità e sicurezza delle cure. Purtroppo, la pandem (continua)

Telemedicina e intelligenza artificiale: Italia-Kazakistan tra esperienze condivise e nuove occasioni di cura, per garantire un’assistenza equa e di qualità

In ragione di questo, Motore Sanità, in collaborazione con ACIK e con la partecipazione di Ambasciata della Repubblica del Kazakhstan nella Repubblica Italiana e ITA - Italian Trade Agency ICE - Agenzia per la promozione all'estero e l'internazionalizzazione delle imprese italiane, ha promosso il webinar “ONLINE BILATERAL FORUM - TELEMEDICINA, TURISMO MEDICALE E COOPERAZIONE INTERNAZIONALE TRA ITALIA E KAZAKHSTAN”, che ha visto la partecipazione di eccellenze italiane e kazache e che si è svolto grazie al contributo incondizionato di AlmavivA e IBM. La pandemia del Covid ha evidenziato quanto ci sia bisogno di best practice, oltre al fatto che la sanità non può più essere solo una questione di Regioni e di Nazioni, ma deve essere trattata a livello globale.  In ragione di questo, Motore Sanità, in collaborazione con ACIK e con la partecipazione di Ambasciata della Repubblica del Kazakhstan nella Repubblica Italia (continua)

ONCOnnection: L’oncologia del futuro “E’ il momento di nuove sfide, indispensabile delocalizzare alcuni trattamenti”

Per fare il punto, Motore Sanità, in collaborazione con Periplo, ha organizzato l'ultimo evento ‘ONCOnnection’ dal titolo ‘ONCOLOGIA 2021-2023: NUOVI MODELLI DI RETI ONCOLOGICHE GARANZIA DI UN RAPIDO ED UNIFORME ACCESSO ALL’INNOVAZIONE DI VALORE’, serie di webinar incentrati sul mondo dell'oncologia, realizzati grazie al contributo incondizionato di Pfizer, Amgen, Boston Scientific, Nestlé Health Science, Takeda, Kite a Gilead Company, Janssen Pharmaceutical Companies of Johnson & Johnson e Kyowa Kirin. 12 ottobre 2021 – Sono 270 mila le persone colpite dal cancro in Italia ogni anno, di questi, fortunatamente, una metà vince la battaglia e l’altra riesce a vivere per un bel po' di tempo. Per affrontare però i problemi che esistenti, è imprescindibile sia attivare reti oncologiche regionali per rendere omogeneo l’accesso alle cure ai pazienti su tutto il territorio nazionale sia accelerare l’uso (continua)

Colesterolo e rischio cardiovascolare: il ruolo “discusso” dei nutraceutici “C’è bisogno di molta informazione: molto spesso la nutraceutica costituisce quasi un ostacolo all’implementazione di terapie ipocolesterolem

9 ottobre 2021 - In Italia, ogni anno, muoiono più 224mila persone per malattie cardiovascolari: circa 47mila sono imputabili al mancato controllo del colesterolo. Proprio così: il colesterolo rappresenta uno tra i più importanti fattori di rischio cardiovascolare, causando per il Servizio Sanitario Nazionale un impatto clinico, organizzativo ed economico enorme, quantificabile in circa 16 miliardi di euro l’anno. 9 ottobre 2021 - In Italia, ogni anno, muoiono più 224mila persone per malattie cardiovascolari: circa 47mila sono imputabili al mancato controllo del colesterolo. Proprio così: il colesterolo rappresenta uno tra i più importanti fattori di rischio cardiovascolare, causando per il Servizio Sanitario Nazionale un impatto clinico, organizzativo ed economico enorme, quantificabile in circa 16 mi (continua)

Invito stampa - Trombocitopenia nel paziente epatopatico: come minimizzare i rischi ed efficientare gli investimenti. Regioni: Toscana - Emilia-Romagna - Marche - 13 Ottobre 2021, Ore 14:30

mercoledì 13 Ottobre, dalle ore 14:30 alle 17:30, si terrà il webinar ‘Trombocitopenia nel paziente epatopatico: come minimizzare i rischi ed efficientare gli investimenti. Regioni: Toscana - Emilia-Romagna - Marche’, organizzato da Motore Sanità.  mercoledì 13 Ottobre, dalle ore 14:30 alle 17:30, si terrà il webinar ‘Trombocitopenia nel paziente epatopatico: come minimizzare i rischi ed efficientare gli investimenti. Regioni: Toscana - Emilia-Romagna - Marche’, organizzato da Motore Sanità. La trombocitopenia è una complicazione a cui va incontro circa l’80% dei pazienti affetti da malattia cronica di fegato (C (continua)