Home > Ambiente e salute > Seconda ondata: dove l'Italia ha fallito e cosa può imparare dall'esperienza cinese - 30 Ottobre 2020

Seconda ondata: dove l'Italia ha fallito e cosa può imparare dall'esperienza cinese - 30 Ottobre 2020

scritto da: Motore sanita | segnala un abuso

Best practices a confronto per combattere il Covid 19. Uno scambio proficuo di informazioni ed esperienze con l’unico scopo di creare un ponte Europa Cina per la lotta al Covid 19. Questo è quanto è avvenuto durante il webinar "LOTTA AL COVID-19 BEST PRACTICES CINA/EUROPA”, che ha rappresentato un ponte comunicativo e ha voluto fare il sunto delle best practices italiane e cinesi per poter imparare l'uno dall'altro in modo da affrontare con ancora più efficacia la pandemia da Coronavirus.


Best practices a confronto per combattere il Covid 19. Uno scambio proficuo di informazioni ed esperienze con l’unico scopo di creare un ponte Europa Cina per la lotta al Covid 19.

Questo è quanto è avvenuto durante il webinar "LOTTA AL COVID-19 BEST PRACTICES CINA/EUROPA”, che ha rappresentato un ponte comunicativo e ha voluto fare il sunto

delle best practices italiane e cinesi per poter imparare l'uno dall'altro in modo da affrontare con ancora più efficacia la pandemia da Coronavirus.

 

Il Webinar è stato promosso e organizzato da Motore Sanità in collaborazione con MEDEX-International Medical Center Italy ed ha trattato i principali punti in materia di gestione

sanitaria dei pazienti Covid e delle migliori pratiche per evitarne la diffusione, grazie all’intervento di luminari italiani e cinesi, che si sono resi disponibili a confrontarsi in modo

costruttivo. Per la Cina hanno partecipato: Dr. Zhang Junhua, Vice Direttore del Talent Exchange Service Center of the Health Human Resources Development Center (HHRDC),

the National Health Commission, PR China; dall’ ospedale di Beijing: Dr. Xi Huan, Vice Direttore dell’Ospedale di Pechino, “National Advanced Individual in Fighting New Coronary

Polmonite Epidemic”; Dr. Cai Mang, Dipartimento di Gestione delle Infezioni Ospedaliere (Prevenzione e Controllo delle Malattie) del Beijing Hospital; Dr. Xu Xiaomao, Vicedirettore

del Dipartimento di Medicina Respiratoria e Medicina Critica del Beijing Hospital; Dr. Sun Chao, Vicedirettore del Reparto Infermieristico del Beijing Hospital. Per l’Italia i relatori erano:

Dr. Luigi Bertinato – Responsabile Segreteria Scientifica Istituto Superiore di Sanità, Dr. Luciano Flor – Direttore Generale AOU Padova, Dr. Antonio Cascio – Direttore Unità Operativa

Malattie Infettive Policlinico P. Giaccone, Palermo; Dr. Alessandro Perrella –Infettivologo AORN Cardarelli, referente del percorso clinico Covid del nosocomio e dell’unità di crisi

regionale per l’emergenza; Dr. Giulio Fornero – Direzione Scientifica Motore Sanità, già Direttore Dipartimento Qualità e Sicurezza delle Cure dell’Azienda Ospedaliera-Universitaria Città

della Salute e della Scienza di Torino; Dr. Claudio Zanon – Direttore Sanitario Ospedale Valduce Como e Villa Beretta Costa Masnaga Lecco, Direttore Scientifico Motore Sanità.

 

"Capire il perché Cina, Corea del Sud e Giappone siano, dopo una prima ondata impegnativa come a Wuhan, paesi Covid-Free è estremante importante per acquisire best practices da

applicare possibilmente anche nella nostra realtà attualmente sottoposta ad un’ulteriore dura prova sanitaria, sociale ed economica da una seconda ondata preoccupante seppur diversa

dalla prima. Comprendere i sistemi di tracciamento cinesi, le cure mese in atto, l’organizzazione ospedaliera e le aspettative sul vaccino sono i punti fondamentali di un confronto vero con

possibili ricadute importanti sulle azioni immediate e future da intraprendere nel nostro Paese che, ricordiamo, è grande quanto la sola provincia di Hubei (di cui Wuhan fa parte) in cui

abitano 60 milioni di cinesi. Motore Sanità ha ritenuto di organizzare il primo webinar di confronto tra Cina ed Italia per collaborare all’attuale tentativo di completo controllo della pandemia

a cui devono partecipare cittadini, istituzioni, realtà produttive ed operatori sanitari”, queste le parole di Claudio Zanon, Direttore Scientifico di Motore Sanità.

 

"Sapere che l’Italia ha avuto ottimi risultati nel contenimento del virus durante la prima ondata ci fa molto piacere e ci complimentiamo per l’ottima gestione della situazione. Per questo,

siamo lieti di poter condividere le best practices cinesi per aiutare l’Italia ad affrontare anche la seconda ondata senza gravi ripercussioni". dichiara il Prof. Zhang Junhua, Vice Direttore

del Talent Exchange Service Center of the Health Human Resources Development Center (HHRDC) della Commissione Nazionale per la Salute cinese.

covid | seconda | ondata | cina | italia | vaccino |



Commenta l'articolo

 
 

Se ritieni meritevole il nostro lavoro fai una donazione


Recenti

Stesso autore

'Focus Emilia-Romagna. Governance dell'innovazione in oncologia e oncoematologia’ - 26 Novembre 2020 - ORE 10

giovedì 26 novembre dalle ore 10 alle 13:30, si terrà il webinar: ‘FOCUS EMILIA-ROMAGNA. GOVERNANCE DELL'INNOVAZIONE IN ONCOLOGIA E ONCOEMATOLOGIA’, organizzato da MOTORE SANITÀ. giovedì 26 novembre dalle ore 10 alle 13:30, si terrà il webinar: ‘FOCUS EMILIA-ROMAGNA. GOVERNANCE DELL'INNOVAZIONEIN ONCOLOGIA E ONCOEMATOLOGIA’, organizzato da  MOTORE SANITÀ. Lo scenario di innovazione tecnologica che si prospetta nei prossimi anni in molte aree terapeutiche, è senz’altro molto ricco di contenuti,che fanno ben sperare i pazient (continua)

'Immunoterapia ed efficienza organizzativa. Un nuovo modello di governance nel trattamento dei tumori della mammella’ - 26 Novembre 2020 - ORE 15

l prossimo giovedì 26 Novembre dalle ore 15 alle 17:30, si terrà il webinar: ‘IMMUNOTERAPIA ED EFFICIENZA ORGANIZZATIVA. UN NUOVO MODELLO DI GOVERNANCE NEL TRATTAMENTO DEI TUMORI DELLA MAMMELLA’, organizzato da MOTORE SANITÀ. il prossimo giovedì 26 Novembre dalle ore 15 alle 17:30, si terrà il webinar: ‘IMMUNOTERAPIA ED EFFICIENZA ORGANIZZATIVA. UN NUOVO MODELLO DI GOVERNANCE NELTRATTAMENTO DEI TUMORI DELLA MAMMELLA’, organizzato da MOTORE SANITÀ. Il carcinoma mammario è la neoplasia più frequente tra le donne ed è potenzialmente grave se non è individuatae cu (continua)

Farmaco equivalente: “Dopo anni, pur garantendo sostenibilità al SSN e risparmio ai cittadini, il loro uso in Italia è ancora a macchia di leopardo”

4 novembre 2020 - I farmaci equivalenti avendo stesso principio attivo, concentrazione, forma farmaceutica, via di somministrazione e indicazioni di un farmaco di marca non più coperto da brevetto (originator), sono dal punto di vista terapeutico, equivalenti al prodotto di marca ma molto più economici, con risparmi che vanno da un minimo del 20% ad oltre il 50%. 24 novembre 2020 - I farmaci equivalenti avendo stesso principio attivo, concentrazione, forma farmaceutica, via disomministrazione e indicazioni di un farmaco di marca non più coperto da brevetto (originator), sono dal punto divista terapeutico, equivalenti al prodotto di marca ma molto più economici, con risparmi che vanno da un minimo del20% ad oltre il 50%. Questo è fo (continua)

Telemedicine R-evolution: ‘Stop alla tecnologia per pochi eletti, necessario garantire assistenza a tutti i pazienti a livello nazionale’

24 novembre 2020 – In Italia, in epoca Covid, è emerso il grave ritardo nella riforma dei servizi territoriali mostrando la necessità indifferibile di spostare il fulcro dell’assistenza dei malati cronici dall’ospedale al territorio, necessità che si acuisce in alcune Regioni rispetto ad altre. 24 novembre 2020 – In Italia, in epoca Covid, è emerso il grave ritardo nella riforma dei servizi territoriali mostrandola necessità indifferibile di spostare il fulcro dell’assistenza dei malati cronici dall’ospedale al territorio, necessità chesi acuisce in alcune Regioni rispetto ad altre. È arrivato il momento di vedere la telemedicina come investimento per ilSistema Sanitario e non (continua)

Malattie croniche: “Teleconsulto, telemedicina e tele-monitoraggio, le best practice delle Regioni al tempo del Covid-19”

Malattie croniche: “Teleconsulto, telemedicina e tele-monitoraggio, le best practice delle Regioni al tempo del Covid-19” 23 novembre 2020 – La gestione delle malattie croniche si è rilevata in questo periodo di pandemia moltocomplessa, dal momento che per i pazienti è richiesta una forte integrazione tra lo specialista ed il medicodi medicina generale e deve essere prevista anche la componente socio-assistenziale. Nel periodopandemico, teleconsulto, gestione della terapia, telemedicina e tele-monitoraggio (continua)