Home > Cultura > Convegno “Famiglie unite contro la Filiera Psichiatrica”

Convegno “Famiglie unite contro la Filiera Psichiatrica”

scritto da: Gtrambusti | segnala un abuso

Convegno “Famiglie unite contro la Filiera Psichiatrica”

Comunicato stampa - Convegno “Famiglie unite contro la Filiera Psichiatrica”


Il 5 novembre 2020 alle ore 20.30 si terrà il convegno online “Famiglie unite contro la Filiera Psichiatrica”.

Con questo convegno il Comitato dei Cittadini per i Diritti Umani della Toscana raccoglie l'appello ricevuto dalle famiglie vittime della Filiera Psichiatrica nella nostra regione.

Il convegno ha lo scopo di sostenere e aiutare le famiglie alle quali vengono sottratti ingiustamente i bambini e a questo intento si è creata un’unione e una stretta collaborazione con altre associazioni sensibili a questo tema così tristemente diffuso nel nostro paese.

Pochi giorni fa ha avuto luogo l’inizio del cosiddetto “Processo di Bibbiano” che vede alla sbarra 23 imputati per un totale di 108 capi di imputazione, tutti collegati agli allontanamenti illeciti dei minori dai propri affetti.

Noi, come CCDU, abbiamo potuto constatare che Bibbiano è solo la punta dell'iceberg. Con l'entrata in vigore della legge 328 del 2000, che ha regolamentato la questione delle case famiglia e degli affidi, si sono aperte le porte ad un sistema che spesso non agisce per il bene dei bambini e delle famiglie. Infatti, questo sistema tende a sostituirsi alle cure amorevoli della famiglia e ad allontanare i minori per riempire i posti vacanti delle strutture private che vivono di soldi pubblici.

In questa società, che ha lasciato alla Filiera Psichiatrica il compito di occuparsi delle famiglie e dei bambini in difficoltà, noi facciamo proposte concrete per aiutare le famiglie a casa loro, per dare loro il supporto di cui hanno bisogno, per superare i loro problemi e per continuare a vivere la loro vita preservando l'unità della famiglia.

Al convegno interverranno esperti in materia di Tutela dei minori e ci saranno anche testimonianze di genitori che combattono e che hanno vinto contro la filiera psichiatrica.

#aiutiamoliacasaloro

https://www.facebook.com/tuteladirittiminori

Informazioni: 333 3991007

Prenotazioni: maria.gainuta@ccdu.org


Fonte notizia: https://www.facebook.com/tuteladirittiminori


CCDU | Comitato dei Cittadini per i Diritti Umani | Bibbiano | Filiera Psichiatrica | servizi sociali | psichiatria | Diritti Umani | bambini sottratti |



Commenta l'articolo

 

Potrebbe anche interessarti

Giustizia minorile: tutela o danno?


Giornata della Memoria – Una diversa prospettiva sulle cause dell’Olocausto


Convention Nazionale per la tutela dei diritti dei bambini


La sfida della prevenzione: gli appuntamenti di AiFOS per la sicurezza


Asseprim Influencer Marketing: anche la piccola impresa investe sempre più sull’influencer


Coldiretti e Consorzio Birra Italiana insieme per la filiera della birra artigianale.


 

Se ritieni meritevole il nostro lavoro fai una donazione


Recenti

Stesso autore

Peculato e droga a Collesalvetti

Peculato e droga a Collesalvetti
Nel comune Toscano di Collesalvetti una sindacalista ha sottratto quasi 700.000 euro all’economato per acquistare droga e giocare online. Si sa che la droga costa, e che i tossicodipendenti ricorrono spesso al crimine per procurarsi i soldi necessari per acquistare dagli spacciatori le sostanze tossiche di cui ormai non riescono più fare a meno. Il caso avvenuto a Collesalvetti ha fatto scalpore perché la protagonista è una insospettabile sindacalista, dipendente comunale, che negli anni ha sottratto dalla casse dell’economa (continua)

Lo spaccio di droga vera travestito da cannabis light

Lo spaccio di droga vera travestito da cannabis light
A Bologna, in un distributore di cannabis light di una tabaccheria, si poteva acquistare la droga vera e illegale. Tabaccaio o spacciatore? Probabilmente entrambi, perché nel distributore di “cannabis light” della sua tabaccheria non c’erano solo sostanze legali, ma anche la “roba buona”. E lo dimostrava l’intenso via via di persone che acquistavano dal distributore! Evidentemente la notizia della facile disponibilità di sostanze illegali si era diffuso tra i tossicodipendenti della zona, che approfittava (continua)

La campagna di prevenzione alla droga della Chiesa di Scientology nel 2020

La campagna di prevenzione alla droga della Chiesa di Scientology nel 2020
Nel 2020 le campagne sociali della Chiesa di Scientology hanno necessariamente cambiato forma, ma non è certo diminuito l’impegno dei volontari che le hanno realizzate. La Chiesa di Scientology, ormai da alcuni decenni, porta avanti campagne sociali di prevenzione sulla droga, per il rispetto dei diritti umani e per un rinnovato impegno comunitario in varie forme di volontariato. Nel 2020 le campagne sociali della Chiesa di Scientology hanno necessariamente cambiato forma, ma non è certo diminuito l’impegno dei volontari che le hanno realizzate. Una delle (continua)

Biscotti alla marijuana: due fidanzati all’ospedale

Biscotti alla marijuana: due fidanzati all’ospedale
La marijuana è una sostanza tossica, e bisogna trattarla come tale; la propaganda che la posiziona come “naturale” e “curativa” mette in pericolo la salute delle persone. A Bologna uno studente universitario, dopo aver acquistato dei biscotti per strada da uno sconosciuto, li ha consumati e li ha offerti alla fidanzata, minorenne. Successivamente entrambi hanno accusato forti dolori gastrointestinali, e sono stati ricoverati al pronto soccorso. Il ragazzo ha poi confessato che i biscotti avevano la marijuana tra gli ingredienti. Per fortuna la quantità di so (continua)

Aumentano i ricoveri al pronto soccorso per avvelenamento da marijuana

Aumentano i ricoveri al pronto soccorso per avvelenamento da marijuana
Un nuovo studio statunitense rileva un deciso aumento dei giovani che vengono ricoverati in ospedale dopo aver abusato di marijuana. La marijuana è una droga e in quanto tale è una sostanza tossica. La propaganda criminale che la tenta di posizionarla come “naturale”, “innocua” o addirittura “curativa” ha causato non solo un aumento nel suo uso, ma anche una maggiore inconsapevole leggerezza in chi si avvicina a questo stupefacente. Uno studio pubblicato nel 2017 dal “National Insitute of Health” degli Stati Uniti, di H (continua)