Home > Cultura > Convegno “Famiglie unite contro la Filiera Psichiatrica”

Convegno “Famiglie unite contro la Filiera Psichiatrica”

scritto da: Gtrambusti | segnala un abuso

Convegno “Famiglie unite contro la Filiera Psichiatrica”

Comunicato stampa - Convegno “Famiglie unite contro la Filiera Psichiatrica”


Il 5 novembre 2020 alle ore 20.30 si terrà il convegno online “Famiglie unite contro la Filiera Psichiatrica”.

Con questo convegno il Comitato dei Cittadini per i Diritti Umani della Toscana raccoglie l'appello ricevuto dalle famiglie vittime della Filiera Psichiatrica nella nostra regione.

Il convegno ha lo scopo di sostenere e aiutare le famiglie alle quali vengono sottratti ingiustamente i bambini e a questo intento si è creata un’unione e una stretta collaborazione con altre associazioni sensibili a questo tema così tristemente diffuso nel nostro paese.

Pochi giorni fa ha avuto luogo l’inizio del cosiddetto “Processo di Bibbiano” che vede alla sbarra 23 imputati per un totale di 108 capi di imputazione, tutti collegati agli allontanamenti illeciti dei minori dai propri affetti.

Noi, come CCDU, abbiamo potuto constatare che Bibbiano è solo la punta dell'iceberg. Con l'entrata in vigore della legge 328 del 2000, che ha regolamentato la questione delle case famiglia e degli affidi, si sono aperte le porte ad un sistema che spesso non agisce per il bene dei bambini e delle famiglie. Infatti, questo sistema tende a sostituirsi alle cure amorevoli della famiglia e ad allontanare i minori per riempire i posti vacanti delle strutture private che vivono di soldi pubblici.

In questa società, che ha lasciato alla Filiera Psichiatrica il compito di occuparsi delle famiglie e dei bambini in difficoltà, noi facciamo proposte concrete per aiutare le famiglie a casa loro, per dare loro il supporto di cui hanno bisogno, per superare i loro problemi e per continuare a vivere la loro vita preservando l'unità della famiglia.

Al convegno interverranno esperti in materia di Tutela dei minori e ci saranno anche testimonianze di genitori che combattono e che hanno vinto contro la filiera psichiatrica.

#aiutiamoliacasaloro

https://www.facebook.com/tuteladirittiminori

Informazioni: 333 3991007

Prenotazioni: maria.gainuta@ccdu.org


Fonte notizia: https://www.facebook.com/tuteladirittiminori


CCDU | Comitato dei Cittadini per i Diritti Umani | Bibbiano | Filiera Psichiatrica | servizi sociali | psichiatria | Diritti Umani | bambini sottratti |



Commenta l'articolo

 

Potrebbe anche interessarti

Giustizia minorile: tutela o danno?


Giornata della Memoria – Una diversa prospettiva sulle cause dell’Olocausto


Convention Nazionale per la tutela dei diritti dei bambini


La sfida della prevenzione: gli appuntamenti di AiFOS per la sicurezza


Asseprim Influencer Marketing: anche la piccola impresa investe sempre più sull’influencer


Grandi opere: l’importanza della progettazione della sicurezza


 

Se ritieni meritevole il nostro lavoro fai una donazione


Recenti

Stesso autore

Il Motogiro Nazionale di “Dico no alla droga” fa tappa a Firenze e Pisa

Il Motogiro Nazionale di “Dico no alla droga” fa tappa a Firenze e Pisa
Firenze e Pisa saranno le prime tappe del Primo Motogiro Nazionale “Mettiamoci in moto per un Italia Libera dalla Droga” organizzato dall’associazione Dico No alla Droga. A Firenze il Motogiro si fermerà a Piazzale Michelangelo, lunedì 30 agosto alle 16:30 circa, dove riceverà il saluto del Consigliere Comunale Federico Bussolin. La tappa di Pisa sarà effettuata in collaborazione con l’associazione Gruppo Il Ponte San Patrignano, e con la Pubblica Assistenza Litorale Pisano che hanno aderito con entusiasmo all’iniziativa.Nel dettaglio il Motogiro passerà da Pia (continua)

Reggere bene l’alcool è una predisposizione all’alcolismo

Reggere bene l’alcool è una predisposizione all’alcolismo
Molti si vantano di “reggere bene l’alcool”, ma questa capacità porta a bere di più e quindi a maggiori rischi per salute, incidenti e alcolismo. Le persone che bevono alcolici regolarmente, alle feste, al bar o a casa, spesso si vantano della loro capacità di “reggere l’acool”. Sia che facciano per “essere dei duri” o che siano orgogliosi reggerlo più dei loro amici, queste persone spesso faranno sfoggio del fatto gli ci vogliono più drink per ubriacarsi, o che sono in grado di consumare abbondanti quantità di alcol senza soffrire di (continua)

Bambini nati tossicodipendenti da madri inconsapevoli

Bambini nati tossicodipendenti da madri inconsapevoli
Bambini nati tossicodipendenti da madri inconsapevoli Un numero crescente di bambini nasce già dipendenti dalle droghe, e non sempre la causa è una madre tossicodipendente. Il quotidiano di Nashville “The Tennessean” ha recentemente pubblicato un rapporto su una preoccupante tendenza: sempre più bambini nascono nell'inferno della “sindrome da astinenza neonatale”, una condizione che si verifica quando una madre usa antidolorifici oppiacei (farmaci legali prescritti ma simili all’eroina e alla morfina) durante il corso della gravidanza. Il bambino diventa dipende (continua)

Prevenzione alla droga negli stabilimenti balneari

Prevenzione alla droga negli stabilimenti balneari
I volontari dell’associazione Mondo Libero dalla Droga hanno visitato 14 bagni del litorale di Tirrenia e Marina di Pisa distribuendo materiale informativo sui pericoli delle droghe. La droga non va in vacanza e chi ne abusa continua a cercarla anche durante il soggiorno nelle località balneari. Gli spacciatori lo sanno, e durante l’estate si spostano sulla costa per rifornire i vacanzieri che cercano lo ‘sballo’ a tutti i costi o che altrimenti andrebbero in crisi di astinenza. I volontari dell’associazione internazionale “Mondo Libero dalla Droga” si sono mobilitati (continua)

L'abuso di farmaci è secondo solo alla marijuana

L'abuso di farmaci è secondo solo alla marijuana
Nel mondo della tossicodipendenza, l’abuso di farmaci è ormai come diffusione al secondo posto dietro alla marijuana I farmaci prescritti fanno parte della vita di milioni di persone, negli Stati Uniti il 48% delle persone assume almeno un farmaco con regolarità, mentre l'11% assume cinque o più farmaci ogni mese. Particolarmente comune tra questi farmaci è il Vicodin, un antidolorifico oppiaceo che ora è il farmaco più comunemente prescritto negli Stati Uniti. Solo nel 2010 sono state scritte più di 130 mi (continua)