Home > Libri > Intervista di Alessia Mocci ad Enrico Nascimbeni ed al suo Il Non-Amore ai tempi di Facebook, Rupe Mutevole Edizioni

Intervista di Alessia Mocci ad Enrico Nascimbeni ed al suo Il Non-Amore ai tempi di Facebook, Rupe Mutevole Edizioni

articolo pubblicato da: Alessia Mocci | segnala un abuso

Intervista di Alessia Mocci ad Enrico Nascimbeni ed al suo Il Non-Amore ai tempi di Facebook, Rupe Mutevole Edizioni

 “[…] scrivere un racconto e una poesia lo possono fare in tantissimi. Ma di scrittori veri e poeti ce ne sono pochi. Ed è giusto che sia così.”

 

Enrico Nascimbeni(Verona, 1959) è un cantautore, poeta, scrittore e giornalista italiano. Ha lavorato per giornali quali Il Giorno, L’Arena, L’indipendente, Studio Aperto;  moltissime le collaborazioni musicali (Roberto Vecchioni, Syria, Paola Turci, Leonard Cohen, Francesco Baccini, Suzanne Vega) ma non solo, infatti, sono svariati gli album che dal 1977 sono stati prodotti.

Tre anni fa pubblica “Non-Poesie – L’amore ai tempi di Myspace” riscuotendo un notevole successo, ed nel 2012 “Il Non-Amore ai tempi di Facebook”, edito dalla casa editrice Rupe Mutevole Edizioni nella collana editoriale “La Quiete e l’Inquietudine”, con prefazione dell’amico Roberto Vecchioni.

Componimenti di poesia e riflessione allo stesso tempo, un autore che da vita alle sue emozioni in modo sentimentale, affermandosi autore poliedrico ed umile nei confronti dell’amata Poesia.

 

Enrico Nascimbeni è stato molto disponibile nel rispondere ad alcune domande sulla sua nuova pubblicazione e sulla sua presentazione venerdì 17 febbraio 2012 a Sanremo. Buona lettura!

 

 

 

A.M.: Chi è Enrico Nascimbeni?

 

Enrico Nascimbeni: Me lo chiedo spesso anch’io. E non trovo la risposta. Sono un cantautore- autore -giornalista professionista-scrittore. Ma soprattutto sono un sognatore, un ricercatore meticoloso di utopie ed un uomo fortemente fragile. E ho visto che la mia fragilità è così marcata che spesso i sogni e le utopie nelle mia vita e nel mio lavoro sono diventate realtà. 


A.M.: Che cosa significa scrivere?

 

Enrico Nascimbeni: Condividere con gli altri la propria realtà, in un reciproco scambio di piccole emozioni quotidiane. Dallo svuotare un vaso di nutella al guardare fuori dalla finestra, sperando in un ritorno.


A.M.: Sei uno scrittore da carta e penna oppure da tastiera del pc?

 

Enrico Nascimbeni: Tutte e due le cose. Anche se io scrivo frasi anche su liste della spesa o locandine pubblicitarie.


A.M.: "Il Non-Amore ai tempi di Facebook". Ci può illustrare le tematiche della tua pubblicazione?

 

Enrico Nascimbeni: Un viaggio nelle piccole cose della vita che per un attimo possono diventare immense. Uno sguardo nel ricordo. Un infinito amore per l’amore.


A.M.: La prefazione è firmata da Roberto Vecchioni. E' stata una tua scelta?

 

Enrico Nascimbeni: Ho fortemente voluto io che Roberto scrivesse la prefazione. Con lui ho diviso il mestiere del cantautore, la vita, gli amori. È il padre-maestro. Chi meglio di lui avrebbe potuto descrivermi?

 

A.M.:  17 febbraio 2011 alle ore 18:30 a Sanremo ci sarà la presentazione de "Il Non-Amore ai tempi di Facebook". Cosa ti aspetti dall'evento?

 

Enrico Nascimbeni: Di coinvolgere il pubblico. E, magari, anche per un solo minuto, condividere con il pubblico un’emozione.



A.M.: Che cosa ne pensi della casa editrice Rupe Mutevole? La consiglierebbe?

 

Enrico Nascimbeni: Una casa editrice che ha il profumo di casa. Gestita da persone di grande sensibilità. Certo che la consiglio. Con una affermazione presuntuosa ma onesta: scrivere un racconto e una poesia lo possono fare in tantissimi. Ma di scrittori veri e poeti ce ne sono pochi. Ed è giusto che sia così.



A.M.: Altre novità per il 2012? Ci puoi anticipare qualcosa?

 

Enrico Nascimbeni: Sto ultimando un libro-biografia su mio padre, Giulio Nascimbeni. Un nuovo album all’orizzonte. Ed un tour musicale che mi porterà dalla Russia a Cuba fino al Venezuela.

 

 

A.A.: Quante novità interessanti Enrico! Grazie per la tua disponibilità e ti auguro un anno pieno del dovuto successo! Inoltre ricordo che venerdì 17 febbraio 2012 alle ore 18:30 Enrico Nascimbeni presenterà “Il Non-Amore ai tempi di Facebook” nel cuore della città dei fiori  a Portosole, Media Music Village, durante le giornate del Festival di Sanremo:

http://oubliettemagazine.com/2012/02/11/novita-rupe-mutevole-edizioni-presentera-alcuni-suoi-autori-durante-le-giornate-del-festival-di-sanremo/

 

Lascio link utili per visitare il sito della casa editrice e per ordinare il libro.

http://www.rupemutevoleedizioni.com/

http://www.reteimprese.it/rupemutevoleedizioni

http://www.facebook.com/pages/Ufficio-Stampa-Rupe-Mutevole/126491397396993

 

Alessia Mocci

Responsabile Ufficio Stampa Rupe Mutevole Edizioni

 

Fonte:

http://oubliettemagazine.com/2012/02/14/intervista-di-alessia-mocci-ad-enrico-nascimbeni-ed-al-suo-il-non-amore-ai-tempi-di-facebook-rupe-mutevole-edizioni/

enrico nascimebeni | rupe mutevole | il non amore ai tempi di facebook |



Commenta l'articolo

 

Potrebbe anche interessarti

Le novità editoriali primaverili della casa editrice Rupe Mutevole Edizioni


Intervista di Alessia Mocci a Massimo Bianco ed al suo Capelli, Rupe Mutevole Edizioni


Intervista di Alessia Mocci a Carla Zancanaro ed al suo Metropoli Tana


Intervista di Alessia Mocci ad Alima Meli ed al suo Lettera a Tommaso, Rupe Mutevole


Intervista di Alessia Mocci a Gigliola Biagini ed al suo Nessuno dei vostri baci è caduto per terra


Intervista di Alessia Mocci a Mario Raso ed al suo Morgete fragranze incise d’agave


 

Se ritieni meritevole il nostro lavoro fai una donazione


Recenti

Stesso autore

Intervista di Alessia Mocci a Claudio Alvigini: vi presentiamo il saggio “L’inconcepibile esercizio”

Intervista di Alessia Mocci a Claudio Alvigini: vi presentiamo il saggio “L’inconcepibile esercizio”
 “L’attaccamento alla legge del padre Platone o del padre Aristotele o del padre Tolomeo degli intellettuali di allora divenne sempre più forte. Essi, infatti, temevano che, perdendo ciò in cui loro, la chiesa e tutti, credevano, avrebbero perso il loro potere e quindi… anche la loro privilegiata posizione di assistiti e beneficiati dal signore di turno. Forse (continua)

Intervista di Alessia Mocci a Francesco S. Mangone: vi presentiamo “La spazzola dell’ingegnere”

Intervista di Alessia Mocci a Francesco S. Mangone: vi presentiamo “La spazzola dell’ingegnere”
  “Furore prende il titolo dal grande romanzo di John Steinbeck, uscito nel 1939; leggendolo si capisce come la crisi umana, sociale e politica di quegli anni assomiglia alla disperazione dell’oggi. Il romanzo sociale è tale perché rimette al centro la vita delle donne e degli uomini in carne e ossa, in questo tempo dello spettacolo e della finzione.” – (continua)

Intervista di Alessia Mocci a Cristina Zaltieri: vi presentiamo “Spinoza e la storia”

Intervista di Alessia Mocci a Cristina Zaltieri: vi presentiamo “Spinoza e la storia”
  “Nietzsche coglie cinque motivi di consonanza tra il suo pensiero e quello del pensatore olandese: entrambi combattono l’illusione del libero arbitrio, confutano il finalismo di matrice aristotelica, distruggono la concezione di un ordine morale inerente al mondo, mostrano l’interesse come motore di ogni umano agire, negano il male ontologico, insito nelle cose stesse.&rdq (continua)

Intervista di Alessia Mocci alla Fondazione Darcy Ribeiro per l’uscita della nuova traduzione italiana di “Utopia Selvaggia”

Intervista di Alessia Mocci alla Fondazione Darcy Ribeiro per l’uscita della nuova traduzione italiana di “Utopia Selvaggia”
 “Per Darcy, la sopravvivenza degli indios risiede nella loro apparente incapacità di essere decomposta ed annullata nella società nazionale. Qualunque siano le condizioni che affrontano, gli indios, anche se profondamente mescolati con neri e bianchi, rimangono indios e si dichiarano indios.” – Fondazione Darcy Ribeiro Il primo maggio in tutte le librerie f (continua)

“Anni difficili” di Franco Rizzi: un romanzo che racconta l’epilogo delle Brigate Rosse

“Anni difficili” di Franco Rizzi: un romanzo che racconta l’epilogo delle Brigate Rosse
“Sapeva benissimo che una pistola non era una difesa sufficiente per il pericolo che l’avrebbe atteso nei giorni, nei mesi a venire, ma non aveva trovato nulla di più efficace da opporre al destino che lo stava aspettando.” Dalla terrazza dell’albergo in cui alloggia a Caracas, Gianni Trapani amalgama i ricordi del passato a ciò che avrebbe dovuto fare nell (continua)