Home > Altro > Cena al ristorante Spinelli (IDD) si scaglia contro Sgarbi

Cena al ristorante Spinelli (IDD) si scaglia contro Sgarbi

scritto da: Carlospinelli | segnala un abuso

Cena al ristorante Spinelli (IDD) si scaglia contro Sgarbi

Il responsabile per la politica interna del movimento Italia dei Diritti Carlo Spinelli condanna l’episodio che ha visto Vittorio Sgarbi protagonista di una cena in un ristorante di Fano violando così le norme per il contenimento del Covid-19 e invita il Senatore di fare mea culpa


Roma 06 novembre 2020: Sta scatenando polemiche l’episodio che ha visto il Senatore Vittorio Sgarbi protagonista di una cena in un noto ristorante di Fano per protestare contro il DPCM del Premier Conte che vede le chiusure dei ristoranti dopo le ore 18 consentendo loro solo il servizio da asporto e consegna a domicilio. Il movimento Italia dei Diritti fondato e presieduto dal giornalista Antonello De Pierro non ha voluto far mancare la propria opinione condannando l’episodio  tramite il responsabile per la politica interna Carlo Spinelli:” Al di là di quali possono essere le idee sulla chiusura dei ristoranti alle ore 18 permettendo loro solo il servizio da asporto e consegna a domicilio, se c’è una norma la stessa deve essere rispettata soprattutto se questa  viene introdotta per tutelare la salute pubblica e i primi a doverla rispettare sono proprio coloro che, ricoprendo delle cariche istituzionali, sono presi ad esempio dalla popolazione. Quanto accaduto a Fano la sera del 5 novembre è quindi assolutamente da condannare – questo è il pensiero espresso da Carlo Spinelli che continua – un Senatore della Repubblica non può e non deve quindi contravvenire a quelle che sono le disposizioni contenute in un DPCM, ciò che ha fatto il Senatore Sgarbi cenando in un noto ristorante di Fano per protestare contro le misure anti covid prese dal Presidente del Consiglio è assolutamente da censurare. La cena si è svolta all’interno del locale che seppur chiuso, è sempre un locale pubblico e ha visto come commensali circa 20 persone alcune di loro a quanto sembra senza mascherina, in barba ai divieti di assembramento e agli accorgimenti che ognuno di noi deve prendere per combattere questa pandemia. Lo stesso ristoratore si era reso protagonista già di una protesta simile organizzando in un locale di Pesaro una cena per 90 persone per la quale è stato poi sanzionato con la chiusura del locale per 15 giorni stabilita dal questore. Il comportamento di Vittorio Sgarbi a mio avviso – prosegue Spinelli – è da irresponsabile perché potrebbe fomentare ancor di più chi ritiene che i provvedimenti presi dal governo per contenere la pandemia sono inutili e dannosi per il Paese e visti gli episodi dei giorni scorsi in questo momento basta poco per accendere il cerino della violenza. A nulla è valso l’intervento dei carabinieri in quanto, come dichiara lo stesso ristoratore, non avevano l’autorizzazione ad entrare in un locale chiuso. Ci sono poi le dichiarazioni attribuite a Sgarbi che, se veritiere, rendono ancora più grave l’episodio; il critico d’arte avrebbe parlato di resistenza ad una dittatura imposta senza ragione per impedire agli italiani di fare ciò che vogliono ma se mezzo milioni di contagiati in Italia e 40000 morti non sono una ragione valida questo Sgarbi ce lo dovrebbe spiegare meglio. Si potrebbe criticare forse la gestione estiva quando tutto è stato riaperto e psicologicamente si pensava che il virus era debellato questo si e magari è proprio perché ci è stato permesso di fare ciò che volevamo che adesso ci troviamo di nuovo a confrontarci con la dura realtà dei numeri che vede sfiorare i 40000 contagi giornalieri. Se un Senatore dissente sulle misure prese dal Premier questi deve intervenire nelle sedi opportune e cioè in Parlamento esprimendo le sue perplessità e magari proporre misure alternative e non contravvenendo in maniera palese alle regole, è ora di dire basta alla spettacolarizzazione del problema che vede milioni di italiani soffrire e pagare dazio a questa pandemia – conclude Spinelli – Sgarbi ammetta di aver sbagliato e chieda scusa e continui ad esprimere il proprio pensiero nelle sedi opportune; Lui che appare spesso in video per criticare anche duramente, e questo è noto a tutti, chi secondo Lui commette degli errori adesso critichi se stesso i suoi incarichi istituzionali lo impongono, Lui che tra l’altro è Sindaco di un comune e rappresenta i cittadini di quel comune, Lui che è un Senatore della Repubblica e rappresenta gli italiani faccia marcia indietro e faccia un mea culpa anche se non basterà per cancellare quanto ha fatto serve comunque a far capire alla gente che il rispetto delle regole è fondamentale per la lotta al Covid-19”.

Ufficio stampa politica interna Italia dei Diritti

E mail idd.polinterna@gmail.com  

Spinelli | Sgarbi | De Pierro | Italia dei Diritti | cena | Fano | Carriera | DPCM |



Commenta l'articolo

 

Potrebbe anche interessarti

Carlo Spinelli ancora critico con il sindaco uscente di Cervara di Roma


Carlo Spinelli ( IDD ) denuncia alto rischio inquinamento in Basilicata


Carlo Spinelli IDD denuncia ancora il mancato pagamento degli stipendi da parte di Onorati


Carlo Spinelli IDD: interveniamo concretamente contro il femminicidio


Successo per il ristorante “ETTO” a Napoli


SAN MARTINO, LA GIORNATA DEL BACALÀ ALLA VICENTINA


 

Se ritieni meritevole il nostro lavoro fai una donazione


Recenti

Stesso autore

Crisi di governo Italia dei Diritti si schiera con Conte critica Renzi e chiede l'adesione al movimento dei parlamentari pro Conte liberi da vincoli di partito

Crisi di governo Italia dei Diritti si schiera con Conte critica Renzi e chiede l'adesione al movimento dei parlamentari pro Conte liberi da vincoli di partito
Il responsabile per la politica interna di Italia dei Diritti Carlo Spinelli prende le difese del Premier Conte definendo positiva la sua esperienza di governo, critica aspramente la decisione di Renzi di aprire la crisi e si appella ai parlamentari in questo momento liberi da vincoli di partito chiedendo loro di aderire al movimento per creare un gruppo sia alla Camera che al Senato a sostegno del Premier Roma 14 gennaio: Tanto tuonò che piovve; e così dopo averlo più volte gridato ai quattro venti Renzi toglie i due ministri di Italia Viva dal governo e apre ufficialmente la crisi. Una crisi che si sarebbe dovuta evitare visto il periodo che stiamo vivendo, un comportamento da molti giudicato irresponsabile e criticato aspramente anche dalla stampa estera. Da molte parti campeggiano gli sloga (continua)

Raccolta differenziata a Lanuvio, tarip vera o presunta?

Raccolta differenziata a Lanuvio,  tarip vera o presunta?
Carlo Spinelli responsabile nazionale per la politica interna e segretario provinciale romano del movimento Italia dei Diritti denuncia gravi disservizi relativi alla Tarip nel comune di Lanuvio e chiede all'assessore all'ambiente delucidazioni sull'applicazione della stessa. Roma 28 dicembre 2020: Ormai un po’ tutti i comuni si stanno adeguando alla raccolta differenziata porta a porta unica via, in questa parte d'Italia, per raggiungere una percentuale accettabile di rifiuti differenziati, tutelare l'ambiente e far risparmiare qualche soldo ai contribuenti. In questo senso molti comuni stanno passando alla Tarip ( tariffa puntuale ) che permette di quantificare (continua)

DPCM Natale Giuseppe Conte ascolta Italia dei Diritti e chiude il Paese nei giorni prefestivi e festivi

DPCM Natale Giuseppe Conte ascolta Italia dei Diritti e chiude il Paese nei giorni prefestivi e festivi
Ascoltato il grido di allarme del movimento politico Italia dei Diritti che tramite una Pec del suo fondatore e presidente Antonello De Pierro chiedeva al Premier Giuseppe Conte di chiudere nei giorni prefestivi e festivi durante le festività natalizie per arginare la diffusione del virus Roma 21 dicembre 2020: Uscito il nuovo DPCM di Natale che mette il nostro Paese in zona rossa durante i festivi e prefestivi di queste festività che saremo costretti a vivere in modo anomalo a causa del Sars-Cov2. Provvedimenti che sono stati fortemente voluti dal movimento politico Italia dei Diritti che tramite il suo fondatore e presidente Antonello De Pierro attraverso una Pec aveva espre (continua)

Raccolta differenziata, finalmente anche a Capranica Prenestina parte il porta a porta

Raccolta differenziata, finalmente anche a Capranica Prenestina parte il porta a porta
Il servizio richiesto più volte dal consigliere del movimento Italia dei Diritti Carlo Spinelli prende finalmente il via nel comune di Capranica Prenestina non senza qualche difficoltà e polemiche da parte di alcuni cittadini Dal 10 dicembre è partita anche a Capranica Prenestina la raccolta differenziata porta a porta. Sull’argomento interviene il responsabile provinciale romano del movimento Italia dei Diritti Carlo Spinelli capogruppo consiliare del movimento stesso in seno al consiglio comunale di Capranica Prenestina:” Finalmente la raccolta porta a porta, un servizio che inizia con ben 11 anni di ritardo. Infatti (continua)

Aggredito dai mafiosi e accusato dallo Stato, Italia dei Diritti esprime solidarietà al suo presidente Antonello De Pierro

Aggredito dai mafiosi e accusato dallo Stato, Italia dei Diritti esprime solidarietà al suo presidente Antonello De Pierro
Tramite il responsabile alla politica interna Carlo Spinelli il movimento Italia dei Diritti solidarizza con il proprio fondatore e presidente il giornalista Antonello De Pierro che dopo aver subito un’aggressione mafiosa è stato messo sotto accusa dalle forze dell’ordine che lui stesso rappresenta. Roma 28 novembre 2020: Non c’è limite ai paradossi che si verificano in Italia; in uno di questi è rimasto vittima il fondatore e presidente del movimento Italia dei Diritti Antonello De  Pierro giornalista e agente di Polizia che, benché avesse subito un’aggressione mafiosa da parte di Armando Spada esponente di spicco dell’omonimo clan mafioso di Ostia, si è trovato a doversi difende (continua)