Home > Altro > Rick Wakeman - appuntamento con Augusto De Luca

Rick Wakeman - appuntamento con Augusto De Luca

scritto da: Valerianapoli | segnala un abuso

Rick Wakeman - appuntamento con Augusto De Luca


Era il 1987 e fui contattato per realizzare la copertina di un disco a Rick Wakeman. Lo straordinario tastierista del famoso gruppo inglese YES, doveva registrare proprio a Napoli.

Io come ex chitarrista rocchettaro ero al settimo cielo; stavo per incontrare un mito della musica, un musicista storico, che ha creato uno stile molto personale e che ha suonato con artisti del calibro di David Bowie, Elton John, Cat Stevens e Lou Reed.

Mi recai nella sala di registrazione con l’attrezzatura fotografica, l’assistente e un mio amico culturista con un viso molto particolare che avrei inserito nello scatto.

Quando lo incontrai ci sedemmo e cominciammo a parlare chiaramente di musica. Appena Rick seppe che io suonavo e avevo fatto parte di alcuni gruppi rock, mi chiese spiazzandomi e mettendomi in crisi: “prima del ritratto vogliamo fare un blues insieme?”. Nella sala c’erano tutti gli strumenti per la registrazione ed in particolare una stupenda chitarra Gibson Les Paul anni ’60 color miele, del suo chitarrista. Questo modello di chitarra realizzato in quell’anno é molto ricercato dai collezionisti ed é valutato dai centocinquantamila euro in su se appartenuta a qualche artista famoso; insomma quello strumento é il sogno di tutti i musicisti.

Suonare con Rick anche solo per gioco sarebbe stato per me come vincere il superenalotto;

imbracciai la chitarra e timidamente cominciò la mia performance. Fu una goduria sia per lo strumento che per il magistrale accompagnamento. Mi sembrava di suonare alla Royal Albert Hall di Londra.

Finimmo dopo circa mezz’ora anche se io non avrei smesso mai e iniziammo le riprese fotografiche. Lui voleva un’ immagine forte e provocatoria ed io senza manipolazioni e fotomontaggi ma in un unico scatto lo accontentai. L’idea era di creare una foto in cui un orco o un genio della lampada lo gustasse, lo mangiasse.

Alla fine il mio click gli piacque molto e fummo entrambi soddisfatti, ma la cosa per me più importante era che in futuro, senza tema di smentita, avrei potuto dire: “si é vero…ho suonato con Rick Wakeman”.

Augusto De Luca

Rick Wakeman | Augusto De Luca |



Commenta l'articolo

 

Potrebbe anche interessarti

AUGUSTO RE “CI SI PERDE DI VISTA” è il nuovo singolo del cantautore urban contemporaneo


Un’interessante intervista ad un artista geniale: Augusto De Luca.


Il celebre Augusto De Luca ritrae un grande musicista James Senese


Rick Wesley, “Give me the night”


Il Cacciatore di Graffiti é il noto fotografo Augusto De Luca


 

Se ritieni meritevole il nostro lavoro fai una donazione


Recenti

Stesso autore

Mario Insenga - appuntamento con Augusto De Luca

Mario Insenga - appuntamento con Augusto De Luca
Sono amico di Mario Insenga da quando ero ragazzino, più o meno una cinquantina d'anni. Conoscevo bene anche tutta la sua famiglia e d'estate ci incontravamo nella sua splendida villa ad Ischia, dove preparavamo brani da suonare in diversi locali dell'isola. Insieme abbiamo fatto parte di molti gruppi dalle denominazioni più strane, in quel periodo, infatti, erano di moda nomi lunghi e particolari (continua)

Enrico De Maio - appuntamento con Augusto De Luca

Enrico De Maio - appuntamento con Augusto De Luca
Proprio qualche giorno fa, era il 17 giugno, siamo tutti rimasti sconvolti dalla notizia di una sparatoria avvenuta alle ore 19:00 nei vicoli dei Quartieri Spagnoli di Napoli. Due persone sono state ferite casualmente ed una di esse era proprio il mio carissimo amico Enrico De Maio, di 57 anni, che per fortuna, dopo un difficile intervento al fegato in ospedale, ora è in via di guarigione. A lui o (continua)

Lucia Trisorio - appuntamento con Augusto De Luca

Lucia Trisorio - appuntamento con Augusto De Luca
Lo Studio Trisorio, alla Riviera di Chiaia, è una delle più importanti gallerie napoletane, punto di riferimento per tantissimi artisti, inaugurata il 16 ottobre 1974, dove hanno esposto tanti nomi illustri del panorama internazionale, molti dei quali precursori dei loro tempi. Conobbi i proprietari, Pasquale e Lucia, alla fine degli anni 70. Spesso andavo da loro per parlare dei miei nuovi lavori (continua)

Peppe Morra - appuntamento con Augusto De Luca

Peppe Morra - appuntamento con Augusto De Luca
Ho iniziato a frequentare assiduamente le esposizioni di Giuseppe Morra, noto come Peppe, dall'inizio della mia carriera di fotografo negli anni 70. Gallerista raffinato e colto, collezionista, mecenate, squisito ricercatore e valorizzatore della cultura delle comunicazioni visive, senza fermarsi alla prima impressione e scavando nel profondo, si è distinto dagli altri proponendo artisti important (continua)

...addio Carla Fracci...un ricordo di Augusto De Luca

...addio Carla Fracci...un ricordo di Augusto De Luca
Erano i primi anni novanta e da poco era stato pubblicato il libro "Napoli Donna", con i miei ritratti di trentasette importanti donne napoletane accompagnati dalle interviste della giornalista Giuliana Gargiulo.Avendo avuto un notevole riscontro, decidemmo di realizzarne un altro stavolta sulle donne di Milano.Preparammo allora una scaletta di nomi illustri e la prima della lista era Carla Fracci (continua)