Home > Altro > Graziella Lonardi Buontempo - appuntamento con Augusto De Luca

Graziella Lonardi Buontempo - appuntamento con Augusto De Luca

scritto da: Valerianapoli | segnala un abuso

Graziella Lonardi Buontempo - appuntamento con Augusto De Luca


Conobbi Graziella alla fine degli anni ’80. Mecenate, collezionista  e organizzatrice di mostre era una donna bellissima e coltissima. Di lei si erano innamorati molti uomini famosi. Addirittura per lei Ricciardi e Cesareo avevano scritto “Luna Caprese”. Amica di artisti come Warhol, Rauschenberg, Beuys, Twombly, viveva tra Napoli, Capri e successivamente Roma in uno splendido appartamento a Palazzo Taverna. In quel meraviglioso palazzo gestiva anche uno spazio dedicato alle mostre: gli Incontri Internazionali d’Arte, che aveva come presidente Alberto Moravia; un luogo CULT dove nel 1988 ho avuto il privilegio di esporre i miei lavori. Spesso Graziella mi ospitava nella sua stupenda villa di Capri dove c’era un via vai di attori, giornalisti e intellettuali e dove le ho fatto anche diversi ritratti, ma non questo che pubblico qui e che credo sia uno dei più riusciti.

Quella mattina avevo con me la fotocamera ed ero andato dal mio editore vicino piazza Navona. Trovandomi non lontano da casa di Graziella le telefonai e mi autoinvitai a pranzo. 

Era sempre felicissima di avere la compagnia di qualche amico che le facesse una sorpresa.

Ricordo ancora che non avendola avvisata prima, dovetti accontentarmi di un panino col prosciutto e un bicchiere di buon vino. Poi cominciammo a discutere di arte e Graziella mi parlò di alcuni suoi progetti e delle difficoltà che aveva; era un po’ arrabbiata con le istituzioni che erano latitanti. Allora io per distrarla, indicando la mia fotocamera le dissi scherzando: “ta vuo’ fà fà na foto ?” e lei inaspettatamente con un’espressione divertita mi rispose subito di si.

La sua casa era piena di opere sia antiche che moderne e in una stanza c’era un lavoro di Giulio Paolini intitolato MIMESI: due calchi in gesso bianchi uno di fronte all’altro. Io decisi di sfruttarli contrapponendo la bellezza di quella classicità con quella di Graziella e scattai. Successivamente, al momento dello sviluppo in camera oscura, solarizzai parzialmente la stampa modificando i bianchi in grigio argento. In realtà nella stampa positiva le zone solarizzate risultano negative. Per ottenere questo risultato basta esporre alla luce per pochi secondi, quando ancora la carta fotografica é nell’acido di sviluppo, la parte dell’immagine da solarizzare.

Quando dopo qualche giorno le mostrai la foto, Graziella fu molto colpita dal risultato finale di questa manipolazione e abbracciandomi con affetto mi disse sorridendo: “sei un artista”.

Talvolta le foto non programmate sono quelle che riescono meglio.

Augusto De Luca

Graziella Lonardi Buontempo | Augusto De Luca |



Commenta l'articolo

 

Potrebbe anche interessarti

Graziella Holding festeggia gli ottant’anni di Graziella Buoncompagni


Conversazione con un grande fotografo: Augusto De Luca


Un attestato di merito a Graziella Braccialini dal presidente Eugenio Giani


La moda sposa il sociale: Braccialini sostiene la Fondazione Graziella


Il Natale della Fondazione Graziella in sostegno a Tma Italia


 

Se ritieni meritevole il nostro lavoro fai una donazione


Recenti

Stesso autore

Fabrizia Ramondino - appuntamento con Augusto De Luca

Fabrizia Ramondino - appuntamento con Augusto De Luca
Io e la giornalista Giuliana Gargiulo nel 1987 andammo a casa di Fabrizia Ramondino, illustre scrittrice scomparsa qualche anno fa, per realizzare un'intervista e un ritratto che sarebbero stati pubblicati nel libro ‘Napoli Donna’, Centro il Diaframma - Edizioni Editphoto. Viveva all'ultimo piano di una bella casa nel centro storico, con un terrazzo che si affacciava sui tetti della Napoli antica (continua)

Fabio Donato - appuntamento con Augusto De Luca

Fabio Donato - appuntamento con Augusto De Luca
Quando ho iniziato a cimentarmi con la fotografia, Fabio Donato era già uno dei fotografi più noti di Napoli, capace di intuire, con estrema lungimiranza, quei cambiamenti in ambito artistico e teatrale che si sarebbero puntualmente verificati e che, dagli anni Sessanta, hanno modificato l’angolo di osservazione di chiunque si accosti alla Bellezza con sacro rispetto e venerazione. Lo incontravo a (continua)

Le colombe nelle foto - appuntamento con Augusto De Luca

Le colombe nelle foto - appuntamento con Augusto De Luca
Le colombe nelle foto: ricordi ed altro di Augusto De Luca Nel fotografare le città di questo nostro stupendo Paese, per la realizzazione dei miei libri commissionati dalla TAV - Treno Alta Velocità, la mia attenzione era prevalentemente rivolta ai monumenti e alle architetture che caratterizzavano i luoghi, o che, in qualche modo, mi colpivano particolarmente. Quindi, solitamente in orari diversi (continua)

Carte telefoniche delle capitali europee - appuntamento con Augusto De Luca

Carte telefoniche delle capitali europee - appuntamento con Augusto De Luca
Dopo le mie tre immagini di Napoli sulle schede telefoniche, il cui lavoro ho descritto dettagliatamente in un precedente articolo, la Telecom mi contattò per un nuovo incarico: realizzare le foto per quattro schede su altrettante capitali europee: Parigi, Dublino, Bruxelles e Berlino. Le immagini dovevano contenere un monumento riconoscibile del luogo con un prodotto tipico, su cui la Telecom poi (continua)

La dimensione metafisica del fotografo Augusto De Luca

La dimensione metafisica del fotografo Augusto De Luca
Una fotografia che restituisce nuova vita ad ogni soggetto. Un’immagine che trascende dalla semplice rappresentazione del reale. Il fotografo partenopeo Augusto De Luca con il suo personalissimo punto di vista, dalla metà degli anni ’70, ha segnato in maniera indelebile il panorama della fotografia italiana e internazionale, apre le porte del suo mondo e ci lascia sbi (continua)