Home > Lavoro e Formazione > La perdita dei benefici per DURC irregolare non può essere retroattiva

La perdita dei benefici per DURC irregolare non può essere retroattiva

scritto da: Webmasterdeslab | segnala un abuso

 La perdita dei benefici per DURC irregolare non può essere retroattiva

Perdita dei benefici contributivi: il Tribunale di Chieti pone un freno alla revoca retroattiva in caso di DURC irregolare.


Il Tribunale di Chieti fa chiarezza sugli effetti del DURC irregolare

Finalmente gli sforzi del nostro studio, condotti con articoli, saggi, convegni e cause hanno prodotto il primo importante risultato: la perdita dei benefici per DURC irregolare non può essere retroattiva.

Lo ha sancito, per la prima volta con una chiarezza lapalissiane e dovizia di argomentazioni, il Tribunale di Chieti, con la sentenza n. 276/2020 del 03.11.2020, secondo cui la perdita dei benefici contributivi disposta ai sensi dell'art. 1 co. 1175 della L. 296/2006 a causa dell'emissione di un DURC negativo non può avere effetto retroattivo, ma può operare esclusivamente per il periodo successivo alla perdita del DURC, non anche per i periodi precedenti.

 

La sentenza si mostra particolarmente importante in quanto pone un ulteriore freno ad una prassi ormai diffusa dell'INPS che, anche nei casi di irregolarità contributiva protratta per pochi giorni e per inadempienze di poche centinaia di euro, dispone la revoca integrale dei benefici contributivi sin dal loro iniziale riconoscimento. Accadeva così che aziende perfettamente regolari dal punto di vista contributivo ricevano sanzioni di decine di migliaia di euro per aver ritardato anche di un solo giorno la regolarizzazione della loro situazione, violando il termine di 15 giorni dalla ricezione dell'invito a regolarizzare.

 

Il Giudice del Lavoro di Chieti, al contrario, ha affermato che il requisito per godere di detti benefici non è l'assenza di inadempienze ma il possesso del Documento, per cui la revoca dei benefici può essere disposta esclusivamente per il periodo in cui la società si è effettivamente trovata sprovvista di DURC, ovvero dalla scadenza dei 15 giorni previsti nell'invito a regolarizzare e comunque fino alla effettiva regolarizzazione della situazione contributiva (e, dunque, fino al rilascio di un nuovo DURC regolare).

 

La pronuncia si inserisce in un recente filone giurisprudenziale, nell'ambito del quale diversi Giudici di merito di tutta Italia stanno concordemente ritenendo illegittima tale condotta dell'INPS. Anche se la sentenza di Chieti si distingue, lo si ripete, per chiarezza e ricchezza di motivazioni.

Ovviamente ciò non basterà per ottenere un cambio immediato delle prassi INPS ma è l'ennesima dimostrazione che esse non devono essere accettate supinamente e che possono essere ribaltate mediante il contenzioso giudiziario.


Fonte notizia: https://www.stolfavolpe.it/


avvocati del lavoro | studio legale diritto del lavoro | consulenza legale online |



Commenta l'articolo

 

Potrebbe anche interessarti

Recensione sulle 10 diete TOP


L’avvocato Marta Cipriani (Studio Legale Andrea Mascetti) si occupa della Legge Gelli - Bianco


Perdita di peso diete (Calcolo del peso forma ideale)


L'Avvocato Nicola Bruno sul Decreto Cura Italia


La perdita dei capelli: come si manifesta?


visioni laterali


 

Se ritieni meritevole il nostro lavoro fai una donazione


Recenti

Stesso autore

PRONTA DIFESA 100 ml: la soluzione anti-Covid di Sprayantiaggressione.it

PRONTA DIFESA 100 ml: la soluzione anti-Covid di Sprayantiaggressione.it
PRONTA DIFESA 100 ml: lo spray igienizzante antivirale e antibatterico che allunga la vita della tua mascherina. Da oggi l’accezione di difesa personale assume un contorno più ampio per Sprayantiaggressione.it, l’e-commerce tutto italiano dedito alla vendita di spray peperoncino contro gli aggressori. Da ormai più di un anno siamo costretti a fare i conti con un nuovo nemico, invisibile e capace di procurare danni pesanti alla nostra salute: il Covid-19. Per questo, abbiamo deciso di dare un nostro p (continua)

L’offerta di inizio 2021 di Immobiliare Cambio Casa: appartamento nuova costruzione Pulsano

L’offerta di inizio 2021 di Immobiliare Cambio Casa: appartamento nuova costruzione Pulsano
Case in vendita a Taranto: appartamento di recente costruzione in condominio con giardino nel cuore di Pulsano. Tantissime soluzioni abitative a prezzi davvero convenienti: non è lo slogan pubblicitario di un prodotto commerciale al dettaglio, ma è quello che l’agenzia immobiliare a Taranto Cambio Casa è abituata ad offrire da sempre alla sua clientela, e l’offerta di cui andremo a parlare in questo articolo ne è un esempio concreto: vendita esclusiva di appartamento di recentissima costruzione a Puls (continua)

EN 1627-1630: la norma europea che certifica la qualità di una porta blindata

EN 1627-1630: la norma europea che certifica la qualità di una porta blindata
Porte e portoni blindati: la norma EN 1627-1630 che stabilisce i parametri di resistenza allo scassinamento. Capacità di isolamento termico ed acustico, cura del design e, soprattutto, sicurezza della propria casa: tutto quello che serve per rendere porte e portoni blindati prodotti di elevata qualità. In effetti, alle note caratteristiche isolanti di una porta d’ingresso, l’aspetto più importante da considerare è la sua resistenza alle effrazioni. A tal proposito, esiste una norma a livello comu (continua)

Il legno e il suo deterioramento: l’azione “estetica” dei funghi cromogeni

Il legno e il suo deterioramento: l’azione “estetica” dei funghi cromogeni
Trattamento antitarlo: i funghi cromogeni e la loro capacità di modificare il colore del legno. Tra gli elementi naturali in grado di causare danni ingenti alle strutture in legno, i funghi rappresentano una specie parassita pericolosa e spesso sottovalutata, meritevole, al pari di coleotteri e imenotteri, di un’adeguata disinfestazione tarli a microonde. Nella maggior parte dei casi, siamo abituati a riconoscere come nemico assoluto i cosidetti funghi lignivori, ovvero quegli agenti (continua)

Tenta suicidio e crea panico in città: salvato da uno spray peperoncino

Tenta suicidio e crea panico in città: salvato da uno spray peperoncino
Spray al peperoncino in dotazione consente ai carabinieri di salvare un uomo da un tentativo di suicidio. Proteggere la propria vita dalle cattive intenzioni di sé stesso grazie all’utilizzo di uno spray antiaggressione legale: non è un paradosso ma è quanto accaduto nella ridente città di Scandicci, in provincia di Firenze, dove un uomo di 44 anni, completamente fuori di sé e con evidenti disturbi psichici, girava per le vie con un coltello minacciandosi di togliersi la vita. Un episodio che (continua)