Home > Arte e restauro > Giorgio Griffa. Anni ’70 – 2000

Giorgio Griffa. Anni ’70 – 2000

scritto da: CSArt | segnala un abuso

Giorgio Griffa. Anni ’70 – 2000

La nuova sede di Kromya Art Gallery a Verona è aperta al pubblico per visite individuali. Nel rispetto del Dpcm del 3 novembre 2020, i collezionisti potranno accedere ai locali della galleria di via Oberdan n. 11c, a poca distanza dall’Arena e da Porta Borsari, per ammirare, fino al 12 dicembre 2020, le opere di Giorgio Griffa, uno dei principali esponenti italiani della ricerca pittorica internazionale.


La nuova sede di Kromya Art Gallery a Verona è aperta al pubblico per visite individuali. Nel rispetto del Dpcm del 3 novembre 2020, i collezionisti potranno accedere ai locali della galleria di via Oberdan n. 11c, a poca distanza dall’Arena e da Porta Borsari, per ammirare, fino al 12 dicembre 2020, le opere di Giorgio Griffa, uno dei principali esponenti italiani della ricerca pittorica internazionale. 

La galleria, fondata a Lugano nel 2018, porta avanti il proprio progetto culturale nonostante le difficoltà del presente, con la certezza che l’arte possa costituire un’importante risorsa per il futuro.

«Abbiamo deciso di chiamare “Camere” le nostre esposizioni – spiega Tecla Riva, direttore della sede di Lugano – e di mantenere questa titolazione anche per la sede di Verona, per rendere l’intimità e la familiarità che vi era soprattutto nelle gallerie tedesche nate nel secondo dopoguerra. Il visitatore viene pertanto accolto in un ambiente intimo, come lo è quello della nostra sede di Lugano, ubicata in quello che fu un appartamento di un palazzo di inizio ‘900». Le due sedi interagiranno infatti tra loro, intrecciando inedite proposte che amplieranno e arricchiranno lo sviluppo progettuale della Galleria.

«Abbiamo scelto di dedicare il primo allestimento a Giorgio Griffa (Torino, 1936) – dichiara Riccardo Steccanella, direttore di Kromya Art Gallery Verona – perché crediamo fortemente nel valore della sua ricerca a livello internazionale e, più in generale, nelle esperienze della Pittura Analitica, oggetto di una recente rivalutazione sia dal punto di vista critico che del mercato».

Il percorso espositivo comprende una ventina di dipinti, sia su tela che su carta, realizzati dagli anni Settanta agli anni Duemila. Testimonianza dei differenti cicli pittorici che, senza susseguirsi l’un l’altro, si intrecciano e sovrappongono accentuando l’a-temporalità del dettato pittorico di Giorgio Griffa.

«Voce torinese della stagione analitica della pittura italiana – scrive il critico d’arte Matteo Galbiati – e rappresentante di spicco di quella tendenza che alla fine degli anni Sessanta ha impegnato alcuni giovani di allora a riflettere sui temi intrinseci proprio al linguaggio pittorico, Griffa ha, come gli altri artisti della sua generazione che si sono mossi in questa direzione, affermato un originalissimo codice espressivo basato su un corollario di segni-gesti primari, ma anche di simboli e codici, che lasciano sospesa la scrittura pittorica nel vuoto della tela grezza. Privato del telaio e liberato nello spazio il supporto del colore, il “quadro” perde la propria oggettualità e ritrova una differente potenzialità espressiva in dialogo anche con il luogo che lo accoglie, accedendo ad una nuova fenomenologia che dichiara la sua natura. La poesia cromatica di Griffa svolge con coerenza una narrazione che cerca lo spazio per affermare le memorie della pittura in un racconto lasciato quasi sempre indeterminato nel suo apparire e nel suo compiersi: il gesto evoca la forza e l’energia – fisica e mentale – che lo ha prodotto, ma ritrae sempre la volontà di rappresentare una pittura statica e ferma, ma sempre carica di tensioni e in costante divenire».

La nuova sede di Kromya Art Gallery è aperta al pubblico da martedì a sabato con orario 10.00-12.30 e 15.30-19.00. Nel rispetto della normativa vigente, gli accessi sono contingentati ed è richiesto l’uso di dispositivi di protezione individuale.

Per informazioni e appuntamenti: T. +39 339 4166956, riccardo@kromyartgallery.com, info@kromyartgallery.comwww.kromyartgallery.com, www.instagram.com/kromya_art_gallery, www.facebook.com/Kromyartgallery.


Fonte notizia: http://www.kromyartgallery.com/


Giorgio Griffa | arte | arte contemporanea | Kromya Art Gallery | Verona |



Commenta l'articolo

 

Potrebbe anche interessarti

Pieno, vuoto. Divergenze consonanti


Note contemporanee. Motivi artistici a confronto dagli anni ’60 ad oggi


L’Itinerario delle Rocche nella provincia di Pesaro Urbino: viaggio tra i capolavori di Francesco di Giorgio Martini


19 ottobre esce l'ultimo album di Danilo Amerio


IL GRANDUCATO DI TOSCANA ENTRA NEL VIVO, SI DELINEANO GLI EQUILIBRI DOPO LA SECONDA TAPPA


Indizi Contemporanei


 

Se ritieni meritevole il nostro lavoro fai una donazione


Recenti

Stesso autore

Arte Fiera arriva in Galleria. Uomo, natura e ambiente nella storia dell’arte

Arte Fiera arriva in Galleria. Uomo, natura e ambiente nella storia dell’arte
La Galleria de' Bonis di Reggio Emilia propone, dal 30 gennaio al 27 febbraio 2021, "Arte Fiera arriva in Galleria. Uomo, natura e ambiente nella storia dell'arte", con opere di Renato Guttuso, Antonio Ligabue e Fausto Pirandello. Per garantire la possibilità di visionare i dipinti anche a distanza, la Galleria ha studiato alcune nuove forme e modalità di fruizione, online e offline. Dopo la partecipazione a “Playlist”, vetrina digitale di Arte Fiera Bologna (online fino al 28 febbraio 2021), la Galleria de’ Bonis propone nei propri spazi in Viale dei Mille 44/D a Reggio Emilia, “Arte Fiera arriva in Galleria. Uomo, natura e ambiente nella storia dell’arte”, un progetto espositivo che nasce dalle opere raccolte per Arte Fiera, la principale fiera d’arte moderna e contemp (continua)

Per la collana "Luminous phenomena” di NFC Edizioni, il volume firmato Aleksey D’Havlcyon

Per la collana
Un progetto editoriale dedicato alla fotografia internazionale che si compone di volumi di piccolo formato, prodotti in basse tirature con materiali e lavorazioni di pregio. “Luminous phenomena”, la collana NFC Edizioni dedicata alla fotografia internazionale, si arricchisce di un nuovo volume dedicato ad Aleksey D’Havlcyon, allieva e musa del maestro Lucien Clergue. Il libro è corredato dal testo critico di Valerio Dehò e da alcuni pensieri di Lucien Clergue tratti dalla corrispondenza privata con la giovane fotografa, nata in Provenza nel 1993.Le opere di Ale (continua)

Indizi Contemporanei

Indizi Contemporanei
Kromya Art Gallery di Verona promuove, dal 23 dicembre al 30 gennaio, un'esposizione collettiva con opere di Marco Casentini, Fabrizio Corneli, Federico Ferrarini, Emanuela Fiorelli, Paola Pezzi, Alex Pinna, Paolo Radi e Paolo Scirpa. Dopo l’interesse riscosso con la mostra personale di Giorgio Griffa, che ha inaugurato la sede veronese di Kromya Art Gallery, dal 23 dicembre 2020 al 30 gennaio 2021, negli spazi di via Oberdan n. 11c, sarà allestita la collettiva “Indizi contemporanei”, con opere di Marco Casentini, Fabrizio Corneli, Federico Ferrarini, Emanuela Fiorelli, Paola Pezzi, Alex Pinna, Paolo Radi e Paolo Scirpa. (continua)

L'Arte in Vetrina

L'Arte in Vetrina
Un percorso nel centro storico alla scoperta di luoghi, arti, artisti Con il progetto “L’Arte in Vetrina”, 7 associazioni culturali con sede a Reggio Emilia (ArtYou, Ateliers via due gobbi tre, FlagNoFlags Contemporary Art, Mestieri d’Arte, Spazio Fotografia San Zenone, Via Roma Zero, 1.1_ZENONEcontemporanea) propongono, fino al 6 gennaio 2021, un percorso nel centro storico della città, alla scoperta di luoghi, arti e artisti. Sono 38 le vetrine sede di (continua)

Luminous phenomena: una nuova collana NFC Edizioni dedicata alla fotografia internazionale

Luminous phenomena: una nuova collana NFC Edizioni dedicata alla fotografia internazionale
NFC Edizioni di Rimini festeggia i dieci anni di attività con il lancio di una nuova collana dedicata alla fotografia internazionale: "Luminous phenomena". Il primo volume è dedicato a Lady Tarin, capace di tradurre in immagine le infinite sfumature dell'erotismo. Il libro è corredato dai testi critici di Nathalie Leleu e Denis Curti. NFC Edizioni di Rimini festeggia i dieci anni di attività con il lancio di una nuova collana dedicata alla fotografia internazionale: “Luminous phenomena”. Libri monografici che indagano il rapporto tra essere umano e corpo, tra corpo e spazio circostante, attraverso lo sguardo di fotografi affermati e giovani promesse. Non dei cataloghi d’arte, bensì dei racconti d’arte, nei quali ogni autore (continua)