Home > Primo Piano > CHIAREZZA SULLO SVERSAMENTO DI GASOLIO A FAVIGNANA, LA CENTRALE ELETTRICA RIBADISCE: “NESSUNA INERZIA, ABBIAMO FATTO PERSINO PIÙ DI QUANTO RICHIESTO DALLA LEGGE”

CHIAREZZA SULLO SVERSAMENTO DI GASOLIO A FAVIGNANA, LA CENTRALE ELETTRICA RIBADISCE: “NESSUNA INERZIA, ABBIAMO FATTO PERSINO PIÙ DI QUANTO RICHIESTO DALLA LEGGE”

scritto da: Marianna La Barbera | segnala un abuso

CHIAREZZA SULLO SVERSAMENTO DI GASOLIO A FAVIGNANA, LA CENTRALE ELETTRICA RIBADISCE: “NESSUNA INERZIA, ABBIAMO FATTO PERSINO PIÙ DI QUANTO RICHIESTO DALLA LEGGE”

La Società Elettrica torna sulla vicenda dello sversamento di gasolio nell’area protetta, un incidente verificatosi negli anni ottanta, che vede rinviati a giudizio la S.p.A. e l'amministratore delegato Filippo Accardi


 

“La SEA, Società Elettrica di Favignana, non è mai stata inerte di fronte all’accaduto, in nessuna occasione negato dall’amministratore delegato, anzi riconosciuto e comunicato agli enti competenti così come previsto dalla legge”:  con queste parole del professore Filippo Accardi, la Società Elettrica di Favignana torna sulla vicenda dello sversamento di gasolio nell’area protetta, un incidente verificatosi negli anni ottanta, che vede rinviati a giudizio lo stesso professore e la SEA S.p.A.

Per far luce sull'accaduto, l’azienda ritiene opportuno fornire la reale versione dei fatti alla comunità di Favignana.

Fatti che, come sostiene l’ingegnere ambientale della società, Matteo Ernandes - è lui che attualmente vigila sulle operazioni di bonifica insieme ai consulenti della BAW Srl, specializzata nel settore anche in campo internazionale -  “sono da distinguere rispetto alle responsabilità”.

L’amministratore delegato di SEA Filippo Accardi ricorda che, proprio grazie all’autodenuncia avvenuta nel 2000 ad opera della Società Elettrica e all' approvazione dei vari progetti di bonifica redatti in ossequio alle normative nel tempo succedutisi, è stato possibile realizzare un impianto di messa in sicurezza della falda che porterà in tempi rapidi alla risoluzione totale del problema. 

"L'iter processuale - spiega l'azienda - chiarirà tutti gli aspetti di questa vicenda che, comunque, vede la Società Elettrica e il professore Accardi chiamati a rispondere di un inquinamento accidentale che non ha determinato alcuna irreversibilità dell'inquinamento stesso, proprio in virtù degli interventi risolutivi prontamente attuati". 

 Accardi, sebbene rammaricato dell’accaduto, chiarisce "di non essere responsabile di alcun inquinamento e di aver fatto di tutto per risolvere comunque il problema, a tutela sia della salute dei cittadini che dell’integrità e della bellezza dell’ambiente di Favignana".

Infatti, pur non essendo obbligata dalla normativa allora vigente, SEA ha dapprima prontamente rimosso la causa della contaminazione del suolo (la sostituzione di un serbatoio di carburante interrato negli anni ’80 da altri soggetti  che aveva dato luogo a perdite di prodotto), successivamente ha comunicato l’evento agli enti preposti e ha adottato le misure di messa in sicurezza del sito.

 Inoltre, in conformità alle disposizioni di legge progressivamente intervenute (il Testo Unico Ambientale del 2006), l’ amministratore delegato Filippo Accardi ha investito risorse economiche sempre più consistenti e, senza badare a spese, ha avviato un' approfondita campagna di monitoraggio e bonifica nell’interesse della salute della comunità e dell’ambiente dell’isola.

Gli accertamenti svolti – verificati anche dall’ARPA – dimostrano, da un lato, che non vi è stato alcun reale inquinamento e che lo sversamento, risalente agli anni ’80, e dunque non causato dall’amministratore Filippo Accardi, è rimasto contenuto nel sottosuolo senza intaccare neppure l’area marina; dall’altro lato, i controlli dell’ARPA e della Regione Siciliana confermano la puntualità e la correttezza delle procedure amministrative e tecniche di bonifica del sito. 

Bonifica che, interamente a carico della SEA, mira a rimuovere ogni possibile pericolo di contaminazione e – per scelta prudenziale dello stesso Accardi – ha un oggetto ben più ampio della piccola area coinvolta dallo sversamento di gasolio degli anni ottanta. 

Ad oggi, il percorso di bonifica è perfettamente avviato e i risultati sono pienamente in linea con le previsioni progettuali,  per le quale il risanamento del sito è atteso entro i termini stabiliti dalle autorizzazioni regionali ottenute. 

SEA e l'amministratore Filippo Accardi sono certi che anche il giudizio della magistratura trapanese riconoscerà, al pari delle istituzioni pubbliche coinvolte nella procedura di bonifica, la correttezza del loro operato e delle azioni compiute sempre nel rispetto delle normative ambientali vigenti.

Società | elettrica | Favignana | Filippo Accardi | bonifica | Matteo Ernandes | BAW Srl |



Commenta l'articolo

 

Potrebbe anche interessarti

Scegliere i radiatori per le caldaie a condensazione


Riscaldamento Globale: gli impianti di riscaldamento sono i principali responsabili


SEA FAVIGNANA DONA UN CONTRIBUTO ALL' ISTITUTO COMPRENSIVO “ANTONINO RALLO” : SERVIRÀ PER RISTRUTTURARE ALCUNI LOCALI INAGIBILI


Gioielli con Diamanti: Come Sceglierli


Olio motore diesel, un ruolo di rilievo nel rendimento del veicolo


La Classificazione Energetica della casa


 

Se ritieni meritevole il nostro lavoro fai una donazione


Recenti

Stesso autore

PREVENZIONE CARDIOLOGICA PER L’INFANZIA, PROMOZIONE DELLA LETTURA E AMORE PER GLI ANIMALI: IN ARRIVO “IL CALENDARIO DI TOMMY 2021” A SOSTEGNO DEL PROGETTO “PICCOLI BATTITI”

PREVENZIONE CARDIOLOGICA PER L’INFANZIA, PROMOZIONE DELLA LETTURA E AMORE PER GLI ANIMALI:  IN ARRIVO “IL CALENDARIO DI TOMMY 2021”  A SOSTEGNO DEL PROGETTO “PICCOLI BATTITI”
"Storie di cani. Il calendario di Tommy 2021" è il frutto del lavoro di un vero e proprio team coordinato da Sergio Quartana Avviare una capillare attività di prevenzione cardiologica presso la popolazione scolastica, al fine di evidenziare eventuali anomalie del tracciato elettrocardiografico, che possono costituire un rischio di morte improvvisa. Questo l’obiettivo primario del progetto denominato “Piccoli Battiti”, messo a punto  da “Movimento per la Salute dei Giovani”, in cooperazione con “La Stella di Lo (continua)

NIENTE MASCHERINE PER I DIPENDENTI DELL’UFFICIO INTERDISTRETTUALE DELL’ESECUZIONE PENALE ESTERNA DI PALERMO, INTERVIENE LA UILPA

NIENTE MASCHERINE PER I DIPENDENTI DELL’UFFICIO INTERDISTRETTUALE DELL’ESECUZIONE PENALE ESTERNA DI PALERMO, INTERVIENE LA UILPA
Il segretario generale Alfonso Farruggia: “L’amministrazione provveda immediatamente alla fornitura quotidiana o applichi il lavoro agile" Scarsa attenzione da parte della direzione dell’Ufficio Interdistrettuale dell’Esecuzione Penale Esterna e di messa alla prova di Palermo in merito alla salute del personale e alla prevenzione del Covid 19.Lo denuncia, in una nota, il segretario generale della Uil Pubblica Amministrazione di Palermo Alfonso Farruggia che, rivolgendosi ai vertici dell’Ufficio - che ha sede nell’area della Casa Circ (continua)

PLAUSO DELLA UILPA SICILIA ALL’AMMINISTRAZIONE GIUDIZIARIA DI PALERMO: “EFFETTUATI I TEST AL PERSONALE, SOLTANTO QUATTRO CASI DI POSITIVITÀ”

PLAUSO DELLA UILPA SICILIA ALL’AMMINISTRAZIONE GIUDIZIARIA DI PALERMO: “EFFETTUATI I TEST AL PERSONALE, SOLTANTO QUATTRO CASI DI POSITIVITÀ”
Il tema cruciale da affrontare, per l’organizzazione sindacale, è ora la piena applicazione della direttiva sulla tutela dei dipendenti in condizioni di particolare fragilità Apprezzamento e soddisfazione da parte della UILPA Sicilia in merito alle misure adottate dall’amministrazione giudiziaria a tutela della salute dei dipendenti che prestano servizio presso gli uffici del Tribunale di Palermo. A manifestarli è il segretario generale Alfonso Farruggia, in una lettera trasmessa, tra gli altri,  al procuratore generale della Repubblica Roberto Scarpinato e a (continua)

INGRESSI AL TRIBUNALE DI PALERMO, LA UILPA SICILIA: “NESSUNA REGOLAMENTAZIONE ANTI – COVID 19, OCCORRE RISOLVERE IL NODO CRUCIALE DELLE UDIENZE IN PRESENZA”

INGRESSI AL TRIBUNALE DI PALERMO,  LA UILPA SICILIA: “NESSUNA REGOLAMENTAZIONE ANTI – COVID 19, OCCORRE RISOLVERE IL NODO CRUCIALE DELLE UDIENZE IN PRESENZA”
In merito al lavoro agile, inoltre, il sindacato si dichiara “deluso dalle percentuali applicate ad oggi” “La cittadella giudiziaria di Palermo ha progressivamente assunto le caratteristiche di un vero e proprio focolaio, come testimoniano i contagi e il trend crescente di positività al Coronavirus, tra dipendenti, avvocati e magistrati: malgrado ciò, ad oggi, non si registra alcuna presa di posizione seria e concreta da parte dell’amministrazione giudiziaria, al netto di alcuni provvedimenti di (continua)

COVID 19 E AUMENTO DEI PREZZI, LA CIDEC SICILIA CHIEDE ALL’ASSESSORE REGIONALE GIROLAMO TURANO UN’AZIONE DI MONITORAGGIO : “NO A SPECULAZIONI SULLA PELLE DEI CITTADINI E DEI COMMERCIANTI IN DIFFICOLTÀ”

COVID 19 E AUMENTO DEI PREZZI, LA CIDEC SICILIA CHIEDE ALL’ASSESSORE REGIONALE GIROLAMO TURANO UN’AZIONE DI MONITORAGGIO : “NO A SPECULAZIONI SULLA PELLE DEI CITTADINI E DEI COMMERCIANTI IN DIFFICOLTÀ”
Il presidente regionale dell'associazione di categoria Salvatore Bivona ha scritto una lettera al titolare delle Attività produttive del governo Musumeci chiedendo interventi urgenti Un appello rivolto all’assessore regionale alle Attività produttive Girolamo Turano affinché in Sicilia si eviti il lockdown e si riconsideri l’orario delle chiusure dei pubblici esercizi.A formularlo è la Confederazione Italiana Esercenti Commercianti Sicilia attraverso il presidente Salvatore Bivona che, in una lettera trasmessa all’esponente del governo Musumeci, chiede interventi urgenti a sos (continua)