Home > Altro > Un nuovo percorso Archeologico per il Liceo Classico “Petrarca”

Un nuovo percorso Archeologico per il Liceo Classico “Petrarca”

scritto da: Marcocavini | segnala un abuso

Un nuovo percorso Archeologico per il Liceo Classico “Petrarca”


Un nuovo percorso Archeologico per il Liceo Classico “Petrarca”. L’anno scolastico 2021-2022 dell’istituto cittadino sarà caratterizzato dall’importante novità dell’attivazione di una proposta formativa unica nel suo genere che, mantenendo la connotazione umanistica tipica del liceo, va ad integrarsi alle peculiarità di un territorio come quello aretino caratterizzato da un ingente patrimonio storico, artistico e archeologico.

Gli studenti saranno accompagnati attraverso un piano di studi di cinque anni che, partendo dai rudimenti dell’archeologia come disciplina (storia, metodi, strumenti e aspetti normativi), approfondirà poi in ordine cronologico le testimonianze greche, etrusche e romane, l’archeologia medievale, le scoperte archeologiche dei secoli scorsi tra divulgazione e collezionismo, e la più recente archeologia industriale del ‘900 di cui sono presenti numerose testimonianze anche in città. L’Archeologico farà ovviamente affidamento su una solida parte teorica svolta all’interno delle tradizionali lezioni in aula, ma sarà poi arricchito da una ricca parte pratica con l’ausilio di specialisti del settore che permetteranno di vivere stage di scavo, laboratori di scavo simulato, visite guidate, esperienze di ricerca in ambito museale e attività di digitalizzazione informatica dei dati.  «Questo percorso - spiega la professoressa Mariella Ristori, dirigente scolastico del Liceo “Petrarca”, - trova le proprie radici nella storia e nell’archeologia del territorio aretino che configura l’anfiteatro naturale per una didattica mirata alla conoscenza e alla valorizzazione di un patrimonio ricco di testimonianze che spaziano dagli etruschi fino alle opere architettoniche del secolo scorso. L’ambizione è di fornire ai futuri allievi una preparazione umanistica unita a competenze specifiche per poter coltivare le loro passioni e per poter poi avere solide basi per ogni futuro orizzonte universitario e professionale nel settore».

Il progetto dell’Archeologico è stato strutturato dalla professoressa Francesca Chieli e, tra le proprie prerogative, prevede l’inserimento della materia di “Archeologia e Storia dell’Arte” per un’ora nel biennio e per tre ore nel triennio, oltre ad una diversa declinazione anche delle altre materie in chiave interdisciplinare. Il percorso coniugherà infatti tradizione e innovazione, trovando il proprio fondamento nello studio delle lingue classiche e delle fonti storiche, ma ampliandosi nell’esplorazione delle aree archeologiche, delle realtà museali, dei laboratori nel settore della diagnostica, dell’informatica e della tecnologia, con uno sguardo al mondo dell’associazionismo impegnato da decenni nella promozione del territorio. La scuola, consapevole della necessità di aprirsi al contesto locale, ha così creato una rete culturale con le istituzioni e con le realtà dell’intera provincia che operano nel settore, potendo già fare affidamento sulla disponibilità della Soprintendenza ABAP di Siena, Grosseto e Arezzo, del Museo Archeologico Nazionale “Gaio Cilnio Mecenate”, del MAEC e dell’Accademia Etrusca di Cortona, dell’associazione Castelsecco di Arezzo, del Museo Archeologico del Casentino “Piero Albertoni”, del Gruppo Archeologico Casentinese di Stia e del Centro Studi sul Quaternario di Sansepolcro. «Ogni scuola dovrebbe essere aperta e integrata con le realtà del proprio territorio in un’ottica di continuo interscambio - aggiunge la professoressa Chieli. - La rete culturale attivata per dar vita all’Archeologico permetterà di affiancare le nozioni acquisite nel percorso di studi in aula ad una parte fortemente esperienziale dove sarà possibile vivere il piacere dell’apprendimento direttamente sul posto, la soddisfazione di partecipare ad uno scavo e l’entusiasmo del mettersi alla prova con le più recenti tecnologie applicate al settore tra centri diagnostici e moderne metodologie stratigrafiche. I ragazzi, dunque, potranno vivere un innovativo progetto didattico multidisciplinare e, allo stesso tempo, calarsi completamente nel ruolo dell’archeologo».



Commenta l'articolo

 

Potrebbe anche interessarti

“Appuntamenti con il Petrarca” termina con un incontro sull’Archeologico


Gli studenti presentano il Liceo Classico e Musicale su facebook


Alla scoperta del Liceo Classico e Musicale attraverso i social network


“Aquila d’Oro”, un premio per celebrare l’eccellenza dei valori dello sport


Didattica e tecnologia: tredici istituti in gara per il Premio Scuola Digitale


 

Se ritieni meritevole il nostro lavoro fai una donazione


Recenti

Stesso autore

Nuova inaugurazione per Graziella Braccialini al Valdichiana Village

Nuova inaugurazione per Graziella Braccialini al Valdichiana Village
Nuova inaugurazione per Graziella Braccialini. La maison toscana, impegnata in un percorso di sviluppo della propria rete di distribuzione in Italia, ha previsto investimenti diretti anche sul territorio e ha così inaugurato il suo primo negozio in assoluto in terra d’Arezzo e il suo quarto negozio in regione dopo i tre già presenti a Firenze. La scelta è stata di aprire un punto vendita di (continua)

“Una poesia per Raggiolo” un’iniziativa per raccontare il borgo casentinese

“Una poesia per Raggiolo” un’iniziativa per raccontare il borgo casentinese
Raccontare e rappresentare il borgo di Raggiolo attraverso il patrimonio poetico italiano. “Una poesia per Raggiolo” è il nome della nuova iniziativa promossa dalla Brigata di Raggiolo che, al via da mercoledì 8 dicembre, ambisce a creare un collegamento tra le parole dei poeti e le specificità del piccolo paese casentinese alle pendici del Pratomagno. L’invito è ad individuare un’intera poes (continua)

Quattro titoli italiani per la Ginnastica Petrarca alle Finali Nazionali Silver

Quattro titoli italiani per la Ginnastica Petrarca alle Finali Nazionali Silver
Quattro titoli italiani per la Ginnastica Petrarca alle Finali Nazionali Silver - Winter Edition di Rimini. L’evento ha configurato una vera e propria festa dedicata alla ginnastica che ha riunito oltre cinquemila atleti da tutta la penisola di ogni età e, tra questi, erano presenti anche tanti ragazzi e ragazze della società aretina che sono riusciti ad emergere con positivi piazzamenti.Otti (continua)

Le Acli di Arezzo premiano gli associati più fedeli e più longevi

Le Acli di Arezzo premiano gli associati più fedeli e più longevi
Un riconoscimento per la “fedeltà aclista”. L’iniziativa è delle Acli di Arezzo che, venerdì 10 dicembre, hanno previsto un momento per ringraziare e valorizzare i soci più longevi per l’impegno al servizio dei bisogni dei territori e delle comunità. Questa particolare premiazione sarà ospitata dal circolo di Badia al Pino e si svolgerà all’interno della tradizionale cena degli auguri di Natale ch (continua)

Una mini-rassegna natalizia con la Libera Accademia del Teatro

Una mini-rassegna natalizia con la Libera Accademia del Teatro
“Libera… un sacco di storie” e “Mater teatro”: la Libera Accademia del Teatro torna in scena con una mini-rassegna natalizia. La storica scuola cittadina sarà protagonista di tre appuntamenti che, in programma tra l’8 e il 26 dicembre, permetteranno a spettatori di tutte le età di respirare la magia delle festività attraverso i grandi racconti della tradizione e la riscoperta dell’arte sacra (continua)