Home > Economia e Finanza > La digitalizzazione è la strada per la ripresa, la lezione di Poste Italiane

La digitalizzazione è la strada per la ripresa, la lezione di Poste Italiane

scritto da: AIDR | segnala un abuso

La digitalizzazione è la strada per la ripresa, la lezione di Poste Italiane

Il Covid è stato di fatto per lo sviluppo digitale un significativo volano per l’acceleratore dei processi. Dalle piccole e medie imprese, passando per i diversi livelli della pubblica amministrazione, non c’è realtà pubblica o privata che in questi mesi non si sia interfacciata con la digitalizzazione, di cui piattaforme per meeting, videoconferenze e smart working, la vendita con e-commerce, il social media marketing, o ancora, l’invio telematico degli atti, sono solo alcuni degli aspetti più rappresentativi. Questa straordinaria rivoluzione che ha totalmente resettato e rivisto i nostri paradigmi operativi, avrà certamente delle ripercussioni su tutto il nostro sistema. Sul fronte del digitale in particolare, la pandemia ha fatto emergere chi sui processi e le strategie innovative aveva già scommesso ancor prima dell’emergenza. Pensiamo ad esempio ad una delle realtà più rappresentative del nostro sistema economico che ha saputo cogliere già da tempo questo cambiamento, Poste Italiane. In quest’ottica possiamo leggere i dati, più che positivi, con i quali appunto Poste Italiane ha chiuso il terzo trimestre 2020 con un utile netto di 353 mln euro, in crescita del 10,3% rispetto allo stesso periodo del 2019. Lo stesso Amministratore Delegato e Direttore Generale di Poste Italiane, Matteo Del Fante, fornisce una lettura molto chiara dei numeri sopraindicati.


Il Covid è stato di fatto per lo sviluppo digitale un significativo volano per l’acceleratore dei processi. Dalle piccole e medie imprese, passando per i diversi livelli della pubblica amministrazione, non c’è realtà pubblica o privata che in questi mesi non si sia interfacciata con la digitalizzazione, di cui piattaforme per meeting, videoconferenze e smart working, la vendita con e-commerce, il social media marketing, o ancora, l’invio telematico degli atti, sono solo alcuni degli aspetti più rappresentativi. Questa straordinaria rivoluzione che ha totalmente resettato e rivisto i nostri paradigmi operativi, avrà certamente delle ripercussioni su tutto il nostro sistema. Sul fronte del digitale in particolare, la pandemia ha fatto emergere chi sui processi e le strategie innovative aveva già scommesso ancor prima dell’emergenza. Pensiamo ad esempio ad una delle realtà più rappresentative del nostro sistema economico che ha saputo cogliere già da tempo questo cambiamento, Poste Italiane. In quest’ottica possiamo leggere i dati, più che positivi, con i quali appunto Poste Italiane ha chiuso il terzo trimestre 2020 con un utile netto di 353 mln euro, in crescita del 10,3% rispetto allo stesso periodo del 2019.  Lo stesso Amministratore Delegato e Direttore Generale di Poste Italiane, Matteo Del Fante, fornisce una lettura molto chiara dei numeri sopraindicati.

“La strategia digitale del gruppo e l’efficace riorganizzazione aziendale sono importanti abilitatori nella realizzazione del nostro piano- sottolinea a margine della presentazione dei dati.  In particolare, abbiamo centralizzato la nostra operatività di trasformazione digitale e tecnologica in un’unica unità che svolge un ruolo chiave di abilitatore nel settore del Digitale, della Tecnologia e delle Operazioni. Sin dall’inizio di questo anno difficile – ha aggiunto Del Fante, gli italiani hanno confermato in maniera chiara la loro fiducia e fedeltà nei confronti di Poste Italiane, attraverso tutti i canali di distribuzione, con un incremento costante delle transazioni multicanale e su reti terze. Siamo stati in grado di arricchire la nostra piattaforma distributiva con un ulteriore network (digitale e reti terze) che gestisce ormai quasi un terzo delle transazioni attualmente effettuate dai nostri uffici postali. La nostra solida base di clienti ci ha inoltre permesso di conseguire una raccolta netta retail record di 9,8 miliardi di euro nei primi nove mesi del 2020, contribuendo a raggiungere 556 miliardi di euro di attività finanziarie totali”.

Numeri questi che si sono tradotti, tra le altre cose con un efficientamento di servizi al cittadino, alle imprese e alla pubblica amministrazione, di cui Poste Italiane è partner. Tempi veloci, sicurezza, affidabilità, sono state inoltre le chiavi di successo di Poste, che ha saputo trovare nel digitale una opportunità di crescita aziendale a beneficio di tutta la comunità. 

di Arturo Siniscalchi, Vice presidente Aidr e Direttore generale vicario FormezPA



Fonte notizia: https://www.aidr.it/la-digitalizzazione-e-la-strada-per-la-ripresa-la-lezione-di-poste-italiane-2/


digitalizzazione | Arturo Siniscalchi | Aidr | Poste italiane | Covid19 |



Commenta l'articolo

 

Potrebbe anche interessarti

Poste Italiane: collaborazione strategica con Egypt Post


Nasce Poste e-commerce, la soluzione di Poste Italiane per l'e-commerce delle PMI italiane


Aliexpress e dogana: come comportarsi.


Nuova home page per poste.it, più semplice la navigazione con tablet e smartphone


Poste Italiane AD, gli auguri di Natale del Presidente Todini e dell’AD Caio


Giorgetti Poste Italiane riceve il prestigioso premio nella sezione “Innovazione tecnologica”


 

Se ritieni meritevole il nostro lavoro fai una donazione


Recenti

Stesso autore

Dalla Leadership all'e-Leadership in Sanità al tempo del Covid

Dalla Leadership all'e-Leadership in Sanità al tempo del Covid
In questo periodo di piena pandemia da Sars-CoV-2 i servizi sanitari di tutto il mondo stanno affrontando fondamentali e dirompenti cambiamenti.L’ invecchiamento della popolazione, con il corollario di malattie croniche e disabilità, la disponibilità di nuovi trattamenti e tecnologie, la richiesta di qualità da parte degli utenti, aumentano sempre più i costi dei sistemi sanitari.Per contenere la (continua)

L'insostenibile leggerezza dei dati

L'insostenibile leggerezza dei dati
Cos'è la realtà? Il dizionario definisce la realtà come la qualità e la condizione di ciò che è reale, che esiste in sé e per sé o effettivamente e concretamente. Questo potrebbe significare che per descrivere interamente e precipuamente un fenomeno sia sufficiente osservarlo e accertarne l’esistenza sulla base della propria esperienza, senza bisogno di mettere in discussione l’interpretazione che ne viene data. Cos'è la realtà? Il dizionario definisce la realtà come la qualità e la condizione di ciò che è reale, che esiste in sé e per sé o effettivamente e concretamente. Questo potrebbe significare che per descrivere interamente e precipuamente un fenomeno sia sufficiente osservarlo e accertarne l’esistenza sulla base della propria esperienza, senza bisogno di mettere in discussione l’interpretazion (continua)

AIDR si arricchisce di nuovi “Soci Onorari e componenti del Centro Studi”

AIDR si arricchisce di nuovi “Soci Onorari e componenti del Centro Studi”
Nicastri, presidente Aidr: il Paese potrà ripartire solo se tutti insieme ci faremo carico, come sistema, delle complessità e problematicità concrete e tangibili effetto del coronavirus Il network a sostegno delle imprese, della pubblica amministrazione e dei professionisti nella diffusione della cultura digitale si arricchisce. L’associazione Aidr si appresta a chiudere il 2020 con il preziosissimo ingresso di una rosa di personalità, nominati Soci Onorari e componenti del Centro Studi (https://www.aidr.it/soci-onorari/). I nuovi componenti offriranno il loro contributo nel (continua)

Competenze digitali e mercato del lavoro, il ministro Dadone ospite dell’evento online AIDR

Competenze digitali e mercato del lavoro, il ministro Dadone ospite dell’evento online AIDR
NICASTRI: il programma Digital Europe 2021/27 è un’opportunità di crescita per il Paese Infrastrutture e competenze, i due pilastri sui quali l’Europa si appresta a costruire la società digitale. Oltre 9 miliardi di Euro il finanziamento contenuto nel programma Digital Europe 2021-2027. Intelligenza artificiale, strumenti di cibersicurezza d'avanguardia, ricerca e nuove tecnologie, ma non (continua)

Recovery Fund, ecco perché per rilanciare il Paese si punta sul digitale

Recovery Fund, ecco perché per rilanciare il Paese si punta sul digitale
D’Amico (Aidr): Infrastrutture e cultura digitale volano dello sviluppo economico  Fare presto e fare bene affinché i fondi del Recovery Fund siano davvero funzionali alla ripresa del Paese, dando priorità al digitale. Il presidente del Consiglio Giuseppe Conte ha le idee chiare: basta soldi a pioggia, che ahinoi, non hanno mai sortito alcun effetto sul Paese, sì ad un piano strategico che metta al centro il digitale. “Una scelta assolutamente condivisa e pertinente c (continua)