Home > Economia e Finanza > La digitalizzazione è la strada per la ripresa, la lezione di Poste Italiane

La digitalizzazione è la strada per la ripresa, la lezione di Poste Italiane

scritto da: AIDR | segnala un abuso

La digitalizzazione è la strada per la ripresa, la lezione di Poste Italiane

Il Covid è stato di fatto per lo sviluppo digitale un significativo volano per l’acceleratore dei processi. Dalle piccole e medie imprese, passando per i diversi livelli della pubblica amministrazione, non c’è realtà pubblica o privata che in questi mesi non si sia interfacciata con la digitalizzazione, di cui piattaforme per meeting, videoconferenze e smart working, la vendita con e-commerce, il social media marketing, o ancora, l’invio telematico degli atti, sono solo alcuni degli aspetti più rappresentativi. Questa straordinaria rivoluzione che ha totalmente resettato e rivisto i nostri paradigmi operativi, avrà certamente delle ripercussioni su tutto il nostro sistema. Sul fronte del digitale in particolare, la pandemia ha fatto emergere chi sui processi e le strategie innovative aveva già scommesso ancor prima dell’emergenza. Pensiamo ad esempio ad una delle realtà più rappresentative del nostro sistema economico che ha saputo cogliere già da tempo questo cambiamento, Poste Italiane. In quest’ottica possiamo leggere i dati, più che positivi, con i quali appunto Poste Italiane ha chiuso il terzo trimestre 2020 con un utile netto di 353 mln euro, in crescita del 10,3% rispetto allo stesso periodo del 2019. Lo stesso Amministratore Delegato e Direttore Generale di Poste Italiane, Matteo Del Fante, fornisce una lettura molto chiara dei numeri sopraindicati.


Il Covid è stato di fatto per lo sviluppo digitale un significativo volano per l’acceleratore dei processi. Dalle piccole e medie imprese, passando per i diversi livelli della pubblica amministrazione, non c’è realtà pubblica o privata che in questi mesi non si sia interfacciata con la digitalizzazione, di cui piattaforme per meeting, videoconferenze e smart working, la vendita con e-commerce, il social media marketing, o ancora, l’invio telematico degli atti, sono solo alcuni degli aspetti più rappresentativi. Questa straordinaria rivoluzione che ha totalmente resettato e rivisto i nostri paradigmi operativi, avrà certamente delle ripercussioni su tutto il nostro sistema. Sul fronte del digitale in particolare, la pandemia ha fatto emergere chi sui processi e le strategie innovative aveva già scommesso ancor prima dell’emergenza. Pensiamo ad esempio ad una delle realtà più rappresentative del nostro sistema economico che ha saputo cogliere già da tempo questo cambiamento, Poste Italiane. In quest’ottica possiamo leggere i dati, più che positivi, con i quali appunto Poste Italiane ha chiuso il terzo trimestre 2020 con un utile netto di 353 mln euro, in crescita del 10,3% rispetto allo stesso periodo del 2019.  Lo stesso Amministratore Delegato e Direttore Generale di Poste Italiane, Matteo Del Fante, fornisce una lettura molto chiara dei numeri sopraindicati.

“La strategia digitale del gruppo e l’efficace riorganizzazione aziendale sono importanti abilitatori nella realizzazione del nostro piano- sottolinea a margine della presentazione dei dati.  In particolare, abbiamo centralizzato la nostra operatività di trasformazione digitale e tecnologica in un’unica unità che svolge un ruolo chiave di abilitatore nel settore del Digitale, della Tecnologia e delle Operazioni. Sin dall’inizio di questo anno difficile – ha aggiunto Del Fante, gli italiani hanno confermato in maniera chiara la loro fiducia e fedeltà nei confronti di Poste Italiane, attraverso tutti i canali di distribuzione, con un incremento costante delle transazioni multicanale e su reti terze. Siamo stati in grado di arricchire la nostra piattaforma distributiva con un ulteriore network (digitale e reti terze) che gestisce ormai quasi un terzo delle transazioni attualmente effettuate dai nostri uffici postali. La nostra solida base di clienti ci ha inoltre permesso di conseguire una raccolta netta retail record di 9,8 miliardi di euro nei primi nove mesi del 2020, contribuendo a raggiungere 556 miliardi di euro di attività finanziarie totali”.

Numeri questi che si sono tradotti, tra le altre cose con un efficientamento di servizi al cittadino, alle imprese e alla pubblica amministrazione, di cui Poste Italiane è partner. Tempi veloci, sicurezza, affidabilità, sono state inoltre le chiavi di successo di Poste, che ha saputo trovare nel digitale una opportunità di crescita aziendale a beneficio di tutta la comunità. 

di Arturo Siniscalchi, Vice presidente Aidr e Direttore generale vicario FormezPA



Fonte notizia: https://www.aidr.it/la-digitalizzazione-e-la-strada-per-la-ripresa-la-lezione-di-poste-italiane-2/


digitalizzazione | Arturo Siniscalchi | Aidr | Poste italiane | Covid19 |



Commenta l'articolo

 

Potrebbe anche interessarti

Poste Italiane: collaborazione strategica con Egypt Post


Nasce Poste e-commerce, la soluzione di Poste Italiane per l'e-commerce delle PMI italiane


Poste Italiane supporta le PMI nell’e-commerce


Aliexpress e dogana: come comportarsi.


Nuova home page per poste.it, più semplice la navigazione con tablet e smartphone


Poste Italiane AD, gli auguri di Natale del Presidente Todini e dell’AD Caio


 

Se ritieni meritevole il nostro lavoro fai una donazione


Recenti

Stesso autore

Racconti nella Rete, approfondimento a Digitale Italia

Racconti nella Rete, approfondimento a Digitale Italia
A Digitale Italia, puntata speciale dedicata al Premio Letterario Racconti nella Rete, giunto quest’anno alla sua ventesima edizione. Ospiti del format web di Aidr, Demetrio Brandi, Presidente del Premio letterario Racconti nella Rete e Sandro Zilli, Innovation Manager e socio Aidr  Condividi24 SETTEMBRE 2021Racconti nella Rete, approfondimento a Digitale ItaliaBrandi: insieme ad Aidr premiamo i giovani talenti letterariLa rete come agorà virtuale, punto d’incontro, di confronto e crescita per i talenti letterari. A Digitale Italia, puntata speciale dedicata al Premio Letterario Racconti nella Rete, giunto quest’anno alla sua ventesima edizione. Ospiti del format web di (continua)

Cyber Security: la sfida emergente della transizione digitale

Cyber Security: la sfida emergente della transizione digitale
La tutela della cybersicurezza è diventata un tema sempre più centrale, specie dopo l’avvio del processo di digitalizzazione dell’amministrazione pubblica. Lo stesso governo Draghi, creando col decreto-legge n.22 del 2021 il Ministero per l’innovazione tecnologica e la transizione digitale, si prefigura di accellerare la digitalizzazione delle pubbliche amministrazioni, rinforzando le infrastrutture digitali materiali ed immateriali. Diventa così importante innalzare i livelli di sicurezza informatica delle banche dati, in conformità alle più recenti prescrizioni in tema di sicurezza cibernetica. Il potenziamento della cybersicurezza risulta infatti fondamentale per contenere le conseguenze di incidenti ed attacchi alle reti ed ai sistemi informatici. È sempre più urgente assicurare la sicurezza dei dati personali. I dati statistici dimostrano chiaramente che i cyberattacchi sono aumentati del 66% in 4 anni, e i danni globali causati dalle minacce cibernetiche rappresentano ormai una cifra enorme, sia per i privati che per le aziende, senza contare tra l’altro i danni determinati dai cyerattacchi rivolti contro i sistemi informatici delle (continua)

Realtà virtuale, realtà aumentata e Sport

Realtà virtuale, realtà aumentata e Sport
La realtà aumentata, che fa già parte della vita di migliaia di persone in moltissimi settori, è una tecnologia che nello sport può implementare e migliorare enormemente le strategie di fan engagement e la fan experience. La realtà aumentata, che fa già parte della vita di migliaia di persone in moltissimi settori, è una tecnologia che nello sport può implementare e migliorare enormemente le strategie di fan engagement e la fan experience. La natura stessa della realtà aumentata, infatti, la rende perfetta per un settore dinamico come quello sportivo, basti pensare che all’hawk-eye nel tennis, c (continua)

Spid+eIDAS = pura Eutopia!

Spid+eIDAS = pura Eutopia!
Da qualche anno, con SPID, quindi comodamente dal tuo smartphone, puoi accedere ai siti delle varie Pubblica Amministrazione europee, come ad esempio il sito internet dell’Agenzia delle Entrate svedese, il sito internet del Sistema Pensionistico greco o di una università nelle Isole Baleari. Infatti con il proprio Username e Password di SPID, questa modalità di accesso alle varie pubbliche amministrazioni europee, sono diventate sempre più semplici, proseguendo sul sentiero delle nuove riforme del processo di digitalizzazione delle PA già da tempo inserito nella “Amministrazione digitale e riforma Madia” ai sensi del DPCM 24/10/2014. di Michele Leone, Digital Media Specialist e socio AidrCon SPID si vola in Europa con eIDAS, oppure Quando lo SPID ti salva il colloquio in UK grazie ad eIDAS, Digitali per forza, anche a 80 anni con SPID ed eIDAS, altrimenti nessuna pensione oppure l’Amore ai tempi di eIDAS, questi sono solo alcuni dei titoli degli articoli pubblicati su giornali nazionali e riviste di settore (continua)

Rischi Cybercrime in aumento

Rischi Cybercrime in aumento
La pandemia (e il conseguente smart working) ha aumentato i punti di possibile accesso dei cyber criminali ai sistemi delle aziende, con ciò esponendo le medesime sempre di più al rischio quotidiano di vedersi bloccata tutta l’attività. di Luca Angelucci Responsabile Osservatorio Assicurazioni Cyber Crime AidrDi recente abbiamo notato diversi articoli sull’argomento da parte di primarie testate giornalistiche, anche un recente articolo del Sole 24 Ore del 20 agosto scorso, da cui si evince un preoccupante rapido ampliamento dei rischi legati ai cybercrime, ossia delle richieste di “riscatto” dei propri dati cibernetici ( ad (continua)