Home > Altro > Malattie croniche: “Teleconsulto, telemedicina e tele-monitoraggio, le best practice delle Regioni al tempo del Covid-19”

Malattie croniche: “Teleconsulto, telemedicina e tele-monitoraggio, le best practice delle Regioni al tempo del Covid-19”

scritto da: Motore sanita | segnala un abuso

Malattie croniche: “Teleconsulto, telemedicina e tele-monitoraggio, le best practice delle Regioni al tempo del Covid-19”


23 novembre 2020 – La gestione delle malattie croniche si è rilevata in questo periodo di pandemia molto

complessa, dal momento che per i pazienti è richiesta una forte integrazione tra lo specialista ed il medico

di medicina generale e deve essere prevista anche la componente socio-assistenziale. Nel periodo

pandemico, teleconsulto, gestione della terapia, telemedicina e tele-monitoraggio sono stati utilizzati non

solo per il percorso sanitario del paziente cronico ma anche per il paziente COVID 19. Con l’obiettivo di

confrontare le best practice messe in atto da Regione Lombardia, Veneto e Friuli Venezia Giulia per rispondere

ai bisogni dei pazienti in periodo di pandemia COVID 19, Motore Sanità ha organizzato il webinar ‘VIVERE LA

CRONICITÀ AL TEMPO DEL COVID: IL PERCORSO  DEL PAZIENTE’, realizzato grazie al contributo

incondizionato di PFIZER. 

 

“La gestione dei percorsi diagnostici terapeutici dei pazienti affetti da patologie croniche autoimmuni è sempre difficile,

lo è maggiormente in corso di emergenza sanitaria. L’accesso alle cure non risulta, in questo momento, essere garantito

per tutti i pazienti sia per quel che riguarda la visita specialistica, la diagnostica ma anche e soprattutto la terapia. Molte

Regioni hanno attivato la telemedicina come strumento utile nella gestione di questi pazienti e in molte Regioni si sono

attivate modalità alternative nella distribuzione del farmaco, a volte con il supporto delle aziende farmaceutiche stesse.

Le buone pratiche, attivate in questo periodo pandemico, possono andare a sistema, con l’obiettivo di facilitare la presa

in carico dei nostri assistiti”, ha spiegato Gabriella Levato, MMG Milano

 

“Il paziente cronico, qualunque esso sia, in tempo di COVID è stato davvero abbandonato, con una fortissima ripercussione

sulla sua qualità di vita. Mi riferisco sia alla questione della continuità assistenziale, ma anche alla questione dei lavoratori

fragili, ma non dimentichiamoci dei caregiver (genitori di bambini affetti da patologie croniche), nessuno ha pensato nei mesi

in cui il COVID era quasi assente di programmare un piano che potesse tutelarci. È evidente che se nella prima era COVID

avevamo la speranza dell'arrivo dell'estate e che si potesse improntare un piano di gestione per la cronicità nel breve tempo,

invece no rieccoci con le chiusure ambulatoriali, i lavoratori fragili allo sbando e i caregiver che rischiano di perdere il proprio

posto di lavoro per tutelare e prendersi carico dei propri figli. La telemedicina che ANMAR propone e che vede alcune realtà

a cui è stata proposta (SMART SHARE) è una telemedicina improntata sull'interoperabilità tra le piattaforme già esistenti nelle

regioni, questo perché? Perché l'interoperabilità funge da unione tra specialisti-MMG-sistema sanitario e paziente per davvero

prendersi carico di chi vive con una cronicità senza abbandonarlo. Contatto tra MMG e specialista è fondamentale, soprattutto

ora che l'unico interlocutore è il MMG perché i nostri reumatologi sono costretti in reparti COVID ad occuparsi dell'emergenza

che sembra non finire mai”, ha detto Silvia Tonolo, Presidente ANMAR Onlus Associazione Nazionale Malati Reumatici



Commenta l'articolo

 

Potrebbe anche interessarti

Telemedicine R-evolution: ‘Stop alla tecnologia per pochi eletti, necessario garantire assistenza a tutti i pazienti a livello nazionale’


Al Digital Media Fest, in versione online, vince la creatività


Gli effetti a breve e lungo termine del Covid-19: dolore, alterazione del sonno, ansia, paura


COVID-19: “Più sanità digitale meno ricoveri e costi sanitari ma maggiori benefici al paziente”


Ictus: “Indispensabile prevenzione primaria dei fattori di rischio quanto tempestiva e corretta diagnosi di patologie correlate”


 

Se ritieni meritevole il nostro lavoro fai una donazione


Recenti

Stesso autore

Una patologia che conta circa 20.000 decessi l’anno “Cirrosi epatica: Aderenza alle terapie, prevenzione e presa in carico per migliorare qualità di vita del paziente e sostenibilità del SSN”

Migliorare l’aderenza alla terapia, prevenire complicanze gravi come encefalopatia epatica e ascite, potenziare l’assistenza domiciliare, formare il paziente e il caregiver, rendere sostenibili le cure e aumentare la qualità e l’aspettativa di vita. 22 gennaio 2021 – Migliorare l’aderenza alla terapia, prevenire complicanze gravi comeencefalopatia epatica e ascite, potenziare l’assistenza domiciliare, formare il paziente eil caregiver, rendere sostenibili le cure e aumentare la qualità e l’aspettativa di vita.Questi gli argomenti discussi, con i principali interlocutori del Piemonte, durante il Webinar:"Focus Piemonte (continua)

Tumore del polmone NSCLC ALK +: “Necessario disporre di nuove opzioni terapeutiche per gli oltre 2.500 pazienti l’anno in Italia”

22 gennaio 2021 – In Italia ogni anno circa 270 mila cittadini sono colpiti dal cancro. Attualmente, il 50% dei malati riesce a guarire, buona parte dell’altro 50% si cronicizza, riuscendo a vivere più o meno a lungo. Tra i cosiddetti big killer il carcinoma polmonare rappresenta oggi la prima causa di morte per neoplasia negli uomini e la terza nelle donne. 22 gennaio 2021 – In Italia ogni anno circa 270 mila cittadini sono colpiti dal cancro.Attualmente, il 50% dei malati riesce a guarire, buona parte dell’altro 50% si cronicizza,riuscendo a vivere più o meno a lungo. Tra i cosiddetti big killer il carcinoma polmonarerappresenta oggi la prima causa di morte per neoplasia negli uomini e la terza nelle donne.L’incidenza stimata è d (continua)

Influenza e infezioni: ancora bassa la copertura vaccinale nei malati diabetici

Gli esperti: «Maggiore coinvolgimento di scuola, associazioni, strutture pubbliche e un’azione di prossimità svolgono un ruolo fondamentale» Società scientifiche, associazioni di pazienti, medici di medicina generale e pediatri si appellanoperché i malati diabetici si sottopongano ai vaccini in quanto pazienti particolarmente fragili chepresentano un’aumentata mortalità rispetto alla popolazione generale, cosa purtroppo che è stataben evidenziata anche dalla recente pandemia. Le cause di questo sono dovute principalmentea problem (continua)

Gli esperti a confronto: “Indispensabile vaccinare i pazienti diabetici ancor più in questo periodo di pandemia!”

21 Gennaio 2021 - I pazienti affetti da diabete presentano un’aumentata mortalità rispetto alla popolazione generale, a causa di problemi correlati all’aumentato rischio di malattie cardiovascolari e cancro, ma anche alla maggiore incidenza di complicanze infettive che contribuiscono in maniera decisiva alla ridotta aspettativa di vita. 21 Gennaio 2021 - I pazienti affetti da diabete presentano un’aumentata mortalità rispetto allapopolazione generale, a causa di problemi correlati all’aumentato rischio di malattie cardiovascolarie cancro, ma anche alla maggiore incidenza di complicanze infettive che contribuiscono in manieradecisiva alla ridotta aspettativa di vita. I dati riportano che i soggetti con diabete tipo 1 (DT (continua)

‘FOCUS PIEMONTE. LA REALTÀ ITALIANA DELLA CIRROSI EPATICA IN EPOCA PANDEMICA TRA TERAPIE E IMPATTO SOCIO ECONOMICO’, organizzato da MOTORE SANITÀ.

I deceduti per cirrosi epatica in Italia sono oggi circa 15.000 all’anno. Le nuove terapie per l’Epatite C ed i successi dei trapianti di fegato nei pazienti candidabili, hanno portato e porteranno un aumento della sopravvivenza dei pazienti con cirrosi. Di conseguenza questa malattia inciderà in maniera significativa sull’organizzazione socio-assistenziale, e sull’impatto economico gestionale dei vari sistemi sanitari regionali. L’esperienza drammatica della recente pandemia ha fatto emergere ancor più la necessità di una nuova organizzazione per la presa in carico di questi pazienti altamente complessi e quasi sempre pluripatologici. il prossimo venerdì 22 Gennaio dalle ore 11 alle 13, si terrà il webinar: ‘FOCUS PIEMONTE. LA REALTÀ ITALIANA DELLA CIRROSI EPATICA IN EPOCA PANDEMICA TRA TERAPIE E IMPATTO SOCIO ECONOMICO’, organizzato da MOTORE SANITÀ. I deceduti per cirrosi epatica in Italia sono oggi circa 15.000 all’anno. Le nuove terapie per l’Epatite Ced i successi dei (continua)