Home > Ambiente e salute > Farmaco equivalente: “Dopo anni, pur garantendo sostenibilità al SSN e risparmio ai cittadini, il loro uso in Italia è ancora a macchia di leopardo”

Farmaco equivalente: “Dopo anni, pur garantendo sostenibilità al SSN e risparmio ai cittadini, il loro uso in Italia è ancora a macchia di leopardo”

scritto da: Motore sanita | segnala un abuso

4 novembre 2020 - I farmaci equivalenti avendo stesso principio attivo, concentrazione, forma farmaceutica, via di somministrazione e indicazioni di un farmaco di marca non più coperto da brevetto (originator), sono dal punto di vista terapeutico, equivalenti al prodotto di marca ma molto più economici, con risparmi che vanno da un minimo del 20% ad oltre il 50%.


24 novembre 2020 - I farmaci equivalenti avendo stesso principio attivo, concentrazione, forma farmaceutica, via di

somministrazione e indicazioni di un farmaco di marca non più coperto da brevetto (originator), sono dal punto di

vista terapeutico, equivalenti al prodotto di marca ma molto più economici, con risparmi che vanno da un minimo del

20% ad oltre il 50%. Questo è fondamentale per mantenere sostenibile l’SSN, consentendo da un lato di liberare

risorse indispensabili a garantire una sempre maggiore disponibilità di farmaci innovativi, dall’altro, al cittadino di

risparmiare di propria tasca all’atto dell’acquisto dei medicinali. Ma l’uso del farmaco equivalente in Italia è ancora

basso rispetto ai medicinali di marca, dall’analisi dei consumi per area geografica, nei primi nove mesi 2019 si è visto

come il consumo degli equivalenti di classe A sia risultato maggiore al Nord (37,3% unità e 29,1% valori), rispetto al

Centro (27,9%; 22,5%) e al Sud Italia (22,4%; 18,1%). Per fare il punto sulla situazione in Italia e sul perché di queste

differenze MOTORE SANITÀ ha organizzato il Webinar ‘FOCUS SICILIA. I FARMACI EQUIVALENTI MOTORE DI

SOSTENIBILITÀ PER IL SSN', realizzato grazie al contributo incondizionato di TEVA.

 

“Anche in Sicilia, come in tutta Italia, le farmacie in questi anni hanno dato un contributo importante alla diffusione dei

medicinali equivalenti. Nella nostra Regione scontiamo ancora alcune resistenze da parte dei cittadini nell’utilizzare

l’equivalente e ad accettare la sostituzione del medicinale di marca da parte del farmacista; resistenze dovute a fattori

dnatura prevalentemente culturale. C’è la convinzione, e questo non riguarda solo la Sicilia, ma molte Regioni italiane,

soprattutto del centro-sud, che il prodotto di marca sia più efficace. Si è disposti a pagare qualcosa di più per avere la

certezza che “funzioni”. Per superare queste diffidenze non basta l’opera quotidiana di sensibilizzazione del farmacista,

c’è bisogno di una sinergia tra tutti gli operatori del settore e le Istituzioni, che devono diffondere lo stesso messaggio e

favorire così la conoscenza e il corretto uso del medicinale equivalente”, ha detto Gioacchino Nicolosi, Presidente

Federfarma Regione Siciliana

 

“Il farmaco equivalente è stato introdotto nel mercato farmaceutico italiano nel 1995, e nell’ultimo ventennio, ha gradualmente

visto aumentare le sue prescrizioni da parte dei medici e l’utilizzo da parte dei pazienti, nonostante questo, il nostro rimane uno

degli ultimi paesi d’Europa per uso di farmaci equivalenti. L’utilizzo da parte del SSN e del SSR degli equivalenti consente, in

relazione al progressivo invecchiamento della popolazione e all’aumento delle patologie croniche, di trattare a parità di costi un 

numero maggiore di pazienti garantendo così l’universalità delle cure. La riduzione dei costi, a carico del paziente, generata, a

parità di sicurezza ed efficacia, dall’utilizzo di questi farmaci, consente inoltre una maggiore aderenza e persistenza alla terapia,

determinando, in questo modo, una riduzione nel rischio di complicanze secondarie alla sospensione della terapia effettuata”,

ha spiegato Francesco Salamone, Vice Segretario Regionale FIMMG Sicilia

 

“È stato un importante confronto che ha dimostrato la necessità che tutti gli stakeholder continuino a parlare del valore del

farmaco equivalente. La sfida è lavorare insieme per avere azioni concrete a livello locale, regionale per aumentare l’utilizzo 

di farmaci equivalenti”, ha aggiunto Umberto Comberiati, Business Unit Head Teva Pharmaceutical

sicilia | farmaci | equivalenti |



Commenta l'articolo

 

Potrebbe anche interessarti

Farmaco brevetto scaduto: la responsabilità del medico prescrittore


Farmaco generico e farmaco brand: quali sono le differenze?


Differenze tra farmaco generico e farmaco di marca


Farmaco equivalente: “Dopo anni, pur garantendo sostenibilità all’SSN e risparmio ai cittadini, il loro uso in Italia è ancora a macchia di leopardo”


Farmaci equivalenti ancora poco utilizzati in Italia: le resistenze del mercato e la diffidenza dei cittadini Gli esperti: «Serve più informazione tra medici, farmacisti e pazienti»


Cause remote e recenti della crisi sanitaria, sociale ed economica della pandemia


 

Se ritieni meritevole il nostro lavoro fai una donazione


Recenti

Stesso autore

Una patologia che conta circa 20.000 decessi l’anno “Cirrosi epatica: Aderenza alle terapie, prevenzione e presa in carico per migliorare qualità di vita del paziente e sostenibilità del SSN”

Migliorare l’aderenza alla terapia, prevenire complicanze gravi come encefalopatia epatica e ascite, potenziare l’assistenza domiciliare, formare il paziente e il caregiver, rendere sostenibili le cure e aumentare la qualità e l’aspettativa di vita. 22 gennaio 2021 – Migliorare l’aderenza alla terapia, prevenire complicanze gravi comeencefalopatia epatica e ascite, potenziare l’assistenza domiciliare, formare il paziente eil caregiver, rendere sostenibili le cure e aumentare la qualità e l’aspettativa di vita.Questi gli argomenti discussi, con i principali interlocutori del Piemonte, durante il Webinar:"Focus Piemonte (continua)

Tumore del polmone NSCLC ALK +: “Necessario disporre di nuove opzioni terapeutiche per gli oltre 2.500 pazienti l’anno in Italia”

22 gennaio 2021 – In Italia ogni anno circa 270 mila cittadini sono colpiti dal cancro. Attualmente, il 50% dei malati riesce a guarire, buona parte dell’altro 50% si cronicizza, riuscendo a vivere più o meno a lungo. Tra i cosiddetti big killer il carcinoma polmonare rappresenta oggi la prima causa di morte per neoplasia negli uomini e la terza nelle donne. 22 gennaio 2021 – In Italia ogni anno circa 270 mila cittadini sono colpiti dal cancro.Attualmente, il 50% dei malati riesce a guarire, buona parte dell’altro 50% si cronicizza,riuscendo a vivere più o meno a lungo. Tra i cosiddetti big killer il carcinoma polmonarerappresenta oggi la prima causa di morte per neoplasia negli uomini e la terza nelle donne.L’incidenza stimata è d (continua)

Influenza e infezioni: ancora bassa la copertura vaccinale nei malati diabetici

Gli esperti: «Maggiore coinvolgimento di scuola, associazioni, strutture pubbliche e un’azione di prossimità svolgono un ruolo fondamentale» Società scientifiche, associazioni di pazienti, medici di medicina generale e pediatri si appellanoperché i malati diabetici si sottopongano ai vaccini in quanto pazienti particolarmente fragili chepresentano un’aumentata mortalità rispetto alla popolazione generale, cosa purtroppo che è stataben evidenziata anche dalla recente pandemia. Le cause di questo sono dovute principalmentea problem (continua)

Gli esperti a confronto: “Indispensabile vaccinare i pazienti diabetici ancor più in questo periodo di pandemia!”

21 Gennaio 2021 - I pazienti affetti da diabete presentano un’aumentata mortalità rispetto alla popolazione generale, a causa di problemi correlati all’aumentato rischio di malattie cardiovascolari e cancro, ma anche alla maggiore incidenza di complicanze infettive che contribuiscono in maniera decisiva alla ridotta aspettativa di vita. 21 Gennaio 2021 - I pazienti affetti da diabete presentano un’aumentata mortalità rispetto allapopolazione generale, a causa di problemi correlati all’aumentato rischio di malattie cardiovascolarie cancro, ma anche alla maggiore incidenza di complicanze infettive che contribuiscono in manieradecisiva alla ridotta aspettativa di vita. I dati riportano che i soggetti con diabete tipo 1 (DT (continua)

‘FOCUS PIEMONTE. LA REALTÀ ITALIANA DELLA CIRROSI EPATICA IN EPOCA PANDEMICA TRA TERAPIE E IMPATTO SOCIO ECONOMICO’, organizzato da MOTORE SANITÀ.

I deceduti per cirrosi epatica in Italia sono oggi circa 15.000 all’anno. Le nuove terapie per l’Epatite C ed i successi dei trapianti di fegato nei pazienti candidabili, hanno portato e porteranno un aumento della sopravvivenza dei pazienti con cirrosi. Di conseguenza questa malattia inciderà in maniera significativa sull’organizzazione socio-assistenziale, e sull’impatto economico gestionale dei vari sistemi sanitari regionali. L’esperienza drammatica della recente pandemia ha fatto emergere ancor più la necessità di una nuova organizzazione per la presa in carico di questi pazienti altamente complessi e quasi sempre pluripatologici. il prossimo venerdì 22 Gennaio dalle ore 11 alle 13, si terrà il webinar: ‘FOCUS PIEMONTE. LA REALTÀ ITALIANA DELLA CIRROSI EPATICA IN EPOCA PANDEMICA TRA TERAPIE E IMPATTO SOCIO ECONOMICO’, organizzato da MOTORE SANITÀ. I deceduti per cirrosi epatica in Italia sono oggi circa 15.000 all’anno. Le nuove terapie per l’Epatite Ced i successi dei (continua)