Home > Altro > 'Immunoterapia ed efficienza organizzativa. Un nuovo modello di governance nel trattamento dei tumori della mammella’ - 26 Novembre 2020 - ORE 15

'Immunoterapia ed efficienza organizzativa. Un nuovo modello di governance nel trattamento dei tumori della mammella’ - 26 Novembre 2020 - ORE 15

scritto da: Motore sanita | segnala un abuso

l prossimo giovedì 26 Novembre dalle ore 15 alle 17:30, si terrà il webinar: ‘IMMUNOTERAPIA ED EFFICIENZA ORGANIZZATIVA. UN NUOVO MODELLO DI GOVERNANCE NEL TRATTAMENTO DEI TUMORI DELLA MAMMELLA’, organizzato da MOTORE SANITÀ.


il prossimo giovedì 26 Novembre dalle ore 15 alle 17:30, si terrà il webinar: 

‘IMMUNOTERAPIA ED EFFICIENZA ORGANIZZATIVA. UN NUOVO MODELLO DI GOVERNANCE NEL

TRATTAMENTO DEI TUMORI DELLA MAMMELLA’, organizzato da MOTORE SANITÀ

Il carcinoma mammario è la neoplasia più frequente tra le donne ed è potenzialmente grave se non è individuata

e curata per tempo. Grazie a metodi diagnostici moderni e a terapie all’avanguardia, il tasso di sopravvivenza

relativo al tumore al seno è aumentato costantemente negli ultimi anni. Se il tumore viene identificato in fase molto

precoce (stadio 0) la sopravvivenza a 5 anni nelle donne trattate è pari al 98%. Nel cancro metastatico purtroppo

la sopravvivenza è molto minore, dipende dalle caratteristiche della paziente, della aggressività della patologia e

dalle opzioni terapeutiche possibili. Il trattamento del cancro alla mammella è perciò strettamente legato alle

caratteristiche genetiche del tumore e allo stadio in cui la malattia viene diagnosticata. Ma nel Breast Cancer

Triplo-Negativo che è attualmente la tipologia di Breast Cancer a prognosi più complessa (sopravvivenza media dalla

diagnosi nettamente inferiore rispetto alle altre forme) con un peso epidemiologico del 15-20% tra le neoplasie della

mammella, si aprono importanti prospettive di cura grazie alla immunoterapia anti-PDL1 di Atezolizumab, con le nuove

indicazioni per la prima linea metastatica avanzata. Atezolizumab è un anticorpo monoclonale studiato per legarsi alla

proteina PD-L1 espressa sulle cellule tumorali e sulle cellule immunitarie infiltranti il tumore, in grado di riattivare l’azione

dei linfociti T. Le prime stime a livello epidemiologico indicano circa 1.500 pazienti in questa condizione clinica attualmente

in Italia. In ottica di appropriatezza prescrittiva sarà fondamentale stabilire quali pazienti possano trarre beneficio da questa

terapia immunoncologica.

 

SONO STATI INVITATI: 

- Mauro Biffoni, Direttore Dipartimento Oncologia e Medicina Molecolare, Istituto Superiore di Sanità

Rossana Boldi, Vicepresidente XII Commissione (Affari Sociali), Camera dei Deputati

Fabiola Bologna, Componente XII Commissione (Affari Sociali), Camera dei Deputati

- Adriana Bonifacino, Presidente IncontraDonna Onlus 

- Maria Domenica Castellone, Membro della XII commissione (Igiene e Sanità), Senato della Repubblica 

Ruggero De Maria, Presidente Alleanza Contro il Cancro

Angelo Paolo Dei Tos, Direttore UOC Anatomia Patologica AOU Padova

- Lucia Del Mastro, Professore Associato Oncologia medica, Dipartimento di medicina interna e specialità mediche,

Di.M.I. Università di Genova

Antonio Gaudioso, Segretario Generale Cittadinanzattiva

Elisa Pirro, Componente XII Commissione (Igiene e Sanità), Senato della Repubblica

- Maria Rizzotti, Componente XII Commissione (Igiene e Sanità), Senato della Repubblica 

Anna Sapino, Direttore Scientifico IRCCS FPO Candiolo (TO) 

Elisabetta Sestini, Responsabile Segreteria Scientifica Europa Donna Italia

 

MODERANO: 

Gianni Amunni, Direttore Generale Istituto per lo Studio, la Prevenzione e la Rete Oncologica (ISPRO) Regione Toscana

Pierfranco Conte, Direttore SC Oncologia IOV e Coordinatore Rete Oncologica Veneta

Claudio Zanon, Direttore Scientifico Motore Sanità 

 

Tutti i Relatori sono stati invitati

 

Per partecipare al webinar del 26 Novembre, iscriviti al seguente link: ISCRIVITI AL WEBINAR

 

Nella speranza tu possa partecipare, riportiamo in allegato il programma del webinar.

Grato di un cenno di conferma della tua partecipazione 

Un cordiale saluto e buon lavoro



Commenta l'articolo

 
 

Se ritieni meritevole il nostro lavoro fai una donazione


Recenti

Stesso autore

Una patologia che conta circa 20.000 decessi l’anno “Cirrosi epatica: Aderenza alle terapie, prevenzione e presa in carico per migliorare qualità di vita del paziente e sostenibilità del SSN”

Migliorare l’aderenza alla terapia, prevenire complicanze gravi come encefalopatia epatica e ascite, potenziare l’assistenza domiciliare, formare il paziente e il caregiver, rendere sostenibili le cure e aumentare la qualità e l’aspettativa di vita. 22 gennaio 2021 – Migliorare l’aderenza alla terapia, prevenire complicanze gravi comeencefalopatia epatica e ascite, potenziare l’assistenza domiciliare, formare il paziente eil caregiver, rendere sostenibili le cure e aumentare la qualità e l’aspettativa di vita.Questi gli argomenti discussi, con i principali interlocutori del Piemonte, durante il Webinar:"Focus Piemonte (continua)

Tumore del polmone NSCLC ALK +: “Necessario disporre di nuove opzioni terapeutiche per gli oltre 2.500 pazienti l’anno in Italia”

22 gennaio 2021 – In Italia ogni anno circa 270 mila cittadini sono colpiti dal cancro. Attualmente, il 50% dei malati riesce a guarire, buona parte dell’altro 50% si cronicizza, riuscendo a vivere più o meno a lungo. Tra i cosiddetti big killer il carcinoma polmonare rappresenta oggi la prima causa di morte per neoplasia negli uomini e la terza nelle donne. 22 gennaio 2021 – In Italia ogni anno circa 270 mila cittadini sono colpiti dal cancro.Attualmente, il 50% dei malati riesce a guarire, buona parte dell’altro 50% si cronicizza,riuscendo a vivere più o meno a lungo. Tra i cosiddetti big killer il carcinoma polmonarerappresenta oggi la prima causa di morte per neoplasia negli uomini e la terza nelle donne.L’incidenza stimata è d (continua)

Influenza e infezioni: ancora bassa la copertura vaccinale nei malati diabetici

Gli esperti: «Maggiore coinvolgimento di scuola, associazioni, strutture pubbliche e un’azione di prossimità svolgono un ruolo fondamentale» Società scientifiche, associazioni di pazienti, medici di medicina generale e pediatri si appellanoperché i malati diabetici si sottopongano ai vaccini in quanto pazienti particolarmente fragili chepresentano un’aumentata mortalità rispetto alla popolazione generale, cosa purtroppo che è stataben evidenziata anche dalla recente pandemia. Le cause di questo sono dovute principalmentea problem (continua)

Gli esperti a confronto: “Indispensabile vaccinare i pazienti diabetici ancor più in questo periodo di pandemia!”

21 Gennaio 2021 - I pazienti affetti da diabete presentano un’aumentata mortalità rispetto alla popolazione generale, a causa di problemi correlati all’aumentato rischio di malattie cardiovascolari e cancro, ma anche alla maggiore incidenza di complicanze infettive che contribuiscono in maniera decisiva alla ridotta aspettativa di vita. 21 Gennaio 2021 - I pazienti affetti da diabete presentano un’aumentata mortalità rispetto allapopolazione generale, a causa di problemi correlati all’aumentato rischio di malattie cardiovascolarie cancro, ma anche alla maggiore incidenza di complicanze infettive che contribuiscono in manieradecisiva alla ridotta aspettativa di vita. I dati riportano che i soggetti con diabete tipo 1 (DT (continua)

‘FOCUS PIEMONTE. LA REALTÀ ITALIANA DELLA CIRROSI EPATICA IN EPOCA PANDEMICA TRA TERAPIE E IMPATTO SOCIO ECONOMICO’, organizzato da MOTORE SANITÀ.

I deceduti per cirrosi epatica in Italia sono oggi circa 15.000 all’anno. Le nuove terapie per l’Epatite C ed i successi dei trapianti di fegato nei pazienti candidabili, hanno portato e porteranno un aumento della sopravvivenza dei pazienti con cirrosi. Di conseguenza questa malattia inciderà in maniera significativa sull’organizzazione socio-assistenziale, e sull’impatto economico gestionale dei vari sistemi sanitari regionali. L’esperienza drammatica della recente pandemia ha fatto emergere ancor più la necessità di una nuova organizzazione per la presa in carico di questi pazienti altamente complessi e quasi sempre pluripatologici. il prossimo venerdì 22 Gennaio dalle ore 11 alle 13, si terrà il webinar: ‘FOCUS PIEMONTE. LA REALTÀ ITALIANA DELLA CIRROSI EPATICA IN EPOCA PANDEMICA TRA TERAPIE E IMPATTO SOCIO ECONOMICO’, organizzato da MOTORE SANITÀ. I deceduti per cirrosi epatica in Italia sono oggi circa 15.000 all’anno. Le nuove terapie per l’Epatite Ced i successi dei (continua)