Home > Pubblica amministrazione > NIENTE MASCHERINE PER I DIPENDENTI DELL’UFFICIO INTERDISTRETTUALE DELL’ESECUZIONE PENALE ESTERNA DI PALERMO, INTERVIENE LA UILPA

NIENTE MASCHERINE PER I DIPENDENTI DELL’UFFICIO INTERDISTRETTUALE DELL’ESECUZIONE PENALE ESTERNA DI PALERMO, INTERVIENE LA UILPA

scritto da: Marianna La Barbera | segnala un abuso

NIENTE MASCHERINE PER I DIPENDENTI DELL’UFFICIO INTERDISTRETTUALE DELL’ESECUZIONE PENALE ESTERNA DI PALERMO, INTERVIENE LA UILPA

Il segretario generale Alfonso Farruggia: “L’amministrazione provveda immediatamente alla fornitura quotidiana o applichi il lavoro agile"


Scarsa attenzione da parte della direzione dell’Ufficio Interdistrettuale dell’Esecuzione Penale Esterna e di messa alla prova di Palermo in merito alla salute del personale e alla prevenzione del Covid 19.
Lo denuncia, in una nota, il segretario generale della Uil Pubblica Amministrazione di Palermo Alfonso Farruggia che, rivolgendosi ai vertici dell’Ufficio - che ha sede nell’area della Casa Circondariale Pagliarelli - lamenta l’assenza, ad oggi, di una concreta interlocuzione con la sigla sindacale volta ad assicurare le adeguate condizioni di tutela dell’incolumità dei dipendenti.
 “Era stata fissata una riunione per il 23 novembre – spiega Farruggia – ma l’incontro è stato posticipato a giorno 30 del mese: un rinvio che, secondo la spiegazione ufficiale fornita dalla direzione, è dovuto alla mancata definizione del documento di valutazione dei rischi”.
Documento che è stato aggiornato ma non ancora sottoscritto dal medico competente.
“Si tratta di un fatto gravissimo – spiega il segretario generale – alla luce dell’emergenza in corso: già da tempo, comunque, l’amministrazione avrebbe dovuto provvedere a mettere in atto ciò che la legge prevede in materia di contenimento del contagio, a partire dal ricorso al lavoro da remoto, laddove non indifferibile”.
 “La direzione – spiega l’esponente della Uil – assicura in realtà l’osservanza di tutte le misure di sicurezza previste ma occorre rilevare che le cose non stanno esattamente cosi: sappiamo, per esempio, che il personale non riceve con la regolarità prevista dalle norme vigenti né le mascherine chirurgiche né le FFP1 e 2, malgrado le chiare prescrizioni a cura del medico competente”.
 “Alla Uil Pubblica Amministrazione – chiarisce il segretario generale – non risulta che i dispositivi individuali di sicurezza vengano elargiti al personale con cadenza quotidiana: se così fosse, invece, invito chi di dovere a smentire, documentando però in maniera dettagliata”.
 Farruggia ricorda inoltre che esiste un preciso obbligo che l’amministrazione è chiamata a rispettare, ovvero l’acquisto e la fornitura giornaliera delle mascherine necessarie, i cui effetti filtranti hanno una durata temporale molto limitata, compresa tre le sei e le otto ore.
“Impensabile che i dipendenti possano provvedere a comprare a proprie spese i dispositivi – aggiunge – pertanto deve essere l’amministrazione a farlo, categoricamente: occorre ricordare che le mascherine, tra l’altro, garantiscono la sicurezza nell’arco di una sola giornata di lavoro e che, il giorno successivo, sono pertanto inservibili e devono dunque essere rimpiazzate con delle nuove”.
Non è tutto.
Il sindacato, di recente, ha chiesto ai propri iscritti se, nella fase sanitaria in corso, ricevessero le mascherine: è emerso che l’amministrazione non fornisce dispositivi di alcun tipo.
“Un fatto di inaudita gravità- spiega Farruggia – dinanzi al quale non possiamo certo tacere: la mancata ottemperanza delle misure previste da parte della direzione rivela con chiarezza la scarsa attenzione manifestata, ad oggi, verso i lavoratori”.
Già lo scorso 29 ottobre la UILPA di Palermo aveva chiesto un incontro urgente che, ad oggi, non si è ancora tenuto: secondo Farruggia, si tratterebbe di una condotta antisindacale di particolare gravità soprattutto  in considerazione del momento problematico in atto e dell’obbligo di contrattazione vigente nel CCNL.
“Se non fossimo intervenuti a sollecitare l’amministrazione e il medico competente - precisa Farruggia - a produrre i referti delle visite effettuate per il riconoscimento dello stato di fragilità di alcuni dipendenti già da quasi un mese, gli interessati non avrebbero ancora ricevuto alcuna risposta”.
“Malgrado alcune unità di personale siano state riconosciute come fragili – lamenta il segretario – esse sono ancora a lavoro, invece di beneficiare, laddove possibile, dello smart working per tutti i giorni lavorativi della settimana”.
 “Ribadiamo – si legge a conclusione della nota – che, laddove l’amministrazione non dovesse essere in grado di ottemperare alle prescrizioni del medico competente né all’acquisto delle mascherine, incluse quelle chirurgiche, allora occorrerà procedere all’organizzazione del lavoro in modalità agile: rimaniamo in attesa di iniziative a tutela del personale da parte della direzione, che invitiamo a verificare quanto segnalato dal sindacato”.
 
 

 

UIEPE | Alfonso Farruggia | Palermo | Pagliarelli | UILPA | Covid 19 | CCNL |



Commenta l'articolo

 

Potrebbe anche interessarti

Mascherine di Protezione, Elementi Unici Per La Protezione


Mascherine Protettive, Quali Indossare E Come Sceglierle


Marcatura CE delle mascherine protettive


I condizionatori senza unità esterna: funzionamento, pro e contro


Digital Finance Community Week: Fabrizio Palermo illustra i piani di CDP


 

Se ritieni meritevole il nostro lavoro fai una donazione


Recenti

Stesso autore

REGISTRO DELLE ECCELLENZE ITALIANE, RICONOSCIMENTO PER NINO ‘U BALLERINO

REGISTRO DELLE ECCELLENZE ITALIANE, RICONOSCIMENTO PER NINO ‘U BALLERINO
A congratularsi con Nino per il riconoscimento, oltre ai tanti estimatori del suo street food, è la Confederazione Italiana Esercenti Commercianti di Palermo, presieduta da Salvatore Bivona Anche per l’anno 2021, Nino ‘u Ballerino ( https://ninouballerino.it/) è stato inserito nel registro delle Eccellenze Italiane, circuito internazionale che individua il meglio della tradizione del “made in Italy” in termini di cultura, artigianato, servizi e prodotti. Il marchio di Eccellenze Italiane è ufficialmente registrato dal Ministero dello Sviluppo Economico. Per il celeber (continua)

BUONI PASTO E LAVORO AGILE, LA UILPA ACCUSA I VERTICI DELL’AGENZIA DELLE ENTRATE IN SICILIA

BUONI PASTO E LAVORO AGILE, LA UILPA ACCUSA I VERTICI DELL’AGENZIA DELLE ENTRATE IN SICILIA
Il coordinatore regionale UILPA Entrate Raffaele Del Giudice ha trasmesso una lettera ad Alfonso Farruggia e Renato Cavallaro, rispettivamente segretario generale UILPA Sicilia e coordinatore nazionale UILPA Entrate Lavoratori dell’Agenzia delle Entrate penalizzati e privati dei buoni pasto e di rimborsi forfettari o straordinari.Lo denuncia, in una nota, il coordinatore regionale della UILPA Entrate Raffaele Del Giudice che illustra i disagi subiti dai dipendenti a seguito dell’introduzione dello smart working per via dell’emergenza sanitaria.“Malgrado i mutamenti improvvisi imposti dall’epidemia c (continua)

PALERMO, LA CIDEC VISITA “BORGO STRAFALÉ” IN VIA IV APRILE

PALERMO, LA CIDEC VISITA “BORGO STRAFALÉ” IN VIA IV APRILE
Il presidente dell'associazione di categoria Salvatore Bivona ha definito l'iniziativa "uno straordinario progetto che mette insieme economia, coesione sociale e decoro urbano" “In qualità di presidente di un’associazione di categoria che tutela e valorizza il commercio e la creatività dei talenti locali,  e da cittadino palermitano,  sono molto orgoglioso delle energie e dell’impegno profusi dai partecipanti al progetto Borgo Strafalé , e mi auguro che esso diventi un modello sociale e produttivo al quale possano ispirarsi operatori economici, artigiani e libe (continua)

LAVORO AGILE E CAOS AL COMUNE DI PALERMO, IL COLLEGIO DEI GEOMETRI SOLIDALE CON IL SEGRETARIO ANTONIO LE DONNE : “DISAGI ANTECEDENTI L’EMERGENZA SANITARIA”

LAVORO AGILE E CAOS AL COMUNE DI PALERMO,  IL COLLEGIO DEI GEOMETRI SOLIDALE  CON IL SEGRETARIO ANTONIO LE DONNE :  “DISAGI ANTECEDENTI L’EMERGENZA SANITARIA”
Il presidente del Collegio dei Geometri e Geometri laureati Carmelo Garofalo da tempo sollecita il Comune ad avviare la digitalizzazione dei fascicoli edilizi “Le esternazioni del segretario generale del Comune di Palermo Antonio Le Donne in merito alle disfunzionalità legate all’organizzazione del lavoro in modalità agile confermano quanto il Collegio dei Geometri denuncia da tempo, con particolare attenzione rivolta al polo tecnico: la macchina amministrativa non risponde ai bisogni della collettività e ciò accadeva anche ben prima dell’emergenza sani (continua)

CASA CIRCONDARIALE DI AGRIGENTO, ARMANDO ALGOZZINO (UILPA POLIZIA PENITENZIARIA) DENUNCIA IL MANCATO PAGAMENTO DELLE SPETTANZE DI SERVIZIO DI MISSIONE

CASA CIRCONDARIALE DI AGRIGENTO, ARMANDO ALGOZZINO (UILPA POLIZIA PENITENZIARIA) DENUNCIA IL MANCATO PAGAMENTO DELLE SPETTANZE DI SERVIZIO DI MISSIONE
Agli inizi del mese di ottobre, una delegazione sindacale della UILPA Polizia Penitenziaria, capeggiata dal segretario nazionale Armando Algozzino, aveva già effettuato una visita presso la struttura: erano emersi disagi e criticità L’area amministrativa contabile della Casa Circondariale Petrusa di Agrigento versa in una condizione di disfacimento.È l’accusa che Armando Algozzino, segretario nazionale della Uil Pubblica Amministrazione Polizia Penitenziaria, rivolge alla direzione dell’Istituto, intervenendo in merito alla mancata remunerazione delle spettanze del servizio di missione compiuto dal personale della Polizi (continua)