Home > Pubblica amministrazione > NIENTE MASCHERINE PER I DIPENDENTI DELL’UFFICIO INTERDISTRETTUALE DELL’ESECUZIONE PENALE ESTERNA DI PALERMO, INTERVIENE LA UILPA

NIENTE MASCHERINE PER I DIPENDENTI DELL’UFFICIO INTERDISTRETTUALE DELL’ESECUZIONE PENALE ESTERNA DI PALERMO, INTERVIENE LA UILPA

scritto da: Marianna La Barbera | segnala un abuso

NIENTE MASCHERINE PER I DIPENDENTI DELL’UFFICIO INTERDISTRETTUALE DELL’ESECUZIONE PENALE ESTERNA DI PALERMO, INTERVIENE LA UILPA

Il segretario generale Alfonso Farruggia: “L’amministrazione provveda immediatamente alla fornitura quotidiana o applichi il lavoro agile"


Scarsa attenzione da parte della direzione dell’Ufficio Interdistrettuale dell’Esecuzione Penale Esterna e di messa alla prova di Palermo in merito alla salute del personale e alla prevenzione del Covid 19.
Lo denuncia, in una nota, il segretario generale della Uil Pubblica Amministrazione di Palermo Alfonso Farruggia che, rivolgendosi ai vertici dell’Ufficio - che ha sede nell’area della Casa Circondariale Pagliarelli - lamenta l’assenza, ad oggi, di una concreta interlocuzione con la sigla sindacale volta ad assicurare le adeguate condizioni di tutela dell’incolumità dei dipendenti.
 “Era stata fissata una riunione per il 23 novembre – spiega Farruggia – ma l’incontro è stato posticipato a giorno 30 del mese: un rinvio che, secondo la spiegazione ufficiale fornita dalla direzione, è dovuto alla mancata definizione del documento di valutazione dei rischi”.
Documento che è stato aggiornato ma non ancora sottoscritto dal medico competente.
“Si tratta di un fatto gravissimo – spiega il segretario generale – alla luce dell’emergenza in corso: già da tempo, comunque, l’amministrazione avrebbe dovuto provvedere a mettere in atto ciò che la legge prevede in materia di contenimento del contagio, a partire dal ricorso al lavoro da remoto, laddove non indifferibile”.
 “La direzione – spiega l’esponente della Uil – assicura in realtà l’osservanza di tutte le misure di sicurezza previste ma occorre rilevare che le cose non stanno esattamente cosi: sappiamo, per esempio, che il personale non riceve con la regolarità prevista dalle norme vigenti né le mascherine chirurgiche né le FFP1 e 2, malgrado le chiare prescrizioni a cura del medico competente”.
 “Alla Uil Pubblica Amministrazione – chiarisce il segretario generale – non risulta che i dispositivi individuali di sicurezza vengano elargiti al personale con cadenza quotidiana: se così fosse, invece, invito chi di dovere a smentire, documentando però in maniera dettagliata”.
 Farruggia ricorda inoltre che esiste un preciso obbligo che l’amministrazione è chiamata a rispettare, ovvero l’acquisto e la fornitura giornaliera delle mascherine necessarie, i cui effetti filtranti hanno una durata temporale molto limitata, compresa tre le sei e le otto ore.
“Impensabile che i dipendenti possano provvedere a comprare a proprie spese i dispositivi – aggiunge – pertanto deve essere l’amministrazione a farlo, categoricamente: occorre ricordare che le mascherine, tra l’altro, garantiscono la sicurezza nell’arco di una sola giornata di lavoro e che, il giorno successivo, sono pertanto inservibili e devono dunque essere rimpiazzate con delle nuove”.
Non è tutto.
Il sindacato, di recente, ha chiesto ai propri iscritti se, nella fase sanitaria in corso, ricevessero le mascherine: è emerso che l’amministrazione non fornisce dispositivi di alcun tipo.
“Un fatto di inaudita gravità- spiega Farruggia – dinanzi al quale non possiamo certo tacere: la mancata ottemperanza delle misure previste da parte della direzione rivela con chiarezza la scarsa attenzione manifestata, ad oggi, verso i lavoratori”.
Già lo scorso 29 ottobre la UILPA di Palermo aveva chiesto un incontro urgente che, ad oggi, non si è ancora tenuto: secondo Farruggia, si tratterebbe di una condotta antisindacale di particolare gravità soprattutto  in considerazione del momento problematico in atto e dell’obbligo di contrattazione vigente nel CCNL.
“Se non fossimo intervenuti a sollecitare l’amministrazione e il medico competente - precisa Farruggia - a produrre i referti delle visite effettuate per il riconoscimento dello stato di fragilità di alcuni dipendenti già da quasi un mese, gli interessati non avrebbero ancora ricevuto alcuna risposta”.
“Malgrado alcune unità di personale siano state riconosciute come fragili – lamenta il segretario – esse sono ancora a lavoro, invece di beneficiare, laddove possibile, dello smart working per tutti i giorni lavorativi della settimana”.
 “Ribadiamo – si legge a conclusione della nota – che, laddove l’amministrazione non dovesse essere in grado di ottemperare alle prescrizioni del medico competente né all’acquisto delle mascherine, incluse quelle chirurgiche, allora occorrerà procedere all’organizzazione del lavoro in modalità agile: rimaniamo in attesa di iniziative a tutela del personale da parte della direzione, che invitiamo a verificare quanto segnalato dal sindacato”.
 
 

 

UIEPE | Alfonso Farruggia | Palermo | Pagliarelli | UILPA | Covid 19 | CCNL |



Commenta l'articolo

 

Potrebbe anche interessarti

Mascherine di Protezione, Elementi Unici Per La Protezione


Mascherine FFP2, i diversi tipi di DPI disponibili in commercio


Grazie all’e-commerce di Mediberg le uniche mascherine chirurgiche prodotte in ambiente sterile sono più semplici d’acquistare


Mascherine Protettive, Quali Indossare E Come Sceglierle


Marcatura CE delle mascherine protettive


 

Se ritieni meritevole il nostro lavoro fai una donazione


Recenti

Stesso autore

MISILMERI, POMERIGGIO CULTURALE CON SARA FAVARÒ E ANIL. LIBRI E PITTURA ALLA BIBLIOTECA COMUNALE

MISILMERI, POMERIGGIO CULTURALE CON SARA FAVARÒ E ANIL. LIBRI E PITTURA  ALLA BIBLIOTECA COMUNALE
In programma la mostra "Il sé di ogni donna" e la presentazione dei libri "Che Dio stramaledica gli alleati" e "Il suicidato" Due donne dalla personalità intensa, accomunate dal talento nei rispettivi campi di appartenenza e dall'impegno culturale, declinato attraverso varie forme. Si tratta di Sara Favarò e Oliva Patanella, in arte Anil, che martedì 19 ottobre a Misilmeri, in provincia di Palermo, daranno vita a una kermesse che metterà insieme letteratura e arti figurative. L'appuntamento con le due artiste - entra (continua)

SEGESTA, RECITAL POETICO A CURA DELL'ACCADEMIA DI SICILIA E DEL MUSEO

SEGESTA, RECITAL POETICO A CURA DELL'ACCADEMIA DI SICILIA E DEL MUSEO
L'iniziativa,coordinata da Salvatore Mirabile - alla guida dell'omonimo Museo e presidente provinciale di Trapani dell'Accademia di Sicilia - vedrà la consegna di premi e riconoscimenti "Al Teatro di Segesta": è il titolo del recital poetico che si terrà sabato 16 ottobre a partire dalle 9:30.L'evento è organizzato e promosso in sinergia tra l’Accademia di Sicilia, che di recente ha tagliato il traguardo dei venticinque anni, e il Museo Mirabile di Marsala, in provincia di Trapani.Negli spazi del Parco Archeologico, che ha offerto il patrocinio gratuito all'iniziativa, poeti prov (continua)

Idee e progetti per ricostruire l'Italia, evento a Palermo a cura di Altroconsumo

Idee e progetti per ricostruire l'Italia, evento a Palermo a cura di Altroconsumo
Organizzato in col­la­bo­ra­zio­ne con l'UNIPA e la Fondazione GIMBE, l’incontro ospi­te­rà di­ver­si esper­ti che si confronteranno sul­l’im­pat­to del­la pan­de­mia Altroconsumo organizza e promuove a Palermo un nuovo evento per incontrare la gente e parlare di idee e pro­get­ti che possano contribuire a costruire un’ I­ta­lia più equa e so­ste­ni­bi­le. L’iniziativa si terrà venerdì 15 ottobre a partire dalle 16:30, nell’Aula Magna “Vincenzo Li Donni” dell’Edificio 13 dell’Università degli Studi di Palermo, in viale delle Scienze.Or­ga­niz­za­to dalla se (continua)

PALERMO, L' ACCADEMIA DI SICILIA FESTEGGIA IL VENTICINQUESIMO ANNO DI ATTIVITÀ

PALERMO, L' ACCADEMIA DI SICILIA FESTEGGIA IL VENTICINQUESIMO ANNO DI ATTIVITÀ
La manifestazione sarà dedicata al compianto presidente Tony Marotta L’Accademia di Sicilia  compie venticinque anni.Un anniversario importante, che sarà celebrato a Palermo sabato 9 ottobre alle 18:00, nella Sala De Seta ai Cantieri Culturali alla Zisa, in via Paolo Gili 4.Nella stessa occasione, sarà inaugurato il nuovo anno accademico nel quadro delle attività socio-culturali.Per espressa volontà della Presidenza e del Senato Accademico, la manifestazione s (continua)

Sacro Militare Ordine Costantiniano di San Giorgio, il delegato vicario di Sicilia Antonio di Janni ricorda Monsignor Cataldo Naro: "Altissima espressione della Chiesa "

Sacro Militare Ordine Costantiniano di San Giorgio, il delegato vicario di Sicilia Antonio di Janni ricorda Monsignor Cataldo Naro:
"Nel 2002 ebbi il piacere di conoscerlo - spiega il nobile tracciando un ricordo dell'alto prelato - quando era stato appena nominato Arcivescovo di Monreale" "Sono trascorsi quindici anni dalla scomparsa di Monsignor Cataldo Naro, tra le più alte espressioni della Chiesa siciliana di sempre": lo afferma il delegato vicario di Sicilia del Sacro Militare Ordine Costantiniano di San Giorgio Antonio di Janni, omaggiando con affetto l'Arcivescovo di Monreale, originario di San Cataldo, in provincia di Caltanissetta. "Nel 2002 ebbi il pi (continua)