Home > Libri > Sir William Shakespeare, buffone e profeta, il libro dello scrittore e studioso Stefano Sciacca apprezzato anche dalla più autorevole critica shakespeariana internazionale

Sir William Shakespeare, buffone e profeta, il libro dello scrittore e studioso Stefano Sciacca apprezzato anche dalla più autorevole critica shakespeariana internazionale

scritto da: Francesca Ghezzani Ufficio Stampa | segnala un abuso

Sir William Shakespeare, buffone e profeta, il libro dello scrittore e studioso Stefano Sciacca apprezzato anche dalla più autorevole critica shakespeariana internazionale


Lo scrittore e studioso Stefano Sciacca con il libro Sir William Shakespeare, buffone e profeta(Mimesis Edizioni) si èdedicato ai temi della Modernità, intesa come atteggiamento anziché come epoca, della inattualità di certi artisti e intellettuali, che si sono confrontati con essa, nonché della tragedia alla quale costoro sono stati inevitabilmente condannati. La “tragedia moderna degli artisti”.

Si tratta dunque di un testo sulla Modernità o, meglio, di un esercizio sul significato da attribuire a questa parola.

Il compito di Sciacca è arduo, ma ora più che mai attuale, sia pure nella scomoda inattualità delle sue conclusioni, considerata la sfida lanciata dalla pandemia del Covid-19 al mondo moderno.

La nostra società infatti, si è scoperta improvvisamente costretta a fare i conti con una crisi non solo sanitaria ed economica, ma anche valoriale. E oggi si ritrova alle prese con la scoperta della propria vulnerabilità, legata alla cieca fede riposta nel progresso e nel sistema consumistico, nonché all’assoluta autoreferenzialità da cui è affetta, nella stolida convinzione che il presente basti a se stesso. 

Lo spunto per simili considerazioni è offerto appunto dalle opere e dalla vita stessa di William Shakespeare

il quale, assistendo agli albori dell’epoca moderna, trasse dal confronto con l’attualità, una poetica fortemente inattuale, nella concezione nietzschiana del termine.

La sua straordinaria sensibilità fu infatti nutrita dalla controversa relazione che l’artista intrattenne con la società in cui visse e della quale, al riparo del sistema-teatro, mise ripetutamente alla berlina contraddizioni e ipocrisie. Una società, quella dell’Inghilterra elisabettiana, scossa e turbata da profondi cambiamenti sociali, giuridici ed economici destinati, in breve, a cambiare il volto dell’Occidente e assai più vicina a noi di quanto non saremmo indotti a credere.

Perciò, lo studio di Stefano Sciacca non costituisce tanto un’analisi specifica dei drammi shakespeariani, quanto piuttosto una riflessione, estremamente personale, sul valore della vita e dell’opera del drammaturgo inglese, messe a confronto con quelle di altri grandi intellettuali inattuali, individuando il sintomo profetico della tragica condizione alla quale l’affermazione dell’ideologia borghese ha definitivamente condannato i pensatori più indipendenti e rivoluzionari. 

Il risultato è un libro che analizza il rapporto “autoriflettente” di vita nel teatro e teatro nella vita, soffermandosi sul significato delle maschere, sulla solitudine del buffone e, appunto, sulla tragedia moderna dell’artista. Quella, cioè, vissuta e sofferta, anche in epoche diverse, dagli intellettuali che non si sono accontentati di compiacere il potere e l’autorità, rifiutandosi di sposare acriticamente i valori imposti ai loro contemporanei dall’obbedienza alla élite e dal culto dell’attualità e della moda.

In altre parole, pensatori inattuali che, appunto sulla propria inattualità, hanno scoperto la via per le stelle. La maniera cioè di parlare alle generazioni successive, di imporsi sul tempo che scorre, di divenire autentici classici.  

Nonostante la sconfinata bibliografia disponibile in materia, Sir William Shakespeare, buffone e profeta presenta alcuni elementi di innegabile originalità che gli sono valsi l’apprezzamento, tra gli altri, del professor Stephen Grenblatt (Harvard University), critico letterario, scrittore, storico statunitense fra i fondatori del “Nuovo storicismo” e studioso tra i più conosciuti e stimati a livello mondiale, il quale lo ha definito «lively and ambitious».

«Mi attrae particolarmente – ha aggiunto Greenblatt – la vastità di riferimenti, da Shakespeare a Marlowe, passando per Nietzsche, Dostoevskij e Kurosawa. Ho ammirato altrettanto come viene caratterizzata la particolare posizione di Shakespeare in relazione alla sua società, una posizione che, in definitiva, si avvicina al complesso ruolo di colui che Goneril chiama “all-licensed fool”».

«L’incontro con William Shakespeare, le sue opere e la sua vita – ha affermato invece l’autore, Stefano Sciacca – mi ha permesso di crescere come uomo e come studioso della Modernità, tema con cui mi ero già confrontato attraverso la pubblicazione di Prima e dopo il noir, considerando il cinema nero hollywoodiano in rapporto di continuità rispetto alla rivoluzione realistica dell’arte occorsa nel XIX secolo. Inoltre, l’incontro con Shakespeare ha propiziato altri incontri ugualmente significativi, quali sono stati quelli con Stephen Greenblatt e Massimo Recalcati, “padrini” di questa avventura editoriale».

In Sir William Shakespeare, buffone e profeta il lettore potrà dunque trovare la conferma che, davvero, l’opera di Shakespeare non è mai morta. Anche a distanza di quattrocento anni, essa sopravvive nella coscienza di ciascuno di noi.

Scheda Libro

Titolo: Sir William Shakespeare, buffone e profeta

Autore: Stefano Sciacca

Casa Editrice: Mimesis Edizioni

Collana: Eterotropie

Pagine: 106

Prezzo: 12,00 euro

Distribuzione nazionale: Messaggerie libri

Video presentazione: https://www.youtube.com/watch?v=PndChX4kC50 (in inglese) e https://www.youtube.com/watch?v=HC8ffSXzWqo (in inglese)

https://twitter.com/stef_sciacca

https://www.facebook.com/Sir-William-Shakespeare-buffone-e-profeta-102576784781856

https://www.youtube.com/channel/UCLzo74hzOGDOg0Q6gpGpFaQ

 

Stefano Sciacca

Stefano Sciacca è nato a Torino nel 1982. Si è laureato in giurisprudenza e specializzato nelle professioni legali all’Università degli Studi di Torino, ha studiato all’Università di Oxford e collaborato con l’Organizzazione mondiale della proprietà intellettuale. Ha pubblicato testi di critica cinematografica e letteraria e il romanzo Il diavolo ha scelto Torino (2014), inoltre è l’autore del saggio critico Prima e dopo il noir (Falsopiano 2016). Con Mimesis ha pubblicato L’ombra del passato (2020).

 



Commenta l'articolo

 

Potrebbe anche interessarti

L’intervista ad Erno Rossi & William Vittori: Date un’impronta la vostro lavoro


Robe de soirée sirène, comme une sirène princesse


“L’OMBRA DEL PASSATO”, IL NUOVO ROMANZO DELLO SCRITTORE STEFANO SCIACCA


Sciacca tra storia, mare e terme


PUPI DI SURFARO “SOLDATINO” È IL SECONDO SINGOLO ESTRATTO DALL’ALBUM “NEMO PROFETA”


MGZ: DISCO INUTILE è il nuovo disco del Profeta


 

Se ritieni meritevole il nostro lavoro fai una donazione


Recenti

Stesso autore

Anthony Peth e il suo 2021 in Tv

Anthony Peth e il suo 2021 in Tv
Conosciuto al grande pubblico per la conduzione di programmi di successo come Gustibus su La7 e Trend, in onda sulle reti Mediaset, il bel conduttore televisivo sardo ha confermato anche nel corso del difficile 2020 il suo sostegno al Made in Italy. Una tematica a lui molto cara che lo accompagna dagli inizi della sua carriera e che ancora oggi ha un ruolo assai importante nella sua sfera lav (continua)

IL FOGLIO LETTERARIO torna con un programma ricco di appuntamenti culturali

IL FOGLIO LETTERARIO torna con un programma ricco di appuntamenti culturali
Domenica 28 è uscita la rivista di marzo, la n. 19, de IL FOGLIO LETTERARIO scaricabile al link http://www.ilfoglioletterario.it/download/numero-19-marzo-2021/Inoltre, mercoledì 31 marzo alle ore 18, 30 verrà presentata la rivista sul gruppo del Foglio Letterario, dove Gordiano Lupi continua a 'spacciare' cultura attraverso contributi differenti ed originali. L’EDITORIALE DI VINCENZO TRAMA (continua)

L’economista Jeffrey Sachs contro Twitter e i Bitcoin

L’economista Jeffrey Sachs contro Twitter e i Bitcoin
Jeffrey Sachs, uno dei maggiori economisti al mondo, è stato uno dei keynote speakers durante la conferenza “All About People: Digital Transformation in Science, Education, and Art”, svoltasi durante la settimana del 12-19 marzo. La conferenza è stata organizzata dall’Università Alma Mater Europaea, che ospita a Capodistria una scuola di fisioterapia e infermieristica con corsi in italiano, (continua)

Roberto Van Heugten in libreria con una nuova avventura di Gianluca Vanetti, l’investigatore suo malgrado

Roberto Van Heugten in libreria con una nuova avventura di Gianluca Vanetti, l’investigatore suo malgrado
Esce giovedì 25 marzo Area riservata (Homo Scrivens), la quarta avventura di Gianluca Vanetti, l’investigatore della Valtènesi nato dalla penna dello scrittore Roberto Van Heugten.Con questo libro, il nr. 1/2021 della collana “Dieci”, il lettore compie un viaggio nel mondo delle communities digitali, quelle che davanti ai recenti, drastici cambiamenti di abitudini si pongono come nuovi ambien (continua)

Markappa: l'eccellenza in rete festeggia due anni di attività

Markappa: l'eccellenza in rete festeggia due anni di attività
Una realtà nata tra i banchi dell’Università Sapienza nel 2015. Grazie alla partecipazione ad un project work di marketing, hanno sviluppato l’ idea di marketing e comunicazione integrata, in particolare per la realizzazione di un temporary store che unisce la tradizione alla tecnologia, ad un’importante azienda del settore food. In pochissimo tempo, e con molta determinazione, sono riusciti (continua)