Home > News > Hospitality: Lasciate carta e penna e digitalizzatevi

Hospitality: Lasciate carta e penna e digitalizzatevi

scritto da: Giorgio Bellucci | segnala un abuso

Hospitality: Lasciate carta e penna e digitalizzatevi

L’appello di Paolo Zennaro Ceo di Welcomeasy, la startup dell’hospitality che fa risparmiare tempo a proprietari e property manager


«Il customer journey che un cliente compie quando arriva in un appartamento o in un B&B è ormai completamente digitale. L’ospite cerca la struttura su Internet, legge recensioni, prenota su portali online, paga con carta di credito. Poi arriva a destinazione e spesso si ritrova un host che gli chiede di fare una fotocopia al documento di identità per effettuare il check-in». Lo ha spiegato Paolo Zennaro, co-founder e Ceo di Welcomeasy, durante il suo intervento a YOUnite, la conferenza digitale dell’extra alberghiero.

Le fasi dell’accoglienza

«Dobbiamo sempre ricordarci che l’ospitalità non si riferisce solo alla permanenza in struttura, ma comprende tutta una serie di fasi importantissime: prenotazione, check-in, soggiorno, check-out,  fino a quando l’ospite riparte. Il nostro lavoro è perfetto soltanto se siamo in grado di gestire al meglio ognuno di questi momenti, nessuno escluso». Continua Zennaro.

Chi si approccia per la prima volta al mondo dell’ospitalità, che sia un proprietario che decide di mettere a reddito la seconda casa o un property manager che gestisce più appartamenti, la tendenza a sottovalutare alcuni passaggi, primo fra tutti il check-in, porta con sé uno spreco di risorse importante per la salute del business. «Dotarsi di strumenti digitali, in grado di ottimizzare il proprio lavoro oggi non è più un’opzione, ma fa parte di un percorso di professionalizzazione fondamentale per risultare competitivi e quindi, sopravvivere».

 

Occhio alle multe!

«Mediamente, il check-in manuale di una famiglia composta da tre persone porta via al gestore dell’appartamento quasi un’ora di tempo, 55 minuti per la precisione*. Oltre a questo, la possibilità di commettere errori durante la trascrizione dei dati di un ospite straniero può trasformarsi in una comunicazione errata al portale della Questura e di conseguenza far scattare sanzioni amministrative e addirittura penali». Spiega Zennaro. «Digitalizzando il check-in, il tempo necessario viene dimezzato, ma si azzerano anche i rischi di sanzioni perché un’acquisizione digitale dei dati (tramite OCR o scansione del codice MRZ dei documenti) riduce al minimo le possibilità di errore. Tutto questo può fare una differenza immensa per un piccolo proprietario o un property manager. Proviamo a immaginare quanto tempo si risparmia su 10 check-in per 100 giorni: ben 500 ore»!

 

Essere digitali ripaga

Velocizzare l’accoglienza all’interno della propria struttura, oltre a far risparmiare tempo prezioso, offre all’host la possibilità di presentarsi al cliente al massimo della propria efficienza. Sbrigate velocemente le pratiche di registrazione grazie all’uso della tecnologia, ci si può dedicare alla parte più importante e apprezzata: quella di relazione. Fornire consigli sui locali da visitare, le attrazioni del posto e magari segnalare un’area cani o un parco giochi nelle vicinanze se gli ospiti hanno un amico a quattro zampe o dei bimbi, permette di instaurare un rapporto di fiducia che può trasformarsi in una recensione positiva in grado di portarci altri clienti.

«Per questo abbiamo impiegato gli ultimi due anni a sviluppare Welcomeasy, la soluzione più veloce sul mercato per fare check-in acquisendo i documenti degli ospiti attraverso un’app da installare su qualunque smartphone. Perché l’esperienza di un ospite inizia prima ancora di entrare in camera». Ha concluso il Ceo della startup.



Commenta l'articolo

 

Potrebbe anche interessarti

Penne personalizzate ecologiche: le ultime tendenze


Come Scegliere La Migliore Penna In Alluminio Sul Mercato


Penna Per La Difesa Personale, Ecco Come Utilizzarla


Penne Stilografiche, la moda del momento


Carta Da Parati Moderna, Ecco Dove È Bello Installarla


Stipulato l’accordo fra Agoda e Toga Hospitality


 

Se ritieni meritevole il nostro lavoro fai una donazione


Recenti

Stesso autore

Investire in startup? I 10 consigli dei business angel di Seed Money per scovare quelle migliori

Investire in startup? I 10 consigli dei business angel  di Seed Money per scovare quelle migliori
«Investire in startup sta diventando sempre più una possibilità alla portata di tutti, ma è un tipo di investimento molto rischioso. Il tasso di fallimento di una startup sfiora il 90%, quindi è indispensabile avere le giuste competenze per fare una scelta oculata e non rischiare di bruciare i propri capitali». Lo racconta Marco Rizzelli, General Manager di Seed Money l’acceleratore (continua)

Controlli clinici? Si fanno da casa, senza intasare gli ospedali e lontani dal Covid.

Controlli clinici? Si fanno da casa, senza intasare gli ospedali e lontani dal Covid.
È l’innovazione di Medicaltech, in crowdfunding su MyBestInvest Uno dei problemi più evidenti dovuti alla pandemia da Covid-19 è la difficoltà che incontrano molti pazienti cronici al momento di fissare visite specialistiche di controllo per problemi vari, come può essere una patologia cardiaca. Servirebbe qualcosa in grado di monitorare anche a distanza lo stato di salute di una persona, in modo da poter fornire al medico, al cardiologo o all’infermiere di tu (continua)

Overfunding lampo per la campagna di Seed Money

Overfunding lampo per la campagna di Seed Money
 – «Sono bastate meno di 24 ore per superare l’obiettivo minimo di raccolta. È davvero un segnale di grande fiducia». Commenta Marco Rizzelli, General Manager di Seed Money il primo acceleratore privato italiano ad aver completato un round di equity crowdfunding nel 2018. Oltre 180 soci di cui più di 50 investitori seriali con all’attivo oltre 10 investiment (continua)

Un ristorante su quattro non ha riaperto. La situazione (e le prospettive future) fotografate nello studio di RepUPe

Un ristorante su quattro non ha riaperto. La situazione (e le prospettive future) fotografate nello studio di RepUPe
Oggi non si parla solo di prezzi e qualità del cibo. Sicurezza e igiene sono temi sempre più gettonati, ma i ristoratori non comunicano abbastanza le precauzioni prese L’emergenza Covid-19 ha segnato un cambio di passo epocale per il settore dell’ospitalità. Sono cambiate le regole del gioco, i numeri, le esigenze e per forza di cose andranno ricercate nuove forme di equilibrio. Ma se da una parte i ristoratori stanno combattendo una battaglia durissima, dall’altra i clienti hanno voglia di normalità e questo vuol dire anche uscire a mangiare una pizza o un (continua)

Birrificio 620PASSI lancia una sinergia con APCI per fornire le prime bottiglie personalizzate agli chef professionali

Birrificio 620PASSI lancia una sinergia con APCI per fornire le prime bottiglie personalizzate agli chef professionali
Con il caldo di queste settimane la voglia di una buona birra ghiacciata rappresenta la gratificazione preferita ormai da tre italiani su quattro, con sempre più grande soddisfazione ma anche sempre più esigenti. Se poi quella birra è artigianale e uno chef particolarmente brillante e intraprendente decide di abbinarla ai propri piatti, allora la soddisfazione del cliente diventa esponenziale così (continua)