Home > Ambiente e salute > Strategie sanitarie di prevenzione dell'ictus: come ottimizzare la prevenzione per una popolazione più sana - 27 Novembre 2020, ORE 11

Strategie sanitarie di prevenzione dell'ictus: come ottimizzare la prevenzione per una popolazione più sana - 27 Novembre 2020, ORE 11

scritto da: Motore sanita | segnala un abuso

il prossimo venerdì 27 Novembre dalle ore 11 alle 13:30, si terrà il webinar: ‘STRATEGIE SANITARIE DI PREVENZIONE DELL’ICTUS: COME OTTIMIZZARE LA PREVENZIONE PER UNA POPOLAZIONE PIÙ SANA’, organizzato da MOTORE SANITÀ e in collaborazione con Cattaneo Zanetto & Co.


il prossimo venerdì 27 Novembre dalle ore 11 alle 13:30, si terrà il webinar: ‘STRATEGIE SANITARIE DI PREVENZIONE DELL’ICTUS:

COME OTTIMIZZARE LA PREVENZIONE PER UNA POPOLAZIONE PIÙ SANA’, organizzato da MOTORE SANITÀ e in collaborazione

con Cattaneo Zanetto & Co.

 

In un quadro epidemiologico oggi aggravato dal diffondersi dell’epidemia COVID-19, l’impatto di patologie croniche o di eventi acuti con

alto tasso di letalità risulta ancora più critico per le famiglie e il Servizio Sanitario Nazionale. Ogni anno si registrano almeno 100.000 nuovi

ricoveri dovuti all’ictus cerebrale, circa un terzo delle persone colpite non sopravvive a un anno dall’evento, mentre un altro terzo sopravvive

con una significativa invalidità: il numero di persone che attualmente vive in Italia con gli esiti invalidanti di un ictus ha raggiunto la cifra

record di quasi un milione (Rapporto 2018 Ictus). Il carico della malattia sul sistema sanitario è dunque evidente: rilevazioni della Stroke

Alliance for Europe (SAFE) hanno infatti stimato come, già nel 2017, l’impatto economico dell’ictus nell’Unione europea ammontasse a 60

miliardi di euro, con un fortissimo sbilanciamento dei costi a favore di ospedalizzazioni d’emergenza, trattamenti in acuzie e riabilitazione, e

potrebbe arrivare a 86 miliardi di euro nel 2040. Il carico economico risulta inoltre particolarmente gravoso anche sui pazienti ed i propri

familiari: in Italia l’ictus è oggi la prima causa di disabilità, con un elevato livello di perdita di autonomia e un progressivo percorso di spesa

per cure riabilitative ed assistenza. La combinazione di questi fattori sociali ed economici rende pertanto non derogabile un’azione decisa verso

la prevenzione dell’insorgenza dell’ictus, che intervenga tanto sulla prevenzione primaria dei fattori di rischio quanto sulla tempestiva e corretta

diagnosi di patologie correlate all’ictus. Di tutto questo si parlerà durante il webinar di Motore Sanità che si terrà venerdì 27 novembre 2020.

 

INTERVENTO DI SCENARIO 

Valeria Caso, Dirigente Medico presso la S.C. di Medicina Interna e Vascolare - Stroke Unit,

Membro del Direttivo della World Stroke Organisation e dell’Osservatorio Ictus Italia

 

PARTECIPANTI

Sen. Maria Rizzotti, Componente 12a Commissione permanente (Igiene e sanità) Senato della Repubblica

On. Rossana Boldi, Vice Presidente Commissione XII (Affari Sociali) Camera dei Deputati

On. Fabiola Bologna, Componente Commissione XII (Affari Sociali) Camera dei Deputati

On. Nicola Provenza, Componente Commissione XII (Affari Sociali) Camera dei Deputati

Dott. Graziano Onder, Direttore Dipartimento malattie cardiovascolari, Istituto Superiore di Sanità

Dott. Damiano Parretti, Responsabile Conicità della S.I.M.G., Società Italiana di Medicina Generale e delle Cure Primarie

Dott.ssa Francesca Pezzella, Co-chair European Stroke Action Plan- European Stroke Organization,

Coordinatore Regionale Italian Stroke Organization, Direttivo Associazione Neurologia Emergenza Urgenza

Dott.ssa Nicoletta Reale, Presidente Federazione ALICe Onlus ODV - Associazione per la Lotta all’Ictus Cerebrale

Prof. Danilo Toni, Direttore Unità di Trattamento Neurovascolare Policlinico Umberto I Roma, Presidente Italian Stroke Organization

Dott. Nicola Merlin – Presidente FEDER-A.I.P.A. OdV, Federazione Associazioni Italiane Pazienti Anticoagulati

Prof. Francesco Dentali – Presidente Eletto FADOI, Società Scientifica di Medicina Interna 

 

MODERANO: 

- Giulia Gioda, Direttore Responsabile Mondo Sanità, Presidente Motore Sanità

Claudio Zanon, DS Motore Sanità 

 

Tutti i Relatori sono stati invitati

 

Per partecipare al webinar del 27 Novembre, iscriviti al seguente link: ISCRIVITI AL WEBINAR



Commenta l'articolo

 
 

Se ritieni meritevole il nostro lavoro fai una donazione


Recenti

Stesso autore

‘FOCUS PIEMONTE. LA REALTÀ ITALIANA DELLA CIRROSI EPATICA IN EPOCA PANDEMICA TRA TERAPIE E IMPATTO SOCIO ECONOMICO’, organizzato da MOTORE SANITÀ.

I deceduti per cirrosi epatica in Italia sono oggi circa 15.000 all’anno. Le nuove terapie per l’Epatite C ed i successi dei trapianti di fegato nei pazienti candidabili, hanno portato e porteranno un aumento della sopravvivenza dei pazienti con cirrosi. Di conseguenza questa malattia inciderà in maniera significativa sull’organizzazione socio-assistenziale, e sull’impatto economico gestionale dei vari sistemi sanitari regionali. L’esperienza drammatica della recente pandemia ha fatto emergere ancor più la necessità di una nuova organizzazione per la presa in carico di questi pazienti altamente complessi e quasi sempre pluripatologici. il prossimo venerdì 22 Gennaio dalle ore 11 alle 13, si terrà il webinar: ‘FOCUS PIEMONTE. LA REALTÀ ITALIANA DELLA CIRROSI EPATICA IN EPOCA PANDEMICA TRA TERAPIE E IMPATTO SOCIO ECONOMICO’, organizzato da MOTORE SANITÀ. I deceduti per cirrosi epatica in Italia sono oggi circa 15.000 all’anno. Le nuove terapie per l’Epatite Ced i successi dei (continua)

Tumore del polmone NSCLC ALK +: “Necessario disporre di nuove opzioni terapeutiche per gli oltre 2.500 pazienti l’anno in Italia”

19 gennaio 2021 – In Italia ogni anno circa 270 mila cittadini sono colpiti dal cancro. Attualmente, il 50% dei malati riesce a guarire, buona parte dell’altro 50% si cronicizza, riuscendo a vivere più o meno a lungo. Tra i cosiddetti big killer il carcinoma polmonare rappresenta oggi la prima causa di morte per neoplasia negli uomini e la terza nelle donne. L’incidenza stimata è di 41.500 nuovi casi/anno e il NSCLC rappresenta complessivamente l’85-90% dei casi. 19 gennaio 2021 – In Italia ogni anno circa 270 mila cittadini sono colpiti dal cancro.Attualmente, il 50% dei malati riesce a guarire, buona parte dell’altro 50% si cronicizza,riuscendo a vivere più o meno a lungo. Tra i cosiddetti big killer il carcinoma polmonarerappresenta oggi la prima causa di morte per neoplasia negli uomini e la terza nelle donne.L’incidenza stimata è di 41. (continua)

INVITO STAMPA - Focus Emilia-Romagna. Organizzazione dei percorsi e accesso alle cure nel tumore del polmone NSCLC ALK + - 21 Gennaio 2021, Ore 15:30-18

il prossimo giovedì 21 Gennaio dalle ore 15:30 alle 18, si terrà il webinar: ‘FOCUS EMILIA-ROMAGNA. ORGANIZZAZIONE DEI PERCORSI E ACCESSO ALLE CURE NEL TUMORE DEL POLMONE NSCLC ALK +’, organizzato da MOTORE SANITÀ. il prossimo giovedì 21 Gennaio dalle ore 15:30 alle 18, si terrà il webinar: ‘FOCUS EMILIA-ROMAGNA. ORGANIZZAZIONE DEI PERCORSI E ACCESSO ALLECURE NEL TUMORE DEL POLMONE NSCLC ALK +’, organizzato da MOTORE SANITÀ. In Italia ogni anno circa 270 mila cittadini sono colpiti dal cancro. Attualmente, il 50% dei malati riesce a guarire, con o senza conse (continua)

Diabete e vaccini: una necessità ancora più stringente nel periodo Covid - 20 Gennaio 2021, Ore 15:30-17:30

l prossimo mercoledì 20 Gennaio dalle ore 15:30 alle 17:30, si terrà il webinar: ‘DIABETE E VACCINI: UNA NECESSITÀ ANCORA PIÙ STRINGENTE NEL PERIODO COVID', organizzato da Diabete Italia Onlus e MOTORE SANITÀ. il prossimo mercoledì 20 Gennaio dalle ore 15:30 alle 17:30, si terrà il webinar: ‘DIABETE E VACCINI: UNA NECESSITÀ ANCORA PIÙ STRINGENTE NEL PERIODO COVID',organizzato da Diabete Italia Onlus e MOTORE SANITÀ. I pazienti affetti da diabete mellito sono pazienti particolarmente fragili che presentano un’aumentatamortalità rispetto alla pop (continua)

Focus Veneto. Organizzazione dei percorsi e accesso alle cure nel tumore del polmone NSCLC ALK + - 18 Gennaio 2021, Ore 15:30-18

In Italia ogni anno circa 270 mila cittadini sono colpiti dal cancro. Attualmente, il 50% dei malati riesce a guarire, con o senza conseguenze invalidanti. Dell’altro 50% una buona parte si cronicizza, riuscendo a vivere più o meno a lungo. In Italia ogni anno circa 270 mila cittadini sono colpiti dal cancro. Attualmente, il 50% deimalati riesce a guarire, con o senza conseguenze invalidanti. Dell’altro 50% una buonaparte si cronicizza, riuscendo a vivere più o meno a lungo. I risultati della ricerca sperimentale, i progressi della diagnostica, della medicina e della chirurgia, le nuove terapie contro il tumore, stanno mostrando effe (continua)