Home > Cultura > Un rapper che non si droga!

Un rapper che non si droga!

scritto da: Gtrambusti | segnala un abuso

Un rapper che non si droga!

Il Tre è il nome di un giovane rapper controcorrente: nelle sue canzoni non parla di droga, violenza o sesso e conduce lui stesso una vita sobria.


Sembra incredibile, una contraddizione in termini, ma si sta facendo strada nel panorama della musica Rap un ragazzo, Guido Senia detto “Il Tre”, che si propone “pulito”. Non fa uso di droghe, non fuma, non canta solo di sesso e armi da fuoco.

Gli artisti famosi vengono presi ad esempio dai loro ammiratori, e la responsabilità del mondo rap nei confronti della nostra società non è trascurabile. Un rapper che non condanna l’uso di droga ma che la canta e la promuove, è un cattivo esempio che verrà imitato e che causerà dipendenza, sofferenza e degrado.

È chiaro che la musica rap in sé non ha nulla a che vedere con droga, violenza e sesso degradato: è ciò che viene veicolato dai testi scritti dai rapper stessi che manda ai ragazzi messaggi negativi che nuoceranno alle loro vite future. Il Tre è la dimostrazione che qualunque genere musicale può uscire dagli stereotipi nei quali è stato intrappolato per anni, e diventare un esempio da seguire per i giovani.

Come evitare che i giovani seguano dei cattivi maestri e finiscano nel tunnel della droga? È necessaria un’informazione efficace, fattuale sulla droga, che faccia sapere ai ragazzi quali sono gli effetti devastanti dell’assunzione di stupefacenti.

“Un Mondo Libero dalla Droga” è un’associazione internazionale che si batte per ottenere una società nel quale la droga e l’alcool non costituiscano più una piaga sociale. I volontari dell’associazione credono che un giovane informato sui pericoli degli stupefacenti possa decidere, pensando con la propria testa, di stare alla larga da qualsiasi ambiente dove si faccia uso di droga o se ne promuova l’uso. Un giovane informato si rifiuterà anche di assumere gli psicofarmaci, in quanto sarà al corrente che si tratta di droghe, altrettanto dannose come quelle spacciate in strada.

Le attività di “Un Mondo Libero dalla Droga” consistono nell’andare nelle scuole e raccontare ai ragazzi la verità sulla droga: lezioni di due ore che includono video, dati scientifici, dati statistici e testimonianze. Un ragazzo informato sulla droga molto difficilmente ne diverrà schiavo. Anche da adulto, si rifiuterà di diventare un tossicodipendente di sostanze legali o illegali.

La Chiesa di Scientology sostiene la campagna di “Un Mondo libero dalla Droga” fin dalla sua fondazione: la lotta all’abuso di sostanze stupefacenti è una delle principali campagne sociali della Chiesa. Il fondatore di Scientology, L. Ron Hubbard, ha affermato: “L'arma più efficace nella guerra contro la droga è l'educazione.”


Fonte notizia: https://www.noalladroga.it/


Scientology | Droga | Un mondo libero dalla droga | L Ron Hubbard | rap | rapper | guido senia | il tre |



Commenta l'articolo

 

Potrebbe anche interessarti

Online "La compagnia dell'indie", il nuovo singolo del cantautore campano Marco Iantosca e del rappaer veneto Hot Ice


Brusciano Festa dei Gigli. "Notte degli Artisti” lunedì 28 agosto fra gli emergenti il rapper Typon. Martedì 29 Concerto di Enzo Avitabile e Bottari. (di Antonio Castaldo)


La verità sulla DROGA


Mondo Libero dalla Droga a Cascina


DOPO L’ECCELLENTE RISULTATO DELLA PRIMA EDIZIONE RITORNA AD ABANO TERME LA MOSTRA “DICO NO ALLA DROGA”


IL RAPPER MC IVANHOE ESCE CON LA VERSIONE REMIX DEL SINGOLO “IL MOTIVO” DAL SUO ALBUM “ATLANTIDE”


 

Se ritieni meritevole il nostro lavoro fai una donazione


Recenti

Stesso autore

Peculato e droga a Collesalvetti

Peculato e droga a Collesalvetti
Nel comune Toscano di Collesalvetti una sindacalista ha sottratto quasi 700.000 euro all’economato per acquistare droga e giocare online. Si sa che la droga costa, e che i tossicodipendenti ricorrono spesso al crimine per procurarsi i soldi necessari per acquistare dagli spacciatori le sostanze tossiche di cui ormai non riescono più fare a meno. Il caso avvenuto a Collesalvetti ha fatto scalpore perché la protagonista è una insospettabile sindacalista, dipendente comunale, che negli anni ha sottratto dalla casse dell’economa (continua)

Lo spaccio di droga vera travestito da cannabis light

Lo spaccio di droga vera travestito da cannabis light
A Bologna, in un distributore di cannabis light di una tabaccheria, si poteva acquistare la droga vera e illegale. Tabaccaio o spacciatore? Probabilmente entrambi, perché nel distributore di “cannabis light” della sua tabaccheria non c’erano solo sostanze legali, ma anche la “roba buona”. E lo dimostrava l’intenso via via di persone che acquistavano dal distributore! Evidentemente la notizia della facile disponibilità di sostanze illegali si era diffuso tra i tossicodipendenti della zona, che approfittava (continua)

La campagna di prevenzione alla droga della Chiesa di Scientology nel 2020

La campagna di prevenzione alla droga della Chiesa di Scientology nel 2020
Nel 2020 le campagne sociali della Chiesa di Scientology hanno necessariamente cambiato forma, ma non è certo diminuito l’impegno dei volontari che le hanno realizzate. La Chiesa di Scientology, ormai da alcuni decenni, porta avanti campagne sociali di prevenzione sulla droga, per il rispetto dei diritti umani e per un rinnovato impegno comunitario in varie forme di volontariato. Nel 2020 le campagne sociali della Chiesa di Scientology hanno necessariamente cambiato forma, ma non è certo diminuito l’impegno dei volontari che le hanno realizzate. Una delle (continua)

Biscotti alla marijuana: due fidanzati all’ospedale

Biscotti alla marijuana: due fidanzati all’ospedale
La marijuana è una sostanza tossica, e bisogna trattarla come tale; la propaganda che la posiziona come “naturale” e “curativa” mette in pericolo la salute delle persone. A Bologna uno studente universitario, dopo aver acquistato dei biscotti per strada da uno sconosciuto, li ha consumati e li ha offerti alla fidanzata, minorenne. Successivamente entrambi hanno accusato forti dolori gastrointestinali, e sono stati ricoverati al pronto soccorso. Il ragazzo ha poi confessato che i biscotti avevano la marijuana tra gli ingredienti. Per fortuna la quantità di so (continua)

Aumentano i ricoveri al pronto soccorso per avvelenamento da marijuana

Aumentano i ricoveri al pronto soccorso per avvelenamento da marijuana
Un nuovo studio statunitense rileva un deciso aumento dei giovani che vengono ricoverati in ospedale dopo aver abusato di marijuana. La marijuana è una droga e in quanto tale è una sostanza tossica. La propaganda criminale che la tenta di posizionarla come “naturale”, “innocua” o addirittura “curativa” ha causato non solo un aumento nel suo uso, ma anche una maggiore inconsapevole leggerezza in chi si avvicina a questo stupefacente. Uno studio pubblicato nel 2017 dal “National Insitute of Health” degli Stati Uniti, di H (continua)