Home > Ambiente e salute > Antibiotico resistenza: nasce in Oculistica il farmaco con antibiotico che per la prima volta riduce del 50% i giorni di somministrazione

Antibiotico resistenza: nasce in Oculistica il farmaco con antibiotico che per la prima volta riduce del 50% i giorni di somministrazione

scritto da: Corrado | segnala un abuso

Antibiotico resistenza: nasce in Oculistica il farmaco con antibiotico che per la prima volta riduce del 50% i giorni di somministrazione

Si tratta di una combinazione di antibiotico e cortisone in collirio che potrà essere prescritto dopo l’intervento di cataratta. Lo conferma Leader 7 lo studio realizzato in Italia e all’estero su 800 pazienti


Nasce in Oculistica il primo farmaco con antibiotico che dimezza la posologia e la somministrazione. Si tratta di una combinazione di antibiotico e cortisone in collirio che potrà essere prescritto dopo l’intervento di cataratta, l’operazione chirurgica più diffusa in medicina: in Italia se ne eseguono 600.000 ogni anno. Lo conferma LEADER 7 lo studio realizzato su 800 pazienti in Italia e all’estero, che attesta l’efficacia e la sicurezza del farmaco. Il nuovo medicinale di Doc Ofta, la divisione oftalmica di Doc Generici, è un’importante innovazione sviluppata in Italia e il nostro paese sarà il primo ad averlo disponibile a livello europeo.

Solitamente dopo l’intervento di cataratta – spiega il Prof. Michele Figus, direttore della Scuola di specializzazione di Oftalmologia Università di Pisa – è necessario prescrivere due principi attivi, un antibiotico e un corticosteroide per 14 giorni. Da oggi il farmaco si potrà prescrivere solo per 7 giorni. Si tratta di una combinazione farmacologica potente, molto efficace perché contiene insieme un antibiotico fluorochinolonico ad ampio spettro, la Levofloxacina, e il Desametasone, cortisone di riferimento in oftalmologia.Questo semplifica e accorcia la somministrazione, due fattori importantissimi sul successo della terapia, soprattutto sulla popolazione più matura”.

Della riuscita della terapia ne tratta lo studio Leader 7, studio partito in Italia ma che ha avuto uno sviluppo internazionale dal momento che 80 centri reclutatori erano nel Bel Paese e 20 all’estero.

Con lo Studio Leader 7 possiamo comunicare alla comunità scientifica – spiega il prof.  Francesco Bandello primario dell’Unità di Oculistica dell’IRCCS Ospedale San Raffaele Milano - che una sola settimana con questo farmaco, al posto delle 2 date sino ad oggi, è più che sufficiente per coprire con sicurezza il rischio di infezionedopo l’intervento chirurgico di cataratta.  Non abbiamo trovato una sequenza di complicanze. Inoltre oggi celebriamo un grande traguardo per quanto riguarda l’antibiotico resistenza che soprattutto in questi momenti si mostra essere un problema gravoso. In più la riduzione dei tempi della somministrazione ha un impatto di grande valore dal punto di vista clinico, perchè quando la cura è lunga, spesso viene interrotta e la scarsa aderenza alla terapia fa più danni che benefici”.

L’età media dell’intervento di cataratta è di 72 anni, anche se di anno in anno il limite si sta sempre più abbassando anche sotto i 60 anni.

Le ragioni sono diverse – conclude Bandello– prima fra tutte quella naturale dell’invecchiamento, poi l’aumento delle maculopatie per maggiori radiazioni ionizzanti –   ma ci sono ragioni sociali molto evidenti: siamo in una società in cui le informazioni passano attraverso la lettura e la scrittura, quindi rispetto a un tempo, le persone hanno bisogno di avere occhi sani anche in età avanzata”.

Il lancio del nuovo farmaco incontra i bisogni di una società longeva e molto attiva.

L’innovazione di prodotto è una dei nostri punti di forza e delle ragioni della nostra crescita anche in periodi difficili come questi -

afferma

Riccardo Zagaria AD di DocGenerici- e questo farmaco ne è una dimostrazione.Si tratta di una novità assoluta tutta italiana perché nata da una collaborazione con un partner d’eccellenza come NTC  eperchè va incontro a una delle esigenze principali del post- operatorio dei nostri pazienti. L’Italia è il primo paese in Europa in cui verrà venduto e questo ci rende particolarmente soddisfatti, soprattutto perché è un successo della divisione Doc Ofta che abbiamo creato 4 anni fa, e in cui noi abbiamo sempre creduto”.

Doc ofta | cataratta | antibiotico resistenza |



Commenta l'articolo

 

Potrebbe anche interessarti

Il farmaco generico e le norme sulla responsabilità nella prescrizione


Farmaco generico e farmaco brand: quali sono le differenze?


NSCLC: Daiichi Sankyo ha presentato i risultati del farmaco U3-1402


Differenze tra farmaco generico e farmaco di marca


Daiichi Sankyo nuovi dati sul farmaco anticorpo-coniugato [fam-] trastuzumab deruxtecan


 

Se ritieni meritevole il nostro lavoro fai una donazione


Recenti

Stesso autore

I nuovi trend del Natale degli italiani in soft lockdown: regali anche per se stessi, spirito natalizio per diffondere ottimismo e festeggiamenti a distanza

I nuovi trend del Natale degli italiani in soft lockdown: regali anche per se stessi, spirito natalizio per diffondere ottimismo e festeggiamenti a distanza
Groupon ha voluto indagare, attraverso una survey*, il rapporto degliitaliani con questo “Natale in epoca di Covid”per capire quanta sia la voglia di festeggiare e di guardare con un pizzico di ottimismo all’anno che verrà. Il 2020 è stato un periodo storico senza precedenti che ha messo tutti a dura prova.Dopo mesi che li hanno portatiad affrontarepaura, stress e scoraggiamento, ma cheli hannoanche visti uniti nelle difficoltà, come si apprestano gli Italiani a vivere questo Natale? Anche se sarà un 25 dicembre diverso da tutti quelli che abbiamo vissuto sinora,i nostri connazionali si dedicheranno anche quest’anno (continua)

Regali di Natale per la casa 4.0: scegliere la biancheria da letto con la Realtà Aumentata

Regali di Natale per la casa 4.0: scegliere la biancheria da letto con la Realtà Aumentata
Scegliere i regali di Natale da casa attraverso la Realtà Aumentata rimanendo a casa Scegliere i regali di Natale da casa attraverso la Realtà Aumentata rimanendo a casa. Grazie alla tecnologia easyhomewear®, che coniuga la Realtà Aumentata con la Realtà Virtuale e l’uso del 3D, chiunque da oggi potrà diventare designer della propria stanza, per personalizzare l’acquisto della biancheria della camera da letto in tempo reale. Inquadrando il letto con uno smartphone, si possono (continua)

Il futuro dello smart working. La ricerca Anra-Aon fa il punto sulle prospettive post pandemia

Il futuro dello smart working. La ricerca Anra-Aon fa il punto sulle prospettive post pandemia
La seconda ondata della pandemia ha prolungato la durata dello smartworking allontanando, in particolare in alcune aree d’Italia, la prospettiva di un rientro fisico a pieno regime per tutti i dipendenti Milano, 20 novembre 2020 – La seconda ondata della pandemia ha prolungato la durata dello smartworking allontanando, in particolare in alcune aree d’Italia, la prospettiva di un rientro fisico a pieno regime per tutti i dipendenti.Sono comunque molte le aziende che, negli ultimi mesi, hanno disposto un ritorno in presenza parziale e facoltativo, adeguandosi alle norme di sicurezza. Alla luce (continua)

Riduzione del doppio mento senza chirurgia: da oggi è possibile con il dispositivo Onda Coolwaves

Riduzione del doppio mento senza chirurgia: da oggi è possibile con il dispositivo Onda Coolwaves
Onda Coolwaves, tecnologia rivoluzionaria di ultima generazione per il body contouring non invasivo diventata famosa per il trattamento e la riduzione delle adiposità localizzate, della cellulite e della lassità, da oggi viene utilizzata anche per trattare l’area del sottomento che spesso rappresenta un disagio dal punto di vista psicologico. Dalla genetica alla dieta sono diverse le cause de (continua)

I trattamenti di medicina estetica più desiderati dagli italiani ai tempi del coronavirus

I trattamenti di medicina estetica più desiderati dagli italiani ai tempi del coronavirus
Una fra le cose che è più mancata agli italiani, durante la quarantena, è il prendersi cura del proprio corpo con trattamenti di epilazione, rimodellamento di fianchi, glutei e addome, fino alla rimozione di tatuaggi. Ecco il parere dei medici sui trattamenti più richiesti. Gli italiani, già all’inizio della primavera, periodo in cui si dovrebbe cominciare a preparare il corpo in vista dell’estate, hanno dovuto fare i conti con importanti cambiamenti nella loro quotidianità e stile di vita. Ora, con il “decreto 18 maggio” e la graduale apertura delle attività, spetta proprio agli italiani riprendere in mano le redini del loro benessere per ritrovare la giusta fo (continua)