Home > Cibo e Alimentazione > Il miglior Panettone del mondo è quello di Francesco Luni

Il miglior Panettone del mondo è quello di Francesco Luni

scritto da: Harry di Prisco | segnala un abuso

Il miglior Panettone del mondo è quello di Francesco Luni

La Federazione Internazionale Pasticceria Gelateria e Cioccolateria FIPGC ha assegnato il “The best Panettone of the world 2020” a Francesco Luni, titolare insieme alla sorella Federica della storica Pasticceria Estense di Padova


A Natale si è più buoni, quindi è normale che sulle nostre tavole desideriamo il meglio, specialmente nel Natale di questo martoriato anno che sarà diverso da tutti gli altri degli anni scorsi. Sarà una festa in famiglia con i nostri cari più stretti, lontano mille miglia da i Natali consumistici a cui eravamo abituati, raccolti nelle nostre case con le nostre tradizioni. “Attenti al vicino che potrebbe avere bisogno di aiuto” ha detto Papa Francesco. Il simbolo più vero della tradizione natalizia è forse proprio il Panettone che non può mancare sulla tavola imbandita.

Francesco Luni, titolare insieme alla sorella Federica della storica Pasticceria Estense di Padova,

 ha vinto proprio con la ricetta tradizionale del Panettone Classico, fatto come una volta, l’oro assoluto e la coppa d’oro nella gara mondiale indetta dalla Federazione InternazionalePasticceria Gelateria e Cioccolateria  FIPGC  per l’assegnazione  dell’ambito riconoscimento “The best Panettone of the world 2020”. I profumi di una volta, quel buon sapore naturale di burro, di latte, di farina, si ritrovano, oggi come un tempo, nelle dolci specialità̀ della Pasticceria Estense.

Francesco è la terza generazione  in quanto la pasticceria padovana è stata fondata dal nonno Egidio nel 1959 e continuata dal padre Paolo. Passione e dedizione contraddistinguono Francesco, 37 anni,  ma anche tanto studio, dopo la Laurea nella triennale di Scienze e Tecnologie dell’Alimentazione e dopo la Laurea Magistrale sempre di Scienze e Tecnologie dell’Alimentazione è entrato nello staff della pasticceria di famiglia facendosi notare per le sue innovazioni.

«Dietro alla creazione di ogni nostro Panettone Estense ci sono l’esperienza, la tecnica, la passione che la nostra famiglia si tramanda da ben tre generazioni  - ha dichiarato il maestro pasticciere Francesco Luni -  da oltre 60 anni impastiamo i nostri Panettoni “come una volta”, rispettando i tempi di lievitazione, di pirlatura, di scarpatura e, infine, di cottura.

Ogni Panettone Estense viene fatto a mano, uno ad uno, per un totale di oltre tre giorni di

lavorazione: è ricco di ingredienti ma estremamente digeribile grazie alla lunga lievitazione segnata solamente dal tempo naturale che richiede e dallo stop dettato dall’occhio» ha precisato Francesco.

Ma quale il segreto di tanta bontà? Certamente gli ingredienti di prima scelta sono alla base:

 «I nostri fornitori fanno parte della nostra squadra: molti di questi ci hanno letteralmente visto nascere e come noi, sono arrivati alla terza generazione  - ci svela Francesco - zucchero Italiano di Pontelongo, latte fieno Bio Veneto, uova fresche da galline allevate a terra di Cervarese Santa Croce (PD), miele italiano, farina da grano italiano lavorato a pietra da un antico Mulino di Rossano Veneto… Crediamo nel Valore del territorio e siamo convinti che anche questo faccia la differenza, permettendoci di creare prodotti con profumi, colori, gusto e sapore unici e inimitabili». Quindi il territorio gioca un ruolo fondamentale per dare le caratteristiche distintive al  Panettone che ha vinto l’oro e che può ben dirsi “il migliore Panettone del mondo”.

Il famoso dolce ha un profumo intenso e armonico, dal colore giallo intenso e dorato al tempo stesso, dato dalle materie prime selezionate, dai tuorli d’uovo di galline allevate a terra e al miele, con una consistenza soffice e una forma caratteristica  a cupola completamente arrotondata, in ultimo, l’alveolatura allungata e piuttosto omogenea, senza buchi troppo grossi rispetto agli altri.

Francesco Luni è un pasticcere classico, ma curioso e “sperimentale”: adora i contrasti di gusto, i sapori forti, ma non dimentica le tradizioni per cui la pasticceria di famiglia si è distinta negli anni,

ha sviluppato uno stile personale creando dolci innovativi negli ingredienti, nella preparazione e nella presentazione. La passione e curiosità lo spingono a mettersi sempre in gioco, confrontandosi con i colleghi Italiani e Stranieri, non accontentandosi mai dei traguardi raggiunti con la pasticceria di famiglia.

«Abbiamo fatto di tutto per trasferire la nostra passione al nostro Panettone: volevamo che gustandolo emozionasse anche i palati più esigenti e… speriamo di esserci riusciti», con questo auspicio si commiata Luni quindi: provare per credere !

 

Harry di Prisco

 

Per maggiori info :

https://www.pasticceriaestense.it/     info@pasticceriaestense.it

 

Francesco Luni |



Commenta l'articolo

 

Potrebbe anche interessarti

Mastro Panettone 2020, ecco i finalisti


IL BRINDISI AUGURALE A PALAZZO CHIGI SARÀ CON IL PANETTONE MUZZI E LE DONNE DEL VINO


UN NUOVO PASTICCERE PER IL PANETTONE MACULAN


IL PANETTONE TOMMASO MUZZI CONFERMA LA VOCAZIONE INTERNAZIONALE CON L’APERTURA DI 3 TEMPORARY STORE NEGLI STATI UNITI


Il Panettone Classico del Pastry Chef Ruggiero Carli tra i panettoni migliori d’Italia


I PANETTONI E I DOLCI FRACCARO DA OGGI TRA LE SPECIALITÁ DI EATALY


 

Se ritieni meritevole il nostro lavoro fai una donazione


Recenti

Stesso autore

La Select per la Campania: «Ora serve l'aiuto delle sue aziende leader»

La Select per la Campania: «Ora serve l'aiuto delle sue aziende leader»
«Ora è il momento delle eccellenze campane, tocca a noi aiutare il sistema a non cadere perché una volta caduti, rialzarsi diventerà molto difficile» Spalla a spalla, nessuno cade. Ecco che in tempi duri come questi, le spalle forti diventano fondamentali per non far cadere un sistema che oggi stenta a sopravvivere. Campania poco felix ultimamente, tra mancanza di lavoro e una povertà che cresce causa la crisi sanitaria ed economica che sta attraversando l’Italia intera. Si fatica, molto e in attesa di un nuovo inizio. Nel frattempo ec (continua)

Mediagraf e Favini per il Calendario Storico dell’Arma dei Carabinieri 2021 un prodotto da collezione realizzato a fine benefici

Mediagraf  e Favini per il Calendario Storico dell’Arma dei Carabinieri 2021 un prodotto da collezione realizzato a fine benefici
La speciale carta prodotta in esclusiva da Favini per il calendario con fibrille visibili solamente con la luce UV rendono il prodotto anti-contraffazione La carta ecologica Crush della Favini con il 15% di residui di produzione agro-industriali in parziale sostituzione di cellulosa da albero utilizzata dalla chef Carlo Cracco    Sei alla ricerca di nuove ispirazioni per il 2021?  Chiedi alla  #Favinicollection con i campionari delle specialità grafiche: carte colorate, ecologiche, goffrate, metallizzate ideali per i (continua)

Luigi Auletta nominato coordinatore campano Wedding Confesercenti

Luigi Auletta nominato coordinatore  campano Wedding Confesercenti
Nel Mezzogiorno il wedding è fondamentale Confesercenti far sì che il Governo riconosca questa categoria che sviluppa economia Il lusso nella moda per cerimonia è prerogativa di pochi? Non necessariamente, con i marchi: Impero Couture, Impero Diamonds, Luigi Auletta, Impero Sposa, Impero Uomo, Rosi Girl e Impero Junior della “Luigi Auletta Alta Moda”. Ad Aversa, in provincia di Caserta, l’azienda fondata da Luigi Auletta nel 2000 è diventata in breve tempo il punto di riferimento nel mercato nazionale della mod (continua)

Enrico Schettino programma nuove aperture di ristoranti fuori della Campania

Enrico Schettino programma nuove aperture di ristoranti fuori della Campania
La decisione maturata dopo il brutto episodio accorso al rider campano Enrico Schettino è titolare di 18 ristoranti con il Gruppo Giappo buona parte  in Campania  Rinnovarsi per ripartire. Un tempo, per cercare di concludere migliori affari, gli imprenditori puntavano all’estero. Oggi, per un ristoratore può bastare andare fuori dalla Campania: una delle regioni in cui il settore della ristorazione ha subito limitazioni spesso più restrittive di que (continua)

Un nastro di seta lega Napoli alla Federazione Russa

Un nastro di seta lega Napoli alla Federazione Russa
La Maison Cilento 1780 continua nella coesione internazionale tramite le sue cravatte I rapporti artistici e culturali tra Napoli e la Russia risalgono  al diciottesimo secolo. Fra i primi ad apprezzare la nostra terra furono gli studenti  dell'Accademia di Belle arti di San Pietroburgo che ritrassero il Vesuvio, le marine e scorci del golfo sulle loro tele, facendo scoprire le bellezze di Napoli. Giunsero poi i primi turisti fra cui  Maksim Gor'kij, che visse (continua)