Home > Economia e Finanza > Decontribuzione nuovi contratti, ecco le regole per le aziende

Decontribuzione nuovi contratti, ecco le regole per le aziende

scritto da: MEM | segnala un abuso

Decontribuzione nuovi contratti, ecco le regole per le aziende

Con una comunicazione apposita l’Inps ha specificato criteri e istruzioni per aderire allo speciale regime fiscale, valido per le assunzioni a tempo indeterminato comprese tra il 15 agosto e il 31 dicembre 2020


Ricordate il “bonus assunzioni”, ovvero quella speciale norma inserita dal Governo nel Decreto legge Agosto, in base alla quale i datori di lavoro che avessero assunto personale a tempo indeterminato nel periodo compreso tra il 15 agosto e il 31 dicembre 2020 avrebbero avuto diritto al relativo esonero contributivo?

Ebbene, trascorso qualche tempo dalla vidimazione della legge, l’Inps è intervenuto con una specifica circolare, la numero 133/2020, per fornire ai diretti interessati istruzioni e modalità operative.

Prima precisazione e prima rassicurazione: il lavoratore assunto non deve essere stato alle dipendenze del medesimo datore nei sei mesi precedenti la stipula del nuovo contratto; l’esonero in questione è cumulabile con altri sgravi eventualmente applicabili stante la normativa in vigore.

Il tutto, però, non vale per la forza lavoro del comparto agricolo e di quello domestico.

Ma analizziamo più nel dettaglio la faccenda, partendo dai requisiti necessari per accedere all’agevolazione.

Queste le condizioni da rispettare:

  • Assenza di violazioni delle norme fondamentali a tutela delle condizioni di lavoro e rispetto degli altri obblighi di legge
  • Rispetto degli accordi e contratti collettivi nazionali, nonché di quelli regionali, territoriali o aziendali, sottoscritti dalle Organizzazioni sindacali dei datori di lavoro e dei lavoratori comparativamente più rappresentative sul piano nazionale

Queste le irregolarità in cui non incappare:

  • L’assunzione non deve violare il diritto di precedenza, stabilito dalla legge o dal contratto collettivo, alla riassunzione di un altro lavoratore licenziato da un rapporto a tempo indeterminato o cessato da un rapporto a termine.
  • L’assunzione non deve riguardare lavoratori licenziati, nei sei mesi precedenti, da parte di un datore di lavoro che, alla data del licenziamento, presentava elementi di relazione con il datore di lavoro che assume, sotto il profilo della sostanziale coincidenza degli assetti proprietari ovvero della sussistenza di rapporti di controllo o collegamento.
  • Le comunicazioni telematiche obbligatorie tardive relative all’instaurazione del rapporto di lavoro o di somministrazione incentivato producono la perdita di quella parte dell’incentivo relativa al periodo compreso tra la decorrenza del rapporto agevolato e la data della tardiva comunicazione.
  • Gli incentivi all’occupazione non spettano se l’assunzione costituisce attuazione di un obbligo preesistente, stabilito da norme di legge o della contrattazione collettiva, anche nel caso in cui il lavoratore avente diritto all’assunzione venga utilizzato mediante contratto di somministrazione

Inoltre, esiste un ampio ventaglio di categorie di datori di lavoro cui lo sgravio non è applicabile.


Fonte notizia: https://www.studiorossihr.com/decontribuzione-nuovi-contratti-regole-per-aziende/




Commenta l'articolo

 

Potrebbe anche interessarti

Adecco sempre più digitale grazie a Ricoh


CALO DI ASSUNZIONI PARI AL 10% NEI PRIMI MESI DEL 2016 RISPETTO AL 2015. IL PRESIDENTE DI CONFLAVORO ROBERTO CAPOBIANCO: GLI INCENTIVI NON BASTANO, IL GOVERNO SI OCCUPI DI POLITICHE ATTIVE PER LE IMPRESE


Linares Associates presenta i propri servizi legali specialistici per operare tra Italia e USA


Personale ristorazione:IL PIZZAIOLO CREATORE DI PANE, AMORE E CARBOIDRATI


Avvocato diritto del lavoro - aziende e privati | Studio associato Biagi


Avvocato diritto lavoro Roma – Studio Biagi & Partners


 

Se ritieni meritevole il nostro lavoro fai una donazione


Recenti

Stesso autore

Smart Working, le istruzioni per il pubblico e il privato nell'ultimo Dpcm

Smart Working, le istruzioni per il pubblico e il privato nell'ultimo Dpcm
Smart Working: Con l’ultimo decreto l’esecutivo ha enucleato le linee guida per spingere il lavoro agile presso le imprese private, senza limiti territoriali, e pubbliche, con soglia minima del 50% Smart working: se non la panacea, quanto meno un grosso aiuto per le imprese e i lavoratori in questo momento di difficoltà del mercato.Ebbene, quali sono le nuove istruzioni a riguardo fornite dal Governo con le ultime linee programmatiche?Il Dpcm licenziato dal primo ministro Giuseppe Conte il 4 novembre 2020 è molto chiaro in proposito.A partire dal fatto che l’esecutivo, nel testo di legge, ha (continua)

Cucina vietnamita, Pho e Goi Cuon, leggerezza e gusto per palati sopraffini

Cucina vietnamita, Pho e Goi Cuon, leggerezza e gusto per palati sopraffini
La cucina vietnamita si distingue da tutte le altre dell’Oriente per l’impiego di ingredienti freschi: verdure ed erbe aromatiche per piatti sani e nutrienti Un virtuoso caso di globalizzazione.Potremmo definire in questa maniera i sapori della cucina vietnamita, caratterizzata dall’eccezionale incontro tra la tradizione orientale e gli influssi della cucina gourmet francese e famosa, in loco, per essere più leggera, negli ingredienti, e più fresca, negli aromi, di vicini decisamente più “ingombranti”, del calibro dei piatti cinesi. (continua)

Intervista ad Alessandro Castiglioni di Promozioniservizi: Fondo di Garanzia, una manna dal cielo per le imprese italiane

Intervista ad Alessandro Castiglioni di Promozioniservizi: Fondo di Garanzia, una manna dal cielo per le imprese italiane
In un’intervista esclusiva rilasciata a MilanoBIZ, l’amministratore delegato della società prima in Italia nella gestione della garanzia pubblica sui prestiti ha spiegato semplicità ed efficacia delle risorse del Fondo, in scadenza il prossimo mese di dicembre Promozioniservizi è una società attiva nella gestione completa e accurata, per conto delle banche clienti, della garanzia rilasciata da Banca del Mezzogiorno – Medio Credito Centrale in relazione ai prestiti richiesti agli istituti di credito dalle Piccole e Medie imprese nazionali.Una risorsa, quella del Fondo di Garanzia per le Pmi, istituita per legge nel nostro Paese nel lontano 1996 (continua)

Pensioni integrative, ecco le regole Irpef dell’Agenzia delle Entrate

Pensioni integrative, ecco le regole Irpef dell’Agenzia delle Entrate
L’Agenzia delle Entrate ha finalmente fatto chiarezza sui criteri per stabilire l’esatto imponibile dei montanti ai fini della tassazione sul reddito percepito Nei giorni scorsi l’Agenzia delle Entrate ha fornito un chiarimento utilissimo di questi tempi.Attraverso una risoluzione dedicata, la n.51/2020, ci ha trasmesso infatti risposte precise per quanto riguarda la tassazione Irpef da applicare alla percezione della pensione integrativa.Una soluzione, quella delle pensioni private parallele al trattamento Inps e similari, che in Italia non ha (continua)

Pad Thai, tra le pietanze più apprezzate nel mondo. Disponibile al DOU di Milano

Pad Thai, tra le pietanze più apprezzate nel mondo. Disponibile al DOU di Milano
La tipica pietanza thailandese già annoverata dalla Cnn tra le più apprezzate nel mondo propone una ricetta di base essenziale, ma arricchibile con i più svariati ingredienti Contrasto.È la parola chiave che meglio descrive l’essenza della cucina thailandese: amaro, dolce, salato, aspro e piccante sono le cinque varianti del gusto che sempre dicono la loro in un piatto Thai, seppure dosati ogni volta in maniera differente.Ma se veramente vogliamo intendercene della cucina della Thailandia, dobbiamo anzitutto mettere da parte l’idea di “piatto”, perché, semplicemen (continua)