Home > Ambiente e salute > Progetto ICARETE: “Le Regioni si confrontano sull’emergenza globale delle infezioni contratte in ospedale”

Progetto ICARETE: “Le Regioni si confrontano sull’emergenza globale delle infezioni contratte in ospedale”

scritto da: Motore sanita | segnala un abuso

Le Infezioni Correlate all’Assistenza (ICA), sono infezioni acquisite durante il ricovero o in altri contesti sanitari simili. Purtroppo, continuano a crescere in quasi tutti i Paesi Europei, con un incremento medio annuo del 5%. In Italia si contano ogni anno tra 450-700 mila infezioni in pazienti ricoverati che causano oltre 10.000 morti, circa un terzo di tutte quelle registrate in Europa.


Le Infezioni Correlate all’Assistenza (ICA), sono infezioni acquisite durante il ricovero o in altri contesti sanitari simili.

Purtroppo, continuano a crescere in quasi tutti i Paesi Europei, con un incremento medio annuo del 5%. In Italia si

contano ogni anno tra 450-700 mila infezioni in pazienti ricoverati che causano oltre 10.000 morti, circa un terzo di

tutte quelle registrate in Europa. La recente pandemia ha dato ancor più consapevolezza di come le infezioni

arrechino un grave problema da sostenere sia dal punto di vista socio-assistenziale che economico globale. Le

infezioni correlate all’assistenza devono rappresentare ancor di più uno dei maggiori problemi per la Sanità pubblica.

 

Padova, 1 Dicembre 2020 – L’Organizzazione Mondiale della Sanità ha enfatizzato la estrema necessità di sviluppare

nuovi antibiotici che, utilizzati appropriatamente, possano invertire le attuali preoccupanti previsioni. Queste, infatti,

indicano che se non si interviene, nel 2050 le infezioni dovute a microbi resistenti saranno la prima causa di morte,

superando cancro e malattie cardiache. In Italia si stimano già oggi oltre 10.000 casi di decessi all’anno per infezioni

resistenti agli antibiotici disponibili, numero pari al doppio delle morti legate agli incidenti stradaliPer far fronte a questo

scenario preoccupante già nel 2017 il Ministero della Salute ha pubblicato il Piano Nazionale di Contrasto

dell’Antimicrobico-Resistenza (PNCAR) 2017-2020, fissando il percorso che le istituzioni nazionali, regionali e locali,

devono compiere in termini di prevenzione e cura. D’altro canto, dai dati del progetto EPICENTRO dell’Istituto Superiore

di Sanità si evince che le infezioni prevenibili sono circa il 30%. Per questo tutte le istituzioni sanitarie a livello globale

stanno cercando di agevolare le attività di ricerca di nuovi antibiotici, esortando fortemente le aziende del farmaco a

tornare ad investire in questo settore e gli organismi decisori Nazionali e Regionali a rendere disponibili rapidamente ai

pazienti le nuove terapie antibiotiche in arrivo, riconoscendone il giusto valore. Con l’obiettivo di fare il punto su ciò che

è stato fatto e che c’è ancora da fare a livello regionale, nasce il Progetto ICARETE “Focus Lotta alle infezioni correlate

all’assistenza”, organizzato da Motore Sanità e realizzato con il contributo non condizionante di MENARINI, che ha

visto confrontarsi istituzioni e massimi esperti del settoreIl progetto si è concluso con la sua ultima tappa in Veneto.

 

Le infezioni ospedaliere rappresentano oggi un problema sanitario di particolare rilevanza e complessità. In Italia sono

aumentate sia in ospedale sia nei luoghi di cura extra-ospedalieri (residenze per anziani, assistenza domiciliare e ambulatoriale)

 specie nei pazienti cosiddetti “difficili” (per gravi patologie concomitanti, malnutrizione, 

immunosoppressione, trapianto d’organo,

 traumi, alterazioni dello stato di coscienza, etc). Anche i vertici dell'Organizzazione Mondiale della Sanità hanno indicato come

sia fondamentale concentrare gli investimenti pubblici e privati sullo sviluppo di antibiotici efficaci, perché stiamo esaurendo tutte

le opzioni utili. Questa affermazione, oltre ad avere un enorme impatto in termini di sanità pubblica, pone rilevanti problemi in

termini di costi: infatti, la banca mondiale ha calcolato che l'antibiotico-resistenza costerà all'Italia 13 miliardi di dollari da qui al 2050,

pertanto, il rischio aumentato di contrarre infezioni difficilmente trattabili, impone l'esigenza di affrontare con grande rigore il problema”,

 ha dichiarato Anna Maria Cattelan, Direttore UOC Malattie Infettive AOU Padova

 

“Il problema dei super batteri resistenti alle terapie disponibili è emerso nella sua estrema gravità, è necessario incentivare la ricerca

farmaceutica di nuovi e più efficaci antibiotici ed è auspicabile che si apra un dialogo fra aziende produttrici ed agenzie regolatorie

nazionali e regionali per stabilire nuovi percorsi dedicati per la cura dei nostri pazienti, in linea con le azioni intraprese a livello mondiale”,

ha spiegato Claudio Zanon, Direttore Scientifico MOTORE SANITA’

infezioni | antibiotici | webinar |



Commenta l'articolo

 

Potrebbe anche interessarti

A Roma, i massimi esperti clinici e istituzionali a livello nazionale fanno il punto sulle ICA, indicate dall’OMS come potenziale prima causa di morte nel 2050


Il 30% dei pazienti deceduti per Covid presentavano anche microrganismi multiresistenti nel corpo


Congresso ESC 2018: Combattere la fibrillazione atriale, registro globale ETNA-AF


Antonio Mastrapasqua e la creazione di un’eccellenza sanitaria a livello nazionale


I Ministri Volontari di Scientology ad Haiti: aiuto a più di 284.000 persone


 

Se ritieni meritevole il nostro lavoro fai una donazione


Recenti

Stesso autore

Progetto ‘Oncorete Sharing and Innovation System’: “Le best practices della rete oncologica della Sicilia”

28 gennaio 2021 - Supportare un modello di governance innovativo ed efficiente che porti indubbi vantaggi ai pazienti. Questo l’obiettivo del Progetto ‘Oncorete Sharing and Innovation System’, serie di Eventi regionali, organizzati da Motore Sanità, con il contributo incondizionato di Bristol Myers Squibb e che ha fatto tappa in Sicilia. 28 gennaio 2021 - Supportare un modello di governance innovativo ed efficiente che porti indubbivantaggi ai pazienti. Questo l’obiettivo del Progetto ‘Oncorete Sharing and Innovation System’,serie di Eventi regionali, organizzati da Motore Sanità, con il contributo incondizionato di Bristol MyersSquibb e che ha fatto tappa in Sicilia.Le best p (continua)

Recovery fund, pioggia di miliardi per la sanità Ma i medici non sono stati interpellati nella bozza del piano che cambierà il volto del sistema sanitario italiano

Le richieste dal territorio e dagli ospedali: potenziamento dell’assistenza domiciliare e territoriale, più medici, infermieri e digitalizzazione 27 Gennaio 2021 – Pioveranno miliardi sulla testa della sanità italiana e le aspettative sono tante siada parte dei veri protagonisti della bollente questione ossia i medici, associazioni di categoria, societàscientifiche, che non sono state interpellate nella elaborazione della bozza del Recovery Plan, sia daparte dei cittadini che sperano in una vera rivoluzione sanitaria delle cure e dell’ (continua)

Recovery Fund: “Quale stanziamento per la Sanità italiana?”

26 gennaio 2021 – Il Piano Nazionale italiano per l’uso del Recovery Fund per accedere al Next Generation UE prevede uno stanziamento su più voci per la sanità. Secondo il Governo oltre ai 9 miliardi per l’assistenza di prossimità, telemedicina e digitalizzazione dei servizi, l’ammodernamento dell’edilizia sanitaria ricadrebbe nell’efficientamento degli immobili pubblici con complessivo stanziamento di 40 miliardi (di cui la parte sanitaria è da decidere). 26 gennaio 2021 – Il Piano Nazionale italiano per l’uso del Recovery Fund per accedere al NextGeneration UE prevede uno stanziamento su più voci per la sanità. Secondo il Governo oltre ai9 miliardi per l’assistenza di prossimità, telemedicina  e digitalizzazione dei servizi,l’ammodernamento dell’edilizia sanitaria ricadrebbe nell’efficientamento degli immobili pubblicicon (continua)

CINA: Un modello standard di riferimento unificato per tutti gli ospedali, che possono interagire su un’unica piattaforma

26 Gennaio 2021 – A portare i saluti da parte della Cina ed in particolare da parte dell’Associazione Ospedaliera della Provincia del Jiangsu, all’Academy di Motore Sanità Tech ‘SANITÀ E DIGITAL TRANSFORMATION’, realizzata in collaborazione con Medex Italy e con il contributo incondizionato di PWC, la Dr.ssa Zhu Yuelan, Vice presidente del Comitato per la Gestione delle Informazioni Ospedaliere della stessa associazione. A presentare invece il processo di informatizzazione e digitalizzazione dell’Ospedale, la Dr.ssa Liu Yun, Vicedirettrice dell’Ospedale Popolare della provincia del Jiangsu (il Primo Ospedale Affiliato dell’Università Medica di Nanchino). 26 Gennaio 2021 – A portare i saluti da parte della Cina ed in particolare da parte dell’AssociazioneOspedaliera della Provincia del Jiangsu, all’Academy di Motore Sanità Tech ‘SANITÀ E DIGITALTRANSFORMATION’, realizzata in collaborazione con Medex Italy e con il contributo incondizionatodi PWC, la Dr.ssa Zhu Yuelan, Vice presidente del Comitato per la Gestione delle (continua)

La pandemia chiede alla sanità maggiore digitalizzazione per una migliore presa in carico dei pazienti

Sempre più persone adottano nuove soluzioni tecnologiche per stare in salute I medici saranno propensi al loro utilizzo anche nella fase post Covid 26 Gennaio 2021 – Il periodo emergenziale che il mondo sta vivendo ha evidenziato la necessità che ilservizio sanitario nazionale e regionale abbia una rete vera che sia in grado di mettere a sistemal’interdisciplinarietà fra tutti gli attori che intervengono nel percorso di cura e di prevenzione al fine dipredisporre un equilibrato rapporto tra medico, strutture sanitarie ed ospeda (continua)