Home > Turismo e Vacanze > Napoli dal mare

Napoli dal mare

scritto da: Barbarella | segnala un abuso

Napoli dal mare

Alla scoperta della collina di Posillipo


Napoli dal mare, lì dove finisce il dolore e gli affanni trovano riparo sorge la costa di “Pauslypon”, definita così già dagli antichi greci e luogo scelto da Publio Vedio Pollione per far costruire la sua immensa residenza dove si ritirò a lussuosa vita privata.

“Il mare di Posillipo è quello che Dio ha fatto per i poeti, per i sognatori, per gli innamorati di quell’ideale che informa e trasforma l’esistenza” (Matilde Serao).

Un luogo davvero suggestivo tra ville Romane, residenze storiche,  leggende e ricco di storia, meta preferita dalla nobiltà vicereale, che adorava recarvi per le “passeggiate domenicali” in riva al mare, con il consueto corteo di carrozze e servitori al seguito.

Molto spesso le serate si concludevano nelle amene ville lungo la costa, in feste e balli di corte fino a tarda notte.

Tra le ville più ambite e belle c'era Palazzo Donn'Anna, oggi dal fascino decadente, è ancora l’edificio più dipinto, acquerellato, stampato e fotografato.

La bellissima ed unica erede del cospicuo patrimonio dei Carafa, Anna Carafa di Stigliano convolata a nozze con il Viceré Don Ramiro de Guzman, duca di Medina, diventa la donna più potente del ‘600.

La sua casina di delizie, pertanto, dovrà rispecchiare lo status di Viceregina raggiunto e affiderà l’incarico di restaurare il palazzo al più celebre architetto del tempo, Cosimo Fanzago, al quale non saranno posti limiti alle spese occorrenti per la realizzazione del progetto.

Purtroppo l’opera  rimase incompiuta perché sopraggiunse la morte prematura della committente stessa, nel 1645, avvenuta in tragiche circostanze a soli trentacinque anni di età e il conseguente richiamo in patria di Don Ramiro, duca di Medina.

Scogli e isolette che racchiudono storie incredibili, una vegetazione che cresce rigogliosa negli splendidi giardini privati apprezzati dai viaggiatori di tutto il mondo nella rinascita di cui godette Posillipo nel 1800, il borgo Marechiaro che nel nome stesso rievoca la limpidezza ma,ancor di più, nel suo significato originario la tranquillità di quelle acque, incantano lo sguardo di uno scenario talmente unico che diventa difficile resistere alla tentazione di ritornarci.


Fonte notizia: https://www.guideturistichenapoli.it/visite-guidate-napoli/


Napoli | Napoli dal mare | Viaggio a Napoli | Vacanze a Napoli | Turismo | Visite guidate |



Commenta l'articolo

 

Potrebbe anche interessarti

Arkeda Open House 26|27|28 Novembre 2019


Grande evento in Galleria Umberto I a Napoli


"Vedi Napoli.....e poi torni e ritorni"


L’Ordine degli Architetti per il Borgo Vergini alla Sanità. Quattro anni di attività


Martedì 9 luglio alle ore 21.00 a Tenuta dei Normanni di Salerno il Festival degli artisti del gusto


-Brusciano ricorda Diego Armando Maradona (Scritto da Antonio Castaldo)


 

Se ritieni meritevole il nostro lavoro fai una donazione


Recenti

Stesso autore

Reggia di Caserta

Reggia di Caserta
La Reggia di Caserta, uno dei palazzi reali più grandi d’Europa. Il sogno del sovrano Carlo III di Borbone. Il Re volle commissionare il progetto, al più grande architetto del 700 Luigi Vanvitelli.Carlo III di Borbone, era preso da una sorta di competizione, con la casa reale Francese. Il sovrano era desideroso di donare a Napoli, una costruzione cosi imponente, da poter far svolgere alla città, il ruolo di capitale a livello Europeo.Per motivi di sicurezza, per la famiglia reale si scelse Caserta. (continua)

Costiera Amalfitana

Costiera Amalfitana
La Costiera Amalfitana è conosciuta come “La divina”, un vero e proprio paradiso naturale, che la fa sembrare un balcone sospeso tra l’azzurro del mare e l’azzurro del cielo. Una visita guidata in Costiera Amalfitana, non può mancare. Da secoli considerata una tavolozza naturale, che i pittori di tutto il mondo hanno impresso su tela, Arrivare in costiera significa entrare in un sogno.Immersa tra i suoi colori , profumi e squarci mozzafiato, sembra quasi di trovarsi nel paese delle meraviglie, grazie anche alla sua architettura tutta in verticale, e le sue viuzze (continua)

Il lungomare di Napoli

Il lungomare di Napoli
Una delle tappe che non può mancare in un tour nella città di Napoli è visitare il suo lungomare . Il lungomare di Napoli è una delle passeggiate più belle del mondo. Uno dei luoghi più amati e ammirati non solo dai turisti ma anche dagli stessi napoletani. Il lungomare di Napoli, una passeggiata di circa 3 km, che fidati, per nulla faticosa, anzi con lo sguardo ti perderai, nel blu del mare, che costeggia tutto il tuo percorso.La passeggiata parte da via Santa Lucia, antico borgo di pescatori, dove la sua storia si intreccia con quella della nascita di Parthenope. Proprio qui nel lontano VIII secolo a.C, i cumani decisero di fondare sul Monte E (continua)

Le Guglie di Napoli

Le Guglie di Napoli
Per comprendere il significato della Guglia a Napoli bisogna andare un pò indietro nel tempo e capire come questo elemento architettonico nasca nell’immaginario collettivo. Il concetto di Guglia, prende spunto dalla cultura napoletana delle macchine a festa, perciò le piazze partenopee che accolgono queste architetture ne vengono influenzate solo in maniera parziale. Mentre a Roma, “l’arredo” viene considerato parte integrante della risistemazione urbanistica portata avanti da Sisto V, a Napoli essendo stato inutile o quasi l’espansione prevista da Don Pedro de Toledo, nel ‘600 si sente l’esigenza di cambiare interi quartieri, con interventi non programmati, da parte di clero e nobiltà spesso in conflitto tra loro.La piazza, era un luogo molto ambito per (continua)

Lo stadio di Pompei, l’Anfiteatro

Lo stadio di Pompei, l’Anfiteatro
L’antica città di Pompei, ancora oggi desta meraviglia e stupore. Una visita negli scavi più famosi al mondo, ci riporta in dietro di secoli.  Possiede ancora un atmosfera quasi sospesa, un atmosfera ferma al 79 D.C. giorno in cui l’eruzione del Vesuvio fece addormentare per sempre la città.È possibile ancora oggi quasi toccare con mano usi, costumi ed abitudini, che sono ancora vivi.Con una visita guidata alle botteghe, alle domus e agli edifici pubblici, è possibile quasi immergersi nella vita quotidiana degli antichi pompei (continua)