Home > Ambiente e salute > INVITO STAMPA - MOTORE SANITÀ TECH: “Parte l’Academy di alta formazione per sviluppare modelli organizzativi con tecnologie innovative a supporto della sanità italiana” - 4 Dicembre 2020

INVITO STAMPA - MOTORE SANITÀ TECH: “Parte l’Academy di alta formazione per sviluppare modelli organizzativi con tecnologie innovative a supporto della sanità italiana” - 4 Dicembre 2020

scritto da: Motore sanita | segnala un abuso

Motore Sanità Tech presenta il 4 novembre alle ore 9.30 la nuova Academy di alta formazione, nata per diffondere la conoscenza agli operatori sanitari delle moderne e innovative tecnologie a disposizione di medici, infermieri e manager della sanità italiana, per migliorare l'assistenza e la qualità della vita dei pazienti e delle loro famiglie.


Motore Sanità Tech presenta il 4 novembre alle ore 9.30 la nuova Academy di alta formazione, nata per diffondere la

conoscenza agli operatori sanitari delle moderne e innovative tecnologie a disposizione di medici, infermieri e manager

della sanità italiana, per migliorare l'assistenza e la qualità della vita dei pazienti e delle loro famiglie. Nuove tecnologie

e trasformazione digitale vogliono dire anche nuovi modelli organizzativi per migliorare la qualità e la sicurezza del lavoro

degli operatori coinvolti. I più grandi provider di tecnologia sono stati coinvolti in questa iniziativa e hanno aderito con

passione ed interesse e porteranno il loro più alto e prezioso contributo. Questa occasione è diventata anche un momento

di confronto internazionale, grazie alle relazioni che Motore Sanità ha instaurato con le autorità sanitarie cinesi. Da questo

la loro partecipazione all'evento di lancio del 4 di dicembre dell'Academy Tech. 

Il periodo emergenziale che il mondo sta vivendo ha evidenziato la necessità che il servizio sanitario nazionale e regionale

abbia una rete in grado di mettere a sistema l’interdisciplinarietà fra tutti gli attori che intervengono nel percorso di cura e

di prevenzione. Ciò al fine di predisporre un equilibrato rapporto tra medico, strutture sanitarie ed ospedali che abbia come

obiettivo la salute del paziente. Questo fenomeno definito “resilienza” necessita però di una formazione degli operatori e

manager sanitari con lo scopo di dargli la capacità di essere divulgatori di nuovi paradigmi del sistema.

Proprio per questo Motore Sanità Tech ha deciso di dare il suo contributo

 

Un format di questo genere mancava e manca a tutt'oggi ancora sul mercato, tuttavia è fondamentale per divulgare la forza di questi

strumenti ed in particolare per spiegare agli ‘operatori sanitari’ come si possano sfruttare le innovazioni per il bene del sistema sanitario,

per il loro lavoro e nell'interesse dei pazienti, oltre che far conoscere anche le Aziende che propongono le diverse soluzioni e capire dove

si stia orientando la ricerca e sviluppo dell'innovazione.

 

L’evento vedrà la partecipazione di alcuni grandi player dell'ICT come Almaviva, Engineering e Google che hanno aderito al programma

per contribuire alla formazione degli operatori di settore sulle nuove tecnologie. Sarà inoltre presente un alto rappresentante dell’Ospedale

popolare dell’Università di Pechino.

 

L’evento sarà in diretta Facebook sulla pagina di Motore Sanità 

Riportiamo qui di seguito il programma dell'Academy: PROGRAMMA MOTORE SANITÀ TECH 

 

PARTECIPERANNO: 

Arianna Cocchiglia, Healthcare Innovation and Partnership Director di Engineering 

Giulio Fornero, Direzione Scientifica Motore Sanità 

Giulia Gioda, Giornalista 

Gabriella Levato, Medico di Medicina Generale, Cologno Monzese

Alessandro Mantelli, Chief Technology Officer & Practice Leader at AlmavivA S.p.A. & AlmavivA Digitaltec 

Wang Tianbing, Vicedirettore dell'Ospedale Popolare dell'Università di Pechino.

Vicedirettore del Centro di Ricerca del Ministero dell’Istruzione per il Sistema Ospedaliero Digitale 

David Vannozzi, Direttore Generale del Consorzio Interuniversitario CINECA,

membro dell'executive board di Euritas - Associazione Europea delle Imprese In House 

Claudio Zanon, Direttore Scientifico Motore Sanità

tech | motore sanità | academy |



Commenta l'articolo

 

Potrebbe anche interessarti

Pass Laureati Puglia: una grande occasione per i giovani che vogliono specializzarsi dopo la laurea


www.dry-tech.it: la tua lavanderia self-service


Come costruire un funnel su Facebook efficace per il tuo eCommerce


Les brouilleurs utilisés aux guichets automatiques pour raccrocher les auteurs d '«escroqueries au remboursement»


Le problème des rayonnements parasites inquiète de nombreuses personnes


Noi per Napoli Show in Tv, nuova brillante ed interessante puntata in onda


 

Se ritieni meritevole il nostro lavoro fai una donazione


Recenti

Stesso autore

Una patologia che conta circa 20.000 decessi l’anno “Cirrosi epatica: Aderenza alle terapie, prevenzione e presa in carico per migliorare qualità di vita del paziente e sostenibilità del SSN”

Migliorare l’aderenza alla terapia, prevenire complicanze gravi come encefalopatia epatica e ascite, potenziare l’assistenza domiciliare, formare il paziente e il caregiver, rendere sostenibili le cure e aumentare la qualità e l’aspettativa di vita. 22 gennaio 2021 – Migliorare l’aderenza alla terapia, prevenire complicanze gravi comeencefalopatia epatica e ascite, potenziare l’assistenza domiciliare, formare il paziente eil caregiver, rendere sostenibili le cure e aumentare la qualità e l’aspettativa di vita.Questi gli argomenti discussi, con i principali interlocutori del Piemonte, durante il Webinar:"Focus Piemonte (continua)

Tumore del polmone NSCLC ALK +: “Necessario disporre di nuove opzioni terapeutiche per gli oltre 2.500 pazienti l’anno in Italia”

22 gennaio 2021 – In Italia ogni anno circa 270 mila cittadini sono colpiti dal cancro. Attualmente, il 50% dei malati riesce a guarire, buona parte dell’altro 50% si cronicizza, riuscendo a vivere più o meno a lungo. Tra i cosiddetti big killer il carcinoma polmonare rappresenta oggi la prima causa di morte per neoplasia negli uomini e la terza nelle donne. 22 gennaio 2021 – In Italia ogni anno circa 270 mila cittadini sono colpiti dal cancro.Attualmente, il 50% dei malati riesce a guarire, buona parte dell’altro 50% si cronicizza,riuscendo a vivere più o meno a lungo. Tra i cosiddetti big killer il carcinoma polmonarerappresenta oggi la prima causa di morte per neoplasia negli uomini e la terza nelle donne.L’incidenza stimata è d (continua)

Influenza e infezioni: ancora bassa la copertura vaccinale nei malati diabetici

Gli esperti: «Maggiore coinvolgimento di scuola, associazioni, strutture pubbliche e un’azione di prossimità svolgono un ruolo fondamentale» Società scientifiche, associazioni di pazienti, medici di medicina generale e pediatri si appellanoperché i malati diabetici si sottopongano ai vaccini in quanto pazienti particolarmente fragili chepresentano un’aumentata mortalità rispetto alla popolazione generale, cosa purtroppo che è stataben evidenziata anche dalla recente pandemia. Le cause di questo sono dovute principalmentea problem (continua)

Gli esperti a confronto: “Indispensabile vaccinare i pazienti diabetici ancor più in questo periodo di pandemia!”

21 Gennaio 2021 - I pazienti affetti da diabete presentano un’aumentata mortalità rispetto alla popolazione generale, a causa di problemi correlati all’aumentato rischio di malattie cardiovascolari e cancro, ma anche alla maggiore incidenza di complicanze infettive che contribuiscono in maniera decisiva alla ridotta aspettativa di vita. 21 Gennaio 2021 - I pazienti affetti da diabete presentano un’aumentata mortalità rispetto allapopolazione generale, a causa di problemi correlati all’aumentato rischio di malattie cardiovascolarie cancro, ma anche alla maggiore incidenza di complicanze infettive che contribuiscono in manieradecisiva alla ridotta aspettativa di vita. I dati riportano che i soggetti con diabete tipo 1 (DT (continua)

‘FOCUS PIEMONTE. LA REALTÀ ITALIANA DELLA CIRROSI EPATICA IN EPOCA PANDEMICA TRA TERAPIE E IMPATTO SOCIO ECONOMICO’, organizzato da MOTORE SANITÀ.

I deceduti per cirrosi epatica in Italia sono oggi circa 15.000 all’anno. Le nuove terapie per l’Epatite C ed i successi dei trapianti di fegato nei pazienti candidabili, hanno portato e porteranno un aumento della sopravvivenza dei pazienti con cirrosi. Di conseguenza questa malattia inciderà in maniera significativa sull’organizzazione socio-assistenziale, e sull’impatto economico gestionale dei vari sistemi sanitari regionali. L’esperienza drammatica della recente pandemia ha fatto emergere ancor più la necessità di una nuova organizzazione per la presa in carico di questi pazienti altamente complessi e quasi sempre pluripatologici. il prossimo venerdì 22 Gennaio dalle ore 11 alle 13, si terrà il webinar: ‘FOCUS PIEMONTE. LA REALTÀ ITALIANA DELLA CIRROSI EPATICA IN EPOCA PANDEMICA TRA TERAPIE E IMPATTO SOCIO ECONOMICO’, organizzato da MOTORE SANITÀ. I deceduti per cirrosi epatica in Italia sono oggi circa 15.000 all’anno. Le nuove terapie per l’Epatite Ced i successi dei (continua)