Home > Cultura > La globalizzazione riguarda anche il mondo del traffico illegale di droga

La globalizzazione riguarda anche il mondo del traffico illegale di droga

scritto da: Gtrambusti | segnala un abuso

La globalizzazione riguarda anche il mondo del traffico illegale di droga

Il traffico internazionale di droga ha proporzioni enormi e, come in qualsiasi tipo di commercio, è commisurato alla domanda di sostanze stupefacenti.


Le stime effettuate dalle Nazioni Unite parlano di un giro di affari di oltre 300 miliardi di dollari legato alle droghe illegali. Si tratta di quasi l’1% del totale del commercio mondiale. Queste cifre sono state stimate nel 2003: dato che il consumo di droga è in costante aumento, si può esser certi che anche il giro d’affari sia ormai molto maggiore di quello di 17 anni fa.

I principali paesi produttori sono Colombia, Messico e Afghanistan, l’Olanda è prima in Europa. Si stima che nel 2015 fossero 250 milioni i consumatori di droga nel mondo, un mercato di proporzioni enormi, e che circa 29 milioni siano classificabili come veri e propri tossicodipendenti. Le morti annuali causate dalla droga sono circa 200.000, questa cifra esclude i morti per alcool che sono circa 3 milioni.

Si tratta di cifre enormi, che vanno oltre le morti causate da disastri naturali, pandemie e guerre. Il fenomeno non è arginabile con il semplice contrasto poliziesco, pur necessario. È indispensabile far sì che la domanda si riduca fino idealmente a sparire. Solo lavorando in direzione di questa utopia si arriverà a una soluzione del problema. Ovviamente bisogno cominciare dai giovani, per impedire che comincino a drogarsi in primo luogo.

“Un Mondo Libero dalla Droga” è un’associazione internazionale che si batte per ottenere una società nel quale la droga e l’alcool non costituiscano più una piaga sociale. I volontari dell’associazione credono che un giovane informato sui pericoli degli stupefacenti possa decidere, pensando con la propria testa, di stare alla larga da qualsiasi ambiente dove si faccia uso di droga o se ne promuova l’uso. Un giovane informato si rifiuterà anche di assumere gli psicofarmaci, in quanto sarà al corrente che si tratta di droghe, altrettanto dannose come quelle spacciate in strada.

Le attività di “Un Mondo Libero dalla Droga” consistono nell’andare nelle scuole e raccontare ai ragazzi la verità sulla droga: lezioni di due ore che includono video, dati scientifici, dati statistici e testimonianze. Un ragazzo informato sulla droga molto difficilmente ne diverrà schiavo. Anche da adulto, si rifiuterà di diventare un tossicodipendente di sostanze legali o illegali.

La Chiesa di Scientology sostiene la campagna di “Un Mondo libero dalla Droga” fin dalla sua fondazione: la lotta all’abuso di sostanze stupefacenti è una delle principali campagne sociali della Chiesa. Il fondatore di Scientology, L. Ron Hubbard, ha affermato: “L'arma più efficace nella guerra contro la droga è l'educazione.”

Scientology | Droga | Un mondo libero dalla droga | L Ron Hubbard | oregon | depenalizzazione | droghe pesanti | eroina | cocaina | metamfetamine | LSD |



Commenta l'articolo

 

Potrebbe anche interessarti

26 giugno 2020 - Giornata mondiale contro il consumo e il traffico illecito di droga


La verità sulla DROGA


Frabemar: trasporto marittimo ancora fondamentale nello scambio tra culture


Porto di Civitavecchia: Forte incremento dei traffici


No alla droga libera: Scientology informa i cittadini di Pisa sui rischi degli stupefacenti


Sophos acquisisce Braintrace per potenziare il proprio ecosistema di sicurezza informatica adattiva con la tecnologia Network Detection and Response sviluppata dall’azienda di cybersecurity statunitense


 

Se ritieni meritevole il nostro lavoro fai una donazione


Recenti

Stesso autore

La campagna della Via della Felicità arriva a Scandicci

La campagna della Via della Felicità arriva a Scandicci
I volontari dell’associazione “La Via della Felicità” hanno distribuito opuscoli contenenti 21 precetti non religiosi utili a migliorare la propria vita e quella degli altri Lo scorso giovedì 22 luglio 2021 a Scandicci i volontari della campagna “La Via della Felicità” hanno distribuito alla cittadinanza centinaia di opuscoli. “La Via della Felicità” è un’associazione internazionale che ha come scopo la diffusione e la distribuzione del libretto omonimo, attiva in oltre 170 nazioni. Oltre alla distribuzione del libretto, i volontari si impegnano in attività di (continua)

Il litorale pisano abbraccia la campagna La Verità sulla Droga

Il litorale pisano abbraccia la campagna La Verità sulla Droga
Domenica 8 agosto 2021 i volontari dell’associazione “Mondo Libero dalla Droga” della Toscana faranno visita agli stabilimenti balneari della costa Toscana settentrionale per informare i turisti sui pericoli delle sostanze stupefacenti. La droga non va in vacanza, e chi ne abusa continua a cercarla anche durante il soggiorno nelle località balneari. Gli spacciatori lo sanno, e durante l’estate si spostano sulla costa per rifornire i vacanzieri che cercano lo “sballo” a tutti i costi o che altrimenti andrebbero in crisi di astinenza. Per arginare questo problema è necessario non solo contrastarlo con un’efficace azione delle (continua)

Al bagno “Il Faro” di Castiglione della Pescaia calcetto e prevenzione sulla droga

Al bagno “Il Faro” di Castiglione della Pescaia calcetto e prevenzione sulla droga
I volontari dell’associazione “Un Mondo Libero dalla Droga” parteciperanno a un torneo di calcetto organizzato dal bagno “Il Faro” e distribuiranno opuscoli di prevenzione sulla droga ai giovani e ai bagnanti. Il prossimo sabato 31 luglio 2021 è in programma allo stabilimento balneare “Il Faro” di Castiglione della Pescaia una importante iniziativa che riguarda sia lo sport che la prevenzione sulla droga. Il gestore del bagno Alessio Milani ha voluto questa iniziativa per sensibilizzare giovani e bagnanti al problema della tossicodipendenza. Il torneo di calcetto, che vedrà squadre provenire da v (continua)

Non solo il Dr House abusa di farmaci

Non solo il Dr House abusa di farmaci
I medici e gli infermieri sono a contatto quotidiano con farmaci che sono sostanze stupefacenti; alcuni di loro approfittano della loro posizione per abusarne, o per rivenderli. Chi si fa visitare da un medico confida in una diagnosi onesta e in una prescrizione di farmaci appropriata. E se invece il medico preparasse false prescrizioni con il nome del paziente per procurarsi i farmaci di cui abusa? E se stesse rubando morfina dalla flebo di un familiare sottoposto a cure palliative? La maggior parte delle persone rimane scioccata nell'apprendere che i propri medici (continua)

Le metanfetamine si cucinano nei laboratori clandestini

Le metanfetamine si cucinano nei laboratori clandestini
In Europa e in America esistono innumerevoli laboratori clandestini dove con relativa semplicità si possono produrre droghe devastanti: le metanfetamine. La grande diffusione delle metanfetamine non si limita ai tossicodipendenti sdentati che si incontrano per strada. Nei sobborghi delle città americane tali droghe si consumano anche nelle normali abitazioni, al posto della cocaina. Il recente aumento dei sequestri di metanfetamina, in particolare negli Stati Uniti del sud, ha rivelato enorme afflusso di droga dal Messico, al posto della polve (continua)